home search menu
<i>Dogman</i>, una scellerata storia di periferia
Magistratura e società
Dogman, una scellerata storia di periferia
di Patrizia Rautiis
sostituto procuratore generale presso la Corte di appello di Bari
Matteo Garrone, ispirato dalla vicenda romana del Canaro, torna con la sua macchina da presa sul litorale campano per tratteggiare un universo di violenza e degrado in cui Bene e Male finiscono per mescolarsi, perdendo i propri confini
<i>Dogman</i>, una scellerata storia di periferia
Il film è stato presentato al Festival di Cannes 2018, nella sezione "Concorso"

Un film importante come Dogman si presta a essere letto su diversi livelli. Quello socio-culturale è il più diretto. La narrazione ci porta in una orribile periferia romana, ma quello messo in scena potrebbe essere il contesto di una qualunque città del mondo. Il set – ahimè – è reale. Si tratta di un luogo della costa campana nei pressi di Castelvolturno, spettro residuo di uno di quei progetti faraonici di quartieri residenziali, che in Italia finiscono abbandonati a metà per essere poi dominati dalla criminalità. Solo brutture, degrado urbanistico, case e piedi affondati nel fango, ambienti sordidi e violenza. Tanta violenza, tanto fisica quanto morale. Ma il regista Matteo Garrone non ne fa bella mostra, non la espone in vetrina per attrarre sguardi e curiosità morbosi. La tiene per lo più sullo sfondo di un rapporto psicologico tra il toelettatore di cani, il povero cristo Marcello (Marcello Fonte, Palma d'oro all'ultimo Festival di Cannes) e il pericoloso bullo cocainomane Simone (Edoardo Pesce), tra quest’ultimo e l’intero quartiere suburbano, in cui spadroneggia, senza che alcuno trovi il coraggio di ribellarsi alle sue prevaricazioni, né di rivolgersi alla polizia. Lo Stato lì non c’è. Compare solo pochi minuti con le divise dei poliziotti, che non riescono a convincere Marcello, né alcun altro, che ci si può affidare a qualcuno che non sia il proprio aguzzino, che oltre quella miseria morale e materiale può esservi una vita diversa.

Garrone ci indica il punto più basso del “degrado umano”, quello più lontano da “estetica” ed “etica”, per dire che dove non vive l’una non può esservi l’altra.

Poi, a dispetto del degrado umano, c’è l’uomo, con i suoi mille insondabili misteri della mente e del cuore, il rapporto tenerissimo del dogman Marcello con la sua bambina (la piccola Alida Baldari Calabria) e con i cani di cui si prende cura. E con l’uomo c’è il bisogno di sottrarsi alle angherie, di ritrovare dignità e libertà, che in quel mondo sono perdute ancor prima di venire al mondo. C’è la sete di riscatto, sia pure malamente inteso come riconquista del rispetto degli altri più che di sé stesso. E qui, come spesso accade nella storia dell’uomo, il Bene e il Male finiscono per mescolarsi, per perdere a tratti i propri confini... E il giudizio, a quel punto, si fa difficile da formulare.

Della giustizia umana, che pure fu protagonista della vicenda del Canaro − da cui il film è liberamente tratto  non c’è traccia. Eppure mai come in questo racconto essa è inconsciamente evocata come l’unica possibilità dell’uomo per ritrovare la propria umanità.

