home search menu
di Donatella Stasio
Lo sguardo che manca alla giustizia
Lo sguardo che manca alla giustizia
Il film «Sulla mia pelle», che racconta la vicenda di Stefano Cucchi, sollecita molte riflessioni tra cui quella sull’impersonalità (brutale) delle istituzioni, compresa la giustizia, e sulle sue ricadute negative nel rapporto di fiducia con i cittadini. Un problema antico ma ricorrente e cruciale nella vita delle istituzioni, di cui i magistrati devono farsi carico con i loro comportamenti. Secondo Piero Calamandrei, bisogna che «anche nel processo circoli questo senso di fiducia, di solidarietà e di umanità, che è in tutti i campi lo spirito animatore della democrazia»

Perché questa rubrica

27 aprile 2017

Inizia oggi, con il primo articolo della nuova rubrica Controcanto, la collaborazione di Questione Giustizia e di Magistratura democratica con Donatella Stasio, una delle voci più autorevoli del giornalismo italiano (cronista di politica giudiziaria per più di 30 anni a Il Sole24Ore) e più significative del dibattito politico-culturale sui temi della giustizia e della politica giudiziaria.

continua

Sono andata a vedere «Sulla mia pelle», il film che racconta gli ultimi giorni di vita di Stefano Cucchi. Questo Controcanto non è una recensione del film. Che – voglio dirlo subito, sia pure per inciso – ha la forza travolgente dei fatti, raccontati senza mai cedere alla retorica, all’enfatizzazione, alla strumentalizzazione, e perciò lascia ammutoliti, forse per un senso di pudore, di incredulità o di rabbia, forse per un sentimento di pietà o magari di vergogna... .

Uno di quei fatti – peraltro stranoti alle cronache – riguarda un tema antico eppure cruciale per la fiducia dei cittadini nelle istituzioni e, quindi, per la tenuta della democrazia: l’impersonalità assoluta (e brutale) delle istituzioni, compresa la magistratura. Di questo vorrei parlare, al di là del peso specifico che ha avuto la Giustizia nella vicenda di Cucchi.

Sebbene conosca e abbia frequentato i Tribunali, mi si è raggelato il sangue nel vedere la scena in cui Stefano – già livido e instabile per la “caduta dalle scale” – viene portato all’udienza per la convalida dell'arresto: da quel momento comincia un dialogo surreale con il giudice, degno di una commedia dell’assurdo se non fosse la drammatica fotografia di una quotidianità assai diffusa. All’imputato viene chiesto di declinare le sue generalità e di rispondere alle domande di rito: non solo non c’è alcun colore nella voce cantilenante del giudice, anche quando gli chiede se si ritiene colpevole o innocente, ma non c’è un solo momento in cui il giudice alzi la testa dalle carte per allungare lo sguardo verso l’imputato. Così, magari per curiosità… . Chissà, forse la lentezza della giustizia non può permettersi simili “lussi”? Del resto, come in una commedia dell’assurdo, ciascuno recita perfettamente la propria parte senza fare una piega (giudice, pm, avvocato, imputato, testimone, persino i familiari) e poi, dopo una breve camera di consiglio, esce il verdetto. Nella fattispecie, un mese di prigione... .

Francamente non capisco come la magistratura non percepisca la brutalità di questi comportamenti e non avverta l’urgenza di cambiarli. So che tanti magistrati ne sono mortificati ma al tempo stesso si sentono quasi rassegnati a questa forma di violenza, per mille ragioni, anche organizzative (carichi di lavoro troppo elevati, mancanza di personale e di risorse…). Scene così, infatti, si vedono in tanti Tribunali d’Italia, dove la giustizia viene amministrata come fosse una catena di montaggio ogni volta che ha di fronte a sé piccole storie di delinquenza, quelle che, però, finiscono per affollare di più le patrie galere (sempre che non finiscano prima per altre tristi ragioni). Se ne vedono in continuazione oggi come dieci, venti, trenta, cinquanta o sessant’anni fa.

