Rivista trimestrale
Fascicolo 4/2015
Obiettivo 1. Il valore del dissenso

Magistratura democratica e la tutela del dissenso. Cronache di un’esperienza

di Giovanni Palombarini e Gianfranco Viglietta

In questo contributo, gli Autori ripercorrono l’esperienza di Magistratura democratica e ricordano come – tra i suoi elementi fondativi – vi sia stata la scelta di campo in favore di un garantismo di impronta liberaldemocratica e una caparbia attenzione alla tutela della manifestazione del pensiero.

Da qui – in un affresco di quella difficile stagione – gli Autori muovono per ricordare le nette prese di posizione di Magistratura democratica contro alcune iniziative giudiziarie che comprimevano tale libertà, l’impegno di Magistratura democratica per l’abrogazione dei reati di opinione e il prezzo che i suoi aderenti dovettero pagare.

Gli Autori concludono il loro contributo registrando – come un dato di fatto – il diverso atteggiamento che Magistratura democratica ha recentemente assunto in relazione a procedimenti penali scaturiti a seguito della manifestazione di un pensiero.

Capita spesso agli anziani che hanno percorso un’intera vita professionale in Magistratura democratica, ad interrogarsi (e ad essere interrogati) sui risultati del loro impegno: cosa abbiamo costruito, cosa resta delle nostre battaglie, cosa resta di decenni tumultuosi della democrazia italiana vissuti con un impegno inconsueto in un ordinamento all’epoca dei nostri esordi largamente burocratico?

Alcune risposte sono abbastanza condivise. L’indipendenza reale della magistratura rispetto al potere esecutivo, raggiunta attraverso la demolizione dell’ordinamento giudiziario e delle norme processuali ereditate dal fascismo è oggi un valore condiviso. L’ancoraggio ai principi fondamentali della Costituzione repubblicana e il programma emancipatore dell’art.3 capoverso della Costituzione come motore di eguaglianza fondamentale per il raggiungimento dell’uguaglianza sostanziale dei cittadini, saldato con gli altri principi costituzionali del diritto al lavoro e della retribuzione sufficiente, per molti anni nella giurisprudenza dei giudici del lavoro hanno prodotto rilevanti risultati, anche se oggi è in corso un radicale mutamento degli orientamenti politici e del quadro normativo in materia.

La giurisdizione civile ha raggiunto spesso risultati impensabili solo qualche decennio fa in materie come la procreazione assistita o la eliminazione delle discriminazioni di genere o il fine vita e la tutela della volontà del defunto, precedentemente espressa o ricostruita successivamente al decesso, sconfiggendo una forte incrostazione clericale sopravvissuta nella giurisprudenza e nella cultura giuridica.

Ma non è di questo, e dei contraccolpi della riorganizzazione normativa secondo i principi neoliberisti e del loro impatto sulla giurisdizione che possiamo occuparci. Il discorso sarebbe eccessivamente complesso e articolato.

1. Contro l’ideologia della neutralità

Vogliamo ricordare un altro dei motivi ispiratori dell’azione di Magistratura democratica agli inizi, proseguita per molti decenni. Quello del garantismo di impronta liberaldemocratica trasfusa in Costituzione nelle libertà di manifestazione del pensiero, di riunione, di associazione.

È la coesistenza dell’impegno per la trasformazione democratica della società in senso egualitario, e quindi della giurisdizione come fattore di eguaglianza, e di quello di garanzia dei diritti individuali, delle libertà democratiche e del pluralismo, che ha costituito la garanzia dell’autonomia della corrente, che si proclamava autonoma articolazione della sinistra in quanto partecipe del progetto di emancipazione enunciato nella Costituzione, ma non poteva accettare i dogmi del primato della politica, la sottovalutazione delle libertà individuali e la pretesa egemonica del Partito comunista protrattasi fino a tutti gli anni settanta.

Tutto questo, questo duplice impegno, è maturato con particolare intensità, per Md, già alla fine degli anni sessanta. L’approccio di Md alla questione del dissenso ha infatti origini antiche, legate alle ragioni stesse della sua nascita (1964). Ma alla fine di quel decennio Md è stata uno dei protagonisti, in prima fila, delle iniziative per un rinnovamento che le nuove generazioni richiedevano.

Il triennio 1968-70 ha visto la più forte spinta sociale al cambiamento dell’intera storia dell’Italia unitaria, che determinò uno sconvolgimento del quadro politico. Nel 1968 Aldo Moro, a quel tempo ministro degli esteri, intervenendo al consiglio nazionale del suo partito, la Dc, si espresse con queste parole: «Tempi nuovi si annunciano e avanzano in fretta come non mai. Il vorticoso succedersi delle rivendicazioni, la sensazione che storture, ingiustizie, zone d’ombra, condizioni d’insufficiente dignità e d’insufficiente potere non siano oltre tollerabili, l’ampliarsi del quadro delle attese e delle speranze all’intera umanità, la visione del diritto degli altri, anche dei più lontani, da tutelare non meno del proprio, il fatto che i giovani, sentendosi a un punto nodale della storia, non si riconoscano nella società in cui sono e la mettano in crisi, sono tutti segni di grandi cambiamenti e del travaglio doloroso nel quale nasce una nuova umanità».

In questo clima, quel triennio ha visto anche una Magistratura democratica ben presente nel dibattito politico e culturale che si era allora aperto nel Paese. Una presenza che ha avuto un forte risalto mediatico, anche perché per la prima volta un gruppo di magistrati, rompendo l’ideologia della neutralità - un’ideologia del tutto funzionale agli interessi delle classi dominanti - e la tradizionale compattezza corporativa della magistratura, si schierava apertamente con i soggetti di classe protagonisti del conflitto. Lo faceva con la giurisprudenza alternativa, aderente ai valori e alle promesse della Costituzione, e lo faceva con una serie di interventi pubblici, alcuni dei quali in difesa delle libertà garantite dalla carta fondamentale della Repubblica.

È vero che dalla prima metà degli anni ‘60 si è affermata nella cultura giuridica e nella magistratura la consapevolezza dell’importanza della Costituzione come fonte primaria del diritto, immediatamente precettiva. Ma l’ideologia dominante, in magistratura e nella cultura del Paese, era quella della neutralità della giurisdizione, e dell’interpretazione come un procedimento tecnico neutrale: insomma, quella che si definiva appunto come “ideologia della neutralità”. Questa escludeva critiche a sentenze, pronunciamenti collettivi, prese di posizione ed interventi su processi in corso da parte dei magistrati, visti come attentati all’indipendenza dell’ordinamento giudiziario, delle gerarchie e della sacralità delle pronunce della cassazione[1].

2. L’ordine del giorno Tolin

Perciò apparve clamorosa la rottura di tale ideologia con il cosiddetto ordine del giorno Tolin (Bologna, 30 novembre 1969) di aspra critica all’arresto con mandato di cattura del 24 novembre 1969, all’epoca facoltativo, per istigazione continuata a delinquere del direttore del giornale Potere operaio Francesco Tolin, per tre articoli in cui difendeva la «violenza operaia» contro la «violenza capitalista». L’arresto si collocava in una stagione di crescente criminalizzazione ad opera di polizia e magistratura di giornalisti di vario orientamento e di tipografi. Il clima era tale che a Milano e Roma alcuni tipografi arrivano a chiedere il preventivo visto della Questura prima di stampare un manifesto delle organizzazioni, sindacali o politiche, di sinistra (ma anche dei Giovani liberali). Per trovare un precedente di un direttore di giornale arrestato bisognava tornare ai tempi del fascismo. La gravità del fatto fu tale che il comitato di redazione dell’unico telegiornale pubblico allora esistente e più di 60 giornalisti della Rai chiesero l’immediata scarcerazione di Tolin. Nel documento di Md si esprimeva una profonda preoccupazione rispetto a «un disegno sistematico operante con vari strumenti e a vari livelli, teso a impedire a taluni la libertà di opinione».

