home search menu
di Donatella Stasio
Intercettazioni, <b><i>privacy</i></b> e il valore del «fattore umano»
Intercettazioni, privacy e il valore del «fattore umano»
Il caso Consip-Scafarto ha scoperchiato la fragilità del sistema rispetto a possibili «errori» che le nuove tecnologie (Trojan) possono moltiplicare. La capacità del sistema di gestire in modo efficace le intercettazioni è uno snodo essenziale per garantire il diritto alla privacy cui è finalizzata la riforma. Che quindi non può muoversi solo in una logica di risparmi, divieti e prescrizioni ma deve assicurare professio-nalità adeguate. La tutela dei diritti fondamentali non è a costo zero

Perché questa rubrica

27 aprile 2017

Inizia oggi, con il primo articolo della nuova rubrica Controcanto, la collaborazione di Questione Giustizia e di Magistratura democratica con Donatella Stasio, una delle voci più autorevoli del giornalismo italiano (cronista di politica giudiziaria per più di 30 anni a Il Sole24Ore) e più significative del dibattito politico-culturale sui temi della giustizia e della politica giudiziaria.

continua

«Una virgola può salvare la vita» si legge sulla Fanpage La grammatica non è un’opinione. «Vado a mangiare nonna» non è infatti la stessa cosa di «Vado a mangiare, nonna». E se la frase fosse intercettata al telefono e trascritta per errore senza cogliere quella pausa impercettibile ma vitale, il malcapitato nipote passerebbe guai seri, a cominciare dalla gogna mediatica per i suoi bizzarri gusti alimentari... .

Paradossi a parte, non c’è dubbio che un errore, anche lieve, possa produrre danni gravi. E tuttavia, nel Paese delle manine segrete che fanno e che disfano ma che spesso restano senza nome, l’«errore» continua ad essere considerato una via d’uscita comoda e indolore.

Chissà se sarà così anche per il presunto falso consumato dal capitano dei carabinieri Scafarto, nell’ambito dell’inchiesta Consip. In attesa di saperlo, vale la pena chiedersi se sarebbe davvero indolore derubricare tutta la faccenda a mero «errore»: uno dei tanti – com’è stato detto – che possono capitare nella gestione delle intercettazioni ma che gli «anticorpi» interni al sistema sono in grado di correggere.

Supponiamo, quindi, che vengano escluse manipolazioni dolose, depistaggi, sabotaggi e che tutto si risolva in un «banale» abbaglio preso da Scafarto per eccesso di zelo, superficialità o perché si è innamorato a tal punto della sua pista investigativa da sentire (e scrivere) fischi per fiaschi. Potremmo voltare pagina più sereni? O dovremmo preoccuparci per l’inaffidabilità delle intercettazioni, almeno fintantoché non vengano controllate dal pm, dall’avvocato, dal giudice, con buona pace quindi delle paginate di telefonate rubate dai brogliacci e diffuse dai media prima di quel controllo?

Lo scenario dell’«errore» è solo in apparenza minimalista perché ha già fatto schizzare in primo piano il convitato di pietra della vicenda Consip/Scafarto, ovvero le intercettazioni. E piaccia o no, ha rimandato l’immagine di una giustizia inaffidabile, poco trasparente, pasticciona.

E allora veniamo al punto: questa storia ha scoperchiato una fragilità del sistema delle intercettazioni rispetto agli «errori» che possono inquinare un’inchiesta e danneggiare le persone coinvolte. Purtroppo, il venticello politico di rivalsa che soffia nei confronti della magistratura (caso Minzolini docet) rischia di gonfiare le vele della strumentalizzazione e quindi non giova a un’analisi obiettiva ma, anzi, spinge le toghe a una reazione difensiva, che va nella direzione o di negare il problema o di farne un alibi. Ma proprio quel venticello, invece, dovrebbe consigliare di cogliere quest’occasione per ragionare su alcuni buchi neri del sistema che rischiano di inghiottire uno degli strumenti più preziosi delle indagini.

