home search menu
di Donatella Stasio
Il “ruolo sociale” del giurista impone una comunicazione più inclusiva*
Il “ruolo sociale” del giurista impone una comunicazione più inclusiva*
Il giurista non può chiamarsi fuori dalla responsabilità di comunicare, e di farlo in modo inclusivo, per testimoniare “la coscienza del nostro stare insieme” ed essere protagonista della “nostra storia comune”

Perché questa rubrica

27 aprile 2017

Inizia oggi, con il primo articolo della nuova rubrica Controcanto, la collaborazione di Questione Giustizia e di Magistratura democratica con Donatella Stasio, una delle voci più autorevoli del giornalismo italiano (cronista di politica giudiziaria per più di 30 anni a Il Sole24Ore) e più significative del dibattito politico-culturale sui temi della giustizia e della politica giudiziaria.

continua

Sono una giornalista ma mi sono sempre definita una “giornalista per caso”. Non sono nata con la vocazione del giornalismo  al contrario di tanti miei bravissimi colleghi –. Anche se da bambina scrivevo sul Corrierino dei piccoli, da “grande” volevo fare altro: l’avvocato, possibilmente penalista. E così è andata per qualche anno, seppure come civilista. Poi ho incrociato altre strade, tra cui quella del giornalismo, e ho deciso di esplorarla partendo da zero.

La mia formazione, quindi, è quella di una persona che ha studiato sui libri di diritto, che il diritto lo ha praticato e che ne ha scritto su qualche rivista giuridica, oltre ad averlo respirato in casa, fin da bambina, avendo avuto due genitori avvocati, allievi di Francesco Carnelutti, e un padre particolarmente appassionato del diritto, seppure non tanto quanto della storia e filosofia.

Perché questa premessa autobiografica.

Per spiegare, anzitutto, che quando ho cominciato a “fare comunicazione”, questa era la storia che avevo alle spalle. Parlavo e ragionavo certamente più da “giurista” che da giornalista.

Mi ero abituata a spaccare il capello in quattro, avevo imparato a considerare la complessità dei fatti e delle soluzioni giuridiche, avevo faticato – come molti, credo  ad acquisire un linguaggio tecnico, che in alcuni casi sembrava una strada obbligata senza alcuna alternativa. Un gergo difficile ma rassicurante. Un linguaggio esoterico – diciamolo  ma che rende “riconoscibili”.

Quando cominciai a scrivere i miei primi articoli, però, cambiò la prospettiva.

In realtà cambiò tutto: anzitutto fui costretta ad imparare a scrivere a macchina, perché fino a quel momento avevo usato soltanto la penna.

Poi fui costretta ad abituarmi alla sintesi, cercando di conciliare la complessità del racconto e del ragionamento giuridico con un numero di righe sempre troppo ridotto e con titoli in cui contavano più le battute che l’esattezza del concetto da esprimere.

Ma fui costretta, soprattutto, a ripensare totalmente la mia scrittura, l’impostazione dei miei pezzi, che all’inizio sembravano più atti di citazione che resoconti giornalistici…

Lavoravo al Sole 24 Ore, giornale certamente congeniale alla mia formazione e mi occupavo di diritto, in particolare di giurisprudenza: ogni giorno dovevo leggere le sentenze depositate della Cassazione e della Corte costituzionale e scovare le novità. I miei pezzi erano molto apprezzati dal pubblico dei giuristi per la precisione tecnica ma troppo spesso risultavano difficili, per non dire oscuri, a tutti gli altri. Cioè alla gente comune, che però aveva il medesimo diritto di essere informata per farsi un’opinione e partecipare con cognizione di causa al dibattito pubblico.

Quindi, ben presto cambiai registro.

Non fu facile.

Non fu facile, in particolare, liberarmi di quel linguaggio tecnico ed esoterico, ma rassicurante e rapido. “Tradurlo” in parole semplici richiedeva molto più tempo, esponeva al pericolo di tradirne il senso (per la verità non sempre di adamantina chiarezza), e rischiava di sfociare in un’eccessiva semplificazione, se non, addirittura, nella manipolazione.

