home search menu
<i>Under</i>. Giovani, mafie e periferie in un lavoro collettivo
Magistratura e società
Under. Giovani, mafie e periferie in un lavoro collettivo
di Ennio Tomaselli
magistrato in pensione, già procuratore della Repubblica presso il Tribunale per i minorenni di Torino
Il dossier dell'associazione antimafie daSud è uno strumento di analisi e documentazione che ha il merito di sottolineare con forza temi che costituiscono un tutt’uno problematico ma anche uno stimolo straordinario. Sono i giovani − molti minori − i protagonisti, spesso cresciuti all'ombra dei clan e in contesti devianti; ma lo sono anche la passione e la voglia di riscatto di quanti, nelle istituzioni e fuori, tentano di restituire dignità e speranza a “periferie” troppo spesso dimenticate dalla politica.
<i>Under</i>. Giovani, mafie e periferie in un lavoro collettivo
Under è un lavoro coordinato dai giornalisti Danilo Chirico e Marco Carta. È stato pubblicato da Giulio Perrone Editore (2017)

1. Leggere Under, come mi è capitato, nel periodo a cavallo delle recentissime elezioni politiche mi ha prodotto un effetto particolare, in prima battuta quasi straniante: i discorsi e le promesse elettorali che rimbombavano sui media ossessivamente, quasi che quella fosse l’unica realtà, stridevano acutamente con le voci che uscivano dalle pagine del libro, piene di problemi, storie e immagini di un’Italia drammaticamente più vera, piuttosto diversa dai bilanci del “già fatto” e alquanto lontana dagli obiettivi scanditi come prioritari nei programmi sul “da farsi”.

Un caleidoscopio di umanità, in queste pagine: un’Italia autentica che si dispiega da Roma in giù con paesaggi tanto vari (e belli) geograficamente quanto simili nell’impatto con situazioni di grave disagio socio-economico, talvolta autentico degrado, delinquenza anche minorile, criminalità e malaffare. Ma accomunati anche da testimonianze di impegno, dignità civile, passione educativa. Insomma: un’Italia spesso in grande e diffusa sofferenza ma anche ricca di risorse umane e culturali su cui far leva per un cambiamento.

L’Italia, però, per cambiare ha bisogno − ci dice questo libro − anche di un’invasione.

2. Già nella premessa, infatti, i co-autori e coordinatori Danilo Chirico e Marco Carta, giornalisti impegnati con rigore e vigore professionale, non potrebbero essere più chiari.

A fronte di un quadro che spesso è drammatico per la presenza di un tessuto sociale talvolta ridotto autenticamente a brandelli e l’assenza di diritti non solo astratti, essi, con tutte le altre persone coinvolte nella realizzazione del dossier (che conta una quindicina di contributi  essenzialmente di giornalisti, scrittori e ricercatori  che riguardano il Lazio, la Campania, la Puglia, la Calabria e la Sicilia, coprono molte aree problematiche e si avvalgono di interviste, analisi di statistiche, etc…), sono andati «alla ricerca di nuove parole e idee. Alcune le abbiamo trovate. E dopo questo viaggio lungo dodici mesi siamo sempre più convinti che serve un’invasione della politica, per cambiarne linguaggio, priorità e modalità».

In effetti la realtà delle situazioni descritte è spesso spietata e il quadro delle risposte politiche appare, in generale, desolato e desolante nella sua inefficacia.

Tutto ciò è particolarmente deprimente dal momento che il focus del discorso riguarda, in generale, i giovani, ma è centrato soprattutto sui minori. Vittime, ma talvolta carnefici essi stessi, nelle storie di criminalità organizzata; ma ancor prima vittime, in generale, di assenze, di inefficienze politiche e culturali o, tout court, di mancanza di educazione e di occasioni di crescita positiva o, semplicemente, “normale”.

La coralità dell’opera si articola, come già accennato, in molte voci. Tante che qui è davvero impossibile elencarle tutte, sì che, esemplificativamente e per dare un’idea della ricchezza di spunti offerta dal testo, ci si limita a citare le parti relative alle diverse geografie criminali, ai cd. baby-criminali, alla scuola, alle risposte giudiziarie penali e, significativamente, anche civili (v. l’intervista al presidente del Tribunale per i minorenni di Reggio Calabria sui minori allontanati da famiglie di ‘ndrangheta, anche con la collaborazione delle madri), alla realtà campana e napoletana (quella, a livello di rappresentazioni letterarie e filmiche, di Gomorra e della Paranza dei bambini) ma anche pugliese e siciliana, toccando pure i temi del caporalato, dei baby-scafisti, dei film in materia, del teatro, dei social media e video giochi.