Dunque l’approccio di Md al dissenso così severamente colpito fu al contempo di segno garantista e libertario. Tali modalità di intervento di Md suscitarono grave scandalo e furono il motivo, e talvolta il pretesto di una scissione di Magistratura democratica.

È stato subito chiaro che non lottavamo per un’indipendenza della magistratura quale privilegio della corporazione, come dimostrava l’iniziativa delle “contro inaugurazioni” dell’anno giudiziario, con aspre critiche ai procuratori generali e la partecipazione di cittadini, esponenti di partiti, sindacati e movimenti, né per un’efficienza fine a sé stessa. Il sistema dei codici penale e di procedura penale era un sistema assolutamente efficiente, ma in senso autoritario e classista. Occorreva garantire contemporaneamente l’indipendenza esterna della magistratura dal potere politico, quella interna dai vertici di un ordinamento autoritario e centralizzato, le libertà individuali e il pluralismo.

La prova, a meno di un anno di distanza, fu l’iniziativa della proposta di referendum popolare abrogativo delle norme penali sui reati politici d’opinione, lanciata nel convegno dell’ Anm svoltosi a Napoli il 24 e 25 ottobre 1970, ma già annunziata in seno all’Anm nella primavera precedente e nel congresso di Trieste del settembre 1970.

3. Il referendum abrogativo dei reati politici di opinione

A tale iniziativa non si pervenne improvvisamente in base ad una valutazione astratta da neutrali cultori del diritto penale, ma sollecitati da una grave emergenza.

Alle agitazioni sindacali del 1969, mediante cortei, marce e manifestazioni di centinaia di migliaia di metalmeccanici, scioperi, picchettaggi, occupazioni di fabbriche, comitati di lotta, si affiancarono le lotte degli studenti, con cortei, occupazioni di scuole o interruzioni di lezioni, per contestare un’organizzazione della scuola ritenuta funzionale al riprodursi del sistema capitalistico. Così la reazione di magistratura e polizia si tradusse in circa 13.000 denunce, che colpirono 737 sindacalisti, 1103 vigili urbani, 2158 operai, 1916 ospedalieri e dipendenti di enti locali, studenti, direttori di giornali.

Quella del referendum non fu la prima opzione coltivata da Md, che caldeggiò la proposta di amnistia lanciata dall’allora segretario del PSI Francesco De Martino[2]. A un’amnistia poi si arrivò (dPR 22 maggio 1970, n. 283), ma di contenuto limitatissimo, riguardante in pratica solo le occupazioni in occasione di manifestazioni studentesche e lievissimi reati comuni. Restava fuori la quasi totalità delle denunce delle manifestazioni sindacali e operaie, se non quando ricorreva l’attenuante del danno di particolare tenuità. La delusione fu grande e spinse Md a coltivare il progetto del primo referendum abrogativo della storia italiana.

Osservava Luigi Ferrajoli, che dette un contributo fondamentale all’elaborazione del testo e della relazione della proposta di referendum abrogativo: «Le norme di cui si chiede la soppressione sono le norme del codice penale che più marcatamente riflettono l’ideologia illiberale e autoritaria del regime fascista a tutela del quale furono introdotte. In forza di queste norme, la cui storia recente è la storia della repressione politica nel nostro Paese, le libertà sancite dalla Costituzione repubblicana sono oggi gravemente in pericolo ….». Ma lo stesso Ferrajoli esprimeva un auspicio e una speranza che dimostrano come l’iniziativa contava ancora sull’apporto determinante dei partiti di sinistra: «Forse non arriveremo neppure alla votazione sul referendum. Forse l’iniziativa, mobilitando la pubblica opinione su temi istituzionali troppo a lungo ignorati, avrà l’effetto di indurre il Governo a riesaminare totalmente il suo limitato progetto di riforma e di sollecitare il Parlamento ad attuare per via legislativa l’abrogazione di tutte le norme contenute nel progetto. Ma una cosa è certa. Da questo momento il dibattito sui reati d’opinione si trasferisce nel Paese; cessa di essere un dibattito tecnico-giuridico e diventa un dibattito politico; esce dalle secche delle discussioni accademiche, dei convegni di studio e delle commissioni parlamentari in cui stagnava da oltre vent’anni e diviene battaglia popolare che impegna la responsabilità di tutte le forze politiche.»[3]

L’inizio sembrò promettente. Infatti dopo l’“autunno caldo” del 1969 tutti i partiti di governo, esclusi socialdemocratici e repubblicani, e i partiti di sinistra avevano presentato in Parlamento disegni di legge per l’abrogazione della maggior parte dei reati politici d’opinione. Esisteva, inoltre un progetto di legge del Governo, sia pure di contenuti limitati. Dunque, l’iniziativa di Md, nonostante il suo radicalismo, non poteva certo esser considerata una provocazione. Il 22 dicembre 1970 si costituì un Comitato nazionale per il referendum abrogativo dei reati politici, d’opinione e sindacali con l’adesione del PSI, PSIUP, Movimento politico dei lavoratori, Partito radicale, Movimento giovanile della DC, organizzazioni sociali, movimenti politici e singole personalità, per la propaganda dell’iniziativa e la raccolta delle firme necessarie. Mancava però l’appoggio del PCI. Mentre le forze maggiori dapprima si defilarono e poi passarono ad un’aperta ostilità, il PCI già dal congresso di Trieste dell’Anm pose la condizione impossibile che il referendum fosse proposto dall’intera Anm, di cui conosceva le posizioni moderate e sostanzialmente conservatrici. Tanto più che quel congresso, sui temi «Uguaglianza dei cittadini e la giustizia» e «Evoluzione democratica e certezza del diritto», si concluse con l’esclusione di Md dalla giunta centrale e l’alleanza tra le correnti conservatrici e genericamente progressiste, per le quali la proposta di referendum era stata considerata quasi una provocazione. Il PCI passò poi ad un’aperta ostilità, con articoli che esprimevano perplessità sull’uso del referendum, fino al divieto di raccogliere firme alle Feste dell’Unità[4].

Certo l’iniziativa era radicale e complessa, come risulta dal lungo elenco di reati da abrogare, ma il segno democratico-costituzionale era chiarissimo, come risulta dalla rubrica dei reati oggetto del referendum[5].

Non si pensi che tali reati, a venticinque anni dall’entrata in vigore dalla Costituzione, e a 15 dall’attuazione della Corte costituzionale, fossero un armamentario desueto: tali norme come diremo tra poco, furono largamente applicate ed alcune lo sono tuttora.

In ogni caso, salvo l’aiuto dato in alcune sedi dal PSIUP, o dai sindacati dei metalmeccanici, ci trovammo da soli a gestire l’impresa disperata di propagandare l’iniziativa, raccogliere, in breve tempo, firme tutte autenticate con l’aiuto di volenterosi cancellieri e qualche raro notaio. A settembre del 1971 Md prese atto del fallimento dell’iniziativa: si erano raccolte 300.000 firme autenticate. Non mancarono critiche anche all’interno del gruppo, per il carattere troppo vasto dell’iniziativa e per l’esito complessivo. Certo, non tutti si mobilitarono al massimo, anche all’interno, come era peraltro scontato in partenza. Ma a nostro avviso, al di là dell’indubbia sensibilizzazione di parte non piccola dell’opinione pubblica sull’assurda persistenza di incriminazioni tipiche dello stato autoritario fascista, il risultato più rilevante fu spingere due o trecento magistrati (su un totale di circa 550 aderenti a Md in quell’epoca) fuori degli uffici per affrontare dibattiti, entrare a contatto con il mondo del lavoro, con gli operai e gli studenti. Insomma a rompere ogni chiusura corporativa.