Inoltre, il tecnicismo è spesso un comodo escamotage per eludere la politicità del diritto e apparire all’esterno imparziali, neutrali.

Ma non c’erano alternative al cambiamento. Soprattutto se si crede – come io credo – alla “funzione sociale” dell’informazione: in tal caso, imparare a comunicare nel modo più “inclusivo” possibile è un imperativo categorico.

Certo, fare informazione – buona informazione, ovviamente  in un settore come la giustizia è complicato perché complessa è la realtà da raccontare, spiegare, sintetizzare, spesso in poco tempo e in poco spazio e ad un pubblico vasto ed eterogeneo.

È una sfida e al tempo stesso una responsabilità, perché la posta in gioco è – come dicevo prima – contribuire a formare un’opinione pubblica informata, e quindi in grado di esercitare nel modo migliore il proprio diritto di critica.

Non è cosa da poco. Si tratta, in buona sostanza, di contribuire a migliorare la qualità del dibattito pubblico e, quindi, la qualità della democrazia.

Ecco – sia pure con le dovute distinzioni – io credo che “il popolo dei giuristi” non possa sentirsi estraneo a questo compito e a questa responsabilità. Che non sono esclusivi di una categoria professionale  i giornalisti  tanto più nella società multimediale in cui viviamo, nella quale notizie, informazioni, analisi viaggiano velocemente su molteplici piattaforme, ciascuna con il proprio linguaggio, raggiungendo un numero impensabile di persone, orientando così opinioni, condotte, decisioni. 

Questa realtà, se da un lato amplia le potenzialità della libertà di informazione, dall’altro lato ha in sé un potenziale distorsivo e distruttivo dei fatti, della loro complessità e quindi della relativa conoscenza/comprensione. Anche perché oggi la comunicazione vive sempre di più dell’istante e rinuncia alla riflessione e all’argomentazione. Tutti aspetti, peraltro, che erano stati messi in luce già negli anni Sessanta da Hanna Arendt, in un famoso saggio intitolato Verità e politica. Da rileggere anche per smentire chi pensa davvero che le fake news siano nate oggi…

In questo contesto che ho appeno descritto, il giurista non può chiamarsi fuori dalla responsabilità di comunicare. Non può farlo proprio in ragione di quel “ruolo sociale” di cui parla il titolo di questo incontro, e che io condivido pienamente.

Non so, però, quanta consapevolezza ci sia, tra i giuristi, di questo ruolo e del relativo dovere di comunicare “oltre” la ristretta cerchia dei giuristi.

Il dovere di comunicare impone infatti una serie di cambiamenti, dal linguaggio agli interlocutori.

E impone anche di prendere posizione.

A questo proposito, ricordo un bel convegno organizzato dall’Associazione Franco Bricola nel 2014, a Bologna. In quell’occasione, Marcello Gallo  che fra l’altro fu il mio professore di diritto penale all’università e che anni dopo incontrai in Parlamento: io giornalista parlamentare e lui senatore, nonché presidente della Commissione bicamerale per le modifiche al nuovo Codice di procedura penale  richiamò i suoi colleghi – cito testualmente  «a uscire dall’adorata asetticità del mestiere di giuristi per affrontare quello che la mia generazione – disse – affrontò nel ’43: la scelta di un futuro non solo per noi ma per tutto il Paese». Gallo mise il dito sulla piaga del «carattere esoterico» del linguaggio dei giuristi, perciò destinato a non avere alcuna incidenza sul mondo politico. E aggiunse: «La necessità ci si presenta, ci pone le sue mani adunche attorno al collo e ci costringe a prendere posizione» [1].

In quello stesso convegno – cui ero stata invitata come giornalista a una tavola rotonda sui «Nuovi protagonisti della politica criminale» – anch’io posi l’accento sul prendere posizione”, come momento imprescindibile del processo informativo.

