home search menu
“Tra legislazione e giurisdizione: nuove prospettive del diritto penale”
Magistratura e società
“Tra legislazione e giurisdizione: nuove prospettive del diritto penale”
La presentazione e il programma del quarto convegno annuale del Lapec (Roma, 20-21 aprile 2018)

L’annuale convegno del Lapec di Roma giunto alla quarta edizione, dopo quelle dedicate al processo, al diritto penale europeo, al canone scientifico affronta, in collaborazione con il dipartimento di scienze giuridiche ed il dottorato di diritto pubblico della Sapienza di Roma, con il contributo dell’editore Giuffrè, il tema cruciale dei rapporti tra legislazione e giurisdizione. È un tema eminentemente “politico” perché affronta un momento di forte cambiamento e molte incertezze.

Il ruolo della giurisdizione sta lentamente erodendo antiche certezze fino a sfiorare lo stesso principio della riserva di legge.

Il cambiamento investe la società civile ed investe la comunità dei giuristi. Molti hanno espresso forti timori di frammentazione delle fonti e dei principi comuni che reggono gli ordinamenti, la confusione tra poteri dello Stato con un indebito straripamento dell’interprete delle leggi sul produttore delle leggi

C’è chi, viceversa, intravede nello sviluppo della giurisdizione l’occasione di apportare maggiore democrazia e qualità alle regole del diritto e della procedura

Il decadimento della tecnica legislativa richiede nuove fonti di produzione delle norme adeguate e che siano rispettose dei principi costituzionali e di partecipazione democratica

Da qui l’individuazione di sei argomenti di discussione in cui sono divise le sei sessioni.

Si comincerà con l’evoluzione del concetto di associazione mafiosa intorno al quale stentano ad affermarsi criteri di sufficiente certezza e tassatività.

Saranno oggetto degli altri segmenti il ruolo di linee guida e protocolli nella Legislazione e nella giurisprudenza, la nuova legge sulle intercettazioni con i gravi problemi connessi, il rapporto tra giurisdizione europea e Legislazione interna alla luce delle pronunce più recenti come quella della Corte di giustizia europea nel caso Taricco.

La giornata conclusiva verterà infine su temi di stretta attualità come l’equilibrio tra diritto di informazione, segreto d’indagine e diritto di difesa alla luce di normative e prassi particolari come quelle sugli agenti provocatori ed il cd Whistleblowing.

Si conclude con una riflessione sul garantismo oggi, se mai tale termine abbia ancora senso e quale sia il suo futuro nella società percorsa dalle spinte populiste.

Il convegno di studi avrà luogo presso l’Aula Calasso della facoltà di Giurisprudenza della Sapienza nei giorni del 20-21 aprile prossimo.

Iscrizione obbligatoria su:

https://lapecroma.wordpress.com

Il programma completo

25 marzo 2018
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Newsletter


Fascicolo 2/2018
L’ospite straniero.
La protezione internazionale
nel sistema multilivello di tutela
dei diritti fondamentali
Magistratura e società
La richiedente
La richiedente
Smain Laacher è un componente laico (assesseur) della Cnda (Cour national du droit d’asile) francese, che ha raccolto in un saggio (Croire à l’incroyable, Gallimard, 2018) le sue riflessioni a partire dall'esperienza pluriennale nella Corte che giudica sui ricorsi dei richiedenti asilo
20 giugno 2018
Lelio Basso e la giustizia*
di Riccardo De Vito
Ricordare oggi Lelio Basso significa prendere atto che il suo pensiero è tutt’ora un progetto
7 giugno 2018
Dogman, una scellerata storia di periferia
Dogman, una scellerata storia di periferia
di Patrizia Rautiis
Matteo Garrone, ispirato dalla vicenda romana del Canaro, torna con la sua macchina da presa sul litorale campano per tratteggiare un universo di violenza e degrado in cui Bene e Male finiscono per mescolarsi, perdendo i propri confini
2 giugno 2018
La casa sul mare, un film di Robert Guédiguian
La casa sul mare, un film di Robert Guédiguian
di Patrizia Papa
Il regista francese ci regala una storia di straordinaria bellezza, raccontata con delicatezza e asciuttezza. Un'opera in cui la trama si dipana perché ciascun personaggio possa riappropriarsi della sua storia e della vita. Mentre il treno sullo sfondo continuamente va e poi ritorna. Perché la vita non può fermarsi
26 maggio 2018
Dialogare con il pensiero di Stefano Rodotà*
di Mariarosaria Guglielmi
Dialogare con il pensiero di Stefano Rodotà è un dovere intellettuale ed anche un dovere di non rassegnazione, è un impegno per la difesa e per l’affermazione dei diritti, è un impegno per rivendicare una politica che deve renderli possibili
22 maggio 2018
Gorgona e altre isole-carcere. Soprattutto una lettura di Salvati con nome
Gorgona e altre isole-carcere. Soprattutto una lettura di Salvati con nome
di Fabio Gianfilippi
Il libro, tessuto con sensibilità da Silvia Buzzelli e Marco Verdone, è una narrazione a molte voci. Vi si racconta la specialità del progetto rieducativo che si è a lungo condotto nell'isola del Mar Ligure e che, anche se l’attualità sembra segnare tristi arretramenti, merita invece di essere proseguito e replicato altrove. Se il reato è nel suo fondo cecità all’altro e ai suoi bisogni, la pena deve avere l’obiettivo primario di condurre la persona condannata a scoprire il valore del diverso da sé
28 aprile 2018