home search menu
di Donatella Stasio
Appunti a margine del Congresso Anm. Troppo intrattenimento e poco dibattito politico interno fanno “galleggiare” le sfide in agenda
Appunti a margine del Congresso Anm. Troppo intrattenimento e poco dibattito politico interno fanno “galleggiare” le sfide in agenda
Il format prescelto ha finito per impoverire il Congresso privandolo della voce della “base” sui temi proposti, ma ha anche privato i presenti e la dirigenza dell’Anm di una possibile chiave di lettura dell’universo togato in un periodo non meno delicato (anzi, forse più delicato) di quello del ventennio berlusconiano

Perché questa rubrica

27 aprile 2017

Inizia oggi, con il primo articolo della nuova rubrica Controcanto, la collaborazione di Questione Giustizia e di Magistratura democratica con Donatella Stasio, una delle voci più autorevoli del giornalismo italiano (cronista di politica giudiziaria per più di 30 anni a Il Sole24Ore) e più significative del dibattito politico-culturale sui temi della giustizia e della politica giudiziaria.

continua

Se dovessi riassumere con una parola le giornate del XXXIII Congresso dell’Associazione nazionale magistrati, quella parola sarebbe intrattenimento, seppure culturale. È, infatti, con la sensazione di aver assistito ad un mega-convegno, se non ad un talk show, che sono ripartita da Siena. Malgrado l’importanza dei temi all’ordine del giorno e degli spunti di discussione lanciati dal presidente Eugenio Albamonte nella sua bella relazione di apertura (i nuovi diritti e il vuoto legislativo, il dovere di comunicare da parte della giustizia, il ruolo sociale del giudice, il rischio di un nuovo carrierismo, il calo di fiducia nella giustizia e molti altri ancora), e nonostante la difficile transizione che la magistratura attraversa, l’Anm ha optato per un format più simile, appunto, ad un talk show o comunque a un mega-convegno, che non ad un congresso. Sempre che per congresso si intenda ancora un luogo aperto al confronto e al dibattito politico interno, non per questo separato dalla società e, quindi, chiuso al confronto e al dialogo con altri soggetti (nella fattispecie: politica, avvocatura, media).

Per la verità, la formula dell’intrattenimento culturale già aveva cominciato a fare capolino in passato, in particolare nel Congresso di Bari del 2015; ma stavolta è stata enfatizzata in un programma scandito da una sequenza di “tavole rotonde”, per di più a scatola chiusa, che hanno impedito o comunque depotenziato il dibattito politico interno. Laddove sarebbe stato invece molto interessante – per non dire essenziale – ascoltare la voce della cosiddetta base o dei più giovani (visto che i veterani sono stati ormai prepensionati) sui temi in agenda proposti, tutti molto importanti per capire il sentiment (si direbbe in qualche talk show) della magistratura 2.0 e la direzione in cui essa si muove.

Quella voce, però, non si è sentita. Non come ci si aspettava. E nonostante l’assoluto interesse di alcuni interventi esterni (penso in particolare a quelli di Beppino Englaro sul fine vita, di Cecilia d’Elia sulle nuove famiglie, di Filippo Miraglia e Marco Tarquinio sullo ius soli nella tavola rotonda sulle «Nuove domande di giustizia»), questo silenzio ha impoverito il congresso, privando i presenti, le toghe partecipanti, ma anche la stessa dirigenza dell’Anm, di una possibile chiave di lettura dell’universo togato in un periodo non meno delicato (anzi, forse più delicato) di quello del ventennio berlusconiano.

È stato come se i temi del Congresso e gli spunti di Albamonte – ancorché ripresi nella mozione finale – avessero galleggiato per tre giorni negli storici teatri e palazzi senesi senza alcuna possibilità di coglierne il grado di effettiva condivisione, di critica e in qualche caso persino di consapevolezza fra i magistrati presenti.

Né a tal fine è stato d’aiuto l’applausometro. È difficile capire, ad esempio, che cosa avessero in comune il lungo applauso alla segretaria di Md Mariarosaria Guglielmi al termine di un intervento politico – peraltro non in programma – molto denso e riflessivo e, di lì a poco, l’applauso – peraltro isolato – al leader di Autonomia e Indipendenza Piercamillo Davigo quando ha sbrigativamente definito il corso da dirigente alla Scuola superiore della magistratura «la cosa più inutile che abbia mai fatto».