4. Le conseguenze della mancata abrogazione delle norme previste dalla proposta referendaria

Le norme sui vilipendi sono rimaste immutate con il loro carico sanzionatorio (reclusione fino a tre anni, elevabile a quattro ed oltre per effetto di aggravanti specifiche previste) fino al 24 febbraio 2006, quando per l’impossibilità e l’inopportunità politica di colpire esponenti di spicco e militanti della Lega, allora al Governo, il legislatore ha sostituito le pene con semplici multe[6]. La stessa Corte costituzionale, dopo aver affermato che la libertà di manifestazione del pensiero si estende anche alla propaganda, ha però negato l’illegittimità costituzionale del delitto di vilipendio previsto dall’art. 290 codice penale (ordinanza 26.6.1975, n. 168) implicitamente accogliendo la distinzione tra critica ragionevolmente motivata e affermazioni grossolane di propaganda o dispregio, con la conseguenza che il reato può essere commesso spesso da persone poco acculturate, ignare dell’arte della retorica, della dialettica o della logica formale. Ma al momento giusto anche le persone culturalmente preparate possono essere colpite.

Per tale reato, infatti, furono incriminati Franco Marrone per dichiarazioni rese nel dibattito organizzato il 2 maggio 1970, a Sarzana, sul conflitto sociale e sul processo per la strage di piazza Fontana, avvenuta a Milano il 12 dicembre 1969, e in seguito Luigi De Marco, Marco Ramat, Generoso Petrella e Mario Barone. Il succedersi delle imputazioni dimostrava, con riferimento agli avvenimenti, la gravità dei reati di vilipendio e del loro possibile uso strumentale. In quel dibattito, presieduto da Mario Barone, Franco Marrone tra l’altro criticò la reazione repressiva alle lotte sociali «dei padroni e naturalmente dei magistrati che sono i loro servi», traducendo così in uno slogan l’analisi ormai diffusa concernente la partecipazione di parte della magistratura al blocco di potere dominante e della funzionalità della giustizia al mantenimento dello stesso.

In risposta, all’apertura da parte della procura della Repubblica di La Spezia di un procedimento penale per vilipendio della magistratura, fu indetto in quella città su iniziativa di Md e di altre associazioni un convegno, in occasione del quale circa trecento persone, fra magistrati, docenti e intellettuali, quale segno della volontà di difendere la libertà di manifestazione del pensiero, sottoscrissero un documento di solidarietà che esordiva con l’affermazione che alcuni condividevano e altri no le parole di Marrone, ma se ne assumevano la paternità in difesa della libertà di manifestazione del pensiero.[7] Ne derivò l’estensione dell’imputazione di vilipendio, a mo’ di rappresaglia, dei dirigenti nazionali di Md Luigi De Marco, Marco Ramat, Generoso Petrella, e, con un criterio selettivo a dir poco sorprendente, di Mario Barone, per la ragione che sedeva al tavolo della presidenza del convegno.

Ma le cose peggiorarono ancora quando cominciò a manifestarsi la montatura sulla pista anarchica nel processo Valpreda per la strage di piazza Fontana e le critiche dei gruppi di sinistra crebbero di numero e violenza.

Per vilipendio dell’ordine giudiziario e delle forze armate furono incriminati Umberto Terracini per l’articolo duramente critico, pubblicato su Rinascita il 19 maggio 1972, sulla morte di Franco Serantini ucciso dalle forze di polizia a Pisa, e Luciana Castellina per tre articoli pubblicati su Il Manifesto il 12, 19 e 26 febbraio 1972. Pure si trattava di personaggi di vasta cultura, quanto meno a conoscenza della dialettica hegeliana!

Md prese l’iniziativa della pubblicazione integrale degli articoli incriminati, sotto il titolo «La giustizia vilipesa», con un’aspra nota critica che collegava l’intensificarsi del ricorso ai reati di vilipendio all’intensificarsi della repressione (si discuteva allora nel Governo dell’introduzione del fermo di polizia, misura sempre contrastata da Md), ponendosi a rischio di nuove incriminazioni[8]. Ma quel che è più grave è che in questo contesto si arrivò all’arresto in flagranza durante comizi elettorali, come avvenne al militante dell’Unione dei comunisti italiani (marxisti-leninisti) Vanni Pasca a Reggio Calabria il 5 maggio 1972, condannato poi per direttissima, in stato d’arresto, il 31 maggio 1972 a due anni di reclusione senza condizionale e libertà provvisoria[9].

È impossibile qui seguire le decine di incriminazioni e condanne a carico di esponenti di gruppi antagonistici, principalmente anarchici, e di Lotta continua. Non possiamo che procedere per campione, per mostrare la gravità concreta del ricorso alle incriminazioni contenute nella proposta referendaria.

Altri reati di cui si propose l’applicazione e che trovarono invece larga applicazione sono quelli di istigazione, in particolare l’istigazione di militari a disobbedire alle leggi, che punisce «Chiunque istiga i militari a disobbedire alle leggi o a violare il giuramento dato o i doveri della disciplina militare o altri doveri inerenti al proprio stato, ovvero fa ai militari l’apologia di fatti contrari alle leggi, al giuramento, alla disciplina o ad altri doveri militari». Per il fatto commesso a mezzo stampa la pena é della reclusione da due a cinque anni (salvo una possibile mitigazione introdotta dalla Corte costituzionale nel 1989). Tale norma, di estrema estensione e genericità, fu usata insieme alle norme del codice penale militare di pace (che colpivano i militari in servizio) per stroncare il movimento dei Proletari In Divisa (PID) o altri analoghi, nell’epoca in cui il servizio militare era obbligatorio e non era riconosciuta neppure l’obiezione di coscienza, introdotta con legge 15 dicembre 1972 n. 772. Comunque qualsiasi critica all’organizzazione di reparti, alle modalità del servizio e alla disciplina proveniente da singoli o organizzazioni antimilitariste o semplicemente per la democratizzazione dell’esercito fu duramente repressa.

Il movimento Proletari In Divisa nacque nel 1968, come estensione alla vita militare del movimento. Nelle caserme nacquero le prime forme di lotta, dal rifiuto del rancio alla critica della gerarchia militare, dalla nocività e pericolosità delle condizioni di vita, fino ad analisi più complessive sulla funzione dell’esercito nella società capitalista. Ben presto fu egemonizzato da Lotta continua che pubblicò anche un quindicinale dedicato alle lotte nelle caserme. Centinaia di militari aderenti al movimento furono arrestati nelle caserme e condannati dai Tribunali militari [10]. È impossibile seguire le decine di arresti e sequestri di stampati del movimento. Ci limitiamo al caso più incredibile per gravità.

Nel 1977 il giudice istruttore di Roma Antonio Alibrandi spiccò 89 decreti di perquisizione e mandati di cattura per associazione per delinquere (art. 416 cp) e istigazione di militari a disobbedire alle leggi. Gli arrestati appartenevano a diversi movimenti e partiti: in massima parte a Lotta continua, ma anche ad Avanguardia operaia, PDUP e perfino al Partito Radicale. Tra questi ultimi il matematico settantunenne Bruno De Finetti, accademico dei Lincei, Giancarlo Cancellieri, Roberto Cicciomessere (segretario del partito), Andrea Tosa e Valter Vecellio. Costoro decisero di costituirsi, Cicciomessere fu arrestato davanti a Montecitorio, gli altri dettero appuntamento alla polizia in coincidenza con l’apertura dell’Accademia dei Lincei. La difesa fu assunta da Umberto Terracini. La posizione dei radicali fu stralciata e il mandato di cattura nei loro confronti fu quasi subito revocato. Il giudice Antonio Alibrandi rifiutò perfino di trasmettere copia degli atti al ministro della giustizia Francesco Paolo Bonifacio.

La protesta di Md, anche in questo caso, fu immediata. Guido Neppi Modona, nell’articolo su La Repubblica del 25 novembre 1977 dal titolo «Il giudice Alibrandi alle prese con il ministro Bonifacio», oltre ai rilievi sul tipo di reato e sulla gravità della vicenda osservò che la responsabilità principale «va ricercata ancora una volta nelle norme dell’ordinamento giudiziario che consentono ai capi degli uffici di assegnare i processi ai singoli magistrati, senza alcuna forma di controllo democratico e con criteri di assoluta discrezionalità». Era per giunta noto che il giudice Alibrandi era l’unico magistrato dichiaratamente aderente al MSI.