Non a caso, negli anni ’50 Piero Calamandrei scriveva: «Il pericolo maggiore che in una democrazia minaccia i giudici e in generale tutti i pubblici funzionari, è il pericolo dell’assuefazione, dell’indifferenza burocratica, dell’irresponsabilità anonima. Per il burocrate – spiegava – gli uomini cessano di essere persone vive e diventano numeri, cartellini, fascicoli: una “pratica”, come si dice nel linguaggio degli uffici, cioè un incartamento sotto copertina, che racchiude molti fogli protocollati, e in mezzo ad essi un uomo disseccato. Per il burocrate – proseguiva Calamandrei – gli affanni dell’uomo vivo che sta in attesa non contano più: vede quell’incartamento inombrante sul suo tavolino e solo si cura di trovare un espediente per farlo passare sul tavolino di un altro burocrate, suo vicino di stanza, e scaricare su di lui il fastidio di quella rogna».

Come allora, anche oggi (persino tra i più giovani) c’è qualche giudice che interpreta il proprio ruolo in modo burocratico oppure teorizzando una superiorità e un distacco che non consentirebbero comportamenti più “umani”, mentre Calamandrei metteva in guardia proprio da ogni forma di divinizzazione della Giustizia o, più semplicemente, di “malcostume” giudiziario. Compreso quello del giudice che rimane per tutto il processo «muto e impenetrabile come una sfinge»: un comportamento stridente con i principi moderni del processo orale, «fondato sulla collaborazione diretta tra il giudice e gli avvocati» osservava Calamandrei. «Certi giudici attaccati alla tradizione – scriveva – credono che per meglio conservare la loro dignità e la loro autorità di fronte agli avvocati sia indispensabile assumere un’impassibile solennità da idoli, mettendo tra loro e i difensori un diaframma di burbanza». Per fortuna, aggiungeva, ci sono magistrati che hanno “il coraggio” di rompere questa barriera e di dialogare con le parti del processo. «Bisogna abolire la tradizionale clausura e lasciare che anche nel processo circoli questo senso di fiducia, di solidarietà e di umanità, che è in tutti i campi lo spirito animatore della democrazia».

Questo monito di Calamandrei è ancora valido. L’impersonalità della Giustizia – che si traduce in burocratica gestione del processo – nuoce alla fiducia del cittadino nell’istituzione. Che non deve certo rincorrere il consenso ma che ha bisogno della fiducia come del pane. A questo scopo, più delle dotte sentenze contano i comportamenti attraverso i quali si comunica un “senso di giustizia”, in cui è compreso anche il rispetto nei confronti delle persone.

Non potrò mai dimenticare le parole di Gianluca, un giovane ex detenuto, uno di quelli che “ce l’hanno fatta” dopo molti processi e molti anni di carcere: «Per decenni, nei tribunali e nelle carceri, sono stato trattato come un fascicolo: ero un numero, una matricola. Non ero una persona. Soltanto quando sono arrivato nel carcere di Bollate mi hanno finalmente fatto sentire una persona. Ed è cambiato tutto».

È così, o anche così, che si nutre la fiducia nella Giustizia. Alzando la testa e guardando negli occhi chi si ha di fronte, parlando un linguaggio semplice e non tecnico e incomprensibile, trattando l’imputato come una persona e non come un fascicolo. Comunicando, così, un’idea di giustizia che è qualcosa di più e di meglio di una veloce catena di montaggio che produce sentenze. Di questo c’è bisogno per conquistare e consolidare la fiducia nella giustizia e per far crescere la coscienza del nostro stare insieme.

Donatella Stasio


*In copertina un fotogramma tratto dal film di Alessio Cremonini (2018)

