home search menu
La “particolare rilevanza delle questioni” tra camera di consiglio e udienza pubblica
Leggi e istituzioni
La “particolare rilevanza delle questioni” tra camera di consiglio e udienza pubblica
di Giuliano Scarselli
Ordinario di diritto processuale civile, Università di Siena
Le prime applicazioni della Legge n. 197/2016 sul giudizio in Cassazione

1. In questo anno sono già intervenute importanti decisioni della Suprema Corte sulla riforma del giudizio di cassazione di cui alla L. 197/2016.

Ricordo, in primo luogo, questi provvedimenti:

a) il primo è l’ordinanza 395 del 10 gennaio (6° sez. 3°), la quale ha rimarcato come la riforma sia stata ispirata da “esigenze di semplificazione, snellimento e deflazione del contenzioso” e abbia inteso “modulare il giudizio di legittimità in ragione di una più generale suddivisione del contenzioso in base alla valenza nomofilattica, o meno, delle cause”, con scelta conforme sia alla nostra carta costituzionale sia alle norme Cedu, e che in tal contesto viene a declinarsi il nuovo art. 380 bis c.p.c., che, seppur abbia soppresso il precedente “opinamento”, “non è tale da vulnerare il diritto alla difesa, giacché trattasi di esplicitazione interlocutoria di mera ipotesi di esito decisorio”, visto che, in ogni caso, “la garanzia del contraddittorio è comunque assicurata dalla trattazione scritta della causa”.

b) Il secondo è l’ordinanza 4541 del 22 febbraio (6° sez. 3°), la quale ha tenuto a precisare che “va disattesa ogni doglianza sul carattere immotivato e succinto della proposta del relatore: la novella del 2016 non prevede affatto ed in alcun modo che la proposta possa e debba essere motivata… e del resto giammai si configura in alcun processo alcun diritto della parte a conoscere – e tanto meno particolareggiatamente – in via preventiva l’opinamento o l’orientamento del relatore o del giudicante in genere sul tema da decidere, in modo da potere, appunto invia preventiva, interloquire al riguardo”.

c) Il terzo è l’ordinanza 5374 del 2 marzo (6° sez. T), la quale, nel dichiarare infondata una istanza di rinvio pregiudiziale alla Corte di giustizia dell’Unione europea perché le scelte del legislatore, in ragione di una più generale suddivisione del contenzioso in base alla valenza nomofilattica, sono conforme ai principi costituzionali e comunitari, ha ripetuto i principi già affermati da Cassazione 395/2017, ribadendo che il nuovo giudizio camerale è “procedimento ordinario non partecipato”, che il “contraddittorio è assicurato dalla trattazione scritta della causa”, e che la soppressione del c.d. “opinamento” appartiene “all’esercizio della discrezionalità del legislatore in ambito processuale e non è tale da vulnerare il diritto alla difesa”.

Se, pertanto, le problematiche che la riforma pone sono essenzialmente due, e sono quelle: a) di stabilire cosa debba precisare il relatore nel momento in cui avvia un ricorso in camera di consiglio; b) e di stabilire quando una causa presenti quella “particolare rilevanza” tale da dover andare in udienza pubblica; ad entrambe la Cassazione ha già risposto senza dubbi: il relatore non ha alcun obbligo di precisare alcunché nella proposta, e un ricorso può essere mandato in camera di consiglio puramente e semplicemente (così soprattutto Cass. n. 4541 del 22 febbraio); e in udienza pubblica vanno solo le questioni a “valenza nomofilattica”, poiché la riforma ha riservato “a quelle prive di siffatto connotato un procedimento camerale, tendenzialmente assunto come procedimento ordinario non partecipato” (così Cass. 395 del 10 gennaio e Cass. 5374 del 2 marzo).

Ho già avuto modo di esternare il mio disappunto alla recente riforma del giudizio di cassazione di cui alla L. 197/2016, ed ho già avuto modo di rilevare come questa riforma da una parte mi sembri di dubbia costituzionalità e di dubbia aderenza alla normativa comunitaria, e dall’altra mi sembri illogica, considerato che sottrae al processo di cassazione un valore risalente all’illuminismo, quale quello dell’udienza pubblica, solo per consentire il risparmio di tre ore alla settimana, tanto è da stimare il tempo che i giudici della cassazione impiegano per le udienze pubbliche.

Ora, però, più che criticare le scelte del legislatore, si tratta di valutare come questa riforma, che ormai è legge, possa e/o debba essere applicata.

Ed è a questo più pratico aspetto che sono dedicate le riflessioni che seguono.