Tanto, tantissimo. Si sarebbe perfino tentati di dire troppo (concentrato nelle circa 260 pagine del testo), se non si cogliessero lo spirito di ampia testimonianza e documentazione di questo libro e il suo dichiarato obiettivo di «promuovere una discussione pubblica il più possibile larga».

Il filo conduttore, una sorta di cantus firmus su cui si radicano testimonianze, narrazioni e interviste, è sempre, comunque, ben presente ed è costituito dal riuscito mix di tutto ciò che è documentazione e di quanto rappresenta, come vedremo, la concretezza e l’umanità/disumanità delle storie, singole e collettive, delle persone, negli ambienti, spesso degradati, in cui vivono o hanno vissuto.

 

 

3. I dati documentano, regione per regione, la realtà del disagio e dell’abbandono scolastico e l’obiettività dei reati più spesso ascritti ai ragazzi nati in quelle terre o che, comunque, vivono in esse. Anche loro malgrado, quando si sentono chiusi in quell’orizzonte perché protagonisti di percorsi migratori diversamente direzionati (centro e nord Europa).

Essi riguardano i ragazzi in rapporto alla scuola, ai centri di prima accoglienza, agli istituti penali minorili, ai servizi sociali ministeriali, alle comunità di accoglienza pubbliche e private. I dati, si dice di solito, “parlano” in modo indiscutibile e fotografano in modo oggettivo; ma rispetto a problematiche come queste devono, per parlare e significare davvero, essere continuamente accostati, risultandone “vivificati”, alle storie e alle testimonianze con cui si intrecciano.

Perché, se è vero che una costante è l’alto numero di reati per ragazzi che sono ancora, quasi, bambini, numero legato all’aumento della dispersione scolastica, è altrettanto vero che occorre calarsi in quei vicoli, in quei sentieri, in mezzo a quei campi e vicino a quelle spiagge per poter comprendere davvero. Ad esempio quello che dice una collaboratrice di giustizia durante un interrogatorio: «Che questo sia mafia me lo dite voi». Perché lì quella è la normalità, non c’è altro.

Il divario con il Nord − dove, pure, non mancano certo situazioni di “periferia” − riguarda soprattutto i servizi: ad esempio, in Calabria 81 comuni su 83 non hanno servizi sociali (v. quanto riferito nell’intervista a Danilo Chirico dal magistrato Francesco Cascini, allora a capo del Dipartimento ministeriale per la giustizia minorile). Problemi, quindi, per gli interventi nel processo penale minorile [1] ma anche per i progetti educativi con le scuole, che, dal canto loro, molto spesso non offrono servizi di mensa e tempo pieno.

Carenze/assenze anche per quanto riguarda gli educatori di strada, i consultori familiari, gli sportelli per il sostegno alla genitorialità o, semplicemente, gli spazi polifunzionali che possano costituire centri di aggregazione, in alternativa alle case e ai vicoli dove bambini delle elementari confezionano bustine di droga per “passare il tempo” e “sostenere la famiglia”.

E così veniamo, appunto, ai bambini, che poi diventano ragazzi e subito dopo, magari, boss.

La storia di un boss di camorra che muore a 19 anni è anche la storia di un ragazzo e delle sue lettere di ringraziamento agli educatori prima di uscire dal carcere, dei biglietti per loro con gli auguri di Natale, mandati tra una “stesa” e l’altra, della sua quotidianità, tra lusso e violenza, apparentemente senza tentennamenti nelle scelte criminali. Ma è anche la storia del busto del giovane eretto dai suoi parenti nell’ingresso dello stabile di abitazione, singolare contrappunto ai palloncini azzurri appesi nello stesso luogo per la nascita del figlio, che porterà lo stesso nome di battesimo del padre premorto.

Poi c’è la storia delle madri che dicono di non volere che i figli prendano “una brutta strada” tra i vicoli del rione Sanità di Napoli, ma che poi, quando hanno bisogno, chiedono i soldi ai figli pusher; di quelle che vanno a supplicare i boss del quartiere perché “assumano” i loro figli e li mettano in prova magari facendo le vedette; ma anche, per contrasto, di quelle madri che in Calabria hanno iniziato a collaborare chiedendo ai servizi sociali o al Tribunale per i minorenni una diversa collocazione per i loro figli onde sottrarli a un destino di violenza, odio e vendette.

