home search menu
Stato di diritto e stato d'emergenza in Francia
Osservatorio internazionale / Europa
Stato di diritto e stato d'emergenza in Francia
di Guglielmo Taffini
LLM EU and international Law
Il rapporto di Amnesty International

All’inizio di febbraio, Amnesty International ha pubblicato un rapporto sulle conseguenze della proclamazione dello stato d’emergenza in Francia.

Nel rapporto si legge che da quando è stato proclamato lo stato d’emergenza sono state condotte 3210 perquisizioni, oltre 400 persone sono state sottoposte a misure limitative della libertà personale, e 12 luoghi di culto sono stati chiusi.

Nel rapporto, Amnesty fa luce sull’applicazione discriminatoria e sproporzionata di tali misure. Infatti, a fronte di questa azione a 360° della polizia francese, è seguito un solo procedimento per reati di terrorismo.

Le modalità di azione della polizia francese appaiono quindi non solo sproporzionate, ma altresì non determinate da veri indizi, ma da meri sospetti privi di alcuna base probatoria.

Illuminante è il caso di Marc che abita in Picardia, nel nord della Francia. La polizia, presentandosi a casa sua, ha iniziato a percuotere la porta. Avendo paura che si trattasse di un attacco islamofobo, Marco con la moglie ed il loro bambino si sono rifugiati in bagno. Di seguito la polizia ha forzato la porta d’ingresso, e poi quella del bagno dove Marc si era rifugiato con la famiglia. Entrati in bagno gli agenti di polizia hanno colpito Marc al volto e arrestato sia lui che la moglie. A tale azione della polizia non è seguito alcun procedimento penale.

Secondo l’ordinamento penale francese, la perquisizione presso un domicilio deve essere autorizzata dall’autorità giudiziaria. Tuttavia, sotto lo stato d’emergenza è il prefetto l’autorità competente ad autorizzarle ogniqualvolta “il existe des raisons sérieuses de penser que ce lieu est fréquenté par une personne dont le comportement constitue une menace pour la sécurité et l'ordre publics” (trad. “esistono delle serie ragioni per ritenere che tale luogo è frequentato da un individuo la cui condotta costituisce una minaccia per la sicurezza e l’ordine pubblico”).

Ebbene, si comprende facilmente come una siffatta clausola generale, renda di fatto possibile per la polizia effettuare perquisizioni presso luoghi di privata dimora al di fuori delle garanzie dello stato di diritto. Il rapporto spiega come gli ordini di perquisizione dei prefetti siano sempre estremamente vaghi, e si limitino a riportare la formula seguita dall’indicazione del sospetto che nel luogo oggetto di perquisizione vi è la possibilità che si nascondano armi o persone costituenti una minaccia per la sicurezza e l’ordine pubblico.

E’ evidente come lo stato d’emergenza abbia già spazzato via molti diritti fondamentali, come quello dell’inviolabilità del domicilio, della libertà personale e della libertà religiosa, solo per menzionarne alcuni.

Con la proclamazione dello stato d’emergenza, la Francia ha confermato la sua natura di “democrazia militante”, ove tutte le garanzie ed i diritti possono essere sospesi ogni volta che “il existe des raisons sérieuses (…) lesquelles constitue une menace pour la sécurité et l'ordre publics”.

La conseguenza è uno stato di diritto ed una costituzione sospese, in nome della sicurezza e dell’emergenza terrorismo.

Tutti i francesi in particolare, ed in generale tutti noi europei, in questo momento più che mai dovremmo riflettere sulla natura delle nostre democrazie, sull’evoluzione dello stato di diritto europeo, e soprattutto sul bilanciamento di interessi tra sicurezza (ovvero la protezione dei diritti fondamentali) e libertà fondamentali.

Mentre la complessità delle suddette questioni ne rendono impossibile un’indagine in questo breve scritto, di certo è possibile stimolare il lettore con un interessante spunto di riflessione, per cui è utile prendere in prestito alcune parole da Thomas Jefferson, che diceva:

“Coloro che sono disposti a rinunciare alle libertà fondamentali per un briciolo di sicurezza momentanea, non meritano né le libertà né la sicurezza”. 

