home search menu
Tra Europa e Italia. Le sentenze europee che stanno cambiando il diritto penale
Magistratura e società
Tra Europa e Italia. Le sentenze europee che stanno cambiando il diritto penale
di Cataldo Intrieri
Avvocato del Foro di Roma

“Tra Europa e Italia. Le sentenze europee che stanno cambiando il diritto penale” è il titolo del convegno organizzato dalla Camera Penale e dal Lapec di Roma presso l'auditorium della Cassa Forense (Via E.Q.Visconti 8) nella giornata del 4 Marzo.

Una strutturazione particolare del programma incentrato su 5 mini-forum di cui quattro dedicato ad alcune delle più importanti e significative pronunce delle corti europee e l'ultima ad una riflessione sul futuro delle istituzioni sovranazionali.

Va detto subito che l'ambizione dell'iniziativa non è quella di riproporre delle più o meno dotte relazioni quanto di promuovere una serie di discussioni che muovendo dall'esame delle sentenze più significative degli ultimi anni siano utili ad illustrare l'attuale rapporto tra le diverse giurisdizioni con particolare attenzione alla giurisdizione interna. Soprattutto sui delicati (fragili?) equilibri tra il giudice delle leggi e quello di legittimità.

Ciò che è successo nell'ultimo anno con l'avvicendarsi di tre pronunce del calibro della sentenza 49/15 della Corte costituzionale (26 Marzo 2015) la sentenza CEDU Contrada (14 aprile 2015 Causa Contrada c. Italia, Ricorso n. 66655/13) e la ormai celeberrima Taricco, (Corte di Giustizia dell’Unione Europea, Grande Sezione T 8 settembre 2015) con la relativa “propaggine” interna (Cass III sent. 15 settembre 2015 n. 2210) assomiglia da vicino ad una rivoluzione che rischia di travolgere assetti consolidati.

Volendo concederci una qualche irriverenza ci si potrebbe chiedere (ed è quesito che si porrà nel convegno) se quella tradizionale distinzione tra le supreme giurisdizioni possa reggere di fronte all'urto delle “invasioni europee” (non a caso titolo della sessione dedicata alla sentenza Taricco).

Una rapida sequenza contrassegnata anche dai duri colpi di una vivace dialettica “istituzionale” (si pensi alla replica alla Varvara operata dalla Consulta) in cui ad oggi l'ultimo stimolante (discutibile?) capitolo sembra essere il protocollo tra CEDU e Suprema Corte firmato a Strasburgo il 14 Dicembre 2015 “che impegna le due Istituzioni a creare reciproci organismi di dialogo per l’attuazione dei principi della Convenzione EDU e per consentire ai giudici nazionali di avere una piena consapevolezza e conoscenza del loro contenuto”. Su di esso molto si è diffuso il neo presidente Giovanni Canzio quasi come un manifesto programmatico.

Lo scopo, secondo il primo presidente, che interverrà al convegno è "soddisfare un’esigenza rilevante per i giudici italiani, visto che i rapporti fra il sistema interno e la CEDU sono prevalentemente affidati all’interpretazione che la Corte costituzionale e gli stessi giudici nazionali offrono del quadro normativo interessato".

In tale ottica lo strumento individuato è una sorta di circuito virtuoso “tra la Corte EDU, la Corte di cassazione e il Consiglio di Stato francesi, per la creazione di una piattaforma virtuale con accesso diretto, riservato alle Corti Supreme, che consentirà, da un lato, ai giudici delle Corti nazionali di conoscere in tempo reale la giurisprudenza europea, e, al contempo, alla Corte EDU di ottenere notizie circa la legislazione e la giurisprudenza delle Corti stesse, relativamente alle questioni all’esame della Grande Camera".

In un tale quadro “futuribile” di una Unione Europea giurisprudenziale sorprende l'assenza della Consulta e forse non è estranea la crisi di un ruolo al nervoso intervento contrassegnato dalla sentenza 49/15 con l'orgoglioso richiamo ad un'autonomia (e dignità) interpretativa del giudice nazionale.

In questo quadro l'avvocatura vede addensarsi le nubi di enormi interrogativi: quale ruolo nella ragnatela di un fitto dialogo tra le corti connesse in un circuito sovranazionale, quale capacità concreta di incidere?

Non potrà certo un singolo convegno rispondere a tutto ma intanto come Camera Penale come Lapec dare vita ad una riflessione, quanto più libera e stimolante sul presente per immaginare il futuro del diritto penale.

 

IL PROGRAMMA

Iscrizione obbligatoria: cpr.lapec.roma2016@gmail.com

 