Avevo preso spunto da un bellissimo libretto scritto da Gustavo Zagrebelsky, edito da Einaudi e intitolato Fondata sulla cultura. «La conoscenza delle cose apre alla loro interpretazione – spiega Zagrebelsky in quelle pagine  ma l’interpretazione dà un senso alle cose stesse, le fa conoscere come manifestazioni di senso. Per questo interpretare è sempre prendere posizione». «L’interprete – continua  ha occhi per ciò che è, per ciò che è stato, per ciò che sarà, e in questa sequenza sta il suo necessario prendere posizione».

Interprete dei fatti è senz’altro il giornalista. Ma lo è anche il giurista, in quanto “uomo sociale”, come peraltro lo definiva Piero Calamandrei. 

Viviamo in un’epoca in cui, a fronte dell’enorme massa di informazioni in circolazione, scarseggiano ragionamento, riflessione, pensiero. Scarseggia la cultura, oserei dire. Sicuramente scarseggia l’elaborazione del pensiero.

C’è più che mai bisogno di mettere in circolo pensieri che – al di là della condivisione soggettiva – costringano anzitutto a misurarsi con la complessità della realtà, che si sottraggano alla dittatura del populismo, che si smarchino da quel diffuso sentire comune estraneo ai valori costituzionali che ormai, purtroppo, detta l’agenda politica e quindi il futuro del nostro Paese.

C’è bisogno, insomma, di ricucire uno strappo tra il Paese reale, le istituzioni, il patrimonio costituzionale. C’è bisogno di un’integrazione, proprio quella che pretendiamo da chi entra in Italia ma che noi per primi non dimostriamo di aver realizzato come comunità.

Ebbene, per ricucire questo strappo, bisogna comunicare. E la comunicazione non può che essere inclusiva.

Anche il giurista deve farsene carico.

Dopo aver fatto per 33 anni informazione in un giornale, oggi mi trovo “dall’altra parte della barricata”, poiché collaboro con la Corte costituzionale, occupandomi della sua comunicazione. Prima raccontavo la Corte dall’esterno, adesso dall’interno. Ho accettato questa sfida anche, e forse soprattutto, per misurarmi con quanto ho scritto e detto negli ultimi anni in varie sedi, anche istituzionali, sul “dovere di comunicare della Giustizia” (intesa come istituzione, funzione, potere, servizio), non solo per un’esigenza di trasparenza, ma anche per rendere più comprensibile i propri comportamenti e soprattutto per cercare di ridurre la distanza con il cittadino, così da non farlo sentire uno straniero  come il protagonista dell’omonimo romanzo di Camus  ma parte di una comunità.

Questo dovere di comunicare dei giuristi prescinde dalla mediazione giornalistica. Sulla quale si scaricano – a torto o a ragione – incomprensioni, distorsioni, manipolazioni, con ricadute micidiali sulla qualità della democrazia. Ma che – diciamo la verità – spesso è anche un comodo alibi per cristallizzare pigrizie, opacità, ambiguità, e, in fondo, per non prendere posizione e per non rendere conto.

Bene. I primi mesi di questa nuova esperienza professionale mi hanno confermato che c’è lo spazio per una diversa cultura della comunicazione istituzionale, intesa cioè come necessità di inclusione e non certo come propaganda. C’è consapevolezza e volontà di comunicare sia per rendere conto sia per riconciliarsi con il Paese reale sia per riconciliare quest’ultimo con i propri valori.

Ne ha parlato – in maniera esemplare – anche Paolo Grossi, nella relazione che ha letto come presidente della Corte costituzionale lo scorso 22 febbraio in occasione della riunione straordinaria della Corte (vigilia della sua uscita dalla Consulta per scadenza del mandato novennale di giudice costituzionale). Grossi ha sottolineato la dimensione “corale” della Corte, che attraverso le sue molteplici e diverse professionalità «è chiamata – ha detto – non solo ad assicurare il miglior funzionamento di una macchina che “produce” decisioni, ma a contribuire al lento processo di costruzione di una “mentalità costituzionale”, di una sensibilità, cioè, e persino di uno stile, orientati nel complesso, dentro e fuori le istituzioni, verso la convivenza più compatibile».

