home search menu
In ricordo di Eugenio Selvaggi
Magistratura e società
In ricordo di Eugenio Selvaggi
di Betta Cesqui
capo di gabinetto del Ministro della giustizia

Eugenio non si fermava mai, per questo era sempre un passo avanti. Ma sarebbe sbagliato pensare che adesso, che il destino ha dato un alt che nessuno di noi, a dispetto della ragione, immaginava possibile, sia facile o ineluttabile colmare quel divario, raggiungerlo e magari superarlo: quello stare un passo avanti rimane un connotato incancellabile che definisce per sempre la sua relazione con il mondo, la fissazione di un traguardo che, spostandosi sempre in avanti, fa di ogni risultato il punto di partenza per un nuovo impegno. 

Questo è il suo insegnamento e se lo cogliamo nel suo significato più profondo lui continuerà sempre a scartarci di un paio di lunghezze.

Conoscevo Eugenio da quando era pretore alla V sezione penale di Roma, quella degli anni della lotta all’abusivismo, e l’ho poi rincontrato al Ministero, alla Procura generale della Cassazione, in tante occasioni di scambio e di discussione, ho letto le sue cose ogni volta che, per la mia attività o il mio lavoro, dovevo confrontarmi con i temi della cooperazione giudiziaria, dei diritti umani, delle corti internazionali; proprio di recente  l’ho visto nel mio ufficio per discutere dei temi dell’inaugurazione dell’anno giudiziario vaticano, nella sua ultima  veste di promotore aggiunto di giustizia della Città del Vaticano.

Tra di noi un rapporto intermittente, ma assai risalente nel tempo e sempre sotto il segno della disponibilità e della generosità, e dico questo solo per sottolineare come non fosse necessario essere nella cerchia dei suoi amici più stretti per apprezzarne le qualità e percepire l’immediata empatia del suo approccio. Molte chiacchierate e qualche lungo viaggio in aereo aggiungono a questo il rimpianto per un conversatore brillante, un osservatore acuto dei fatti e delle persone, un instancabile fonte di spunti, idee, suggerimenti, punti di vista che improvvisamente rovesciavano la prospettiva dell’osservazione. A volte avevi l’impressione che seguisse un ragionamento che non aveva molto a che fare con le premesse sulle quali tu avevi impostato il discorso, poi scoprivi invece linee di convergenza che ne arricchivano enormemente i contenuti o ne mettevano in crisi passaggi essenziali.

Con questa cifra ha attraversato tutte le sue molteplici esperienze professionali, sempre all’insegna della vocazione per il diritto penale internazionale: dalla partecipazione alla conferenza diplomatica per l’istituzione del Tribunale penale internazionale, all’istituzione del Tribunale penale internazionale per i crimini commessi nell’ex Iugoslavia, dalla difesa dell’Italia avanti alla Corte dei diritti dell’uomo di Strasburgo, alla partecipazione ai negoziati per la convenzione europea di assistenza giudiziaria e quella per il mandato di arresto europeo, alla costituzione e promozione della rete di assistenza giudiziaria, alla gestione di delicatissime procedure estradizionali e di rapporti con le autorità giudiziarie straniere, da Priebke a Badalamenti, da Öcalan a Baraldini.

E sicuramente sono più le cose che dimentico di quelle che ricordo, molte quelle che ignoro. So che nei rapporti internazionali Eugenio non solo era competente, ma riconosciuto all’estero come interlocutore stabile ed affidabile: andando con lui o in contesti in cui l’Italia era associata al suo nome (e nella miglior tradizione dei fori internazionali di negoziazione operativa tutti lo chiamavano con il nome di battesimo, declinandolo in una plurima gamma di formulazioni fonetiche a seconda della nazionalità del parlante, ma sempre con affetto e cordialità) ogni porta si apriva con un sorriso di benvenuto e tutto era più facile. È stato il biglietto da visita dell’Italia e ha sempre rappresentato la tradizione più progressista, attenta ai diritti, moderna, egualitaria e collaborativa dell’amministrazione della giustizia e della magistratura italiana.