Gli anticorpi, certo, ci sono e nella fattispecie hanno funzionato perché il pm di Roma ha controllato l’operato della polizia (a differenza di quello di Napoli, che si è fidato) e ha scoperto l’errore. Ma è anche vero che il controllo, per quanto rapido, è arrivato quando la vicenda era già finita sui giornali con un’informazione sbagliata. E soprattutto, che i controlli non sono la regola ma, semmai, l’eccezione. Sappiamo bene che il rapporto tra pubblico ministero e polizia giudiziaria non può che essere fiduciario e che, una volta scelti i propri «ausiliari», il pm non può che fidarsi (salvo casi eccezionali, appunto), così come, del resto, un chirurgo si fida della sua équipe. Inoltre, se il controllo del pm dovesse essere la regola, il sistema collasserebbe.

Gli errori càpitano e sono ineliminabili ma in alcuni casi limitarli è un dovere. Perciò è necessaria una solida rete di professionalità, quantitativamente e qualitativamente all’altezza dell’attività da svolgere. Che in prospettiva sarà sempre maggiore, non foss’altro perché l’evoluzione delle tecnologie esistenti sul mercato del “Grande Orecchio” moltiplicherà il materiale intercettato riversato sui tavoli degli investigatori.

Alla Camera sta per ripartire il ddl sul processo penale con la delega al Governo sulle intercettazioni, da riempire entro la fine della legislatura. Stavolta si ragionerà tenendo conto proprio degli sviluppi delle tecnologie, e quindi con più di un occhio ai captatori informatici, cioè a quei Trojan che, inoculati in pc, smartphone, tablet, diventano un videoregistratore capace di intercettare, ovunque, non solo l’indagato ma chiunque finisca nel suo raggio d’azione. Con la conseguenza di riversare sugli investigatori, appunto, un materiale smisurato da selezionare, sintetizzare, stralciare, trascrivere, tradurre, interpretare – nei silenzi, nelle pause, nei toni – con estrema accuratezza, affinché non diventi un’immensa prateria di informazioni mediatiche incontrollate. Di qui la necessità di un vero e proprio stuolo di professionalità “dedicate” a questi compiti.

Finora nessuno si è posto questo problema, né il Ministro, né il Csm né il Parlamento; anzi, ci si sta muovendo esclusivamente in una logica di tagli alle risorse (80 milioni nel triennio 2017-2019) e di divieti.

Un errore.

Al di là del Trojan, la capacità del sistema di gestire in modo efficace ed efficiente le intercettazioni è uno snodo essenziale per garantire proprio quel diritto alla privacy cui dovrebbe essere finalizzata la riforma delle intercettazioni. La tutela dei diritti fondamentali non è a costo zero, perciò questa capacità non dipende soltanto da prescrizioni e divieti normativi, ma anche, e forse soprattutto, dal “fattore umano”. Che Governo e Parlamento hanno il dovere di assicurare, per non contraddire la “vocazione” di quella riforma, rivelandone la funzione strumentale rispetto a interessi diversi. E che la magistratura ha il dovere di rivendicare, per svolgere pienamente, e senza alibi, le proprie funzioni, a tutela di tutte le persone coinvolte.

Non è un parlar d’altro, non per i cittadini sui quali finisce per scaricarsi la carenza delle risorse.

Nel libro La tua giustizia non è la mia scritto a quattro mani da Piercamillo Davigo e Gherardo Colombo, c’è un passaggio inquietante: l’ex presidente dell’Anm “spiega” che spesso i pm chiedono il rinvio a giudizio dell’indagato anche se non hanno elementi perché «sono sommersi di lavoro» e quindi non ce la fanno a scrivere la motivazione di una richiesta di archiviazione che – in presenza di persone offese e quindi di una possibile opposizione – richiede molto più tempo di una richiesta di rinvio a giudizio. Tanto ci penserà il Gup a prosciogliere… .

Un ragionamento forse comprensibile per chi conosce le dinamiche del processo; molto meno per chi ci finisce dentro, magari con clamore mediatico, ed è innocente. Forse comprensibile per chi, suo malgrado, si sente un «somministratore di sofferenze» (come si definisce qualche pm); ma assolutamente incomprensibile per il destinatario di quel surplus di sofferenza non previsto da nessuna norma e che potrebbe durare chissà quanto se anche il Gup, «sommerso di lavoro», decidesse che ci penserà il giudice del dibattimento, e così via… .