La relazione di Grossi testimonia che la comunicazione fa parte del Dna della Corte, la cui funzione, come ha detto il presidente emerito, è «quella di interpretare il proprio ruolo di garante anche alimentando direttamente, con l’esempio e la testimonianza del dialogo, e con la divulgazione, la cultura della Costituzione, vale a dire la coscienza del nostro “stare insieme” (cum stare)».

Da questa premessa derivano una serie di conseguenze e di iniziative, tra le quali il «Viaggio in Italia della Corte»: i giudici costituzionali vanno in giro per le scuole secondarie a parlare con gli studenti, a interloquire con loro, usando un linguaggio inclusivo, non esoterico, proprio per cercare di ridurre lo scarto tra Paese reale e patrimonio costituzionale, in funzione di un’effettiva condivisione di quel patrimonio. E per sviluppare un genuino senso di appartenenza alla comunità.

In questo modo  come scrive Grossi  «la Corte, con tutte le donne e tutti gli uomini del suo apparato, è “protagonista” di un itinerario etico e giuridico che viene da molto lontano e che riguarda la nostra storia comune e quella che stiamo costruendo».

Ecco, questa “prospettiva autenticamente comunicativa” è, a mio giudizio, la “cifra” di una Corte costituzionale moderna, sempre più aperta all’esterno e non barricata altezzosamente nel suo palazzo settecentesco. 

Ed è un esempio emblematico di come il giurista possa e debba interpretare il suo “ruolo sociale” anche in chiave di comunicazione.

In conclusione: ho detto prima di essere passata a fare informazione “dall’altro lato della barricata”. In realtà si tratta di un’espressione sbagliata. Ferma restando la diversità di ruoli e di competenze, penso che siamo tutti dietro la medesima barricata, perché tutti abbiamo anzitutto il compito di difendere, promuovere, consolidare quella “mentalità costituzionale” di cui parlava Grossi, che è alla base della migliore qualità della nostra democrazia. 

Un compito che  in questa sempre più lunga e difficile transizione politico-istituzionale, fonte di smarrimento dei cittadini – è quasi un dovere per ciascuno di noi.

Come diceva Calamandrei: «Per far vivere una democrazia non basta la ragione codificata nelle norme di una Costituzione democratica, ma occorre dietro di esse la vigile e operosa presenza del costume democratico, che voglia e sappia tradurla, giorno per giorno, in concreta, ragionata e ragionevole realtà».

Donatella Stasio

*Testo del mio intervento svolto al seminario tenuto con il professor Massimo Donini il 15 marzo 2018 nell'ambito delle attività formative del Dottorato in Scienze giuridiche dell'Università di Firenze



[1] Si veda in Rubrica «Controcanto» del 27 maggio 2017: La «necessità» di prendere posizione contro il populismo penale, http://www.questionegiustizia.it/articolo/la-necessita-di-prendere-posizione-contro-il-populismo-penale_27-05-2017.php