18 settembre 2018
Per una riforma del processo penale all'insegna di una comune cultura della giurisdizione
Per una riforma del processo penale all'insegna di una comune cultura della giurisdizione
di Paolo Borgna
La giustizia ha bisogno di un organico intervento riformatore, preparato da un movimento culturale ampio e profondo, sostenuto da quella cultura della giurisdizione che accomuna avvocati e magistrati
18 febbraio 2019
Tre vite per poco più di un secolo
Tre vite per poco più di un secolo
di Edmondo Bruti Liberati
Un avvocato antifascista e rivoluzionario, un magistrato eretico, una brigatista rossa. Un filo lega queste tre storie che animano Un secolo e poco più, il volume di Luigi Saraceni. Pagine profonde che delineano la parabola simbolica di oltre cento anni di storia del nostro Paese
16 febbraio 2019
Magistratura e società nell'Italia repubblicana
Magistratura e società nell'Italia repubblicana
di Carlo Brusco
La recensione al volume di Edmondo Bruti Liberati (Laterza, 2018), un’opera sistematica e bene informata che, forse, mancava nel panorama storico ricostruttivo delle vicende italiane che hanno legato magistratura e società nel secondo dopoguerra
12 gennaio 2019
Quale processo penale?
Quale processo penale?
di Marco Patarnello
Nel corso del 2017 in seno a Md si è discusso molto intorno al processo penale, con l’obiettivo di disegnare un possibile intervento riformatore, finalizzato a coniugare efficienza e garanzie. Con poche mosse radicali, a quadro costituzionale invariato e praticamente senza investimenti economici, si può, forse, provare a spezzare il cerchio e ripartire
11 gennaio 2019
Processo penale e riforme, una storia infinita. L’ultimo Controcanto sulle note della memoria
Processo penale e riforme, una storia infinita. L’ultimo Controcanto sulle note della memoria
di Donatella Stasio
Dal 1989 ad oggi sono state approvate più di cento modifiche al processo penale e ogni volta si ricomincia senza una visione organica e ideale ma solo in funzione dell’incapacità del sistema di garantire un processo democratico ed efficiente
7 gennaio 2019
Il giudice di fronte allo straniero
Il giudice di fronte allo straniero
di Luigi Zoja
Pubblichiamo la relazione tenuta dall'autore all'interno del corso Lo straniero davanti al giudice (Scuola superiore della magistratura - Firenze, 8 luglio 2015)
3 gennaio 2019
La cultura giuridica e le leggi razziali: avvocati e giudici ebrei. La giurisprudenza in materia razziale
La cultura giuridica e le leggi razziali: avvocati e giudici ebrei. La giurisprudenza in materia razziale
di Carlo Brusco
Il testo costituisce un capitolo, ancora in via di elaborazione, di un libro dedicato alle leggi razziali del 1938/1939 che verrà pubblicato, nell’80° anniversario della loro promulgazione, dalle Edizioni Gruppo Abele
22 dicembre 2018
Il valore dell’indipendenza al tempo delle leggi razziali *
di Olimpia Monaco
L’esempio di Mario Fioretti. Combattere l’immobilismo e l’assoggettamento della giurisdizione alla deriva autoritaria del potere politico significa – ieri come oggi – uscire allo scoperto contro lo “spirito del tempo”, infrangere l’autoreferenzialità e rifondare il rapporto tra legalità e giustizia
13 dicembre 2018
Sulla violazione del limite costituzionale della ragionevolezza nella disciplina delle incompatibilità di sede dei magistrati onorari
Sulla violazione del limite costituzionale della ragionevolezza nella disciplina delle incompatibilità di sede dei magistrati onorari
di Paola Bellone
Un esame della disciplina sulle incompatibilità di sede introdotte dal d.lgs 116/2017 per i giudici onorari di pace e i vice procuratori onorari, con particolare attenzione alle disposizioni che sollevano dubbi di legittimità costituzionale
5 dicembre 2018
Contro il malessere democratico, l’Italia ha bisogno del rugby. Il sogno di Giuseppe D’Avanzo
Contro il malessere democratico, l’Italia ha bisogno del rugby. Il sogno di Giuseppe D’Avanzo
di Donatella Stasio
In gran parte del mondo la democrazia non gode di buona salute e l’Italia non sembra da meno. I sintomi del malessere democratico risalgono ad almeno un decennio e D’Avanzo li aveva individuati. Come il rimedio per curarli
3 dicembre 2018

Perché questa rubrica

27 aprile 2017

Inizia oggi, con il primo articolo della nuova rubrica Controcanto, la collaborazione di Questione Giustizia e di Magistratura democratica con Donatella Stasio, una delle voci più autorevoli del giornalismo italiano (cronista di politica giudiziaria per più di 30 anni a Il Sole24Ore) e più significative del dibattito politico-culturale sui temi della giustizia e della politica giudiziaria.

Con questa collaborazione Magistratura democratica e Questione Giustizia hanno scelto di aprire, sui siti on-line, una finestra sull’esterno dalla quale scorgere con più attenzione e consapevolezza cosa accade fuori dalla magistratura e dalla quale essere visti, osservati, criticati anche radicalmente.