Un ragionamento inquietante e inaccettabile ma emblematico di quel gioco di sponda che da sempre consente alla politica inadempiente sul fronte delle risorse di delegittimare la magistratura per le inefficienze della giustizia; e alla magistratura, invece, di trovare in quelle inadempienze un comodo alibi alle proprie responsabilità, di qualunque natura. Perpetuando così un immobilismo funzionale ai reciproci interessi ma micidiale per quelli dei cittadini.

Donatella Stasio

27 aprile 2017
Lo strano caso della prescrizione <i>prendere</i> o <i>lasciare</i>
Lo strano caso della prescrizione prendere o lasciare
di Donatella Stasio
Il paradosso: norme subito in vigore ma applicabili solo ai fatti commessi dopo l’entrata in vigore della riforma e quindi non misurabili, quanto a efficacia, prima di 5-10 anni. La necessità di dati trasparenti e di valutazioni di impatto
26 giugno 2017
Il carcere e quell’assenza di empatia con la Costituzione
Il carcere e quell’assenza di empatia con la Costituzione
di Donatella Stasio
Finita l’emergenza sovraffollamento, torna il clima carcerocentrico alimentato anche dalla vigilia elettorale. Eppure, l’unica ricerca statistica italiana sulla recidiva dimostra che il carcere dei diritti “conviene” alla sicurezza collettiva e anche alla crescita del Paese
12 giugno 2017
La «necessità» di prendere posizione contro il populismo penale
La «necessità» di prendere posizione contro il populismo penale
di Donatella Stasio
Il tema della sicurezza ripropone l’esigenza di voci fuori dal coro che, al di là degli interessi corporativi, tutelino i “valori” dello stato di diritto costantemente traditi da politiche penali e campagne elettorali populiste, destinate ad atrofizzarli
27 maggio 2017
Migranti e integrazione di “valori”: i giudici parlano solo con le sentenze? No, grazie
Migranti e integrazione di “valori”: i giudici parlano solo con le sentenze? No, grazie
di Donatella Stasio
Al di là dei profili giuridici, la sentenza sul sikh che girava con il coltello sacro di 18 cm esprime valutazioni politiche che, non rettificate dalla Cassazione, rischiano di cristallizzarsi nell’opinione pubblica come principi di diritto
19 maggio 2017
Magistratura in-politica: dopo vent’anni, presenze decimate in Parlamento
Magistratura in-politica: dopo vent’anni, presenze decimate in Parlamento
di Donatella Stasio
Dal 1996 i magistrati presenti nelle due Camere sono scesi da 22 a 5. In totale, i fuori ruolo per incarichi politici sono 9. Tuttavia, il 18% dell’opinione pubblica pensa che l’ingresso in magistratura sia un trampolino di lancio per fare politica. Così la percezione sociale sposta la bilancia più sull’”apparire” che sull’”essere” imparziali; più sulla legge che sull’etica
15 maggio 2017
Zuccaro e le Ong, quell’insostenibile <i>deficit</i> di cultura della comunicazione
Zuccaro e le Ong, quell’insostenibile deficit di cultura della comunicazione
di Donatella Stasio
La cronaca conferma che la Giustizia ha un problema di comunicazione, anche se soltanto il 13,8% dei magistrati ne ha consapevolezza. Csm e Scuola devono colmare questa lacuna culturale, che si ritorce contro la trasparenza e la credibilità dell’istituzione
3 maggio 2017
Le intercettazioni delle conversazioni dei difensori
Le intercettazioni delle conversazioni dei difensori
Le linee guida del Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Tivoli
10 aprile 2017
Il 2016 di Questione Giustizia
Intercettazioni, le linee guida del CSM
Intercettazioni, le linee guida del CSM
La delibera approvata dal Consiglio superiore della magistratura nella seduta plenaria del 29 luglio
29 luglio 2016
Uno sguardo comparatistico sul bilanciamento tra libertà delle comunicazioni ed esigenze della sicurezza nazionale ed internazionale

Perché questa rubrica

27 aprile 2017

Inizia oggi, con il primo articolo della nuova rubrica Controcanto, la collaborazione di Questione Giustizia e di Magistratura democratica con Donatella Stasio, una delle voci più autorevoli del giornalismo italiano (cronista di politica giudiziaria per più di 30 anni a Il Sole24Ore) e più significative del dibattito politico-culturale sui temi della giustizia e della politica giudiziaria.

