home search menu
di Donatella Stasio
“Autonomia e indipendenza sotto attacco”? Toghe contro toghe in un gioco (quasi) al massacro
“Autonomia e indipendenza sotto attacco”? Toghe contro toghe in un gioco (quasi) al massacro
La narrazione della magistratura e del suo autogoverno affidata a libri, talk-show e media è di tale gravità e violenza da configurare un’emergenza democratica. Ma è davvero così? O è solo il frutto del clima elettorale e di vicende personali drammatizzate? Il rischio, però, è la perdita di credibilità della giurisdizione. Che è un bene comune e non dei soli magistrati.

Perché questa rubrica

27 aprile 2017

Inizia oggi, con il primo articolo della nuova rubrica Controcanto, la collaborazione di Questione Giustizia e di Magistratura democratica con Donatella Stasio, una delle voci più autorevoli del giornalismo italiano (cronista di politica giudiziaria per più di 30 anni a Il Sole24Ore) e più significative del dibattito politico-culturale sui temi della giustizia e della politica giudiziaria.

continua

«I magistrati si mangiano vivi come scorpioni in una bottiglia

screditando irresponsabilmente la stessa Funzione Giudiziaria»

Giuseppe D’Avanzo, 9 dicembre 2008

***

Una magistratura insabbiatrice, sensibile al potere politico ed economico, intimidita, sottomessa alle gerarchie giudiziarie e alla politica. Magistrati omertosi, e che hanno paura di esprimere opinioni per le ricadute sulla loro carriera.

Un Csm che gestisce le nomine agli uffici direttivi con metodi mafiosi, modo colorito per dire metodi per nulla trasparenti; precipitato in un baratro morale, sempre più in balìa del sistema parallelo delle correnti dell’Anm, veri e propri centri di potere che hanno occupato l’organo di autogoverno in tutte le sezioni, fanno quello che vogliono con spregiudicatezza, alimentano il carrierismo. Un Csm che − sacrificando e infangando la reputazione di un magistrato estraneo ad ogni corrente, che non aveva mai commesso errori – ha puntato − con la collaborazione dell’ex presidente della Repubblica Giorgio Napolitano − alla gerarchizzazione degli Uffici di procura, riducendo in modo drastico l’autonomia della funzione requirente e aumentando la discrezionalità del capo.

Correnti dell’Anm simili a un tumore, con poteri di vita e di morte sui giudici, che hanno raggiunto ogni singolo ganglio dell’istituzione giudiziaria (dai dirigenti degli uffici ai Consigli giudiziari, dal Csm alla Scuola della magistratura, dal Massimario alla Commissione di concorso Mot), i cui attivisti sono i soli a fare carriera.

Un’Anm responsabile del carrierismo drogato e del produttivismo mortificante, usato come clava disciplinare sui riottosi.

E infine: la Procura di Milano ridotta a copia dell’Agenzia delle entrate, dove ormai non si fa più neanche un’inchiesta sulla corruzione. Una Procura guidata per cinque anni da un magistrato autoritario senza meriti professionali ma con una grande conoscenza dei palazzi delle istituzioni, che ha piegato norme interne, decisioni, codici, privilegiando la sensibilità istituzionale all’applicazione della legge, bloccando indagini politicamente rilevanti che potevano far male a politica ed economia, ostacolando l’esercizio autonomo e indipendente della giustizia, nel silenzio generale dei suoi sostituti. Un ufficio dove in quegli anni circolavano funzionari infedeli, servizi segreti, faccendieri.

Una magistratura sotto attacco nella sua autonomia e indipendenza…

Anche in assenza di virgolette, è con queste parole, e con toni e sfumature diversi ma sostanzialmente analoghi, che viene rappresentata pubblicamente la magistratura italiana da alcuni magistrati più o meno noti. Una narrazione affidata a libri, talk-show, interviste, media, che non può non destare preoccupazione. Di più. Allarme.

