home search menu
“Tra legislazione e giurisdizione: nuove prospettive del diritto penale”
Magistratura e società
“Tra legislazione e giurisdizione: nuove prospettive del diritto penale”
La presentazione e il programma del quarto convegno annuale del Lapec (Roma, 20-21 aprile 2018)

L’annuale convegno del Lapec di Roma giunto alla quarta edizione, dopo quelle dedicate al processo, al diritto penale europeo, al canone scientifico affronta, in collaborazione con il dipartimento di scienze giuridiche ed il dottorato di diritto pubblico della Sapienza di Roma, con il contributo dell’editore Giuffrè, il tema cruciale dei rapporti tra legislazione e giurisdizione. È un tema eminentemente “politico” perché affronta un momento di forte cambiamento e molte incertezze.

Il ruolo della giurisdizione sta lentamente erodendo antiche certezze fino a sfiorare lo stesso principio della riserva di legge.

Il cambiamento investe la società civile ed investe la comunità dei giuristi. Molti hanno espresso forti timori di frammentazione delle fonti e dei principi comuni che reggono gli ordinamenti, la confusione tra poteri dello Stato con un indebito straripamento dell’interprete delle leggi sul produttore delle leggi

C’è chi, viceversa, intravede nello sviluppo della giurisdizione l’occasione di apportare maggiore democrazia e qualità alle regole del diritto e della procedura

Il decadimento della tecnica legislativa richiede nuove fonti di produzione delle norme adeguate e che siano rispettose dei principi costituzionali e di partecipazione democratica

Da qui l’individuazione di sei argomenti di discussione in cui sono divise le sei sessioni.

Si comincerà con l’evoluzione del concetto di associazione mafiosa intorno al quale stentano ad affermarsi criteri di sufficiente certezza e tassatività.

Saranno oggetto degli altri segmenti il ruolo di linee guida e protocolli nella Legislazione e nella giurisprudenza, la nuova legge sulle intercettazioni con i gravi problemi connessi, il rapporto tra giurisdizione europea e Legislazione interna alla luce delle pronunce più recenti come quella della Corte di giustizia europea nel caso Taricco.

La giornata conclusiva verterà infine su temi di stretta attualità come l’equilibrio tra diritto di informazione, segreto d’indagine e diritto di difesa alla luce di normative e prassi particolari come quelle sugli agenti provocatori ed il cd Whistleblowing.

Si conclude con una riflessione sul garantismo oggi, se mai tale termine abbia ancora senso e quale sia il suo futuro nella società percorsa dalle spinte populiste.

Il convegno di studi avrà luogo presso l’Aula Calasso della facoltà di Giurisprudenza della Sapienza nei giorni del 20-21 aprile prossimo.

Iscrizione obbligatoria su:

https://lapecroma.wordpress.com

Il programma completo

25 marzo 2018
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Newsletter


Fascicolo 2/2018
L’ospite straniero.
La protezione internazionale
nel sistema multilivello di tutela
dei diritti fondamentali
Magistratura e società
Il problema costituzionale dell’attuazione dei diritti sociali (con particolare riguardo al diritto all’abitazione)*
di Francesco Pallante
La possibile soluzione capace di garantire il rispetto delle priorità costituzionali di spesa potrebbe essere quella di configurare vincoli, costituzionalmente giustiziabili, non di ma al bilancio, vale a dire in favore della destinazione di risorse certe all’attuazione del contenuto minimo dei diritti
27 luglio 2018
Per la chiarezza di idee sul problema flussi migratori*
di Andrea Proto Pisani* e Giuliana Civinini**
Le grandi migrazioni determinate dalla guerra e dalla fame sono un fenomeno che interesserà tutta la nostra epoca e oltre. Per affrontarle ci vogliono chiarezza e umanità. Prioritario appare garantire l’asilo a chi ne ha diritto, riaprire i canali di migrazione regolare, evitare politiche che possono danneggiare i già precari Stati africani
26 luglio 2018
Ninna nanna per un bambino siriano, ghanese oppure marziano *
Salvini come Eichmann?*
di Alessandro Simoni
Il contratto di Governo e le esternazioni del ministro dell'Interno sembrano voler riproporre, a dieci anni esatti dall'”emergenza nomadi”, una presunzione di pericolosità su base etnica basata su grossolani stereotipi, ora riproposti anche in forme “eleganti” ammantate di “realismo” e “oggettività”. Per non farsi disorientare dal restyling di vecchie banalità, è importante aver presenti i termini effettivi del problema e gli antefatti storici
6 luglio 2018
Quando Machiavelli cantò il Magnificat ai magistrati*
di Tommaso Greco
Il diritto e la giustizia affondano le loro radici nella sofferenza degli ultimi e nella possibilità di un loro riscatto. Ce lo ricorda, forse inaspettatamente, Niccolò Machiavelli in un suo discorso pressoché dimenticato, nel quale egli, rivolgendosi ai magistrati, riprende spunti classici e religiosi
3 luglio 2018
L’asilo come diritto, un momento di riflessione sul tema dell'inclusione
L’asilo come diritto, un momento di riflessione sul tema dell'inclusione
di Carlo Sorgi
Il volume curato da Marco Omizzolo rappresenta uno dei primi tentativi seri di sistematizzare l’esperienza di un venticinquennio di accoglienza dei migranti in Italia, evidenziando l’esigenza di trasformare la migrazione da fenomeno emergenziale a progetto per la crescita e lo sviluppo economico e culturale del Paese
30 giugno 2018