Con questa collaborazione Magistratura democratica e Questione Giustizia hanno scelto di aprire, sui siti on-line, una finestra sull’esterno dalla quale scorgere con più attenzione e consapevolezza cosa accade fuori dalla magistratura e dalla quale essere visti, osservati, criticati anche radicalmente.

In linea con le indicazioni venute dal congresso di Bologna del novembre 2016, abbiamo scelto, da un lato, di rivitalizzare un metodo di confronto ed elaborazione e, dall’altro, di arricchire il dibattito interno alla magistratura, tenendo viva l’attenzione verso le più complesse dinamiche della società in cui si inserisce l’intervento giudiziario. Siamo infatti consapevoli che solo questa attenzione può contrastare dinamiche di chiusura e di autoreferenzialità della magistratura, da ultimo riemerse anche nel confronto associativo.

 

continua

 

Lo strano caso della prescrizione <i>prendere</i> o <i>lasciare</i>
Lo strano caso della prescrizione prendere o lasciare
di Donatella Stasio
Il paradosso: norme subito in vigore ma applicabili solo ai fatti commessi dopo l’entrata in vigore della riforma e quindi non misurabili, quanto a efficacia, prima di 5-10 anni. La necessità di dati trasparenti e di valutazioni di impatto
26 giugno 2017
Giudici eroi o grandi giudici?
Giudici eroi o grandi giudici?
di Donatella Stasio
Nell’attuale contesto storico-politico, i magistrati rischiano di diventare gli “eroi” di una democrazia e di una giustizia in perenne crisi, anziché i protagonisti di una battaglia politica, culturale, giuridica per abbandonare il populismo e rispecchiarsi unicamente nei principi della Costituzione
15 giugno 2017
Il carcere e quell’assenza di empatia con la Costituzione
Il carcere e quell’assenza di empatia con la Costituzione
di Donatella Stasio
Finita l’emergenza sovraffollamento, torna il clima carcerocentrico alimentato anche dalla vigilia elettorale. Eppure, l’unica ricerca statistica italiana sulla recidiva dimostra che il carcere dei diritti “conviene” alla sicurezza collettiva e anche alla crescita del Paese
12 giugno 2017
La «necessità» di prendere posizione contro il populismo penale
La «necessità» di prendere posizione contro il populismo penale
di Donatella Stasio
Il tema della sicurezza ripropone l’esigenza di voci fuori dal coro che, al di là degli interessi corporativi, tutelino i “valori” dello stato di diritto costantemente traditi da politiche penali e campagne elettorali populiste, destinate ad atrofizzarli
27 maggio 2017
Migranti e integrazione di “valori”: i giudici parlano solo con le sentenze? No, grazie
Migranti e integrazione di “valori”: i giudici parlano solo con le sentenze? No, grazie
di Donatella Stasio
Al di là dei profili giuridici, la sentenza sul sikh che girava con il coltello sacro di 18 cm esprime valutazioni politiche che, non rettificate dalla Cassazione, rischiano di cristallizzarsi nell’opinione pubblica come principi di diritto
19 maggio 2017
Magistratura in-politica: dopo vent’anni, presenze decimate in Parlamento
Magistratura in-politica: dopo vent’anni, presenze decimate in Parlamento
di Donatella Stasio
Dal 1996 i magistrati presenti nelle due Camere sono scesi da 22 a 5. In totale, i fuori ruolo per incarichi politici sono 9. Tuttavia, il 18% dell’opinione pubblica pensa che l’ingresso in magistratura sia un trampolino di lancio per fare politica. Così la percezione sociale sposta la bilancia più sull’”apparire” che sull’”essere” imparziali; più sulla legge che sull’etica
15 maggio 2017