23 marzo 2018
Contro il malessere democratico, l’Italia ha bisogno del rugby. Il sogno di Giuseppe D’Avanzo
Contro il malessere democratico, l’Italia ha bisogno del rugby. Il sogno di Giuseppe D’Avanzo
di Donatella Stasio
In gran parte del mondo la democrazia non gode di buona salute e l’Italia non sembra da meno. I sintomi del malessere democratico risalgono ad almeno un decennio e D’Avanzo li aveva individuati. Come il rimedio per curarli
3 dicembre 2018
Prescrizione & processo: solo l’etica ci salverà
Prescrizione & processo: solo l’etica ci salverà
di Donatella Stasio
Avvocati e Anm, divisi sulle proposte di riforma del processo penale e della prescrizione, concordano invece (ed è una novità) sulla pregiudizialità della prima rispetto alla seconda. Ma la diversa “visione” del processo rende la riforma impossibile. Oltre che inutile senza un cambio di passo dell’etica di tutti gli attori del processo
15 novembre 2018
Regole e principi per un buon giornalismo non per un giornalismo buono: la nuova edizione delle Linee guida della Carta di Roma
Regole e principi per un buon giornalismo non per un giornalismo buono: la nuova edizione delle Linee guida della Carta di Roma
di Paola Barretta
L’Associazione Carta di Roma è stata fondata nel dicembre 2011 per dare attuazione al protocollo deontologico per una informazione corretta sui temi dell’immigrazione, siglato dal Consiglio nazionale dell’Ordine dei giornalisti (CNOG) e dalla Federazione nazionale della stampa italiana (FNSI) nel giugno del 2008
15 ottobre 2018
L’etica costituzionale come antidoto al conflitto tra legge e giustizia e alla disgregazione sociale
L’etica costituzionale come antidoto al conflitto tra legge e giustizia e alla disgregazione sociale
di Donatella Stasio
Piero Calamandrei spiegava che nei “grandi trapassi storici” il dissidio tra legge e giustizia si scarica sulla seconda e sulla motivazione dei suoi provvedimenti, con effetti negativi sulla fiducia dei cittadini. Anche oggi si profila un’analoga “crisi della giustizia” ma, come osserva Elvio Fassone, è l’etica costituzionale, ed il suo riconoscimento, che consente di ricomporre legge e giustizia
9 ottobre 2018
Lo sguardo che manca alla giustizia
Lo sguardo che manca alla giustizia
di Donatella Stasio
Il film «Sulla mia pelle», che racconta la vicenda di Stefano Cucchi, sollecita molte riflessioni tra cui quella sull’impersonalità (brutale) delle istituzioni, compresa la giustizia, e sulle sue ricadute negative nel rapporto di fiducia con i cittadini. Un problema antico ma ricorrente e cruciale nella vita delle istituzioni, di cui i magistrati devono farsi carico con i loro comportamenti. Secondo Piero Calamandrei, bisogna che «anche nel processo circoli questo senso di fiducia, di solidarietà e di umanità, che è in tutti i campi lo spirito animatore della democrazia»
18 settembre 2018
L’utopia di Riace, città invisibile dove si respira la cittadinanza costituzionale
L’utopia di Riace, città invisibile dove si respira la cittadinanza costituzionale
di Donatella Stasio