Se questa fosse realmente la fotografia della magistratura italiana, ogni cittadino dovrebbe sentirsi addirittura in pericolo, per se stesso e per la tenuta dello Stato costituzionale di diritto, di cui la giurisdizione è un pilastro fondamentale.

Se questo fosse davvero lo stato della magistratura italiana, il presidente della Repubblica – che è anche presidente del Csm − dovrebbe immediatamente intervenire per ripristinare la legalità costituzionale evidentemente violata, a garanzia dei cittadini italiani.

Se così stessero le cose, ogni ulteriore giorno di silenzio da parte di ciascun magistrato lo renderebbe corresponsabile di una situazione gravissima e intollerabile.

Saremmo insomma in una vera emergenza democratica.

Ma le cose stanno realmente così?

Alcune delle denunce su riferite ricordano quelle lanciate qualche anno fa dall’ex premier Silvio Berlusconi e dalla sua parte politica, contro le quali si mobilitarono non solo tutta la magistratura ma anche molti cittadini, riempiendo le piazze della Penisola. Stiamo parlando di una ventina di anni fa, non della preistoria. Una reazione sana e doverosa, per un’istituzione – la magistratura – che al di là di errori e criticità rappresentava un corpo sano e vitale della nostra democrazia. La magistratura per prima seppe arginare, in modo convinto e convincente, gli attacchi alle correnti e ai magistrati (le cosiddette toghe rosse) rei di fare soltanto il loro dovere; le accuse di politicizzazione contro la giurisdizione, in particolare contro la Procura di Milano; le reiterate offensive per erodere la discrezionalità delle toghe e per trasformare il Csm in un organo amministrativo. Ben chiara era la consapevolezza del danno derivante da parole fortemente delegittimanti per l’istituzione. Parole pesanti come pietre, capaci di distruggere l’indispensabile fiducia dei cittadini nella giustizia e in chi la amministra, ben al di là delle criticità del sistema dell’autogoverno e del servizio. Parole capaci di trasformarsi realmente in politiche della giustizia e che perciò rappresentavano un pericolo concreto.

Tornando all’oggi, le accuse vengono dall’interno della stessa magistratura, e sono violente. Riflessione autocritica o regolamento dei conti? Certo è che questo scuotere l’albero rischia di lasciarlo completamente nudo perché nel mirino c’è il Csm e il principio di rappresentanza. Dunque, la Costituzione.

Le parole usate da chi denuncia quanto sopra sono talmente pesanti che non viene affatto in discussione il diritto di pronunciarle (con toni analoghi o diversi) quanto, piuttosto, il dovere di dimostrarle puntualmente e quello di reagire a una realtà che – se fosse esattamente nei termini descritti, ancorché coloriti – sarebbe assolutamente al di fuori di qualunque legalità costituzionale e imporrebbe, quindi, una mobilitazione persino maggiore di quella del ventennio berlusconiano.

Non si può scherzare con il fuoco, perché ci si brucia. Qui si rischia di bruciare la giurisdizione poiché l’accusa di parzialità è la peggiore che si possa rivolgere a un magistrato. E con la credibilità dell’istituzione va in fumo anche la fiducia dei cittadini nella giustizia.

Come cittadina, mi attenderei una mobilitazione e, prima ancora, un’assunzione di responsabilità da parte di chi formula tali accuse e di chi le condivide, affinché sia scongiurato il rischio paventato, e cioè che la giustizia sia effettivamente “sotto attacco”, nel senso che i magistrati non siano più autonomi e indipendenti [1]. Altro che paura di parlare!

Il fatto che finora, però, non vi sia stata alcuna reazione e tanto meno mobilitazione, a partire dagli stessi magistrati, induce a ritenere che parole e toni risentano forse del clima elettorale (a luglio si vota per il Csm) o che siano frutto di vicende personali drammatizzate, ritenute paradigmatiche di un malcostume, peraltro privo di riscontri e anzi smentito da fiumi di atti ufficiali.