Il rapporto si può leggere qui: http://www.amnesty.fr/etat-urgence 

 

25 marzo 2016
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Appunti per una relazione sul terrorismo di destra *
di Giovanni Salvi
Esauritosi il conflitto tra scelte ideologiche totalizzanti, caratterizzante la guerra fredda, il collante delle destre radicali diviene l’identità etnico-nazionale. Le destre radicali europee guardano quindi all’esperienza statunitense del suprematismo bianco e del super-nazionalismo. Nel mutuarne alcune opzioni organizzative, come la leaderless resistance, il riferimento al nazi-fascismo resta nei simboli e soprattutto nell’originario richiamo al rapporto tra suolo e cultura. Un ruolo fondamentale svolge il web, il cui uso è direttamente collegato alle modifiche di strategia politica. Deve di conseguenza cambiare anche l’approccio investigativo, basata su di una approfondita conoscenza delle nuove realtà.
27 aprile 2018
La violazione dell’art. 2 della Cedu con riferimento all’utilizzo permissivo della forza pubblica, quando da essa sia derivata la morte come conseguenza non intenzionale
Auto-addestramento con finalità di terrorismo
Auto-addestramento con finalità di terrorismo
di Federico Piccichè
Nota a Cass. Pen., Sez. V, Sent. 19 luglio 2016 (dep. 9 febbraio 2017), n. 6061, Pres. Fumo, Rel. Micheli
23 maggio 2017
Coscienza costituzionale, garantismo e strategia dei diritti 
nella modernità del pensiero di Adolfo Gatti
Coscienza costituzionale, garantismo e strategia dei diritti nella modernità del pensiero di Adolfo Gatti
di Antonio Gialanella
Riflessioni sul libro “Scritti dell’avvocato Adolfo Gatti”, a cura di Giovanna Corrias Lucente. Prefazioni di Paola Severino e Giovanna Corrias Lucente (Aracne editrice)
8 aprile 2017
In ricordo di Emilio Alessandrini e Guido Galli
In ricordo di Emilio Alessandrini e Guido Galli
di Edmondo Bruti Liberati
Milano, 29 gennaio 1979. Prima Linea uccide il giudice Emilio Alessandrini con otto colpi di pistola. Poco più di un anno dopo, il 19 marzo del 1980, dopo una lezione all'Università di Milano, ancora un commando di Prima Linea uccide il giudice Guido Galli. Oggi, a trentasette anni da quell'omicidio, pubblichiamo un ricordo dei due giudici, intervenuti entrambi, sotto profili diversi, nelle indagini sulla strage di Piazza Fontana*
19 marzo 2017
Contre l'état d'urgence, un saggio di Paul Cassia
Contre l'état d'urgence, un saggio di Paul Cassia
di Alberto Perduca
A quattordici mesi dalla tragica sera degli attentati di Parigi, lo stato di emergenza resta in vigore, e lo rimarrà fino al 15 luglio 2017. In forza delle quattro proroghe che l’Assemblea nazionale ha deciso con leggi approvate a larghissima maggioranza
4 febbraio 2017
La revoca dell’immunità giurisdizionale agli Stati sponsor del terrorismoAnother brick off the wall?
La revoca dell’immunità giurisdizionale agli Stati sponsor del terrorismo
Another brick off the wall?
di Nicola Colacino
Nonostante le forti perplessità suscitate, il Justice Against Sponsor of Terrorism Act presenta più di un aspetto meritevole di considerazione
18 gennaio 2017
Il 2016 di Questione Giustizia
Associazione terroristica e suoi requisiti
Associazione terroristica e suoi requisiti
di Federico Piccichè
Nota a Cass. Pen., Sez. V, Sent. 14 luglio 2016 (dep. 14 novembre 2016), n. 48001, Pres. Lapalorcia, Rel. Zaza
30 novembre 2016
Uno sguardo comparatistico sul bilanciamento tra libertà delle comunicazioni ed esigenze della sicurezza nazionale ed internazionale
Newsletter