Modello esemplare di accoglienza, riconosciuto e studiato in tutto il mondo, il piccolo borgo della Locride è una comunità multietnica dove attualmente convivono 1700 riacesi con 400 migranti, e dove si respira un vero sentimento di appartenenza e di condivisione ai valori della solidarietà, dell’uguaglianza e del rispetto della dignità umana. Un esempio tangibile di “cittadinanza costituzionale”. Eppure, dalla fine del 2016 il Ministero dell’interno e la Prefettura di Reggio Calabria hanno bloccato i fondi per i rifugiati sulla base di presunte “criticità” rilevate da alcune ispezioni (al contrario di altre di segno positivo), che hanno comportato l’apertura di un’indagine penale, ma che sembrerebbero parzialmente superate dalla riattivazione, proprio nei giorni scorsi, dei finanziamenti relativi agli ultimi tre mesi del 2016. Intanto, ad agosto è partita una raccolta di fondi (aperta fino a dicembre) che in meno di un mese era già arrivata a 215mila euro
3 settembre 2018
“Lunga vita alle correnti!”. La lezione di Gabriella Luccioli
“Lunga vita alle correnti!”. La lezione di Gabriella Luccioli
di Donatella Stasio
L’autrice di Diario di una giudice – vincitrice del premio Ripdico 2018-Scrittori per la giustizia – sfida l’impopolarità e rivendica il valore delle correnti come luoghi di elaborazione di principi e di visioni. Auspica un ritorno al «clima di Gardone», quando la magistratura cambiò passo e respiro sul proprio ruolo e sull’importanza del pluralismo interno, ma avverte una pericolosa distanza della magistratura, e delle donne magistrate, da quel patrimonio
19 luglio 2018
La fuga delle donne dalla magistratura e l’impegno per recuperare fiducia, non per rincorrere il consenso
La fuga delle donne dalla magistratura e l’impegno per recuperare fiducia, non per rincorrere il consenso
di Donatella Stasio
A differenza degli uomini, per le donne aumenta il numero delle uscite prima dell’età pensionabile: su un totale di 298 dimissioni da ottobre 2014 (quasi 7 al mese), 109 riguardano le donne, soprattutto tra i 60 e i 65 anni. Molteplici le motivazioni, che impongono una maggiore presenza femminile nei luoghi del potere, come Csm e uffici direttivi, necessaria anche per uscire dalla pericolosa crisi di fiducia che investe la magistratura, il Csm, la giustizia
2 luglio 2018
Taglio dei Tribunalini, la voglia di tornare al passato e i silenzi dell’Anm
Taglio dei Tribunalini, la voglia di tornare al passato e i silenzi dell’Anm
di Donatella Stasio
Nel «contratto per il Governo del cambiamento» si dice che «occorre rivisitare la geografia giudiziaria, modificando la riforma del 2012». Ma dal 2014 ad oggi quella riforma ha fatto risparmiare 70 milioni di euro all’anno e ha contribuito a ridurre la durata delle cause civili da 478 giorni a 375, compresi i procedimenti per decreto ingiuntivo, senza i quali, invece, secondo il ministero della Giustizia si è comunque passati da 1044 giorni a 914. Perché l’Anm tace e non difende quella epocale riforma?
18 giugno 2018
Carcere e recidiva, l'offensiva controle statistiche per fermareil cambiamento (vero)*
Carcere e recidiva, l'offensiva contro
le statistiche per fermare
il cambiamento (vero)*
di Donatella Stasio
La campagna contro il cambiamento maturato negli ultimi dieci anni sul carcere parte dalla recidiva, con il tentativo maldestro di delegittimare gli studi statistici, cioè uno degli argomenti più forti per una politica penitenziaria onesta, impostata su misure alternative e carcere aperto
28 maggio 2018