Eugenio era entrato in magistratura nel giugno del 1972, a 26 anni, e nel giugno del 1973, nel conferirgli le funzioni giudiziarie, il magistrato di affidamento, con una prosa che già allora ci sarebbe sembrata superata dal tempo, ne descriveva le caratteristiche. A dispetto del luogo comune secondo il quale i pareri sono tutti uguali, il suo, che non riesco a non pensare se non scritto con una di quelle penne stilografiche d’epoca che Eugenio collezionava con passione, coglie nel segno vedendo una promessa nel giovane magistrato Selvaggi:

«Imponente capacità immaginativa presidiata da penetrante spirito critico, prepotente selettività nel campo della ideazione associativa, di stampo sillogistico, con conseguente marcato potere di razionalizzazione concettuale. Queste doti che sono racchiuse in un incisivo e sano carattere, perspicuo frutto di esemplare educazione familiare e sociale e che testimoniano d’una indubbia elevatezza di ingegno, gli consentono, nell’ambito delle discipline giuridiche o di quelle altre che egli dovesse parallelamente coltivare, di non concedere apprezzabili spazi alle incognite: le quali si può con certezza asserire che saranno agevolmente assorbite dalle sue qualità induttive. Egli ha doviziosa capacità di utilizzazione delle categorie generali e degli istituti basilari, nei quali con estrema intuizione riesce a collocare il dato particolare. Il che nel campo del diritto si risolve nel tranquillante pronostico che saprà sagacemente strumentare le proprie cognizioni giuridiche onde accogliere in esse, con opportune catalogazioni, le innumeri esperienze giudiziarie che lo attendono…»

Eugenio è stato fedele a quelle promesse, noi dobbiamo essere fedeli al suo esempio.

20 marzo 2018
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Newsletter


Fascicolo 4/2017
L’orgoglio dell’autogoverno
una sfida possibile per i 60 anni del Csm
Magistratura e società
Il 25 aprile in tre storie di resistenza
Il 25 aprile in tre storie di resistenza
di Paola Perrone
Va riconosciuto che, per chi non ha vissuto quei momenti, la valutazione del 25 aprile risulta influenzata dal senno del poi. Non tiene conto delle previsioni, aspettative, timori, sbandamenti di tutti gli italiani dell’Alta Italia, e dei partigiani in particolare, nei mesi che seguirono l’8 settembre 1943. Con uno stile che ricorda la storiografia anglosassone, Carlo Greppi cerca di dar conto col senno del prima di ciò che avvenne in quei fatidici mesi. Per farlo, sceglie di scrivere di tre personaggi e tre eventi che meglio di altri condensano insieme timori e determinazione resistenziali.
25 aprile 2018
“Con i piedi nel fango. Conversazioni su politica e verità”
“Con i piedi nel fango. Conversazioni su politica e verità”
di Paola Perrone
In questo libro-intervista, Gianrico Carofiglio parte da un valore che poi non abbandona: ogni soggetto politico deve essere consapevole del proprio agire e responsabile delle scelte che fa. Infatti «l’imperturbabilità» davanti al male «può essere una buona tecnica per il benessere personale ma non è un valore», mentre la sofferenza altrui, le discriminazioni, i grandi problemi del mondo dovrebbero essere sempre all’attenzione del politico e del cittadino, provocando in loro una «forma controllata di disagio» che li porta a scelte anche «compromissorie» pur di ottenere il risultato di attenuare quel male.
21 aprile 2018
La Scuola della magistratura e la memoria
La Scuola della magistratura e la memoria
di Luca Baiada
Con questo intervento, Questione Giustizia intende avviare una riflessione sul ruolo della giurisdizione nella cultura antifascista
13 aprile 2018
“Conflitti pratici. Quando il diritto diventa immorale”
“Conflitti pratici. Quando il diritto diventa immorale”
di Antonio Scalera
Cosa è un conflitto pratico? È quella situazione che si verifica quando chi agisce ha una ragione giuridica per tenere un comportamento che, tuttavia, è incompatibile con quello preteso da una ragione morale. Di conflitti pratici, argomento di particolare interesse per la filosofia del diritto, si occupa il recente libro di Damiano Canale (Laterza, 2017).
7 aprile 2018
La genesi della sentenza*
La genesi della sentenza*
di Marco Dell'Utri
Muovendo dallo spunto offerto dal libro di Pietro Rescigno e Salvatore Patti su “la genesi della sentenza”, lo scritto approfondisce la riflessione sul senso della crescente attenzione della cultura giuridica contemporanea per la figura e il lavoro del giudice, giungendo – attraverso l’impostazione storico-culturale del discorso – a prospettare taluni caratteri propri dell’evoluzione che ha investito il diritto (come fenomeno esistenziale e come prodotto della cultura e del potere) nel mondo contemporaneo, dei modi di praticarne l’incidenza sociale e degli studi che sono chiamati a coltivarlo quale autentica “arte dell’incontro”.
30 marzo 2018
“Tra legislazione e giurisdizione: nuove prospettive del diritto penale”
“Tra legislazione e giurisdizione: nuove prospettive del diritto penale”
La presentazione e il programma del quarto convegno annuale del Lapec (Roma, 20-21 aprile 2018)
25 marzo 2018