2. Preliminarmente, desidero dare alcune precisazioni, su meccanismi che forse non a tutti sono chiari.

Con la riscrittura dell’art. 375 c.p.c. noi abbiamo oggi due percorsi con i quali un ricorso può essere deciso in camera di consiglio: a) un ricorso può andare in camera di consiglio per una ipotesi di cui al primo comma dell’art. 375 c.p.c., ovvero quando lo stesso è inammissibile, improcedibile, manifestamente fondato o manifestamente infondato; b) oppure parimenti un ricorso può essere deciso in camera di consiglio per una ipotesi di cui al secondo comma dell’art. 375 c.p.c., ovvero “in ogni altro caso” nel quale non vi sia “particolare rilevanza della questione”.

Ora, però, a seconda che la camera di consiglio sia data per una ipotesi di cui al primo comma dell’art. 375 c..c., oppure per una ipotesi di cui al secondo comma dell’art. 375 c.p.c., cambia qualcosa, ovvero: nel primo caso si applica l’art. 380 bis c.p.c., mentre nel secondo caso si applica l’art. 380 bis 1.

Abbiamo così un doppio binario, fissato dallo stesso legislatore: se la camera di consiglio è dovuta in base al primo comma dell’art. 375 c.p.c., allora il relatore, ai sensi dell’art. 380 bis c.p.c., formula una proposta, asserendo che vi sono gli estremi dell’art. 375 nn. 1-5 c.p.c., e il ricorso è deciso in camera di consiglio in apposita sezione, ovvero in sezione sesta. In questi casi la proposta e il decreto che fissa l’adunanza sono comunicati alle parti almeno venti giorni prima, e questi possono produrre memorie almeno cinque giorni prima dall’adunanza. Il ricorso viene deciso con ordinanza.

Se viceversa il ricorso non ha gli estremi di cui al primo comma dell’art. 375 c.p.c., ovvero non ricade nelle fattispecie di cui ai nn. 1-5 dell’art 375 c.p.c., allora, come già nel vecchio sistema, il ricorso passa per la decisione ad una sezione semplice.

La novità della riforma, però, è che anche le sezioni semplici possono oggi decidere in camera di consiglio se a loro volta ritengono che la questione non sia di particolare rilevanza.

In questo caso la sezione semplice applica l’art. 380 bis 1 c.p.c.: si dà comunicazione agli avvocati e alla procura generale almeno quaranta giorni prima dall’adunanza che il ricorso verrà deciso in camera di consiglio. La procura generale potrà depositare in cancelleria le sue conclusioni scritte non oltre venti giorni prima dell’adunanza, mentre gli avvocati potranno presentare le loro memorie non oltre dieci giorni prima dell’adunanza. La Corte giudicherà senza l’intervento del pubblico ministero e delle parti.  

Dunque, il ricorrente che aspiri a discutere in udienza pubblica il proprio ricorso deve oggi superare due ostacoli: deve dapprima superare il giudizio della sesta sezione, che deve escludere che il ricorso possa decidersi in via breve ai sensi del primo comma dell’art. 375 c.p.c.; e deve superare il giudizio della sezione semplice, che deve ritenere che le questioni sollevate siano di particolare rilevanza.

In ogni altro caso il ricorso è deciso in camera di consiglio.

Un ultima precisazione: la camera di consiglio viene portata a conoscenza degli avvocati in modo diverso a seconda che questa si abbia presso la sesta sezione ai sensi dell’art. 380 bis c.p.c. oppure presso le sezioni semplici ai sensi dell’art. 380 bis 1; se il ricorso viene deciso dalla sesta sezione nei casi del primo comma dell’art. 375 c.p.c. ciò avviene “su proposta del relatore” (art. 380 bis c.p.c.), e in questo caso la proposta è comunicata alle parti unitamente al decreto che fissa l’adunanza; al contrario, se la camera di consiglio è disposta dalla sezione semplice nei casi del secondo comma dell’art. 375 c.p.c., alle parti arriva solo una comunicazione, senza aggiunta di alcunché, comunicazione del tutto eguale a quella che arriva se la discussione del ricorso avviene in udienza pubblica. Ciò in quanto, al contrario dell’art. 380 bis c.p.c., l’art. 380 bis 1 c.p.c. si limita a dire che “è data comunicazione”, senza far menzione di una proposta, come avviene nell’ipotesi dell’art. 380 bis c.p.c.

Si tratta di differenza di non secondaria importanza.

La giurisprudenza sopra richiamata, infine, è tutta relativa a camere di consiglio di cui al primo comma dell’art. 375 c.p.c.