Un’altra narrazione riguarda i baby-scafisti (il titolo del brano dedicato a loro reca un amaro Capitani coraggiosi). Quasi “fotografati” nella loro “impresa” al timone di barchette fatiscenti che dovrebbero attraversare, se non vi affondano, il Mediterraneo. Messi, o finiti, lì nelle situazioni più varie e difficili da distinguere e giudicare penalmente, anche in rapporto alla struttura e alla gravità dei reati: a caso o perché non possono pagarsi il viaggio o perché si sono offerti loro di farlo, etc… Figli di pescatori egiziani, ma anche ragazzi provenienti da terre africane desertiche. Non pochi, comunque (al 23 gennaio 2017 erano 88 quelli in carico ai servizi della giustizia minorile).

In questo panorama così aspro, Under segnala, comunque, i possibili percorsi di risalita e di riscatto.

Dal buio del malaffare le pagine del dossier fanno intravvedere anche i “punti luce” di Save the Children e dei suoi progetti: non solo più in terre lontane, ma anche nelle periferie di tutta Italia, con punti di aggregazione e di sostegno allo studio e alla genitorialità.

In ambito scolastico (una scuola alle prese anche con gli adempimenti “burocratici” e le lentezze della progettazione per bandi, della presa in carico dei problemi a livello ministeriale, etc…) sarebbe importante riuscire a far sviluppare il germoglio della “pedagogia del desiderio” (che ci rimanda a Paulo Freire nelle periferie brasiliane), dei maestri di strada di associazioni “storiche” o di quanti si inventano momenti di aggregazione qualificata per sottrarre i giovani delle periferie alle sirene della criminalità. Una scuola che riesca a diventare anche laboratorio di diritti di cittadinanza.

Quanto agli apparati giudiziari, da un lato lo scritto di Carmen Vogani (una carrellata trasversale rispetto ai luoghi e ai tempi, indietro fino agli anni’80) ammonisce sul fatto che può esistere un legame consolidato tra i giovani e le mafie anche quando le statistiche non sono in grado di coglierlo e sulla necessità di una grande alleanza in cui tutti (politica e imprenditoria, operatori sociali e magistrati, scuola e associazioni) facciano la propria parte, perché «non possiamo sbagliare un’altra volta»; dall’altro, i progressi già compiuti con gli strumenti forniti dal processo penale minorile entrato in vigore nel 1989, le sinergie fra autorità giudiziarie minorili e ordinarie (non solo a fini penali: si pensi alla collaborazione degli uffici giudiziari minorili di Reggio Calabria con la Dda al fine dell’individuazione delle famiglie più a rischio anche per i minori componenti di esse) e il valore aggiunto di una specializzazione non a rischio di separatezza sono tutti fronti (a giudizio di chi scrive) da ampliare e consolidare.

Solo così si potranno affrontare in modo sempre più efficace e credibile le sfide indicate da chi ha curato il dossier in recensione e, in generale, quelle poste da una realtà sempre più complessa. Complessità che è reale, al di là di enfatizzazioni mediatiche e problemi impostati schematicamente (v. i ricorrenti “ritorni di fiamma” sul tema dell’imputabilità, che in ambito minorile è cruciale e andrebbe affrontato senza strumentalizzazioni, con organicità e coerenza).

4. Avviandomi alla conclusione, aggiungo che la lettura di questo libro mi è parsa stimolante anche in rapporto alle iniziative “di primavera” di Libera [2] e, in generale, che questo testo si segnala per tutti gli educatori, di scuola e non, e per tutti gli adulti  genitori e non, addetti ai lavori e non − che vogliano ampliare la conoscenza di quanto è alla base dei tanti problemi sopra ricordati o, semplicemente, credere con Platone (opportunamente citato da Francesco Cascini) che tutti gli adulti sono “comunità educante” e tutti, senza distinzione, responsabili delle speranze di positiva realizzazione dei giovani della propria comunità. Insomma, e non solo per Platone, la giustizia giusta può esistere solo in un Paese giusto.

*La foto di copertina è tratta dal reportage Cemento di Pierpaolo Lo Giudice, un progetto fotografico che, insieme al cortometraggio di Alessandro Mastrantonio, completano il dossier Under.  



[1] Il processo penale è stato al centro del congresso del 2017 dell’Associazione italiana dei magistrati per i minorenni e la famiglia, che si è svolto a Catanzaro sul tema “Prevenire ed educare. Due orizzonti che si incontrano per una giustizia a misura di minore”.