Tra l’altro: è vero (come hanno scritto molti giornali) che quella platea non ha mai applaudito Davigo nella quasi mezz’ora di intervento (sebbene, da buon oratore, l’ex presidente dell’Anm abbia più di una volta cercato l’applauso) e, anzi, lo ha quasi fischiato in dirittura d’arrivo quando lui ha detto di non essere lì per fare campagna elettorale; ma è altrettanto vero che la stessa platea si era appena spellata le mani con il grillino Alfonso Bonafede e con il giornalista Peter Gomez sul terreno “popolare” del “no” ai magistrati in politica e della “certezza della pena”.

Una platea insondabile, dunque. Erratica, oscillante, apparentemente distaccata. Una platea che non si è scaldata durante l’ampia relazione di Albamonte, applaudito soltanto alla fine laddove i suoi predecessori sono sempre stati interrotti dagli applausi (basta rileggersi le cronache dei precedenti congressi). E che è rimasta impassibilmente misurata anche mentre Albamonte tirava seriamente le fila della tavola rotonda «Magistratura, politica ed informazione» condotta invece dal moderatore all’insegna più del «divertimento» (testuale) che dell’approfondimento. E chissà, forse è solo in questa chiave (il divertimento) che va letto l’applauso prolungato (quasi empatico, però) per Gianfranco Rotondi quando ha detto «Noi Dc apparteniamo all’eternità»; oppure quello tributato a Gomez quando ha proposto di «decidere un codice straniero a caso e di prendercelo» perché sarebbe sicuramente migliore del nostro. Del resto, che dire del successo riscosso sempre da Gomez quando ha invocato «più carceri e certezza della pena»? Per non parlare del plauso ricevuto da tutti gli oratori che – giocando sul sicuro – hanno cavalcato la causa dei magistrati fuori dalla politica, se non alla condizione di non fare più ritorno in magistratura; con l’unica eccezione di David Ermini (Pd), che ha ammesso di andare «controcorrente» riconoscendo che la politica ha bisogno anche di buoni magistrati in Parlamento. Sortita impopolare, la sua. A differenza di quella, applauditissima, del pentastellato Bonafede sul caso Tenaglia (ex parlamentare del centrosinistra fino al 2013, appena nominato dal Csm presidente del Tribunale di Pordenone), citato come «cattivo esempio» di magistrati che fanno carriera “grazie” alla politica.

Certo, nei Congressi dell’Anm non si eleggono cariche direttive e anche per questo la formula è sempre stata, giustamente, aperta. Ma, a memoria di chi li segue da una trentina di anni, mai come stavolta le “tavole rotonde” si sono susseguite a un ritmo tale da strozzare – per non dire ammazzare – gli interventi fuorisacco. Può darsi che sia una strategia mediatica – qualcuno dice un’astuzia – dei gruppi dirigenti per narcotizzare o incanalare il dibattito politico interno. Certo non è un modo per incentivare la partecipazione (so di tanti magistrati che hanno disertato Siena per questo motivo). Ma soprattutto è un modo per snaturare il Congresso dell’Anm, che dovrebbe pur sempre rimanere luogo di confronto, riflessione ed elaborazione comune (al di là delle diverse visioni e divisioni) fra le molteplici voci della magistratura sui problemi che la riguardano, oggi non meno importanti di quelli che l’hanno attraversata in passato. Di questi luoghi – di confronto, ascolto ed elaborazione politica – c’è più che mai bisogno nell’epoca dei dibattiti virtuali e dei talk show ad oltranza, per resistere al fascino dilagante del disimpegno e del galleggiamento intellettuale e per costruire invece un impegno consapevole e corale.