In linea con le indicazioni venute dal congresso di Bologna del novembre 2016, abbiamo scelto, da un lato, di rivitalizzare un metodo di confronto ed elaborazione e, dall’altro, di arricchire il dibattito interno alla magistratura, tenendo viva l’attenzione verso le più complesse dinamiche della società in cui si inserisce l’intervento giudiziario. Siamo infatti consapevoli che solo questa attenzione può contrastare dinamiche di chiusura e di autoreferenzialità della magistratura, da ultimo riemerse anche nel confronto associativo.

 

continua

 

Processo penale e riforme, una storia infinita. L’ultimo Controcanto sulle note della memoria
Processo penale e riforme, una storia infinita. L’ultimo Controcanto sulle note della memoria
di Donatella Stasio
Dal 1989 ad oggi sono state approvate più di cento modifiche al processo penale e ogni volta si ricomincia senza una visione organica e ideale ma solo in funzione dell’incapacità del sistema di garantire un processo democratico ed efficiente
7 gennaio 2019
Contro il malessere democratico, l’Italia ha bisogno del rugby. Il sogno di Giuseppe D’Avanzo
Contro il malessere democratico, l’Italia ha bisogno del rugby. Il sogno di Giuseppe D’Avanzo
di Donatella Stasio
In gran parte del mondo la democrazia non gode di buona salute e l’Italia non sembra da meno. I sintomi del malessere democratico risalgono ad almeno un decennio e D’Avanzo li aveva individuati. Come il rimedio per curarli
3 dicembre 2018
Prescrizione & processo: solo l’etica ci salverà
Prescrizione & processo: solo l’etica ci salverà
di Donatella Stasio
Avvocati e Anm, divisi sulle proposte di riforma del processo penale e della prescrizione, concordano invece (ed è una novità) sulla pregiudizialità della prima rispetto alla seconda. Ma la diversa “visione” del processo rende la riforma impossibile. Oltre che inutile senza un cambio di passo dell’etica di tutti gli attori del processo
15 novembre 2018
La lezione di Dworkin: anche nella partita sulla sicurezza, la «briscola» è la tutela dei diritti fondamentali
La lezione di Dworkin: anche nella partita sulla sicurezza, la «briscola» è la tutela dei diritti fondamentali
di Donatella Stasio
Reati in calo, processi lenti, carceri affollate: un quadro che ci riporta indietro di dieci anni e riapre prospettive securitarie. Secondo il filosofo americano, il rispetto dei diritti umani non è un impiccio di cui liberarsi per placare la paura e riscuotere consensi
30 ottobre 2018
L’etica costituzionale come antidoto al conflitto tra legge e giustizia e alla disgregazione sociale
L’etica costituzionale come antidoto al conflitto tra legge e giustizia e alla disgregazione sociale
di Donatella Stasio
Piero Calamandrei spiegava che nei “grandi trapassi storici” il dissidio tra legge e giustizia si scarica sulla seconda e sulla motivazione dei suoi provvedimenti, con effetti negativi sulla fiducia dei cittadini. Anche oggi si profila un’analoga “crisi della giustizia” ma, come osserva Elvio Fassone, è l’etica costituzionale, ed il suo riconoscimento, che consente di ricomporre legge e giustizia
9 ottobre 2018
L’utopia di Riace, città invisibile dove si respira la cittadinanza costituzionale
L’utopia di Riace, città invisibile dove si respira la cittadinanza costituzionale
di Donatella Stasio
Modello esemplare di accoglienza, riconosciuto e studiato in tutto il mondo, il piccolo borgo della Locride è una comunità multietnica dove attualmente convivono 1700 riacesi con 400 migranti, e dove si respira un vero sentimento di appartenenza e di condivisione ai valori della solidarietà, dell’uguaglianza e del rispetto della dignità umana. Un esempio tangibile di “cittadinanza costituzionale”. Eppure, dalla fine del 2016 il Ministero dell’interno e la Prefettura di Reggio Calabria hanno bloccato i fondi per i rifugiati sulla base di presunte “criticità” rilevate da alcune ispezioni (al contrario di altre di segno positivo), che hanno comportato l’apertura di un’indagine penale, ma che sembrerebbero parzialmente superate dalla riattivazione, proprio nei giorni scorsi, dei finanziamenti relativi agli ultimi tre mesi del 2016. Intanto, ad agosto è partita una raccolta di fondi (aperta fino a dicembre) che in meno di un mese era già arrivata a 215mila euro
3 settembre 2018