5. La stagione dei procedimenti disciplinari

Il dissenso espresso da magistrati di Md suscitava l’attenzione continua dei titolari dell’azione disciplinare, soprattutto quando gli interventi affrontavano tematiche di particolare rilievo politico e sociale. In particolare la gestione dei processi per la strage di piazza Fontana, all’inizio degli anni Settanta, imponeva espressioni di critica e dissenso che il ceto di governo non era disposto ad accettare. Così se a Dino Greco, Domenico Pulitanò e Guido Galli venne detto che a loro non era consentito discutere di provvedimenti giurisdizionali (in sede associativa avevano fatto approvare a Milano un documento di critica e protesta per lo spostamento del processo per la strage da Milano a Roma); a Marco Ramat, Luigi De Marco, Generoso Petrella e Corradino Castriota fu contestato la violazione del prestigio dell’ordine giudiziario per avere sottoscritto un documento in cui tra l’altro si esprimevano critiche al modo in cui era stato gestito dalla magistratura il ritenuto suicidio di Giuseppe Pinelli. E analoghe procedure disciplinari raggiunsero a Federico Governatori e Luigi Ferrajoli[11].

Tutti questi interventi ebbero una risonanza mediatica clamorosa e produssero anche aspre reazioni in quella parte dei magistrati, a quel tempo ampiamente maggioritaria, che li considerava lesivi non solo del prestigio della magistratura ma anche della loro credibilità professionale. Il dissenso espresso da Md dagli orientamenti maggioritari della giurisprudenza indusse le altre componenti dell’Anm a elaborare un «preambolo programmatico» che stabiliva che per poter partecipare alla giunta dell’associazione era fra l’altro necessario non praticare la critica ai provvedimenti giudiziari.

6. Cronache di oggi

Le norme sui reati di opinione continuano ad avere effetti anche oggi.È a tutti nota la vicenda della Tav (linea ferroviaria veloce Torino Lione), una “grande opera” costosissima destinata a produrre inconvenienti e danni su un’intera vallata e che, non a caso, la grande maggioranza della popolazione e dei suoi rappresentanti locali la rifiuta. Nel dibattito che si è aperto due noti intellettuali, Gianni Vattimo e Erri De Luca, hanno preso, come altri, una posizione duramente critica sull’opera, suscitando l’attenzione della procura della Repubblica di Torino.

Nel processo che si è aperto a carico del secondo sono stati richiesti dalla pubblica accusa otto mesi di reclusione nel processo per istigazione al sabotaggio della Tav. Erri De Luca è infatti accusato, secondo il capo d’imputazione, per aver risposto ad alcune domande sull’opera con valutazioni e parole che erano state riportate da Huffington Post e Ansa: «La Tav va sabotata, ecco perché le cesoie servivano: sono utili a tagliare le reti. Nessun terrorismo … sono necessari per far comprendere che la Tav è un’opera nociva e inutile … hanno fallito i tavoli di Governo, hanno fallito le mediazioni: il sabotaggio è l’unica alternativa … resto convinto che il Tav sia un’opera inutile e continuo a pensare che sia giusto sabotare quest’opera … ».

Rispetto a una simile incriminazione non vi sono stati interventi di Md, del tutto silente, ma solo interventi di singoli. Eppure è evidente che con questa imputazione e la relativa richiesta di condanna si è voluto processare uno scrittore per un classico reato di opinione, previsto da una norma ancora vigente del codice Rocco. Eppure le domande che ci si potevano porre, a parte quelle strettamente tecniche (ad esempio, in cosa consiste il necessario «pericolo concreto»?), non erano poche. La norma incriminatrice può considerarsi ancora oggi rispettosa della Costituzione? Qual è oggi la rilevanza dell’articolo 21? Con un’imputazione sconosciuta nella storia della Repubblica, l’istigazione al sabotaggio, si vuole forse difendere una scelta politica discutibile e discussa? Ancora: accogliendo l’impostazione dei pubblici ministeri torinesi, quanti libri e riviste dovrebbero finire sotto processo?

All’udienza innanzi al Tribunale, fissata per il 19 ottobre, la sentenza è stata netta: assoluzione «perché il fatto non sussiste». La lettura della motivazione di questa sentenza sarà interessante, anche per coloro che ritengono che sia ormai passato il tempo della critica severa ma tecnicamente ragionata alle scelte e ai provvedimenti dei magistrati.

Eppure Md, fino agli inizi di questo secolo, non ha avuto esitazioni a intervenire per la libertà di manifestazione del pensiero e contro l’utilizzo dei reati di opinione per ragioni di sostegno alle scelte del potere politico. Tra l’altro, proprio fino a quel tempo, Md era impegnata sul fronte della realizzazione del «diritto penale minimo»[12]. Questo, non solo per ragioni di efficienza e perché la collettività non riconosce più alcun disvalore sociale a molti reati, ma anche perché nell’opera di individuazione dei beni per i quali è indispensabile l’intervento repressivo penale non può essere dimenticato il rilievo costituzionale riservato ad alcuni valori, come la libertà di manifestazione del pensiero, per natura esente da limiti. Ormai da più di un decennio l’impegno di Md su questo fronte, e la capacità di critica di provvedimenti giurisdizionali, sembrano essersi decisamente attenuati. Le ragioni sono molteplici e andranno altrove discusse. Di certo, l’abbandono della logica del conflitto non è un fattore di crescita della democrazia.

[1] Il punto di vista di Magistratura democratica sulla cd “ideologia della neutralità” del potere giudiziario è espresso con grande chiarezza da Domenico Pulitanò, La buona fede del giudice e la parzialità del giurista, in Quale giustizia, n. 3, maggio-giugno 1970.

[2] G. Palombarini - Gf. Viglietta, La costituzione e i diritti, pp 90-92.

[3] Luigi Ferrajoli, in Quale giustizia, n. 5-6, settembre-dicembre 1970, p.5.

[4] Vedi G. Palombarini-Gf. Viglietta cit, p.91-92

[5] Questo il catalogo dei reati oggetto del quesito referendario: Istigazione di militare a disobbedire alle leggi; Attività antinazionale del cittadino all’estero; Associazioni sovversive; Associazioni antinazionali; Propaganda ed apologia sovversiva o antinazionale; Illecita costituzione di associazioni aventi carattere internazionale e partecipazione ad esse; Offesa all’onore o al prestigio del Presidente della Repubblica; Lesa prerogativa dell’irresponsabilità del Presidente; Vilipendio della Repubblica, delle istituzioni costituzionali e delle forze armate; Vilipendio alla Nazione italiana, alla bandiera o altro emblema dello Stato; Offesa all’onore dei capi di stato esteri, alla bandiera o altro emblema di stati esteri; Istigazione a commettere alcuni dei delitti di cui ai capi I e II; Pubblica istigazione o apologia; Eccitamento al dispregio e vilipendio delle istituzioni, delle leggi e degli atti dell’autorità; Abbandono collettivo o individuale di pubblici uffici, impieghi, servizi o altri lavori; Interruzione di un servizio pubblico o di pubblica utilità e omissione di doveri di ufficio in occasione dell’abbandono o interruzione; Interruzione di un ufficio o servizio di pubblica utilità; Oltraggio a pubblico ufficiale, a corpo politico, amministrativo o giudiziario, a magistrato in udienza, a pubblico impiegato; Vilipendio della Religione di Stato e offesa alla religione mediante vilipendio di cose o persone; Apologia di reato, Istigazione a disobbedire alle leggi; Sciopero per fini contrattuali o non contrattuali e coazione alla pubblica autorità mediante sciopero, Sciopero scopo di solidarietà o protesta; Serrata; Boicottaggio; Arbitraria invasione e occupazione di aziende agricole o industriali; Plagio; Grida e manifestazioni sediziose; Radunata sediziosa; Pubblicazione di notizie false, esagerate o tendenziose; grida o notizie atte a turbare la tranquillità pubblica o privata.