L’assenza di reazioni e di iniziative, insomma, lascia pensare che questo pericolo non sia così incombente – malgrado la durezza di parole, toni, accuse − e che la magistratura non sia così come viene descritta né tanto meno il Csm, l’Anm e le correnti. E ciò al netto di errori, criticità, difetti. Che ci sono, di cui si discute da tempo e che vanno affrontati. Ma in modo costruttivo, scongiurando delegittimazioni dell’istituzione e soprattutto evitando di minare in modo irreversibile la fiducia dei cittadini nella magistratura.

Senza mai dimenticare che dietro sigle come Anm, Unicost, Magistratura indipendente, Area, Magistratura democratica, Movimento per la Giustizia, Autonomia e indipendenza, dietro sistemi elettorali o regole di ogni natura ci sono sempre uomini e donne. E se anche venissero cancellate tutte le correnti, se anche i criteri di nomina dei direttivi venissero cambiati o sostituiti con automatismi e rotazioni, se anche si andasse al voto dei togati del Csm con il sorteggio o lanciando i dadi, alla fine sarebbero sempre uomini e donne a interpretare regole, criteri, potere. E a prendere decisioni, destinate comunque a scontentare qualcuno, e, quindi, a diventare impopolari.

Non c’è regoletta che possa sottrarre uomini e donne alla responsabilità dei propri comportamenti. Ma è l’etica della responsabilità che forse va rifondata, in una magistratura che, specularmente alla politica, oggi sembra allo sbando, pericolosamente attratta da un populismo giudiziario che fa pendant con quello politico. Oggi, la storia – del Paese come della magistratura – è quella raccontata nei talk-show, che fa scorticare le mani per gli applausi e impedisce ogni diversa e ulteriore riflessione. La magistratura ha vissuto certamente stagioni migliori, ma di tutto ha bisogno, oggi, salvo che di perdere il senso della propria storia e i suoi forti riferimenti culturali, giocando alla delegittimazione reciproca con parole, toni ed espressioni di cui non v’è traccia neppure nei più violenti attacchi dell’era berlusconiana e di cui proprio i cittadini subiranno le dirette conseguenze.

Donatella Stasio



[1] Così riassume le varie denunce Riccardo Iacona, nel libro Palazzo di ingiustizia – Il caso Robledo e l’indipendenza della magistratura. Viaggio nelle Procure italiane, Marsilio editore. Questa la conclusione, a pagina 198: «Al di là delle vicissitudini personali che pure hanno attraversato i capitoli di questo libro, c’è un prima e un dopo Robledo. E il dopo che si sta profilando riguarda tutte le Procure e i Tribunali d’Italia: l’autonomia dei pm è di fatto sotto attacco. Non è mai stato facile portare a sentenza definitiva i colletti bianchi; nel dopo Robledo si rischia di non arrivare nemmeno al primo grado».

