home search menu
La giornata particolare di una giuria popolare
Magistratura e società
La giornata particolare di una giuria popolare
di Oscar Magi
presidente di sezione, Corte di appello di Milano
Una nuova recensione per La convocazione di Enrico Maisto, un film in cui l'autore passa con naturalezza dalla narrazione del registro intimo e quotidiano dei convocati a comporre la giuria a quello solenne del giuramento finale in un crescendo emotivo e intenso.
La giornata particolare di una giuria popolare

Una sera di gennaio, a Milano, in un cinema Beltrade affollato come un autobus nelle ore di punta, ho visto il nuovo lungometraggio di Enrico Maisto, La convocazione.

Ho nei confronti di Enrico una sorta di debolezza empatica, dovuta al fatto di aver giocato con lui bambino in una vecchia casa di montagna affittata insieme ai suoi genitori molti anni fa, ma questo non mi impedisce di cercare di essere il più possibile obiettivo nei suoi confronti e nei confronti dei risultati del suo lavoro di regista.

Dopo la prima esperienza di Comandante, film in cui egli affrontava con grande attenzione e curiosità intellettuale gli “anni di piombo” visti attraverso gli occhi del padre e dell’amico di famiglia (il comandante del titolo), Enrico, alla sua seconda esperienza, incontra e fa incontrare agli spettatori le persone chiamate dalla Corte d’assise di appello di Milano per comporre la giuria popolare dei processi che la stessa corte dovrà tenere nei mesi successivi alla convocazione ed alla conseguente nomina.

Che la presidente di questa corte sia la sua mamma (Anna Conforti) è circostanza significativa ma, narrativamente e filmicamente parlando, irrilevante: in questa sua nuova fatica registica Enrico prende le distanze in modo più netto ed inequivocabile dal tessuto familiare che pure lo ha prodotto e coltivato: con uno sguardo lungo e professionalmente consapevole, pur indugiando (come è inevitabile) sulle parole della presidente che spiega ai convocati in cosa consisterà il loro impegno nella corte, sposta ben presto il suo occhio attento sulle parole, sui sussurri, sui non detti, sulle espressioni dei quivis de populo chiamati nell’aula della Corte d’assise di Milano, cogliendone gli aspetti più significativi ed elaborando un tessuto narrativo di grande spessore ed interesse.

Ma il film/documentario di Enrico non è soltanto una buona prova registica ed un interessante documento narrativo: è qualcosa di più importante e significativo.

A me ha ricordato una sorta di “cerimonia” nel senso più nobile e completo che diamo a questa parola.

Enrico passa con assoluta naturalezza dalla narrazione del registro intimo e quotidiano dei convocati a quello solenne del giuramento finale in un crescendo emotivo intenso e tuttavia regolare, scandito da una sorta di orologio interiore con battiti regolari e inevitabili.

È, quello descritto dal film, un concetto di “cerimonia” intesa come percorso simbolico ed etico che consente al quivis de populo di assumere, piano piano, le vesti del sacerdote/giudice e di poter poi officiare l’epifania del processo.

Ma, nello stesso tempo, con una inversione di prospettiva tanto interessante quanto vera, consente all’officiante/giudice di spogliarsi del proprio aspetto simbolico per scendere tra la comunità (ecclesia) dei “credenti/non credenti” e, in qualche modo, di farsi persona tra le persone, attraverso una interazione etica e sociale che permette alla Legge di diventare Giustizia, ed alla Giustizia (intesa come comune verità e buon senso) di assurgere alla forza di Legge.

E così il “comune buon senso” degli aspiranti giudici popolari si converte, lentamente ed inesorabilmente, in dubbio etico; dubbio che diventa, piano piano, il seme della futura possibilità di giudizio, attraverso il rito finale del giuramento.

Insomma, come dice la frase di Piero Calamandrei all’inizio del film, la giustizia, in un certo senso, è come la fede: solo chi ci crede può veramente officiarla.

In tempi così oscuri e difficili, un film che ci ricorda la ragione del nostro impegno e delle nostre fatiche quotidiane.