[6] Ricorda Livio Pepino (Forti con i deboli, Bur ed., 2012, pag, 28), che cita in proposito Achille Battaglia, I giudici e la politica, Laterza, Bari, 1962) che è a partire dal 1952 che venne riscoperto il reato di vilipendio delle istituzioni. Nel 1952 i procedimenti con tale imputazione furono 65, nel 1955 se ne ebbero 132, nel 1956 giunsero a 350, nel 1957 salirono a circa 550.

[7] Sulle vicende del processo v. G. Palombarini- Gf. Viglietta, cit.

[8] Vedi Quale giustizia, gennaio-febbraio 1973, pag.16 ss.

[9] Vedi Quale giustizia, gennaio- febbraio 1973, pag 29 e seguenti, nelle quali si documenta anche l’analoga vicenda dell’anarchico Luigi Zanché.

[10] Per una più completa informazione vedi il libro di Armando Todesco, Pid, proletari in divisa, 1969-1976, C.s.t. Milano, 2001.

[11] Si veda in proposito G. Palombarini, Giudici a sinistra, Esi ed., 2000, pag. 180 ss.

[12] Numerosi interventi di aderenti a Md su tale tematica sono riportati nel volume Diritto penale minimo, a cura di Umberto Curi e Giovanni Palombarini, Donzelli ed., 2002.

Fascicolo 4/2015
Editoriale
di Renato Rodorf
Obiettivo 1
Il valore del dissenso
di Andrea Natale
di Roberto Zaccaria

In questo contributo, l’Autore enuclea una serie di sedi – istituzionali e sociali - nelle quali si pone il problema della tutela dell’opinione minoritaria, richiamando quale sia il fondamento costituzionale che impone la tutela del dissenso e quali siano i limiti costituzionalmente accettabili che possono essere posti al suo esercizio. Il contributo registra poi la tendenza a comprimere sempre più nei processi decisionali delle istituzioni lo spazio di espressione del dissenso (a vantaggio della governabilità); con il rischio però di rendere la democrazia sempre meno contendibile. Nel contributo si prende poi in esame (con preoccupata attenzione) quanto le recenti riforme (elettorale, costituzionale, del sistema di governance della Rai) rischino di marginalizzare sempre più chi è fuori dalle maggioranze consolidate.

di Massimo Villone

In questo contributo, l’Autore ragiona sulle recenti trasformazioni della vita parlamentare e di quella all’interno dei partiti; l’Autore rileva dunque – da una pluralità di elementi – che, anche nelle istituzioni rappresentative, abitate da parlamentari eletti senza vincolo di mandato, sempre più si tende a tacitare chi non aderisce “perfettamente” alla linea dettata dalle leadership parlamentari o di partito o chi – dai banchi dell’opposizione (o da quelli di una maggioranza “critica”) tenta di emendare disegni di riforma proposti dal Governo. E così il dissenso spesso viene soffocato con la sostituzione di membri di una commissione parlamentare, proliferare di questioni di fiducia (poste anche su temi che riguardano “le regole del gioco”), proposizione di maxi-emendamenti (sino al caso del «maxi-canguro») che hanno l’effetto di far decadere tutti gli altri (tra i quali, spesso, quelli “scomodi”).

di Umberto Romagnoli

Gli interessi del datore di lavoro e quelli del lavoratore non sempre coincidono e – nel rapporto di lavoro – esiste una parte forte e una categoria sottoprotetta. In questo contributo, l’Autore segue la traiettoria del diritto del lavoro, dalla legislazione corporativa alle speranze indotte dalla Carta costituzionale, sino alla constatazione del fatto che, oggi, tornano a prevalere le logiche economiche. E qui si innesta una riflessione sul senso profondo di una disciplina – quella del diritto del lavoro – che sempre più sembra faticare a trovare una propria missione. Per adempiere alla sua funzione di garanzia, il diritto del lavoro deve godere di consenso nella società, nelle istituzioni e nell’accademia. Ma una società sempre più stretta dalla crisi, un’accademia sempre meno incline a riconoscere la speciale autonomia del diritto del lavoro non sembrano in grado di garantire questa base di consenso. Per dirla con l’Autore, sembra che «il lavoro abbia potuto rompere un millenario silenzio a condizione di metabolizzare il divieto di non alzare troppo la voce».

di Marco Pelissero

In questo contributo, l’Autore mette in evidenza come – al di là delle declamazioni di principio – l’art. 21 Cost. e la tutela che esso offre alla libertà di espressione possa essere messo seriamente in discussione dallo strumento penale; l’Autore constata, anzitutto, come la categoria dei reati di opinione attinga a criteri valutativi pregiuridici, tanto nella definizione dei suoi confini, quanto nella sua pratica applicazione; l’Autore registra poi – come un dato di fatto – la sostanziale continuità riscontrabile tra l’assetto ereditato dal regime fascista e norme sul controllo penale del dissenso vigenti in epoca repubblicana. L’Autore passa poi in rassegna una serie di fattispecie che, tuttora, criminalizzano la manifestazione di pensieri “scomodi”, interrogandosi – per ciascuna – se esse si fondino su una necessità costituzionale di repressione penale o se, viceversa, si possa rinunziare in una democrazia matura - almeno per alcune incriminazioni - allo strumento penale.

di Elisabetta Grande

Il diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero fa parte del DNA delle istituzioni statunitensi, ricevendo esplicita protezione sin dal 1791. Tuttavia – osserva l’Autrice in questo contributo – occorre considerare che, ove non ne venga garantita l’effettività, la proclamazione di un diritto può rivestire una funzione puramente retorica e, dunque, di dubbia concludenza. E, così, in questo contributo, si passano in rassegna tanto le decisioni della Corte Suprema che hanno effettivamente garantito un ampio spazio all’espressione del dissenso, quanto le decisioni che, con diversi strumenti interpretativi, hanno infine compresso la formazione ed espressione di opinioni minoritarie. E l’Autrice ci consegna questa riflessione attraverso una lettura degli orientamenti giurisprudenziali condotta in parallelo con gli eventi della storia.

di Silvia Niccolai

Dei pregi e dei difetti immediati che deriverebbero dall’introduzione nel nostro ordinamento della dissenting opinion si è già detto molto (soprattutto con riferimento alla giurisprudenza costituzionale). In questo contributo, l’Autrice – prendendo come un dato di fatto il mancato ricorso a tale strumento nelle nostre istituzioni – ragiona sulle ragioni culturali profonde di tale ritrosia. Ripercorrendo allora vari filoni di pensiero (storico-comparatistico e costituzionalistico), l’Autrice giunge ad ipotizzare che – dietro la scelta (o non scelta) di non introdurre nel nostro sistema la dissenting opinion – si celi una precisa visione dei rapporti tra legge e diritto (con il prevalere di una visione imperativistica e esclusivamente legalistica del diritto) e della stessa funzione del giudice (anche costituzionale): mero esecutore della legge o creatore (con il legislatore) del diritto; non senza notare, però, che il dissenso nella pratica giudiziaria sarebbe coerente con la nostra esperienza storica e potrebbe dare un importante contributo ad una istanza di garanzia coessenziale alla giustizia (l’arginare i possibili abusi degli organi di governo).

di Daniela Piana e Leonardo Morlino

In questo contributo, gli Autori inquadrano prima da un punto di vista teorico il valore del dissenso all’interno della teoria democratica; passano poi ad indagare quali siano gli effetti benefici del pluralismo e del conflitto inter-istituzionale e intra-istituzionale, soffermandosi poi ad indagare sulle dinamiche di conflitto che coinvolgono l’istituzione giudiziaria (rispetto ad altre istituzioni) e su quelle che si verificano all’interno di questa istituzione.

Il contributo si chiude rilevando un apparente paradosso: il dissenso – pur espletando un’importante funzione di autocorrezione e auto-mutamento all’interno del regime democratico – rischia, ove esasperati i momenti di conflittualità, di comportare dei costi sul piano della stessa legittimazione delle istituzioni (e sulla fiducia che, in esse, i cittadini ripongono, come forse avvenuto nel caso del calo di fiducia nella magistratura).

di Giovanni Palombarini e Gianfranco Viglietta

In questo contributo, gli Autori ripercorrono l’esperienza di Magistratura democratica e ricordano come – tra i suoi elementi fondativi – vi sia stata la scelta di campo in favore di un garantismo di impronta liberaldemocratica e una caparbia attenzione alla tutela della manifestazione del pensiero.

