home search menu
Giurisprudenza e documenti / giurisprudenza di merito
Alla Consulta l'immunità giurisdizionale dello Stato tedesco per i crimini nazisti commessi in Italia
di Giovanni Zaccaro
Pubblichiamo la questione di legittimità costituzionale promossa dal Tribunale di Firenze (est. Minniti)
Alla Consulta l'immunità giurisdizionale dello Stato tedesco per i crimini nazisti commessi in Italia

Gli eredi italiani di un cittadino italiano catturato dalle forze militari tedesche dopo l’8.9.43, deportato in Germania, adibito al lavoro forzato, ucciso in un lager e sepolto in una fosse comune agivano in giudizio contro la Repubblica federale di Germania.

Il processo si incardinava presso il Tribunale di Firenze.

La Repubbica federale di Germania si costituiva in giudizio ribadendo la verità dei crimini di guerra commessi dalle truppe naziste in danno della popolazione civile dei territori occupati ma eccependo il difetto di giurisdizione dell’autorità giudiziaria italiana, sulla base del principio di diritto consuetudinario internazionale dell'immunità giurisdizionale dello Stato estero per i fatti commessi nell'esercizio della sua sovranità e richiamando la sentenza della Corte Internazionale di Giustizia del 03/02/2012.

La Presidenza del Consiglio dei Ministri della Repubblica Italiana si costituiva, prima ancora di esser stata chiamata in causa, sostenendo l’obbligo di dare esecuzione alla sentenza della Corte Internazionale di Giustizia del 03/02/2012.

Il processo è l’occasione per tornare ad approfondire il rapporto fra effettività della tutela dei diritti fondamentali della persona, evidentemente lesi dai crimini di guerra e dagli eccidi nazisti in territorio italiano, e principio dell’immunità giurisdizionale degli Stati.

Secondo il principio affermato dalla sentenza n.5044/2004 della Corte di Cassazione a Sezioni Unite (caso Ferrini), l’immunità dalla giurisdizione (civile) degli Stati (esteri) riconosciuta dal diritto internazionale consuetudinario non ha carattere assoluto ma trova un limite ove le condotte, pure esercizio della sovranità statale, integrino crimini contro l'umanità, tali quindi da configurare un crimine internazionale.

Tuttavia, dopo l’affermazione di tale principio, la Corte Internazionale di Giustizia, adita dal Governo tedesco, con sentenza del 03/02/2012 (Immunités Juridictionnelles de l’Etat – Allemagne c. Italie), ha affermato che “il diritto consuetudinario internazionale continu(a) a prevedere che ad uno Stato sia riconosciuta l’immunità in procedimenti per illeciti presumibilmente commessi sul territorio di un altro Stato dalle proprie forze armate ed altri organismi statali nel corso di un conflitto armato” e che lo Stato “non può essere privato dell’immunità in virtù del fatto che lo si accusa di gravi violazioni delle leggi internazionali sui diritti umani.

Il legislatore italiano si è adeguato alla sentenza della CIG ed ha adottato la legge 14 gennaio 2013, n.5, che espressamente esclude la giurisdizione italiana per i crimini di guerra commessi dal Terzo Reich anche per i procedimenti in corso.

La Corte di Cassazione (adita dalla Repubblica federale di Germania con ricorso avverso la sentenza della Corte di appello di Firenze che, quale giudice di rinvio nel procedimento “Ferrini” aveva condannato al risarcimento per i crimini di guerra nazisti), sempre a sezioni unite, con recente sentenza, si è adeguata al dato legislativo ed ha affermato l’immunità giurisdizionale dello Stato tedesco.

Il giudice fiorentino, la cui ordinanza merita un’attenta lettura e sarà successivamente commentata su questa Rivista, dubita oggi della legittimità costituzionale, in riferimento agli artt. 2 e 24 della Costituzione,

1) della norma prodotta nel nostro ordinamento dal recepimento , ex art. 10 primo comma Cost., della consuetudine internazionale nella parte in cui nega la giurisdizione nelle azioni risarcitorie per danni da crimini di guerra commessi, “iure imperii” dal Terzo Reich, in capo allo Stato nel cui territorio i crimini sono stati commessi;

2) dell’art. 1 della legge 848 del 17 agosto 1957, nella parte in cui recependo l’art. 94 dello Statuto dell’Onu, obbliga il giudice nazionale ad adeguarsi alla pronuncia della Corte Internazionale di Giustizia anche quando essa ha stabilito l’obbligo del giudice italiano di negare la propria giurisdizione di cognizione nella causa civile di risarcimento del danno per crimini contro l’umanità, commessi “iure imperii” dal Terzo Reich nel territorio italiano;

3) dell’art. 1 della legge 5/2013 nella parte in cui obbliga il giudice nazionale ad adeguarsi alla pronuncia della Corte Internazionale di Giustizia anche quando essa ha stabilito l’obbligo del giudice italiano di negare la propria giurisdizione di cognizione nella causa civile di risarcimento del danno per crimini contro l’umanità commessi “iure imperii” dal Terzo Reich nel territorio italiano.

Ancora una volta, spetta ad un giudice invocare il rispetto dei diritti fondamentali della persona quale limite al potere sovrano degli Stati, fino al punto di superare il principio consuetudinario generalmente riconosciuto dell’immunità giurisdizionale degli Stati.

Alla Consulta la parola!