 Donatella Stasio

30 ottobre 2017
Lo sguardo che manca alla giustizia
Lo sguardo che manca alla giustizia
di Donatella Stasio
Il film «Sulla mia pelle», che racconta la vicenda di Stefano Cucchi, sollecita molte riflessioni tra cui quella sull’impersonalità (brutale) delle istituzioni, compresa la giustizia, e sulle sue ricadute negative nel rapporto di fiducia con i cittadini. Un problema antico ma ricorrente e cruciale nella vita delle istituzioni, di cui i magistrati devono farsi carico con i loro comportamenti. Secondo Piero Calamandrei, bisogna che «anche nel processo circoli questo senso di fiducia, di solidarietà e di umanità, che è in tutti i campi lo spirito animatore della democrazia»
18 settembre 2018
L’utopia di Riace, città invisibile dove si respira la cittadinanza costituzionale
L’utopia di Riace, città invisibile dove si respira la cittadinanza costituzionale
di Donatella Stasio
Modello esemplare di accoglienza, riconosciuto e studiato in tutto il mondo, il piccolo borgo della Locride è una comunità multietnica dove attualmente convivono 1700 riacesi con 400 migranti, e dove si respira un vero sentimento di appartenenza e di condivisione ai valori della solidarietà, dell’uguaglianza e del rispetto della dignità umana. Un esempio tangibile di “cittadinanza costituzionale”. Eppure, dalla fine del 2016 il Ministero dell’interno e la Prefettura di Reggio Calabria hanno bloccato i fondi per i rifugiati sulla base di presunte “criticità” rilevate da alcune ispezioni (al contrario di altre di segno positivo), che hanno comportato l’apertura di un’indagine penale, ma che sembrerebbero parzialmente superate dalla riattivazione, proprio nei giorni scorsi, dei finanziamenti relativi agli ultimi tre mesi del 2016. Intanto, ad agosto è partita una raccolta di fondi (aperta fino a dicembre) che in meno di un mese era già arrivata a 215mila euro
3 settembre 2018
“Lunga vita alle correnti!”. La lezione di Gabriella Luccioli
“Lunga vita alle correnti!”. La lezione di Gabriella Luccioli
di Donatella Stasio
L’autrice di Diario di una giudice – vincitrice del premio Ripdico 2018-Scrittori per la giustizia – sfida l’impopolarità e rivendica il valore delle correnti come luoghi di elaborazione di principi e di visioni. Auspica un ritorno al «clima di Gardone», quando la magistratura cambiò passo e respiro sul proprio ruolo e sull’importanza del pluralismo interno, ma avverte una pericolosa distanza della magistratura, e delle donne magistrate, da quel patrimonio
19 luglio 2018
La fuga delle donne dalla magistratura e l’impegno per recuperare fiducia, non per rincorrere il consenso
La fuga delle donne dalla magistratura e l’impegno per recuperare fiducia, non per rincorrere il consenso
di Donatella Stasio
A differenza degli uomini, per le donne aumenta il numero delle uscite prima dell’età pensionabile: su un totale di 298 dimissioni da ottobre 2014 (quasi 7 al mese), 109 riguardano le donne, soprattutto tra i 60 e i 65 anni. Molteplici le motivazioni, che impongono una maggiore presenza femminile nei luoghi del potere, come Csm e uffici direttivi, necessaria anche per uscire dalla pericolosa crisi di fiducia che investe la magistratura, il Csm, la giustizia
2 luglio 2018
Taglio dei Tribunalini, la voglia di tornare al passato e i silenzi dell’Anm