Da qui – in un affresco di quella difficile stagione – gli Autori muovono per ricordare le nette prese di posizione di Magistratura democratica contro alcune iniziative giudiziarie che comprimevano tale libertà, l’impegno di Magistratura democratica per l’abrogazione dei reati di opinione e il prezzo che i suoi aderenti dovettero pagare.

Gli Autori concludono il loro contributo registrando – come un dato di fatto – il diverso atteggiamento che Magistratura democratica ha recentemente assunto in relazione a procedimenti penali scaturiti a seguito della manifestazione di un pensiero.

Obiettivo 2
Il punto sul processo civile
di Luca Minniti
di Remo Caponi

L’Autore richiamati i tratti essenziali del processo ordinario di cognizione e puntualizzati gli elementi distintivi che differenziano i modelli di processo ordinario di cognizione adottati nei diversi Paesi, evidenzia che la tendenza prevalente a livello europeo promuove una disciplina elastica del processo a cognizione piena, che affida lo svolgimento alle determinazioni discrezionali del giudice nel caso concreto. In questa direzione l’Autore mette in rilievo il portato della recente introduzione dell’art. 183 bis cpc (convertibilità in sommario del rito ordinario) e saluta con favore l’annunciata modifica della fase introduttiva che a suo avviso marcia nella direzione della valorizzazione della udienza principale.

In conclusione l’Autore rappresenta problematicamente la discrasia tra obiettivi perseguiti dal disegno di legge delega del Governo e strumenti proposti.

di Elena Riva Crugnola

L’autore nella prima parte del suo intervento tratta le questioni concernenti il modello e la struttura del processo di cognizione ordinario e rileva che in ordine al processo di cognizione di primo grado il principio/criterio direttivo contenuto nella delega è generico e tale da non consentire alcuna ragionevole previsione circa il contenuto delle future norme delegate, ricavabile solo dalla lettura della relazione. Nel merito delle scelte operate dalla relazione (e non dal ddl) nega decisamente che ci si possa attendere alcuna “accelerazione evidente” dei tempi processuali in dipendenza delle modifiche proposte. Ed in ciò richiama l’esperienza, rimossa dal legislatore, del cd rito societario di cui al dlgs n. 5/2003. Secondo l’autore lo scambio di atti difensivi, anticipati rispetto alla comparizione dei difensori avanti al giudice è inefficiente costoso ed inutile. Ma segnala che tutta l’impostazione della Relazione al ddl dimostra la sua lontananza dalle aule giudiziarie di primo grado, appare volta a consolidare le prassi meno efficaci in termini di tempi complessivi di definizione, enfatizzando una trattazione scritta “anticipata” e “obbligata”, trascurando il pregio di una conduzione della trattazione orientata alla formazione progressiva della decisione, nel dialogo tra parti e giudice.

Nella seconda parte invece, ove la delega ha un contenuto effettivo, Riva Crugnola analizza nel dettaglio le proposte di modifica della disciplina del Tribunale delle imprese e alcune sue criticità in relazione alle quali formula puntuali osservazioni anche propositive.

di Annamaria Casadonte

Il disegno di legge di delega presentato dal Governo presentato l’11.3.2015 prevede l’istituzione presso i tribunali ordinari della sezione specializzata per la famiglia e la persona, cui vengono accorpate una serie di competenze già devolute al tribunale ordinario in materia di stato, capacità delle persone, separazione, divorzio, figli nati fuori dal matrimonio, procedimenti di competenza del giudice tutelare e quelli di cui all’art. 38 disp att cc non di competenza del tribunale per i minorenni, secondo la modifica restrittiva che viene pure prevista dalla delega.

La delega opta per il mantenimento delle competenze civili in capo al tribunale per i minorenni, con particolare riguardo alla materia del pregiudizio del minore (artt.330 e 333 cc, quest’ultimo al di fuori dei casi trattati avanti al tribunale ordinario).

La soluzione va a discapito del principio di concentrazione delle tutele e non appare idonea a realizzare la ratio di un processo comprensibile e spedito, che pure il legislatore delegante si prefigge.

di Domenico Dalfino

Nel corso degli ultimi decenni, a fronte della perdurante crisi della giustizia civile, definitivamente accantonate le tesi “iconoclastiche” favorevoli alla soppressione dell’appello, i dubbi degli interpreti si sono polarizzati sull’adesione al modello della revisio prioris instantiae o a quello del novum iudicium, sebbene il sistema vigente e il «diritto vivente» propendano evidentemente per il primo, mentre taluni recenti progetti di riforma puntano a trasformarlo in una sorta di azione di impugnativa. A ben vedere, se un secondo grado totalmente chiuso ai nova sembra inidoneo a perseguire la giustizia della decisione, non va neppure assolutizzata la questione dell’inquadramento nell’uno o nell’altro modello d’impugnazione, giacché l’efficienza del giudizio dipende principalmente dalla virtuosa organizzazione degli uffici e dall’adeguata allocazione delle risorse.

di Giulio Cataldi

L'Autore sottolinea da una parte come sarebbe stato necessario, prima di proporre una nuova modifica del giudizio di appello, verificare in concreto come la riforma del 2012 stia incidendo sul complessivo andamento dei giudizi in appello con attenzione alle differenti prassi adottate nelle Corti.

Dall'altra evidenzia la problematicità di una ulteriore chiusura di spazi di rivisitazione del materiale esaminato in primo grado e della soppressione dell’inammissibilità per improbabilità di accoglimento dell’appello.

di Piero Curzio

La crisi del giudizio di cassazione ha origine nell’eccessivo numero di ricorsi. Deve essere affrontata partendo da scelte che conducano la Corte ad essere solo giudice di legittimità, il cui compito è quell’unificazione dell’interpretazione senza la quale il principio di uguaglianza viene leso proprio nella sede più delicata costituita dall’applicazione giurisprudenziale delle norme. A tal fine è necessario che il ricorso per cassazione sia proponibile solo per violazione di legge, come sancito dalla Costituzione, senza ampliamenti, o, quanto meno, è necessario che il legislatore non contraddica con nuovi interventi estensivi le scelte in senso restrittivo fatte solo pochi anni fa. Ma è poi assolutamente indispensabile l’adozione di misure “non legislative”, strutturali ed organizzative, sostenute con investimenti seri in termini di risorse umane ed economiche.

di Giorgio Costantino

Si riferisce dello stato delle proposte di legge pendenti in Parlamento. Si dà conto della successione delle riforme del procedimento di legittimità. Si indicano le soluzioni accolte dalla Corte sulle più recenti riforme. Si auspica un improbabile intervento di razionalizzazione della disciplina processuale e si ricorda il potere di autoregolazione delle corti supreme. Si conclude segnalando i limiti e le conseguenze di una modifica della Costituzione in funzione di una restrizione dell’accesso alla Corte.

di Francesco Vigorito

Negli ultimi venti anni vi è stata ad una profonda trasformazione della disciplina dell’esecuzione forzata civile nel tentativo, che finora ha portato a risultati limitati, di portare il sistema italiano più vicino ai modelli esteri per tempi ed efficacia dei procedimenti. L’esigenza è nata dalla considerazione che il sistema del recupero dei crediti costituisce un parametro importante per l’intera economia del Paese; il ritardo in questo settore comporta, quindi, un grave danno in termini macroeconomici. Le molteplici riforme di questi anni hanno riguardato tutti i settori del processo esecutivo: basta scorrere il libro terzo del codice di procedura civile per rilevare che tutti gli istituti generali e la gran parte dei procedimenti esecutivi sono stati modificati. Non tutte le riforme sono state efficaci né tecnicamente impeccabili e, tuttavia, sarebbe opportuna una fase di applicazione pratica della nuova disciplina prima di pensare ad ulteriori interventi normativi. Resta, per un verso, l’esigenza di effettuare qualche intervento, anche urgente, su norme di dettaglio allo scopo di eliminare alcune contraddizioni esistenti nella normativa e di correggere disposizioni che comportano, tra l’altro, pesanti aggravi per la finanza pubblica e, per altro verso, di iniziare ad esplorare la possibilità di interventi di sistema che ridefiniscano l’ambito delle esecuzioni mobiliari e, per le esecuzioni immobiliari, prevedano, una volta accertato il disinteresse del mercato per l’immobile, modalità nuove di liquidazione dei beni.