2 giugno 2018
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
La casa sul mare, un film di Robert Guédiguian
La casa sul mare, un film di Robert Guédiguian
di Patrizia Papa
Il regista francese ci regala una storia di straordinaria bellezza, raccontata con delicatezza e asciuttezza. Un'opera in cui la trama si dipana perché ciascun personaggio possa riappropriarsi della sua storia e della vita. Mentre il treno sullo sfondo continuamente va e poi ritorna. Perché la vita non può fermarsi
26 maggio 2018
La giornata particolare di una giuria popolare
La giornata particolare di una giuria popolare
di Oscar Magi
Una nuova recensione per La convocazione di Enrico Maisto, un film in cui l'autore passa con naturalezza dalla narrazione del registro intimo e quotidiano dei convocati a comporre la giuria a quello solenne del giuramento finale in un crescendo emotivo e intenso.
3 febbraio 2018
La convocazione, un film civile
La convocazione, un film civile
di Ilio Mannucci Pacini
La recensione al documentario di Enrico Maisto, un'opera in cui sensazioni ed emozioni esprimono il punto di vista dei cittadini comuni sull’istituzione giudiziaria e sulla giustizia
20 gennaio 2018
Quando le ombre del carcere si allungano sugli affetti
Quando le ombre del carcere si allungano sugli affetti
di Fabio Gianfilippi
Guardando le “Ombre della sera”, un film di Valentina Esposito
18 novembre 2017
Pio Amato: un nome tenero in una vicenda dura. Da ricordare, comunque
Pio Amato: un nome tenero in una vicenda dura. Da ricordare, comunque
di Ennio Tomaselli
Riflessioni su A Ciambra, il film di Jonas Carpignano prodotto da Martin Scorsese
28 ottobre 2017
La Corte, un film di Christian Vincent
“La vita in comune” di Edoardo Winspeare
“La vita in comune” di Edoardo Winspeare
di Simonetta Rubino
La recensione all'ultimo film del regista salentino presentato alla 74esima Mostra del cinema di Venezia
16 settembre 2017
Manchester by the sea
Manchester by the sea
di Isabella Mariani
La recensione al film di Kenneth Lonergan, vincitore di due premi Oscar: miglior sceneggiatura originale, miglior attore protagonista per Casey Affleck
18 marzo 2017
Arrival, un film di Denis Villeneuve
Arrival, un film di Denis Villeneuve
di Bruno Capponi
Il circolo e il tempo sono le chiavi di lettura di quest'opera presentata all'ultimo Festival di Venezia
5 febbraio 2017
Lion, la strada verso casa
Lion, la strada verso casa
di Carla Spagnuolo
La ricchezza del film sta nel trattare in modo non didascalico il tema del diritto alla conoscenza delle origini, il valore della fratria, il significato delle adozioni
21 gennaio 2017
Newsletter


Fascicolo 2/2018
L’ospite straniero.
La protezione internazionale
nel sistema multilivello di tutela
dei diritti fondamentali
Magistratura e società
La richiedente
La richiedente
Smain Laacher è un componente laico (assesseur) della Cnda (Cour national du droit d’asile) francese, che ha raccolto in un saggio (Croire à l’incroyable, Gallimard, 2018) le sue riflessioni a partire dall'esperienza pluriennale nella Corte che giudica sui ricorsi dei richiedenti asilo
20 giugno 2018
Lelio Basso e la giustizia*
di Riccardo De Vito
Ricordare oggi Lelio Basso significa prendere atto che il suo pensiero è tutt’ora un progetto
7 giugno 2018
La casa sul mare, un film di Robert Guédiguian
La casa sul mare, un film di Robert Guédiguian
di Patrizia Papa
Il regista francese ci regala una storia di straordinaria bellezza, raccontata con delicatezza e asciuttezza. Un'opera in cui la trama si dipana perché ciascun personaggio possa riappropriarsi della sua storia e della vita. Mentre il treno sullo sfondo continuamente va e poi ritorna. Perché la vita non può fermarsi
26 maggio 2018
Dialogare con il pensiero di Stefano Rodotà*
di Mariarosaria Guglielmi
Dialogare con il pensiero di Stefano Rodotà è un dovere intellettuale ed anche un dovere di non rassegnazione, è un impegno per la difesa e per l’affermazione dei diritti, è un impegno per rivendicare una politica che deve renderli possibili
22 maggio 2018
Gorgona e altre isole-carcere. Soprattutto una lettura di Salvati con nome
Gorgona e altre isole-carcere. Soprattutto una lettura di Salvati con nome
di Fabio Gianfilippi
Il libro, tessuto con sensibilità da Silvia Buzzelli e Marco Verdone, è una narrazione a molte voci. Vi si racconta la specialità del progetto rieducativo che si è a lungo condotto nell'isola del Mar Ligure e che, anche se l’attualità sembra segnare tristi arretramenti, merita invece di essere proseguito e replicato altrove. Se il reato è nel suo fondo cecità all’altro e ai suoi bisogni, la pena deve avere l’obiettivo primario di condurre la persona condannata a scoprire il valore del diverso da sé
28 aprile 2018
La miccia della liberazione*
La miccia della liberazione*
di Raniero La Valle
La giustizia e la pace sono le due grandi conquiste della lotta di Liberazione su cui è stato costruito poi l’intero edificio della nostra Costituzione. Esse non erano però solo delle stazioni di partenza ideali, ma traguardi reali da raggiungere, erano la costituzione materiale da attuare e non solo per noi, ma per tutti. Infatti sono beni comuni universali, e proprio qui, nel Mediterraneo, la giustizia e la pace hanno avuto la loro culla.
27 aprile 2018