 

27 gennaio 2014
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Atlante delle stragi, debito tedesco e crediti italiani
Atlante delle stragi, debito tedesco e crediti italiani
di Luca Baiada
Alcune riflessioni sull'iniziativa, approvata da vari e sostenuta finanziariamente dalla Germania, per catalogare le uccisioni commesse durante l'occupazione dei tedeschi, con o senza l’aiuto di fascisti italiani
28 ottobre 2016
Tribunale di Firenze e crimini di guerra: i semi evolutivi mettono radici
L’armadio invisibile
L’armadio invisibile
di Luca Baiada
Ancora silenzi sulle stragi nazifasciste in Italia
27 gennaio 2016
Non solo crimini nazisti
Non solo crimini nazisti
L’attualità della sentenza 238/2014 della Corte Costituzionale per gli atti di terrorismo internazionale
12 gennaio 2016
Il Tribunale di Firenze e i risarcimenti per crimini di guerra: questo processo non s’ha da fare
Crimini nazisti, le prime sentenze di merito dopo la 238/2014 della Corte Costituzionale
Crimini nazisti, le prime sentenze di merito dopo la 238/2014 della Corte Costituzionale
Il Tribunale di Firenze accerta la giurisdizione civile italiana e condanna la Germania
6 luglio 2015
Crimini del Terzo Reich: l'ultima mediazione, dopo la 238/2014 della Corte Costituzionale
Ancora sull'ordinanza del Tribunale di Firenze sui crimini di guerra nazisti
di Francesco Berti Arnoaldi Veli
Un altro commento sul provvedimento che dubita della legittimità costituzionale delle norme che escludono la giurisdizione nel caso dei crimini di guerra commessi in Italia
11 aprile 2014
L’accesso alla giustizia per i crimini contro l’umanità commessi da uno Stato estero
di Franco De Stefano
Nessun diritto fondamentale è adeguatamente protetto se al suo titolare non venga assicurata quanto meno una tutela a posteriori, in termini di risarcimento non meramente simbolico
18 marzo 2014
Newsletter


Fascicolo 1/2019
Populismo e diritto
Giurisprudenza e documenti
Le ordinanze prefettizie limitative della libertà di movimento nelle “zone rosse” *
di Giacomo Cresci
È stata di recente inaugurata a Firenze e Bologna una nuova frontiera nell’esercizio dei poteri di polizia con riflessi sui principi cardine di un ordinamento democratico: ma l’ordinanza prefettizia del Prefetto di Firenze, limitativa della libertà di movimento a seguito di mera denuncia, è stata annullata dal Tar Toscana con la decisione che si commenta
10 giugno 2019
Elezione di domicilio e conoscenza del procedimento: la parola passa alle Sezioni unite
Elezione di domicilio e conoscenza del procedimento: la parola passa alle Sezioni unite
di Federico Piccichè
Le Sezioni unite chiamate a pronunciarsi sulla validità della dichiarazione di assenza basata su un’elezione di domicilio presso difensore d’ufficio nominato dalla polizia giudiziaria in sede di identificazione. Nota a Cassazione Penale, Sez. 1, ordinanza 29 gennaio 2019 (dep. 1 marzo 2019), n. 9114, Pres. Mazzei, Rel. Siani
27 maggio 2019
Responsabilità dello Stato per omissioni nell’attività di indagine da parte del pubblico ministero: il ruolo chiave dell’indagine sul nesso causale
Responsabilità dello Stato per omissioni nell’attività di indagine da parte del pubblico ministero: il ruolo chiave dell’indagine sul nesso causale
di Alessandro Palmieri
La sentenza della Corte d'Appello di Messina (19 marzo 2019) ha operato una significativa correzione di rotta rispetto alla decisione di primo grado da cui emergeva una visione dell’illecito aquiliano eccessivamente penalizzante per il pm e offre lo spunto per un contributo al dibattito sulla responsabilità civile per asserite carenze dei magistrati impegnati nelle indagini
15 maggio 2019
Contrasti giurisprudenziali sull'interpretazione e applicazione delle leggi di contrasto al neofascismo
Contrasti giurisprudenziali sull'interpretazione e applicazione delle leggi di contrasto al neofascismo
di Carlo Brusco
Il contrasto giurisprudenziale creatosi tra le due sentenze emesse dal Tribunale di Milano è occasione per una ricostruzione normativa e giurisprudenziale (di merito e di legittimità) sull’interpretazione e applicazione delle leggi di contrasto al neofascismo. Esiste una via interpretativa che consente in futuro di superare possibili contrasti giurisprudenziali?
14 maggio 2019
La genitorialità e la gestazione per altri. L'intervento delle Sezioni unite
La genitorialità e la gestazione per altri. L'intervento delle Sezioni unite
di Maria Acierno* e Stefano Celentano**
Una prima illustrazione dei contenuti e dei principi espressi dalle Sezioni unite che negano l’iscrizione in Italia di pronuncia straniera che ha riconosciuto lo status di genitore al componente della coppia omosessuale a seguito di maternità surrogata
14 maggio 2019
Parole in libertà, parole e libertà: la carica deontica dei diritti e i limiti istituzionali alla tolleranzaCommento a Tar Piemonte n. 447/2019
Parole in libertà, parole e libertà: la carica deontica dei diritti e i limiti istituzionali alla tolleranza
Commento a Tar Piemonte n. 447/2019
di Ilario Nasso
Il giudice amministrativo trova occasione per ribadire che «i valori dell’antifascismo e della Resistenza e il ripudio dell’ideologia autoritaria propria del ventennio fascista sono valori fondanti la Costituzione repubblicana del 1948»: sì che l’adesione a quest’ultima risulta svuotata di contenuti e di valenza sostanziale e simbolica se accompagnata dal rifiuto di quei valori che alla Costituzione hanno dato origine e che sono ad essa sottesi
3 maggio 2019