home search menu
La giornata particolare di una giuria popolare
Magistratura e società
La giornata particolare di una giuria popolare
di Oscar Magi
presidente di sezione, Corte di appello di Milano
Una nuova recensione per La convocazione di Enrico Maisto, un film in cui l'autore passa con naturalezza dalla narrazione del registro intimo e quotidiano dei convocati a comporre la giuria a quello solenne del giuramento finale in un crescendo emotivo e intenso.
La giornata particolare di una giuria popolare

Una sera di gennaio, a Milano, in un cinema Beltrade affollato come un autobus nelle ore di punta, ho visto il nuovo lungometraggio di Enrico Maisto, La convocazione.

Ho nei confronti di Enrico una sorta di debolezza empatica, dovuta al fatto di aver giocato con lui bambino in una vecchia casa di montagna affittata insieme ai suoi genitori molti anni fa, ma questo non mi impedisce di cercare di essere il più possibile obiettivo nei suoi confronti e nei confronti dei risultati del suo lavoro di regista.

Dopo la prima esperienza di Comandante, film in cui egli affrontava con grande attenzione e curiosità intellettuale gli “anni di piombo” visti attraverso gli occhi del padre e dell’amico di famiglia (il comandante del titolo), Enrico, alla sua seconda esperienza, incontra e fa incontrare agli spettatori le persone chiamate dalla Corte d’assise di appello di Milano per comporre la giuria popolare dei processi che la stessa corte dovrà tenere nei mesi successivi alla convocazione ed alla conseguente nomina.

Che la presidente di questa corte sia la sua mamma (Anna Conforti) è circostanza significativa ma, narrativamente e filmicamente parlando, irrilevante: in questa sua nuova fatica registica Enrico prende le distanze in modo più netto ed inequivocabile dal tessuto familiare che pure lo ha prodotto e coltivato: con uno sguardo lungo e professionalmente consapevole, pur indugiando (come è inevitabile) sulle parole della presidente che spiega ai convocati in cosa consisterà il loro impegno nella corte, sposta ben presto il suo occhio attento sulle parole, sui sussurri, sui non detti, sulle espressioni dei quivis de populo chiamati nell’aula della Corte d’assise di Milano, cogliendone gli aspetti più significativi ed elaborando un tessuto narrativo di grande spessore ed interesse.

Ma il film/documentario di Enrico non è soltanto una buona prova registica ed un interessante documento narrativo: è qualcosa di più importante e significativo.

A me ha ricordato una sorta di “cerimonia” nel senso più nobile e completo che diamo a questa parola.

Enrico passa con assoluta naturalezza dalla narrazione del registro intimo e quotidiano dei convocati a quello solenne del giuramento finale in un crescendo emotivo intenso e tuttavia regolare, scandito da una sorta di orologio interiore con battiti regolari e inevitabili.

È, quello descritto dal film, un concetto di “cerimonia” intesa come percorso simbolico ed etico che consente al quivis de populo di assumere, piano piano, le vesti del sacerdote/giudice e di poter poi officiare l’epifania del processo.

Ma, nello stesso tempo, con una inversione di prospettiva tanto interessante quanto vera, consente all’officiante/giudice di spogliarsi del proprio aspetto simbolico per scendere tra la comunità (ecclesia) dei “credenti/non credenti” e, in qualche modo, di farsi persona tra le persone, attraverso una interazione etica e sociale che permette alla Legge di diventare Giustizia, ed alla Giustizia (intesa come comune verità e buon senso) di assurgere alla forza di Legge.

E così il “comune buon senso” degli aspiranti giudici popolari si converte, lentamente ed inesorabilmente, in dubbio etico; dubbio che diventa, piano piano, il seme della futura possibilità di giudizio, attraverso il rito finale del giuramento.

Insomma, come dice la frase di Piero Calamandrei all’inizio del film, la giustizia, in un certo senso, è come la fede: solo chi ci crede può veramente officiarla.

In tempi così oscuri e difficili, un film che ci ricorda la ragione del nostro impegno e delle nostre fatiche quotidiane.

