home search menu
Newsletter QG

Informativa ai sensi del D.lgs. 30/06/2003 n.196

In conformità alle disposizioni previste dal del D.lgs. 30/06/2003 n.196 sulla tutela dei dati personali, QUESTIONE GIUSTIZIA informa che:

  • i dati personali che i lettori vorranno liberamente comunicarci compilando il modulo di iscrizione alla newsletter verranno registrati su supporti elettronici protetti e trattati in via del tutto riservata da QUESTIONE GIUSTIZIA esclusivamente per l'invio della newsletter;
  • i suddetti dati non saranno ceduti o divulgati a terzi ovvero utilizzati per fornire altri servizi, se non per eventuale ed esplicita autorizzazione dell'utente iscritto.

In caso di richiesta di disattivazione e cancellazione dell'iscrizione al Servizio di Newsletter, che l'utente potrà effettuare al ricevimento di ogni Newsletter (con clic al link in fondo al testo), i dati dell'utente non saranno conservati.

All'utente iscritto sono comunque attribuiti i diritti di cui all'art. 13 del D.lgs. 30/06/2003 n.196.

Secondo quanto previsto dall'art. 13 della legge, in qualsiasi momento ed in modo del tutto gratuito, l'utente iscritto potrà consultare, integrare, far modificare o cancellare i propri dati, od opporsi in tutto o in parte al loro utilizzo, inviandone comunicazione a QUESTIONE GIUSTIZIA, titolare del trattamento.

Per esercitare tali diritti, scrivere a QUESTIONE GIUSTIZIA, c/o Associazione Nazionale Magistrati, Palazzo di Giustizia, Piazza Cavour 00193 Roma, all'attenzione del Responsabile del trattamento dei dati, domiciliato per la carica presso la sede di QUESTIONE GIUSTIZIA, e-mail redazione@questionegiustizia.it.

Copertina
Fascicolo 3/2016
La giustizia tributaria
La riforma della magistratura onoraria
PILLOLE DI CEDU
Caso Avotinis c. Lettonia
La Grande Camera della Corte Edu respinge il ricorso presentato da un cittadino lettone per violazione dell’art. 6, par. 1 CEDU, nell’ambito di un giudizio di riconoscimento ed esecuzione di una sentenza straniera disciplinato dal diritto dell’Unione europea
PILLOLE DI CGUE
Sentenze di novembre
Le decisioni più rilevanti della Corte: esecuzione della pena (Bulgaria), tutela della natura e della fauna selvatica (Grecia), responsabilità extracontrattuale dello Stato (Belgio), parità di trattamento in materia di occupazione e lavoro (Irlanda), discriminazione in ragione dell'età (Olanda)