di Bruno Capponi

Lo scritto esamina con sguardo d’insieme le riforme del processo esecutivo dalla metà degli anni ’80 ad oggi. Gli strumenti sono cambiati in corso d’opera: dalla legge ordinaria al decreto-legge sino alla legge di stabilità, con la conseguenza di aver consegnato nelle mani di pochi, fuori da qualsiasi controllo, la funzione di creazione di nuovo diritto. Il più grave e iterativo incidente di percorso è stato quello dell’espropriazione presso terzi, in cui sono stati importati istituti propri della cognizione (come il principio di non contestazione) che hanno, da un lato, reso impropriamente il terzo una parte dell’esecuzione e, dall’altro lato, costruito un modello all’esito del quale può risultare non identificato l’oggetto stesso del pignoramento. La rincorsa della competitività, della crescita economica, dell’efficienza nella realizzazione del credito ha fatto del giudice dell’esecuzione una sorta di indice istituzionale del Doing Business: col rischio che venga meno la sua posizione di terzietà, perché compito del giudice non è di sostenere la crescita economica del Paese ma far osservare in un processo di parti, qual è anche quello di esecuzione forzata, i principi di giustizia di derivazione costituzionale e anche comunitaria. Ulteriore rischio è quello del trasferimento fuori della giurisdizione di attività dell’esecuzione sempre più vaste: se la crescita economica dipende dalla tutela esecutiva del credito, presto verranno poste sul tappeto forme di autotutela che della massima efficienza – ma a detrimento delle garanzie del processo – faranno il loro segno distintivo.

di Angelo Danilo De Santis

L’applicazione pratica dell’insieme di regole costituenti l’apparato del processo civile telematico ha fatto emergere molte criticità, in parte preconizzate da quanti hanno assistito alla fase di gestazione del disomogeneo e complicato sistema della fonti. Nonostante le perplessità degli operatori del diritto e le resistenze a quello che non sempre viene percepito come un’occasione di miglioramento delle proprie condizioni di lavoro e di incremento di efficienza della giustizia, il Pct assurge a modello di riferimento anche per il processo amministrativo, tributario, contabile e, in parte, penale. L’ennesima riforma del processo civile, attualmente al vaglio delle commissioni parlamentari, reca con sé il germe di una rifondazione del sistema da compiersi nella consapevolezza che si tratta di un’occasione da non perdere.

di Pasquale Liccardo

L’individuazione delle possibili linee di sviluppo del processo telematico sia esso civile che penale, deve necessariamente muovere da una ricognizione della sua storia recente, dello stato attuale dei sistemi realizzati ed in corso di realizzazione, evidenziando l’intreccio realizzato tra norma, tecnologie ed istituzioni della giuridicità.

Le attività in corso sono state oggetto di analitica esposizione nelle sedi istituzionali Qui si cercherà uno sguardo di insieme.

La difficoltà registrata dalle istituzioni della giuridicità nel terzo millennio nella loro relazione con il concreto non è episodica ma riflette la condizione stessa della modernità declinante ormai incapace di manifestare nella legge la propria ragione ordinante e giustificatrice del mondo: si è interrotto il meccanismo di traduzione nella norma di concetti, di universi simbolici, di idee che hanno connotato per lungo tempo il processo di giuridificazione del concreto, sempre più lontano dalla norma statale per essere retto da regole prodotte dall’economia globalizzata, dal pragmatismo delle relazioni di forza, dallo specialismo delle tecniche contrattuali prive di ogni aspirazione valoriale: l’eccedenza del mondo dal diritto non può essere colmata dalle sole tecnologie ma semmai per il loro tramite letta.

Obiettivo 3
Associazionismo giudiziario
di Carlo De Chiara
di Luigi Ferrajoli

L’associazionismo giudiziario è stato un potente fattore di cambiamento e di democratizzazione della magistratura, secondo il disegno del Costituente: all’interno di essa, con il superamento della gerarchia e l’affermazione dell’eguaglianza di tutti i magistrati, distinti soltanto per le loro funzioni, e, all’esterno, con l’impegno civile dei magistrati per l’inveramento dei valori costituzionali, in cui si è specialmente distinta Magistratura democratica. La quale deve sapersi liberare con decisione della minaccia all’uguaglianza, e quindi all’indipendenza interna, costituita dalle varie forme di riemergente carrierismo, che non l’hanno risparmiata, e deve svolgere il suo ruolo storico di contrasto dei plurimi rischi di involuzione della magistratura: da quello burocratico, a quello “bellicista”, a quello neocorporativo.

di Giuseppe Cascini

Le ragioni della crisi attuale di Magistratura democratica, iscritte nella crisi dell’associazionismo giudiziario in generale, possono essere ricercate nella difficoltà di definire un modo “diverso” di gestire il potere, oggi affidato anche a suoi esponenti all’interno degli uffici giudiziari, ma anche in altre ragioni che riguardano la magistratura in generale: la declinazione dell’uguaglianza interna come disattenzione alla professionalità e all’efficienza del servizio reso ai cittadini; l’attacco violento della politica e il patto consociativo-corporativo di riflesso scattato all’interno della magistratura; l’aggravarsi quantitativo e qualitativo delle condizioni di lavoro e il fallimento dei tentativi di rispondere efficacemente all’attenzione sempre maggiore dell’opinione pubblica al problema dei tempi della giustizia; la riforma dell’ordinamento giudiziario del 2006, il cui risultato è stata l’accentuazione degli aspetti deteriori della magistratura italiana (carrierismo, gerarchia interna, conformismo, clientelismo).

Compito di Md e di Area, per superare la crisi, è elaborare un progetto per ricostruire un modello di magistratura democratico, partecipato, aperto, ma allo stesso tempo non corporativo e sensibile ai diritti degli utenti e alla qualità del servizio reso: un progetto che preveda, per cominciare, l’abolizione dei pareri dei capi degli uffici e dei giudizi sulle valutazioni di professionalità (inutili in sé e fonte indiretta di conformismo e infeudamento) e la realizzazione di una effettiva temporaneità negli incarichi direttivi.

di Lionello Mancini

Che le correnti della magistratura politicizzino la giurisdizione, torcendo le inchieste o i processi verso obiettivi di parte, è un falso diffuso ad arte dagli ambienti politici e dalla stampa soprattutto (ma non esclusivamente) di centrodestra.