Perché questa rubrica

27 aprile 2017

Inizia oggi, con il primo articolo della nuova rubrica Controcanto, la collaborazione di Questione Giustizia e di Magistratura democratica con Donatella Stasio, una delle voci più autorevoli del giornalismo italiano (cronista di politica giudiziaria per più di 30 anni a Il Sole24Ore) e più significative del dibattito politico-culturale sui temi della giustizia e della politica giudiziaria.

Con questa collaborazione Magistratura democratica e Questione Giustizia hanno scelto di aprire, sui siti on-line, una finestra sull’esterno dalla quale scorgere con più attenzione e consapevolezza cosa accade fuori dalla magistratura e dalla quale essere visti, osservati, criticati anche radicalmente.

In linea con le indicazioni venute dal congresso di Bologna del novembre 2016, abbiamo scelto, da un lato, di rivitalizzare un metodo di confronto ed elaborazione e, dall’altro, di arricchire il dibattito interno alla magistratura, tenendo viva l’attenzione verso le più complesse dinamiche della società in cui si inserisce l’intervento giudiziario. Siamo infatti consapevoli che solo questa attenzione può contrastare dinamiche di chiusura e di autoreferenzialità della magistratura, da ultimo riemerse anche nel confronto associativo.

 

continua

 

Contro il malessere democratico, l’Italia ha bisogno del rugby. Il sogno di Giuseppe D’Avanzo
Contro il malessere democratico, l’Italia ha bisogno del rugby. Il sogno di Giuseppe D’Avanzo
di Donatella Stasio
In gran parte del mondo la democrazia non gode di buona salute e l’Italia non sembra da meno. I sintomi del malessere democratico risalgono ad almeno un decennio e D’Avanzo li aveva individuati. Come il rimedio per curarli
3 dicembre 2018
Prescrizione & processo: solo l’etica ci salverà
Prescrizione & processo: solo l’etica ci salverà
di Donatella Stasio
Avvocati e Anm, divisi sulle proposte di riforma del processo penale e della prescrizione, concordano invece (ed è una novità) sulla pregiudizialità della prima rispetto alla seconda. Ma la diversa “visione” del processo rende la riforma impossibile. Oltre che inutile senza un cambio di passo dell’etica di tutti gli attori del processo
15 novembre 2018
La lezione di Dworkin: anche nella partita sulla sicurezza, la «briscola» è la tutela dei diritti fondamentali
La lezione di Dworkin: anche nella partita sulla sicurezza, la «briscola» è la tutela dei diritti fondamentali
di Donatella Stasio
Reati in calo, processi lenti, carceri affollate: un quadro che ci riporta indietro di dieci anni e riapre prospettive securitarie. Secondo il filosofo americano, il rispetto dei diritti umani non è un impiccio di cui liberarsi per placare la paura e riscuotere consensi
30 ottobre 2018
L’etica costituzionale come antidoto al conflitto tra legge e giustizia e alla disgregazione sociale
L’etica costituzionale come antidoto al conflitto tra legge e giustizia e alla disgregazione sociale
di Donatella Stasio
Piero Calamandrei spiegava che nei “grandi trapassi storici” il dissidio tra legge e giustizia si scarica sulla seconda e sulla motivazione dei suoi provvedimenti, con effetti negativi sulla fiducia dei cittadini. Anche oggi si profila un’analoga “crisi della giustizia” ma, come osserva Elvio Fassone, è l’etica costituzionale, ed il suo riconoscimento, che consente di ricomporre legge e giustizia
9 ottobre 2018
Lo sguardo che manca alla giustizia
Lo sguardo che manca alla giustizia
di Donatella Stasio
Il film «Sulla mia pelle», che racconta la vicenda di Stefano Cucchi, sollecita molte riflessioni tra cui quella sull’impersonalità (brutale) delle istituzioni, compresa la giustizia, e sulle sue ricadute negative nel rapporto di fiducia con i cittadini. Un problema antico ma ricorrente e cruciale nella vita delle istituzioni, di cui i magistrati devono farsi carico con i loro comportamenti. Secondo Piero Calamandrei, bisogna che «anche nel processo circoli questo senso di fiducia, di solidarietà e di umanità, che è in tutti i campi lo spirito animatore della democrazia»
18 settembre 2018
L’utopia di Riace, città invisibile dove si respira la cittadinanza costituzionale
L’utopia di Riace, città invisibile dove si respira la cittadinanza costituzionale
di Donatella Stasio
Modello esemplare di accoglienza, riconosciuto e studiato in tutto il mondo, il piccolo borgo della Locride è una comunità multietnica dove attualmente convivono 1700 riacesi con 400 migranti, e dove si respira un vero sentimento di appartenenza e di condivisione ai valori della solidarietà, dell’uguaglianza e del rispetto della dignità umana. Un esempio tangibile di “cittadinanza costituzionale”. Eppure, dalla fine del 2016 il Ministero dell’interno e la Prefettura di Reggio Calabria hanno bloccato i fondi per i rifugiati sulla base di presunte “criticità” rilevate da alcune ispezioni (al contrario di altre di segno positivo), che hanno comportato l’apertura di un’indagine penale, ma che sembrerebbero parzialmente superate dalla riattivazione, proprio nei giorni scorsi, dei finanziamenti relativi agli ultimi tre mesi del 2016. Intanto, ad agosto è partita una raccolta di fondi (aperta fino a dicembre) che in meno di un mese era già arrivata a 215mila euro
3 settembre 2018