14 febbraio 2016
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
CEDU, pillole di gennaio
CEDU, pillole di gennaio
di Alice Pisapia
Le più interessanti pronunce della Corte Edu emesse a gennaio 2017: Principio di non discriminazione, diritto alle visite coniugali per i detenuti in custodia cautelare (Romania); Diritto alla libertà di espressione, proporzionalità della sanzione (Grecia)
24 marzo 2017
Violenze in danno di soggetti vulnerabili, tra obblighi (secondari) di protezione e divieto di discriminazione di genere. Corte Edu, 2 marzo 2017, Talpis c. Italia, ric. n. 41237/14 (non definitiva)
Violenze in danno di soggetti vulnerabili, tra obblighi (secondari) di protezione e divieto di discriminazione di genere. Corte Edu, 2 marzo 2017, Talpis c. Italia, ric. n. 41237/14 (non definitiva)
di Roberto Conti
La condanna dell’Italia interpella i temi del rapporto degli individui, vulnerabili e non, con lo Stato e dell’affidamento riposto nelle forze dell’ordine e nella magistratura affinché alcuni beni primari e, fra tutti, la vita e l’integrità fisica, siano protetti in modo efficace, adeguato e proporzionato da rischi che possono stimarsi come immediati e ragionevolmente prevedibili. Il fascio di questioni che la pronunzia – resa anche sotto il profilo della discriminazione per ragioni di sesso – solleva, apre nuovi orizzonti su cui l’Autore compie una prima disamina
23 marzo 2017
Il velo delle donne musulmane tra libertà di religione e libertà d'impresa
Il velo delle donne musulmane tra libertà di religione e libertà d'impresa
di Nicola Colaianni
Prime osservazioni alla sentenza della Corte di giustizia sul divieto di indossare il velo sul luogo di lavoro
21 marzo 2017
CGUE, pillole di gennaio
CGUE, pillole di gennaio
di Alice Pisapia
Le decisioni più rilevanti della Corte: responsabilità extracontrattuale dell'Ue per violazione della Carta (Germania); riconoscimento ed esecuzione della pena - requisito della doppia incriminabilità (Repubblica Ceca); asilo - condanna penale per partecipazione a gruppo terroristico (Belgio)
15 marzo 2017
Prime riflessioni sulla sentenza della Corte Edu De Tommaso c. Italia
Prime riflessioni sulla sentenza della Corte Edu De Tommaso c. Italia
di Francesco Menditto
Una sentenza che deve costituire un’occasione di “crescita” complessiva in una materia in evoluzione e non di demonizzazione delle misure personali o di arroccamento
3 marzo 2017
Breve vademecum per il rinvio pregiudiziale davanti alla CGUE
Breve vademecum per il rinvio pregiudiziale davanti alla CGUE
di Doriana Vecchio
Sintesi delle raccomandazioni della Corte per la presentazione delle domande di pronuncia
3 febbraio 2017
La Corte Costituzionale sceglie il rinvio pregiudiziale sul “caso Taricco”
CEDU, pillole di dicembre
CEDU, pillole di dicembre
di Alice Pisapia
I casi affrontati dalla Corte: migranti, privazione della libertà e trattamenti disumani (Italia), diritto alla vita (Russia), diritto a un equo processo (Spagna)
26 gennaio 2017
CGUE, pillole di dicembre
CGUE, pillole di dicembre
di Alice Pisapia
Le decisioni più rilevanti della Corte: appalti (Italia), tutela dati personali (Svezia), libera circolazione delle persone – diritti dei lavoratori, libera circolazione delle persone – vantaggi sociali (Lussemburgo)
24 gennaio 2017
La “cultura” della giurisdizione
La “cultura” della giurisdizione
di Michele Passione
Nuove considerazioni in materia di libri e 41 bis
20 gennaio 2017
Newsletter


Fascicolo 4/2016
NUMERO MONOGRAFICO
Il giudice e la legge
Magistratura e società
In ricordo di Sergio Mattone
In ricordo di Sergio Mattone
di Rita Sanlorenzo
In occasione del convegno «La tutela effettiva dei diritti nel giusto processo» dedicato alla memoria di Sergio Mattone, pubblichiamo un suo articolo comparso sul n. 6 del 2006 di Questione Giustizia. Gli anni trascorsi da quello scritto non ne appannano la lucidità di visione e il coraggio delle proposte
29 marzo 2017
In ricordo di Emilio Alessandrini e Guido Galli
In ricordo di Emilio Alessandrini e Guido Galli
di Edmondo Bruti Liberati
Milano, 29 gennaio 1979. Prima Linea uccide il giudice Emilio Alessandrini con otto colpi di pistola. Poco più di un anno dopo, il 19 marzo del 1980, dopo una lezione all'Università di Milano, ancora un commando di Prima Linea uccide il giudice Guido Galli. Oggi, a trentasette anni da quell'omicidio, pubblichiamo un ricordo dei due giudici, intervenuti entrambi, sotto profili diversi, nelle indagini sulla strage di Piazza Fontana*
19 marzo 2017
Manchester by the sea
Manchester by the sea
di Isabella Mariani
La recensione al film di Kenneth Lonergan, vincitore di due premi Oscar: miglior sceneggiatura originale, miglior attore protagonista per Casey Affleck
18 marzo 2017
Apologia del garantismo
Apologia del garantismo
di Francesco De Nino
Recensione a “Il paradigma garantista. Filosofia e critica del diritto penale” di Luigi Ferrajoli, a cura di Dario Ippolito e Simone Spina (Editoriale Scientifica, 2016 - Seconda edizione ampliata)
11 marzo 2017
8 marzo. Diritto d'aborto, diritto negato
8 marzo. Diritto d'aborto, diritto negato
di Magistratura democratica
Nella Giornata internazionale della donna, una riflessione sullo stato d’attuazione della legge 194
8 marzo 2017
L'insostenibile pesantezza dell'inquisitorio
L'insostenibile pesantezza dell'inquisitorio
di Luca Semeraro
Recensione al volume “Processo mediatico e processo penale. Per un'analisi critica dei casi più discussi. Da Cogne a Garlasco” a cura di Carlotta Conti (Giuffrè Editore, 2016)
4 marzo 2017