Altri sono, invece, e più gravi, i guasti del “correntismo” della magistratura: le pure logiche di spartizione del potere, che affondano le radici nella fragilità culturale di tutti i gruppi, intralciano il percorso di miglioramento del servizio giustizia, e l’autoreferenzialità della “casta” alimenta la questione morale.

di Enrico Manzon

In vista delle elezioni per il Comitato direttico centrale dell’Anm del prossimo anno, ragionare sulle prospettive dell’associazionismo giudiziario e sul ruolo di Area all’interno di esso implica una precisa, attualizzata analisi dello “stato” della magistratura italiana. Che è cambiata nel profondo e non sempre in meglio. Non comprendere a fondo la “cifra” di questo mutamento e, allo stesso tempo, non fare una calibrata, costruttiva autocritica, può comportare seri problemi ed altrettanto gravi danni per un indirizzo di politica associativa coerente con i nostri principi ed i nostri valori, quali “ereditati” da Md e dal Movimento per la giustizia, ora transitati in Area. Molti magistrati, giovani e meno giovani, continuano a guardare con rispetto ed attenzione alla tradizione migliore dell’Anm, della quale quei principi e quei valori sono parte essenziale, ma chiedono alla nostra Associazione un “cambio di passo”. La tesi è dunque che Area abbia prospetticamente le maggiori e migliori chance per tenere insieme nell’azione associativa l’ interesse dei magistrati/della magistratura con le aspettative della collettività nazionale all’efficienza ed alla qualità del servizio giudiziario. Il corollario è che ciò sia doverosamente praticabile negli assetti associativi che verranno. La condizione predicata è che si mettano in campo idee nuove e che si facciamo scelte adeguate al tempo presente, ma soprattutto a quello futuro. Senza incertezze, con coraggio.

di Rocco Gustavo Maruotti

I magistrati più giovani, se avvertono normalmente il richiamo dell’Anm, vista come “casa comune” e autorevole riferimento identitario, altrettanto normalmente rifuggono, invece, dall’impegno nelle “correnti” che animano l’Associazione. Le ragioni spaziano dalla maggiore maturità delle nuove leve della magistratura (che, per le modalità del concorso, vi approdano in genere a un’età più avanzata rispetto al passato), che induce a scelte mediate e consapevoli, piuttosto che a giovanili entusiasmi; al coinvolgimento delle correnti nel conflitto con la politica, visto come un appannamento, comunque, della “sacralità” della funzione giudiziaria. Ma, soprattutto, ciò che allontana i magistrati più giovani dalle correnti è il malcostume cui esse si sono abbandonate nella gestione del potere di autogoverno, anzitutto nelle nomine a uffici direttivi o altrimenti prestigiosi.

di Tommaso Giovannetti

C’è una parola che descrive bene il rapporto tra il magistrato ordinario in tirocinio e tutto ciò che riguarda l’ordinamento giudiziario, il mondo dell’associazionismo ed il fenomeno delle correnti: distanza.

Distanza da alcuni poi coltivata come un bene da preservare; da altri vista come un vuoto da colmare; da altri ancora vissuta con sostanziale indifferenza. Generale è, comunque, nei nuovi magistrati il genuino desiderio di imparare e di formarsi professionalmente, sia pure con attenzione quasi esclusiva agli aspetti tecnico-giuridici della formazione e con assai scarso interesse per le implicazioni del quadro ordinamentale in cui il magistrato si colloca.

Per sollecitare il loro interesse su quest’ultimo versante, potrebbe essere preziosa la partecipazione ai momenti di discussione che si svolgono nell’ambito dei gruppi associativi, come l’autore ha avuto modo di sperimentare di persona avvicinandosi a uno di essi.

di Valerio Savio

L’enorme rilievo delle elezioni per il CdC – Sullo sfondo del dilemma culturale di sempre “magistrati o funzionari?”, l’Anm ad un bivio storico: sposare o rifiutare la deriva neocorporativa. Il rischio che le spinte neo-corporative si saldino con le aspettative di larga parte delle forze politiche ad un ridimensionamento del protagonismo politico-istituzionale della magistratura. L’idea di giurisdizione che dobbiamo combattere. Gli impraticabili “carichi esigibili”: incompatibili con l’idea stessa di giurisdizione quale potere costituzionale inerente la sovranità dello Stato, volano e simbolo della resa senza condizioni alla definitiva burocratizzazione della magistratura, leva su cui fondare la mutazione genetica della natura e della funzione dell’Anm. Per Area l’esigenza identitaria di non confondere la sua proposta con nulla che li richiami. Le linee di un programma che rifiutando il neocorporativismo e mantenendo il profilo “storico” dell’associazionismo nella difesa degli assetti costituzionali della giurisdizione accetti la sfida di una Anm impegnata con forza sulle condizioni di lavoro così come sulla questione morale e sull’autoriforma del governo autonomo. Per Area in Anm, tre linee guida: operare in primo luogo per restare al governo dell’Associazione cercando la più ampia convergenza possibile, mediare ma senza compromessi con il corporativismo, rivendicare il valore storico, per la giurisdizione, di ciò che si è fatto nell’alleanza con UpC. La composizione della lista. La natura e la gravosità dell’impegno del singolo in CdC ed in Gec.

di Antonella Meniconi

L’associazionismo giudiziario ha avuto, fin dal 1909, un ruolo importante nella storia della magistratura italiana con la fondazione dell’Agmi, ma non si è trattato, da subito, di un percorso facile. Nel 1925, con “l’autoscioglimento” dell’Associazione, i suoi dirigenti furono espulsi dal corpo giudiziario e solo al termine della guerra, nel 1945, si potette ricostituire l’Anm.

Pesavano, però, sul nuovo soggetto non solo l’eredità virtuosa della partecipazione di molti alla Resistenza, ma anche l’intrinseco rapporto che altri, in specie alti magistrati, avevano intrattenuto con il regime fascista.

La lenta attuazione della Costituzione, con l’istituzione solo nel 1958 del Csm, nascose, in realtà, anche nella magistratura, una lotta sorda tra “innovatori” e “conservatori”. Solo negli anni Sessanta, l’entrata in ruolo di una nuova generazione favorì anche l’inveramento dei valori costituzionali.

È precisamente in questa chiave che ancora oggi il ruolo del magistrato e il suo impegno nelle correnti giudiziarie può avere un ruolo “politico”, ovvero costituzionale.

Cronache americane
di Luigi Marini

Le complessità proprie del riconoscimento e della tutela dei diritti conoscono a livello sovrannazionale un moltiplicatore che risente anche delle differenze di luoghi e tempi che segnano i processi decisionali. Il rapporto fra Assemblea generale e organi ausiliari e i gradi di rilevanza autonoma di questi ultimi rispetto ai compiti di indirizzo e di consolidamento della prima costituiscono fattori importanti allorché si esaminano le Nazioni Unite quale entità che opera per la promozione dei diritti e della pace. Una prima lettura dei percorsi decisionali e della molteplicità degli attori istituzionali può aiutare a introdurre un tema meritevole di ulteriori analisi.

ARCHIVIO
Fascicolo 2/2018
L'ospite straniero.
La protezione internazionale
nel sistema multilivello di tutela
dei diritti fondamentali
Fascicolo 1/2018
Il pubblico ministero nella giurisdizione
La responsabilità civile fra il giudice e la legge
Fascicolo 4/2017
L’orgoglio dell’autogoverno
una sfida possibile per i 60 anni del Csm
Fascicolo 3/2017
A cosa serve la Corte di cassazione?
Le banche, poteri forti e diritti deboli
Fascicolo 2/2017
Le nuove disuguaglianze
Beni comuni

Dedicato a Stefano Rodotà
Fascicolo 1/2017
Il diritto di Crono
Il multiculturalismo e le Corti
Fascicolo 4/2016
NUMERO MONOGRAFICO
Il giudice e la legge
Fascicolo 3/2016
La giustizia tributaria
La riforma della magistratura onoraria
Fascicolo 2/2016
VERSO IL REFERENDUM COSTITUZIONALE
Forme di governo,
modelli di democrazia
IL CORPO
Anatomia dei diritti
Fascicolo 1/2016
NUMERO MONOGRAFICO
Formazione giudiziaria:
bilancio e prospettive
Fascicolo 4/2015
Il valore del dissenso
Il punto sul processo civile
Associazionismo giudiziario
Fascicolo 3/2015
Il diritto del lavoro alla prova del Jobs Act
Unitarietà della giurisdizione
Riforma della responsabilità civile
Fascicolo 2/2015
NUMERO MONOGRAFICO
Al centesimo catenaccio
40 anni di ordinamento penitenziario
Fascicolo 1/2015
Dialoghi sui diritti umani
I diritti fondamentali tra obblighi internazionali e Costituzione
La risoluzione amichevole dei conflitti
Schede di ordinamento giudiziario aggiornate al gennaio 2015
Il volume costituisce un'utile panoramica dei metodi di contrasto alla criminalità mafiosa e degli strumenti di prevenzione
Numero speciale di Questione Giustizia in formato digitale con atti, relazioni e dati sul sistema delle misure cautelari personali