Fascicolo 2/2018
L’ospite straniero.
La protezione internazionale
nel sistema multilivello di tutela
dei diritti fondamentali
Osservatorio internazionale
Gli accordi con la Libia e la lotta ai trafficanti*
di Lucia Tria
Le raccapriccianti violenze e le spaventose violazioni dei diritti umani che si consumano nelle prigioni libiche per migranti non si possono più ignorare. Si tratta di fenomeni che hanno origini lontane e che sono stati favoriti dagli errori commessi dall’Ue nell’affrontare il tema dell’immigrazione. Ridefinire il Sistema comune di asilo europeo, con riguardo sia all’ingresso che al soggiorno dei migranti, sembra, ormai, scelta non più differibile anche se non è chiara la direzione delle attuali iniziative delle istituzioni Ue
11 giugno 2018
CEDU, pillole di marzo
CEDU, pillole di marzo
di Alice Pisapia
Le più interessanti pronunce della Corte Edu emesse a marzo 2018
25 maggio 2018
Israeliani e palestinesi: dalla repressione all’apartheid?
Israeliani e palestinesi: dalla repressione all’apartheid?
di Nello Rossi
Il drammatico e infinito conflitto tra israeliani e palestinesi è caratterizzato da una costante: l’oppressione e la repressione dello Stato di Israele nei confronti del popolo palestinese. Ma, accanto a questa tragica “costante”, che ha avuto un nuovo picco nei massacri di questi mesi, si sta verificando un fatto nuovo e diverso, e cioè la creazione di due diritti differenti per i due popoli che vivono in quell’area del mondo? Si è di fronte alla istituzionalizzazione, a danno dei palestinesi, di un vero e proprio regime di apartheid, bollato come un crimine dalle Convenzioni internazionali? L’articolo tenta di rispondere a questo interrogativo attraverso l’analisi dei molteplici comportamenti vessatori e discriminatori posti in essere dalle autorità israeliane e della “mens rea” del crimine di apartheid alla luce del diritto internazionale.
23 maggio 2018
CGUE, pillole di marzo
CGUE, pillole di marzo
di Alice Pisapia
Le più interessanti pronunce della Corte del Lussemburgo emesse a marzo 2018
18 maggio 2018
La Dichiarazione di Copenaghen sull’avvenire della Corte Edu
La Dichiarazione di Copenaghen sull’avvenire della Corte Edu
di Emma Rizzato
Gli Stati membri del Consiglio d’Europa hanno discusso, sotto la presidenza danese, del futuro del sistema convenzionale e formulato raccomandazioni con l'obiettivo di garantire maggiore qualità e efficienza ai meccanismi nazionali di protezione dei diritti umani e all'azione della Cedu
14 maggio 2018
Divieto di discriminazione religiosa sul lavoro e organizzazioni religiose
Divieto di discriminazione religiosa sul lavoro e organizzazioni religiose
di Nicola Colaianni
La Corte di giustizia si occupa per la prima volta dell’art. 4, par. 2, della direttiva 2000/78/CE sui limiti dell’esenzione delle organizzazioni di tendenza religiosa dal divieto di discriminazioni di carattere religioso in materia di lavoro. A fronte di un ordinamento come quello tedesco, che ha dato attuazione piuttosto blanda alla direttiva favorendo ampiamente l’autonomia confessionale e limitando conseguentemente il controllo giurisdizionale alla mera plausibilità del provvedimento confessionale, Corte giust. 17 aprile 2018, causa C-414/16 opta per l’interpretazione rigorosa del carattere essenziale, legittimo e giustificato del nesso tra mansioni del lavoratore e attività dell’ente, da accompagnare con l’applicazione del principio di proporzionalità (dalla stessa direttiva non richiamato espressamente). Il riconoscimento di una cognizione piena ed esauriente da parte del giudice consente una valutazione oggettiva, e non spiritualistica, del rapporto tra lavoro e tendenza in direzione di una tutela più efficace dei cittadini da discriminazioni di carattere religioso.
3 maggio 2018