26 aprile 2018
Magistratura e società nell'Italia repubblicana
Magistratura e società nell'Italia repubblicana
di Carlo Brusco
La recensione al volume di Edmondo Bruti Liberati (Laterza, 2018), un’opera sistematica e bene informata che, forse, mancava nel panorama storico ricostruttivo delle vicende italiane che hanno legato magistratura e società nel secondo dopoguerra
12 gennaio 2019
Processo penale e riforme, una storia infinita. L’ultimo Controcanto sulle note della memoria
Processo penale e riforme, una storia infinita. L’ultimo Controcanto sulle note della memoria
di Donatella Stasio
Dal 1989 ad oggi sono state approvate più di cento modifiche al processo penale e ogni volta si ricomincia senza una visione organica e ideale ma solo in funzione dell’incapacità del sistema di garantire un processo democratico ed efficiente
7 gennaio 2019
Il giudice di fronte allo straniero
Il giudice di fronte allo straniero
di Luigi Zoja
Pubblichiamo la relazione tenuta dall'autore all'interno del corso Lo straniero davanti al giudice (Scuola superiore della magistratura - Firenze, 8 luglio 2015)
3 gennaio 2019
La cultura giuridica e le leggi razziali: avvocati e giudici ebrei. La giurisprudenza in materia razziale
La cultura giuridica e le leggi razziali: avvocati e giudici ebrei. La giurisprudenza in materia razziale
di Carlo Brusco
Il testo costituisce un capitolo, ancora in via di elaborazione, di un libro dedicato alle leggi razziali del 1938/1939 che verrà pubblicato, nell’80° anniversario della loro promulgazione, dalle Edizioni Gruppo Abele
22 dicembre 2018
Il valore dell’indipendenza al tempo delle leggi razziali *
di Olimpia Monaco
L’esempio di Mario Fioretti. Combattere l’immobilismo e l’assoggettamento della giurisdizione alla deriva autoritaria del potere politico significa – ieri come oggi – uscire allo scoperto contro lo “spirito del tempo”, infrangere l’autoreferenzialità e rifondare il rapporto tra legalità e giustizia
13 dicembre 2018
Sulla violazione del limite costituzionale della ragionevolezza nella disciplina delle incompatibilità di sede dei magistrati onorari
Sulla violazione del limite costituzionale della ragionevolezza nella disciplina delle incompatibilità di sede dei magistrati onorari
di Paola Bellone
Un esame della disciplina sulle incompatibilità di sede introdotte dal d.lgs 116/2017 per i giudici onorari di pace e i vice procuratori onorari, con particolare attenzione alle disposizioni che sollevano dubbi di legittimità costituzionale
5 dicembre 2018
Contro il malessere democratico, l’Italia ha bisogno del rugby. Il sogno di Giuseppe D’Avanzo
Contro il malessere democratico, l’Italia ha bisogno del rugby. Il sogno di Giuseppe D’Avanzo
di Donatella Stasio
In gran parte del mondo la democrazia non gode di buona salute e l’Italia non sembra da meno. I sintomi del malessere democratico risalgono ad almeno un decennio e D’Avanzo li aveva individuati. Come il rimedio per curarli
3 dicembre 2018
La magistratura al tempo delle leggi razziali *
di Piergiorgio Morosini
In un ritorno ciclico, sempre possibile, dello scarto tra giustizia e neutralità, l’ombra lunga delle leggi antiebraiche impone una rinnovata attenzione per l’assetto e i valori costituzionali. Poteri esercitati “per decreto”, remissività istituzionale, dichiarazioni di (non) appartenenza razziale sono sintomi di un’eclissi della coscienza − civile e collettiva − che porta alla persecuzione delle vite. Una lezione per il magistrato contemporaneo
28 novembre 2018
La legalità del male*
di Pasquale Serrao d’Aquino
Monito aperto al futuro e carico di implicazioni attuali, la memoria dei Giusti ha un suo capitolo illustre nella vita di quei magistrati che, mentre la dittatura fascista traeva linfa dalla declinazione giuridica e culturale della razza, sottrassero la portata dei diritti umani alla superficie ermeneutica e al silenzio, in difesa della democrazia
22 novembre 2018
Prescrizione & processo: solo l’etica ci salverà
Prescrizione & processo: solo l’etica ci salverà
di Donatella Stasio
Avvocati e Anm, divisi sulle proposte di riforma del processo penale e della prescrizione, concordano invece (ed è una novità) sulla pregiudizialità della prima rispetto alla seconda. Ma la diversa “visione” del processo rende la riforma impossibile. Oltre che inutile senza un cambio di passo dell’etica di tutti gli attori del processo
15 novembre 2018

Perché questa rubrica

27 aprile 2017

Inizia oggi, con il primo articolo della nuova rubrica Controcanto, la collaborazione di Questione Giustizia e di Magistratura democratica con Donatella Stasio, una delle voci più autorevoli del giornalismo italiano (cronista di politica giudiziaria per più di 30 anni a Il Sole24Ore) e più significative del dibattito politico-culturale sui temi della giustizia e della politica giudiziaria.

Con questa collaborazione Magistratura democratica e Questione Giustizia hanno scelto di aprire, sui siti on-line, una finestra sull’esterno dalla quale scorgere con più attenzione e consapevolezza cosa accade fuori dalla magistratura e dalla quale essere visti, osservati, criticati anche radicalmente.