Taglio dei Tribunalini, la voglia di tornare al passato e i silenzi dell’Anm
di Donatella Stasio
Nel «contratto per il Governo del cambiamento» si dice che «occorre rivisitare la geografia giudiziaria, modificando la riforma del 2012». Ma dal 2014 ad oggi quella riforma ha fatto risparmiare 70 milioni di euro all’anno e ha contribuito a ridurre la durata delle cause civili da 478 giorni a 375, compresi i procedimenti per decreto ingiuntivo, senza i quali, invece, secondo il ministero della Giustizia si è comunque passati da 1044 giorni a 914. Perché l’Anm tace e non difende quella epocale riforma?
18 giugno 2018
Carcere e recidiva, l'offensiva controle statistiche per fermareil cambiamento (vero)*
Carcere e recidiva, l'offensiva contro
le statistiche per fermare
il cambiamento (vero)*
di Donatella Stasio
La campagna contro il cambiamento maturato negli ultimi dieci anni sul carcere parte dalla recidiva, con il tentativo maldestro di delegittimare gli studi statistici, cioè uno degli argomenti più forti per una politica penitenziaria onesta, impostata su misure alternative e carcere aperto
28 maggio 2018
Monza e la Brianza scommettono sull’articolo 27 della Costituzione 
e investono sulla risocializzazione dei detenuti per migliorare la sicurezza
Monza e la Brianza scommettono sull’articolo 27 della Costituzione e investono sulla risocializzazione dei detenuti per migliorare la sicurezza
di Donatella Stasio
Contro la demagogia che ha portato alla paralisi della riforma penitenziaria, il 14 maggio, nel Tribunale di Monza, verrà firmato un Protocollo d’intenti tra giudici, pm, carcere, imprese, avvocati, commercialisti, Comune, Provincia, Prefettura, ufficio dei minorenni, per la creazione di una Rete che favorisca, attraverso formazione, lavoro, cultura, il reinserimento sociale di detenuti ed ex detenuti, anche minorenni.
11 maggio 2018
“Autonomia e indipendenza sotto attacco”? Toghe contro toghe in un gioco (quasi) al massacro
“Autonomia e indipendenza sotto attacco”? Toghe contro toghe in un gioco (quasi) al massacro
di Donatella Stasio
La narrazione della magistratura e del suo autogoverno affidata a libri, talk-show e media è di tale gravità e violenza da configurare un’emergenza democratica. Ma è davvero così? O è solo il frutto del clima elettorale e di vicende personali drammatizzate? Il rischio, però, è la perdita di credibilità della giurisdizione. Che è un bene comune e non dei soli magistrati.
26 aprile 2018
Carcere e intercettazioni: la magistratura sia protagonista del cambiamento
Carcere e intercettazioni: la magistratura sia protagonista del cambiamento
di Donatella Stasio
Le due riforme sono in bilico e solo nei prossimi giorni se ne conoscerà la sorte. A rischio soprattutto le nuove norme sugli ascolti, anche per il largo fronte contrario, che va da Lega e 5 Stelle a magistrati, avvocati e stampa
6 aprile 2018
Il “ruolo sociale” del giurista impone una comunicazione più inclusiva*
Il “ruolo sociale” del giurista impone una comunicazione più inclusiva*
di Donatella Stasio*
Il giurista non può chiamarsi fuori dalla responsabilità di comunicare, e di farlo in modo inclusivo, per testimoniare “la coscienza del nostro stare insieme” ed essere protagonista della “nostra storia comune”
23 marzo 2018