[2] Come sempre, Libera organizza per il 21 marzo una giornata di mobilitazione e testimonianza. La manifestazione principale si terrà, quest’anno, a Foggia.

10 marzo 2018
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Misure di prevenzione personali e presunzione semplice di attualità della pericolosità sociale nei confronti di condannati per mafia
Misure di prevenzione personali e presunzione semplice di attualità della pericolosità sociale nei confronti di condannati per mafia
di Roberto Le Pera
Nota a margine del decreto emesso, ai sensi dell’articolo 11 del d.lgs 159/2001, dal Tribunale di Cosenza, sezione Misure di prevenzione, n. 618/17 RPCC, depositato il 15 febbraio 2018. Prime applicazioni di merito dei principi enunciati dalla suprema Corte a Sezioni unite con la pronuncia n. 111/2018: «A fronte di misure di prevenzione richieste o applicate nei confronti di indiziati di appartenere ad associazioni di tipo mafioso è necessario accertare il requisito dell’attualità della pericolosità del soggetto per l’applicazione o il mantenimento della misura, senza che sia possibile una presunzione di pericolosità legata alla passata partecipazione ad un gruppo associativo suscettibile di essere vinta solo in caso di dimostrazione di un formale recesso dal gruppo medesimo»
13 marzo 2018
Cyberbullismo: famiglia, scuola e servizi dopo la legge 71 del 2017
Cyberbullismo: famiglia, scuola e servizi dopo la legge 71 del 2017
di Maria Pia Fontana
L’articolo illustra le principali novità della legge 71/2017 evidenziando le premesse ideali e le finalità educative della norma che mira a mettere a sistema una rete protettiva e responsabilizzante in grado di prevenire e recuperare le degenerazioni di un uso scorretto di Internet mentre si assiste ad un sensibile incremento di manifestazioni di prevaricazione e abuso agite attraverso il web e che vedono protagonisti adolescenti.
20 dicembre 2017
Linee guida psicoforensi e ascolto dei minori presunte vittime di abuso sessuale o violenza
Linee guida psicoforensi e ascolto dei minori presunte vittime di abuso sessuale o violenza
di Maria Grazia Calzolari
La comunità scientifica ha elaborato − e aggiorna costantemente − delle linee guida per l'ascolto dei minori presunte vittime di abuso sessuale a violenza, ma accade che nei procedimenti giudiziari non se ne tenga conto o che vengano violate. Con quali conseguenze?
18 dicembre 2017
L’affidamento del minore e la continuità affettiva: rivisitazione dell’adozione mite e nuove prospettive in tema di adozione
L’affidamento del minore e la continuità affettiva: rivisitazione dell’adozione mite e nuove prospettive in tema di adozione
di Valeria Montaruli
Pubblichiamo la relazione in tema di affidamento del minore tenuta a Catania il 13 giugno 2017
6 ottobre 2017
Il Consiglio superiore della magistratura, la discrezionalità ed il criterio attitudinale della specializzazione nelle funzioni per la selezione dei dirigenti degli uffici minorili
Il Consiglio superiore della magistratura, la discrezionalità ed il criterio attitudinale della specializzazione nelle funzioni per la selezione dei dirigenti degli uffici minorili
di Ezia Maccora
Il potere di scelta dei dirigenti degli uffici giudiziari appartiene alla discrezionalità del Consiglio superiore della magistratura che la attua attraverso una motivata comparazione tra le esperienze professionali dei magistrati–candidati nel rispetto della normativa secondaria. Per gli uffici specializzati la scelta non può essere in danno al corretto peso da attribuire alla valenza attitudinale costituita dalla pregressa esperienza nel settore specifico dell’ufficio da conferire
11 settembre 2017
La Cedu chiede all’Italia la soppressione del Tribunale per i minorenni? Anche no…
La rilevanza penale dei fumetti pedopornografici
La rilevanza penale dei fumetti pedopornografici
di Federico Piccichè
Nota a Cass. Pen., Sez. III, Sent. 13 gennaio 2017 (dep. 9 maggio 2017), n. 22265, Pres. Fiale, Rel. Rosi
13 luglio 2017
L’interesse del minore. Il cuore delle motivazioni della recente giurisprudenza del Tribunale per i minorenni di Reggio Calabria
L’interesse del minore. Il cuore delle motivazioni della recente giurisprudenza del Tribunale per i minorenni di Reggio Calabria
di Gaia Vannoni
Il principio del best interests of the child viene esaminato attraverso la giurisprudenza del Tribunale per i minorenni di Reggio Calabria, nel contesto di minori appartenenti a famiglie legate alla criminalità organizzata. In un’intervista al Presidente del tribunale vengono affrontate le problematiche relative a casi particolari alla luce dei principi del nostro ordinamento e della Convenzione di New York (1989) sui diritti del fanciullo
13 febbraio 2017
Perché fu ucciso un magistrato?
Perché fu ucciso un magistrato?
di Paola Perrone
La recensione a Tutti i nemici del Procuratore. L'omicidio di Bruno Caccia di Paola Bellone (Laterza, 2017). Un libro che restituisce il ritratto del giudice Caccia, identifica i nemici che ne vollero la morte e lancia un'accusa al mondo della magistratura
28 gennaio 2017
“La paranza dei bambini”
La Google Generation di Gomorra
“La paranza dei bambini”
La Google Generation di Gomorra
di Marcello Ravveduto
L’universo simbolico di Saviano prende forma con le parole dei suoi personaggi. Un universo condiviso con il pubblico delle sue opere, costituito da giovani e appassionati spettatori di crime-fiction e mafia-movies, videogiochi strategici e letteratura noir. La Napoli di Saviano è claustrofobica. L’Italia è una terra straniera, odiata, che cattura e snatura i “fratelli” più deboli, incapaci di farsi spazio nel magma della metropoli
14 gennaio 2017
Newsletter


