home search menu
“Tra legislazione e giurisdizione: nuove prospettive del diritto penale”
Magistratura e società
“Tra legislazione e giurisdizione: nuove prospettive del diritto penale”
La presentazione e il programma del quarto convegno annuale del Lapec (Roma, 20-21 aprile 2018)

L’annuale convegno del Lapec di Roma giunto alla quarta edizione, dopo quelle dedicate al processo, al diritto penale europeo, al canone scientifico affronta, in collaborazione con il dipartimento di scienze giuridiche ed il dottorato di diritto pubblico della Sapienza di Roma, con il contributo dell’editore Giuffrè, il tema cruciale dei rapporti tra legislazione e giurisdizione. È un tema eminentemente “politico” perché affronta un momento di forte cambiamento e molte incertezze.

Il ruolo della giurisdizione sta lentamente erodendo antiche certezze fino a sfiorare lo stesso principio della riserva di legge.

Il cambiamento investe la società civile ed investe la comunità dei giuristi. Molti hanno espresso forti timori di frammentazione delle fonti e dei principi comuni che reggono gli ordinamenti, la confusione tra poteri dello Stato con un indebito straripamento dell’interprete delle leggi sul produttore delle leggi

C’è chi, viceversa, intravede nello sviluppo della giurisdizione l’occasione di apportare maggiore democrazia e qualità alle regole del diritto e della procedura

Il decadimento della tecnica legislativa richiede nuove fonti di produzione delle norme adeguate e che siano rispettose dei principi costituzionali e di partecipazione democratica

Da qui l’individuazione di sei argomenti di discussione in cui sono divise le sei sessioni.

Si comincerà con l’evoluzione del concetto di associazione mafiosa intorno al quale stentano ad affermarsi criteri di sufficiente certezza e tassatività.

Saranno oggetto degli altri segmenti il ruolo di linee guida e protocolli nella Legislazione e nella giurisprudenza, la nuova legge sulle intercettazioni con i gravi problemi connessi, il rapporto tra giurisdizione europea e Legislazione interna alla luce delle pronunce più recenti come quella della Corte di giustizia europea nel caso Taricco.

La giornata conclusiva verterà infine su temi di stretta attualità come l’equilibrio tra diritto di informazione, segreto d’indagine e diritto di difesa alla luce di normative e prassi particolari come quelle sugli agenti provocatori ed il cd Whistleblowing.

Si conclude con una riflessione sul garantismo oggi, se mai tale termine abbia ancora senso e quale sia il suo futuro nella società percorsa dalle spinte populiste.

Il convegno di studi avrà luogo presso l’Aula Calasso della facoltà di Giurisprudenza della Sapienza nei giorni del 20-21 aprile prossimo.

Iscrizione obbligatoria su:

https://lapecroma.wordpress.com

Il programma completo

25 marzo 2018
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Newsletter


Fascicolo 2/2018
L’ospite straniero.
La protezione internazionale
nel sistema multilivello di tutela
dei diritti fondamentali
Magistratura e società
Regole e principi per un buon giornalismo non per un giornalismo buono: la nuova edizione delle Linee guida della Carta di Roma
Regole e principi per un buon giornalismo non per un giornalismo buono: la nuova edizione delle Linee guida della Carta di Roma
di Paola Barretta
L’Associazione Carta di Roma è stata fondata nel dicembre 2011 per dare attuazione al protocollo deontologico per una informazione corretta sui temi dell’immigrazione, siglato dal Consiglio nazionale dell’Ordine dei giornalisti (CNOG) e dalla Federazione nazionale della stampa italiana (FNSI) nel giugno del 2008
15 ottobre 2018
Diritti, identità, culture (tra alti e bassi giurisprudenziali)*
di Nicola Colaianni
Nella società delle grandi migrazioni il principio della legge uguale per tutti subisce l’assalto di nuove culture e di pretesi diritti culturali differenziati. La fallacia di questa interpretazione alla luce del dettato costituzionale non di rado, tuttavia, viene fondata su un inesistente obbligo di adesione ai “valori occidentali”. Viceversa il rispetto del diritto all’identità cultural-religiosa consente una interpretazione del diritto positivo in modo accogliente le altre culture, fino a che queste non contrastino con i diritti fondamentali: un uso interculturale del diritto
24 settembre 2018
Messa alla prova, quasi un romanzo di formazione
Messa alla prova, quasi un romanzo di formazione
di Andrea Natale
Ennio Tomaselli, per anni magistrato a Torino soprattutto in ambito minorile, è autore di numerose pubblicazioni, tra cui Giustizia e ingiustizia minorile. Tra profonde certezze e ragionevoli dubbi (FrancoAngeli, 2015). Messa alla prova (Manni editore, 2018) è il suo primo romanzo che, non per caso, ruota (anche, ma non solo) attorno al mondo della giustizia minorile. I personaggi: un cancelliere di tribunale, un giudice minorile e un ragazzo con alle spalle un’adozione fallita. Li accomuna un desiderio insoddisfatto di giustizia
22 settembre 2018
Pier Amato Perretta. Una vita per la libertà
Pier Amato Perretta. Una vita per la libertà
di Giuseppe Calzati
Un magistrato impegnato nell’associazionismo delle origini, che previde la deriva autoritaria del fascismo e che ad esso si oppose fino alla scelta di abbandonare l’ordine giudiziario e fino al sacrificio della vita durante la Resistenza
14 settembre 2018
Il giudice dei diritti
Il giudice dei diritti
di Marco Del Gaudio
La legittimazione autonoma della giurisdizione è un dato necessario che deriva dal suo ruolo di controllo sull’esercizio illegale del potere, a prescindere dalla “quantità di volontà popolare” che ha contribuito a legittimare quel potere di Governo. Nessun consenso rende lecito un atto di Governo contrario alle regole, ed è essenziale che la violazione sia accertata, riconosciuta e stigmatizzata in sede giurisdizionale. A maggior ragione nessun consenso, per quanto maggioritario o pressoché unanime, potrebbe rendere lecito un comportamento previsto dalla legge come reato
14 settembre 2018
Il Forteto, storia, poco nota, di una comunità maltrattante
Il Forteto, storia, poco nota, di una comunità maltrattante
di Vittorio Borraccetti
Nella comunità del Forteto, in territorio toscano, molte persone affidate per ragioni di cura e sostegno sono state maltrattate e abusate per decenni. La lettura delle sentenze del processo conclusosi da poco in Cassazione, e anche di precedenti decisioni giudiziarie, ha fatto emergere non solo i fatti delittuosi ma anche i comportamenti negligenti se non corrivi di chi doveva vigilare
11 settembre 2018