3 febbraio 2018
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
<i>La convocazione</i>, un film civile
La convocazione, un film civile
di Ilio Mannucci Pacini
La recensione al documentario di Enrico Maisto, un'opera in cui sensazioni ed emozioni esprimono il punto di vista dei cittadini comuni sull’istituzione giudiziaria e sulla giustizia
20 gennaio 2018
Quando le ombre del carcere si allungano sugli affetti
Quando le ombre del carcere si allungano sugli affetti
di Fabio Gianfilippi
Guardando le “Ombre della sera”, un film di Valentina Esposito
18 novembre 2017
Pio Amato: un nome tenero in una vicenda dura. Da ricordare, comunque
Pio Amato: un nome tenero in una vicenda dura. Da ricordare, comunque
di Ennio Tomaselli
Riflessioni su A Ciambra, il film di Jonas Carpignano prodotto da Martin Scorsese
28 ottobre 2017
<i>La Corte</i>, un film di Christian Vincent
“La vita in comune” di Edoardo Winspeare
“La vita in comune” di Edoardo Winspeare
di Simonetta Rubino
La recensione all'ultimo film del regista salentino presentato alla 74esima Mostra del cinema di Venezia
16 settembre 2017
Manchester by the sea
Manchester by the sea
di Isabella Mariani
La recensione al film di Kenneth Lonergan, vincitore di due premi Oscar: miglior sceneggiatura originale, miglior attore protagonista per Casey Affleck
18 marzo 2017
<i>Arrival</i>, un film di Denis Villeneuve
Arrival, un film di Denis Villeneuve
di Bruno Capponi
Il circolo e il tempo sono le chiavi di lettura di quest'opera presentata all'ultimo Festival di Venezia
5 febbraio 2017
Lion, la strada verso casa
Lion, la strada verso casa
di Carla Spagnuolo
La ricchezza del film sta nel trattare in modo non didascalico il tema del diritto alla conoscenza delle origini, il valore della fratria, il significato delle adozioni
21 gennaio 2017
La verità negata
La verità negata
di Patrizia Papa
Recensione a “Denial”, film del regista britannico Mick Jackson
26 novembre 2016
Io, Daniel Blake
Io, Daniel Blake
di Simonetta Rubino
Recensione al film di Ken Loach, vincitore della Palma d'oro al Festival di Cannes 2016
19 novembre 2016
Newsletter


Fascicolo 4/2017
L’orgoglio dell’autogoverno
una sfida possibile per i 60 anni del Csm
Magistratura e società
Il 25 aprile in tre storie di resistenza
Il 25 aprile in tre storie di resistenza
di Paola Perrone
Va riconosciuto che, per chi non ha vissuto quei momenti, la valutazione del 25 aprile risulta influenzata dal senno del poi. Non tiene conto delle previsioni, aspettative, timori, sbandamenti di tutti gli italiani dell’Alta Italia, e dei partigiani in particolare, nei mesi che seguirono l’8 settembre 1943. Con uno stile che ricorda la storiografia anglosassone, Carlo Greppi cerca di dar conto col senno del prima di ciò che avvenne in quei fatidici mesi. Per farlo, sceglie di scrivere di tre personaggi e tre eventi che meglio di altri condensano insieme timori e determinazione resistenziali.
25 aprile 2018
“Con i piedi nel fango. Conversazioni su politica e verità”
“Con i piedi nel fango. Conversazioni su politica e verità”
di Paola Perrone
In questo libro-intervista, Gianrico Carofiglio parte da un valore che poi non abbandona: ogni soggetto politico deve essere consapevole del proprio agire e responsabile delle scelte che fa. Infatti «l’imperturbabilità» davanti al male «può essere una buona tecnica per il benessere personale ma non è un valore», mentre la sofferenza altrui, le discriminazioni, i grandi problemi del mondo dovrebbero essere sempre all’attenzione del politico e del cittadino, provocando in loro una «forma controllata di disagio» che li porta a scelte anche «compromissorie» pur di ottenere il risultato di attenuare quel male.
21 aprile 2018
La Scuola della magistratura e la memoria
La Scuola della magistratura e la memoria
di Luca Baiada
Con questo intervento, Questione Giustizia intende avviare una riflessione sul ruolo della giurisdizione nella cultura antifascista
13 aprile 2018
“Conflitti pratici. Quando il diritto diventa immorale”
“Conflitti pratici. Quando il diritto diventa immorale”
di Antonio Scalera
Cosa è un conflitto pratico? È quella situazione che si verifica quando chi agisce ha una ragione giuridica per tenere un comportamento che, tuttavia, è incompatibile con quello preteso da una ragione morale. Di conflitti pratici, argomento di particolare interesse per la filosofia del diritto, si occupa il recente libro di Damiano Canale (Laterza, 2017).
7 aprile 2018
La genesi della sentenza*
La genesi della sentenza*
di Marco Dell'Utri
Muovendo dallo spunto offerto dal libro di Pietro Rescigno e Salvatore Patti su “la genesi della sentenza”, lo scritto approfondisce la riflessione sul senso della crescente attenzione della cultura giuridica contemporanea per la figura e il lavoro del giudice, giungendo – attraverso l’impostazione storico-culturale del discorso – a prospettare taluni caratteri propri dell’evoluzione che ha investito il diritto (come fenomeno esistenziale e come prodotto della cultura e del potere) nel mondo contemporaneo, dei modi di praticarne l’incidenza sociale e degli studi che sono chiamati a coltivarlo quale autentica “arte dell’incontro”.
30 marzo 2018
“Tra legislazione e giurisdizione: nuove prospettive del diritto penale”
“Tra legislazione e giurisdizione: nuove prospettive del diritto penale”
La presentazione e il programma del quarto convegno annuale del Lapec (Roma, 20-21 aprile 2018)
25 marzo 2018