Fascicolo 2/2018
L’ospite straniero.
La protezione internazionale
nel sistema multilivello di tutela
dei diritti fondamentali
Magistratura e società
Lelio Basso e la giustizia*
di Riccardo De Vito
Ricordare oggi Lelio Basso significa prendere atto che il suo pensiero è tutt’ora un progetto
7 giugno 2018
Dogman, una scellerata storia di periferia
Dogman, una scellerata storia di periferia
di Patrizia Rautiis
Matteo Garrone, ispirato dalla vicenda romana del Canaro, torna con la sua macchina da presa sul litorale campano per tratteggiare un universo di violenza e degrado in cui Bene e Male finiscono per mescolarsi, perdendo i propri confini.
2 giugno 2018
La casa sul mare, un film di Robert Guédiguian
La casa sul mare, un film di Robert Guédiguian
di Patrizia Papa
Il regista francese ci regala una storia di straordinaria bellezza, raccontata con delicatezza e asciuttezza. Un'opera in cui la trama si dipana perché ciascun personaggio possa riappropriarsi della sua storia e della vita. Mentre il treno sullo sfondo continuamente va e poi ritorna. Perché la vita non può fermarsi
26 maggio 2018
Dialogare con il pensiero di Stefano Rodotà*
di Mariarosaria Guglielmi
Dialogare con il pensiero di Stefano Rodotà è un dovere intellettuale ed anche un dovere di non rassegnazione, è un impegno per la difesa e per l’affermazione dei diritti, è un impegno per rivendicare una politica che deve renderli possibili
22 maggio 2018
Gorgona e altre isole-carcere. Soprattutto una lettura di Salvati con nome
Gorgona e altre isole-carcere. Soprattutto una lettura di Salvati con nome
di Fabio Gianfilippi
Il libro, tessuto con sensibilità da Silvia Buzzelli e Marco Verdone, è una narrazione a molte voci. Vi si racconta la specialità del progetto rieducativo che si è a lungo condotto nell'isola del Mar Ligure e che, anche se l’attualità sembra segnare tristi arretramenti, merita invece di essere proseguito e replicato altrove. Se il reato è nel suo fondo cecità all’altro e ai suoi bisogni, la pena deve avere l’obiettivo primario di condurre la persona condannata a scoprire il valore del diverso da sé.
28 aprile 2018
La miccia della liberazione*
La miccia della liberazione*
di Raniero La Valle
La giustizia e la pace sono le due grandi conquiste della lotta di Liberazione su cui è stato costruito poi l’intero edificio della nostra Costituzione. Esse non erano però solo delle stazioni di partenza ideali, ma traguardi reali da raggiungere, erano la costituzione materiale da attuare e non solo per noi, ma per tutti. Infatti sono beni comuni universali, e proprio qui, nel Mediterraneo, la giustizia e la pace hanno avuto la loro culla.
27 aprile 2018