Perché questa rubrica

27 aprile 2017

Inizia oggi, con il primo articolo della nuova rubrica Controcanto, la collaborazione di Questione Giustizia e di Magistratura democratica con Donatella Stasio, una delle voci più autorevoli del giornalismo italiano (cronista di politica giudiziaria per più di 30 anni a Il Sole24Ore) e più significative del dibattito politico-culturale sui temi della giustizia e della politica giudiziaria.

Con questa collaborazione Magistratura democratica e Questione Giustizia hanno scelto di aprire, sui siti on-line, una finestra sull’esterno dalla quale scorgere con più attenzione e consapevolezza cosa accade fuori dalla magistratura e dalla quale essere visti, osservati, criticati anche radicalmente.

In linea con le indicazioni venute dal congresso di Bologna del novembre 2016, abbiamo scelto, da un lato, di rivitalizzare un metodo di confronto ed elaborazione e, dall’altro, di arricchire il dibattito interno alla magistratura, tenendo viva l’attenzione verso le più complesse dinamiche della società in cui si inserisce l’intervento giudiziario. Siamo infatti consapevoli che solo questa attenzione può contrastare dinamiche di chiusura e di autoreferenzialità della magistratura, da ultimo riemerse anche nel confronto associativo.

 

continua

 

Lo sguardo che manca alla giustizia
Lo sguardo che manca alla giustizia
di Donatella Stasio
Il film «Sulla mia pelle», che racconta la vicenda di Stefano Cucchi, sollecita molte riflessioni tra cui quella sull’impersonalità (brutale) delle istituzioni, compresa la giustizia, e sulle sue ricadute negative nel rapporto di fiducia con i cittadini. Un problema antico ma ricorrente e cruciale nella vita delle istituzioni, di cui i magistrati devono farsi carico con i loro comportamenti. Secondo Piero Calamandrei, bisogna che «anche nel processo circoli questo senso di fiducia, di solidarietà e di umanità, che è in tutti i campi lo spirito animatore della democrazia»
18 settembre 2018
L’utopia di Riace, città invisibile dove si respira la cittadinanza costituzionale
L’utopia di Riace, città invisibile dove si respira la cittadinanza costituzionale
di Donatella Stasio
Modello esemplare di accoglienza, riconosciuto e studiato in tutto il mondo, il piccolo borgo della Locride è una comunità multietnica dove attualmente convivono 1700 riacesi con 400 migranti, e dove si respira un vero sentimento di appartenenza e di condivisione ai valori della solidarietà, dell’uguaglianza e del rispetto della dignità umana. Un esempio tangibile di “cittadinanza costituzionale”. Eppure, dalla fine del 2016 il Ministero dell’interno e la Prefettura di Reggio Calabria hanno bloccato i fondi per i rifugiati sulla base di presunte “criticità” rilevate da alcune ispezioni (al contrario di altre di segno positivo), che hanno comportato l’apertura di un’indagine penale, ma che sembrerebbero parzialmente superate dalla riattivazione, proprio nei giorni scorsi, dei finanziamenti relativi agli ultimi tre mesi del 2016. Intanto, ad agosto è partita una raccolta di fondi (aperta fino a dicembre) che in meno di un mese era già arrivata a 215mila euro
3 settembre 2018
“Lunga vita alle correnti!”. La lezione di Gabriella Luccioli
“Lunga vita alle correnti!”. La lezione di Gabriella Luccioli
di Donatella Stasio
L’autrice di Diario di una giudice – vincitrice del premio Ripdico 2018-Scrittori per la giustizia – sfida l’impopolarità e rivendica il valore delle correnti come luoghi di elaborazione di principi e di visioni. Auspica un ritorno al «clima di Gardone», quando la magistratura cambiò passo e respiro sul proprio ruolo e sull’importanza del pluralismo interno, ma avverte una pericolosa distanza della magistratura, e delle donne magistrate, da quel patrimonio
19 luglio 2018
La fuga delle donne dalla magistratura e l’impegno per recuperare fiducia, non per rincorrere il consenso
La fuga delle donne dalla magistratura e l’impegno per recuperare fiducia, non per rincorrere il consenso
di Donatella Stasio
A differenza degli uomini, per le donne aumenta il numero delle uscite prima dell’età pensionabile: su un totale di 298 dimissioni da ottobre 2014 (quasi 7 al mese), 109 riguardano le donne, soprattutto tra i 60 e i 65 anni. Molteplici le motivazioni, che impongono una maggiore presenza femminile nei luoghi del potere, come Csm e uffici direttivi, necessaria anche per uscire dalla pericolosa crisi di fiducia che investe la magistratura, il Csm, la giustizia
2 luglio 2018
Taglio dei Tribunalini, la voglia di tornare al passato e i silenzi dell’Anm
Taglio dei Tribunalini, la voglia di tornare al passato e i silenzi dell’Anm
di Donatella Stasio
Nel «contratto per il Governo del cambiamento» si dice che «occorre rivisitare la geografia giudiziaria, modificando la riforma del 2012». Ma dal 2014 ad oggi quella riforma ha fatto risparmiare 70 milioni di euro all’anno e ha contribuito a ridurre la durata delle cause civili da 478 giorni a 375, compresi i procedimenti per decreto ingiuntivo, senza i quali, invece, secondo il ministero della Giustizia si è comunque passati da 1044 giorni a 914. Perché l’Anm tace e non difende quella epocale riforma?
18 giugno 2018
Carcere e recidiva, l'offensiva controle statistiche per fermareil cambiamento (vero)*
Carcere e recidiva, l'offensiva contro
le statistiche per fermare
il cambiamento (vero)*
di Donatella Stasio
La campagna contro il cambiamento maturato negli ultimi dieci anni sul carcere parte dalla recidiva, con il tentativo maldestro di delegittimare gli studi statistici, cioè uno degli argomenti più forti per una politica penitenziaria onesta, impostata su misure alternative e carcere aperto
28 maggio 2018