In linea con le indicazioni venute dal congresso di Bologna del novembre 2016, abbiamo scelto, da un lato, di rivitalizzare un metodo di confronto ed elaborazione e, dall’altro, di arricchire il dibattito interno alla magistratura, tenendo viva l’attenzione verso le più complesse dinamiche della società in cui si inserisce l’intervento giudiziario. Siamo infatti consapevoli che solo questa attenzione può contrastare dinamiche di chiusura e di autoreferenzialità della magistratura, da ultimo riemerse anche nel confronto associativo.

 

continua

 

Processo penale e riforme, una storia infinita. L’ultimo Controcanto sulle note della memoria
Processo penale e riforme, una storia infinita. L’ultimo Controcanto sulle note della memoria
di Donatella Stasio
Dal 1989 ad oggi sono state approvate più di cento modifiche al processo penale e ogni volta si ricomincia senza una visione organica e ideale ma solo in funzione dell’incapacità del sistema di garantire un processo democratico ed efficiente
7 gennaio 2019
Contro il malessere democratico, l’Italia ha bisogno del rugby. Il sogno di Giuseppe D’Avanzo
Contro il malessere democratico, l’Italia ha bisogno del rugby. Il sogno di Giuseppe D’Avanzo
di Donatella Stasio
In gran parte del mondo la democrazia non gode di buona salute e l’Italia non sembra da meno. I sintomi del malessere democratico risalgono ad almeno un decennio e D’Avanzo li aveva individuati. Come il rimedio per curarli
3 dicembre 2018
Prescrizione & processo: solo l’etica ci salverà
Prescrizione & processo: solo l’etica ci salverà
di Donatella Stasio
Avvocati e Anm, divisi sulle proposte di riforma del processo penale e della prescrizione, concordano invece (ed è una novità) sulla pregiudizialità della prima rispetto alla seconda. Ma la diversa “visione” del processo rende la riforma impossibile. Oltre che inutile senza un cambio di passo dell’etica di tutti gli attori del processo
15 novembre 2018
La lezione di Dworkin: anche nella partita sulla sicurezza, la «briscola» è la tutela dei diritti fondamentali
La lezione di Dworkin: anche nella partita sulla sicurezza, la «briscola» è la tutela dei diritti fondamentali
di Donatella Stasio
Reati in calo, processi lenti, carceri affollate: un quadro che ci riporta indietro di dieci anni e riapre prospettive securitarie. Secondo il filosofo americano, il rispetto dei diritti umani non è un impiccio di cui liberarsi per placare la paura e riscuotere consensi
30 ottobre 2018
L’etica costituzionale come antidoto al conflitto tra legge e giustizia e alla disgregazione sociale
L’etica costituzionale come antidoto al conflitto tra legge e giustizia e alla disgregazione sociale
di Donatella Stasio
Piero Calamandrei spiegava che nei “grandi trapassi storici” il dissidio tra legge e giustizia si scarica sulla seconda e sulla motivazione dei suoi provvedimenti, con effetti negativi sulla fiducia dei cittadini. Anche oggi si profila un’analoga “crisi della giustizia” ma, come osserva Elvio Fassone, è l’etica costituzionale, ed il suo riconoscimento, che consente di ricomporre legge e giustizia
9 ottobre 2018
Lo sguardo che manca alla giustizia
Lo sguardo che manca alla giustizia
di Donatella Stasio
Il film «Sulla mia pelle», che racconta la vicenda di Stefano Cucchi, sollecita molte riflessioni tra cui quella sull’impersonalità (brutale) delle istituzioni, compresa la giustizia, e sulle sue ricadute negative nel rapporto di fiducia con i cittadini. Un problema antico ma ricorrente e cruciale nella vita delle istituzioni, di cui i magistrati devono farsi carico con i loro comportamenti. Secondo Piero Calamandrei, bisogna che «anche nel processo circoli questo senso di fiducia, di solidarietà e di umanità, che è in tutti i campi lo spirito animatore della democrazia»
18 settembre 2018