3 febbraio 2018
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Il traditore, un film per (ri)guardare un pezzo della nostra storia repubblicana
Il traditore, un film per (ri)guardare un pezzo della nostra storia repubblicana
di Patrizia Rautiis
Il film di Marco Bellocchio, presentato all'ultimo Festival di Cannes, visto con lo sguardo di un magistrato
31 maggio 2019
Il colpevole–The guilty, un film di Gustav Möller
Il colpevole–The guilty, un film di Gustav Möller
di Paola Perrone
L'opera prima del regista danese è un thriller coinvolgente, drammatico e ricco di scelte estreme che però non stancano mai lo spettatore
11 maggio 2019
Cafarnao-Caos e miracoli, un film di Nadine Labaki
Cafarnao-Caos e miracoli, un film di Nadine Labaki
di Patrizia Rautiis
Zain, il piccolo protagonista dell'opera premio della Giuria a Cannes 2018, viene elevato a “manifesto” dei mali del mondo, offrendo ai nostri occhi la mostruosità di un’infanzia già troppo violata, cercando di coinvolgere un’umanità che rimane sempre troppo distante, inerme e colpevole
4 maggio 2019
Il verdetto-The children act, un film di  Richard Eyre
Il verdetto-The children act, un film di Richard Eyre
di Paola Perrone
La recensione all'opera tratta da La ballata di Adam Henry, un romanzo di Ian McEwan
10 novembre 2018
Opera senza autore, un film di Florian Henckel von Donnersmarck
Opera senza autore, un film di Florian Henckel von Donnersmarck
di Paola Perrone
Come ne Le vite degli altri, anche in quest'opera l’autore riesce a dipingere, attraverso la storia di singole persone, la Storia di un’intera nazione dilaniata e stravolta dalle leggi dittatoriali passate da quelle naziste a quelle filosovietiche
27 ottobre 2018
Lo sguardo che manca alla giustizia
Lo sguardo che manca alla giustizia
di Donatella Stasio
Il film «Sulla mia pelle», che racconta la vicenda di Stefano Cucchi, sollecita molte riflessioni tra cui quella sull’impersonalità (brutale) delle istituzioni, compresa la giustizia, e sulle sue ricadute negative nel rapporto di fiducia con i cittadini. Un problema antico ma ricorrente e cruciale nella vita delle istituzioni, di cui i magistrati devono farsi carico con i loro comportamenti. Secondo Piero Calamandrei, bisogna che «anche nel processo circoli questo senso di fiducia, di solidarietà e di umanità, che è in tutti i campi lo spirito animatore della democrazia»
18 settembre 2018
Dogman, una scellerata storia di periferia
Dogman, una scellerata storia di periferia
di Patrizia Rautiis
Matteo Garrone, ispirato dalla vicenda romana del Canaro, torna con la sua macchina da presa sul litorale campano per tratteggiare un universo di violenza e degrado in cui Bene e Male finiscono per mescolarsi, perdendo i propri confini
2 giugno 2018
La casa sul mare, un film di Robert Guédiguian
La casa sul mare, un film di Robert Guédiguian
di Patrizia Papa
Il regista francese ci regala una storia di straordinaria bellezza, raccontata con delicatezza e asciuttezza. Un'opera in cui la trama si dipana perché ciascun personaggio possa riappropriarsi della sua storia e della vita. Mentre il treno sullo sfondo continuamente va e poi ritorna. Perché la vita non può fermarsi
26 maggio 2018
La convocazione, un film civile
La convocazione, un film civile
di Ilio Mannucci Pacini
La recensione al documentario di Enrico Maisto, un'opera in cui sensazioni ed emozioni esprimono il punto di vista dei cittadini comuni sull’istituzione giudiziaria e sulla giustizia
20 gennaio 2018
Quando le ombre del carcere si allungano sugli affetti
Quando le ombre del carcere si allungano sugli affetti
di Fabio Gianfilippi
Guardando le “Ombre della sera”, un film di Valentina Esposito
18 novembre 2017
Newsletter


Fascicolo 2/2019
Famiglie e Individui. Il singolo nel nucleo

Il codice della crisi d’impresa e dell’insolvenza: idee e istituti
Magistratura e società
La grande vergogna. L’Italia delle leggi razziali, un libro completo e documentato
La grande vergogna. L’Italia delle leggi razziali, un libro completo e documentato
di Paola Perrone
Un volume importante quello di Carlo Brusco (Edizioni Gruppo Abele), bello soprattutto perché alimenta quel senso di responsabilità negli italiani che fa riconoscere oggi come proprie le storiche colpe dell’antisemitismo del periodo fascista
27 luglio 2019
Argonautiche della memoria – se le domande inattese salvano la storiografia. Christoph U. Schminck-Gustavus racconta
Argonautiche della memoria – se le domande inattese salvano la storiografia. Christoph U. Schminck-Gustavus racconta
di Mosè Carrara Sutour
Se la ricerca, il recupero o l'assunzione di una coscienza storica richiedono sempre uno sforzo di prospettiva, l'incontro-racconto con l'intellettuale tedesco conduce all'incontro tra il diritto e la storia taciuta, in un tempo ritrovato – anche fisicamente – in cui i “vinti” entrano a pieno titolo nella storiografia
26 luglio 2019
In ricordo di Francesco Saverio Borrelli
In ricordo di Francesco Saverio Borrelli
di Gherardo Colombo
Essere completamente indipendente dal potere politico, non assecondarlo, non subirlo e non adeguarvisi. È anche per questo che si è potuto indagare sulla corruzione e scoprirne il sistema. Perché c’era Saverio Borrelli
22 luglio 2019
Almarina: due donne, Nisida, un futuro possibile per entrambe
Almarina: due donne, Nisida, un futuro possibile per entrambe
di Ennio Tomaselli
La recensione all'ultimo romanzo di Valeria Parrella (Einaudi), pagine utili per sensibilizzare l’opinione pubblica su temi come il carcere minorile, questioni che altrimenti rischiano di restare confinate nell’ambito degli addetti ai lavori
20 luglio 2019
Lo scandalo romano: un bubbone maligno scoppiato in un organismo già infiacchito da mali risalenti
Lo scandalo romano: un bubbone maligno scoppiato in un organismo già infiacchito da mali risalenti
di Nello Rossi
«Famiglie e individui. Il singolo nel nucleo» e «Il codice della crisi d'impresa e dell'insolvenza». Questi gli obiettivi del nuovo numero trimestrale di Questione Giustizia
18 luglio 2019
La magistratura resistente *
di Paolo Borgna
Prima dell'8 settembre del 1943, durante il Ventennio fascista, molti magistrati sentivano l’iscrizione al Pnf come un’umiliazione, che non li obbligava a comportamenti contrari alla loro coscienza. Per loro, l’opposizione al fascismo fu uno stato d’animo pre-politico, un’opposizione culturale, un “antifascismo di stile”
11 luglio 2019