Sono infatti ordinanze pronunciate dalla sesta sezione per inammissibilità del ricorso (395/2017), manifesta fondatezza (4541/2017), e manifesta infondatezza (5374/2017).

3. Date queste premesse, vediamo le questioni.

Se il ricorso rientra in uno dei casi di cui al primo comma dell’art. 375 c.p.c., il relatore formula una proposta di definizione in camera di consiglio presso la sesta sezione ai sensi dell’art. 380 bis c.p.c.

Al riguardo, è fuori da ogni seria discussione che il legislatore abbia soppresso il vecchio opinamento, modificando il testo dell’art. 380 bis c.p.c.; quindi va da sé che non può più pretendersi che la proposta del relatore contenga le ragioni, seppur succinte, per le quali il ricorso va in camera di consiglio.

Sia però consentito osservare che sopprimere l’opinamento non significa automaticamente liberare il relatore da ogni onere nello stendere la proposta.

Al riguardo, peraltro, sul punto è stato sottoscritto un protocollo tra la Corte di cassazione e il Consiglio nazionale forense in data 15 dicembre 2016. Al punto 5, titolato Proposta di trattazione camerale presso la sesta sezione ex art. 380 bis c.p.c., si stabilisce che la proposta del relatore deve quanto meno indicare “quali siano i pertinenti precedenti giurisprudenziali di riferimento e le ragioni del giudizio prognostico di infondatezza dei motivi di ricorso, anche mediante una valutazione sintetica e complessiva degli stessi, ove ne ricorrano i presupposti”[1]. E peraltro in quel protocollo si scrive che questa scelta tende a contemperare due contrapposte esigenze, quali quelle di dare “adeguata informazione circa le ragioni dell’avvio del ricorso alla trattazione in adunanza camerale” con l’altra volta a dar seguito alla volontà del legislatore di sopprimere il vecchio opinamento.

Dunque, è abbastanza sorprendente che Cass. 4541/2017 non rispetti il protocollo, e affermi in modo netto che la novella del 2016 non prevede affatto, ed in alcun modo, che la proposta possa e debba esser motivata.

Non ho simpatia per i protocolli, e ritengo che i giudici non ne siano vincolati; ritengo però che la soluzione intermedia contenuta nel protocollo sopra menzionato sia, come si scrive, un giusto equilibrio tra due contrapposte esigenze, mentre confermare l’orientamento di Cass. 4541/2017 sarebbe al contrario favorire una esigenza senza interessarsi minimamente della tutela dell’altra.

Credo, peraltro, che salvaguardare un contenuto minimo della proposta, sulla falsariga del protocollo, sia necessario non solo per il diritto di difesa della parte, ma anche al fine di consentire a tutti di conoscere gli orientamenti giurisprudenziali (seppur in misura minima) sulla “manifesta infondatezza” del 1° comma dell’art. 375 c.p.c.

E va da sé che per avere un minimo di idee su quali ricorsi vadano in camera di consiglio e quali viceversa alle sezioni semplici, si ha la necessità che la proposta ex art. 380 bis c.p.c. contenga un minimo di motivazione.

Ed anzi, deve dirsi che questo minimo di motivazione della proposta ex art. 380 bis c.p.c. svolge anche una funzione di nomofilachia, perché evita che la sezione dello spoglio abbia di fatto un diritto pieno, incontrollato e potestativo alla assegnazione dei ricorsi in un percorso piuttosto che in altro, e consente a tutti di avere un “idea” sui ricorsi da ritenere manifestamente infondati rispetto a quelli che non presentino queste caratteristiche.

4. Abbiamo poi rilevato che l’art. 380 bis 1 c.p.c., rispetto all’art. 380 bis c.p.c., non prevede che l’avvio di un ricorso in camera di consiglio si dia con una proposta, bensì prevede che ciò avvenga con comunicazione, comunicazione che ovviamente non contiene alcuna specificazione delle ragioni della scelta.

Io credo che questa sia una lacuna dell’art. 380 bis 1 c.p.c., perché in questo modo non si avrà mai un provvedimento che esterni le ragioni della “particolare rilevanza”; e credo che anche in questo caso l’esigenza che su ciò si formino invece degli orientamenti giurisprudenziali dovrebbe considerarsi non solo a salvaguardia del diritto di difesa della parte ma anche a tutela della stessa funzione di nomofilachia.

Il protocollo sopra richiamato cerca di risolvere la questione al punto 7 Istanza di trattazione della causa in pubblica udienza[2], e già si riescono in argomento a trovare due pronunce della seconda sezione, che affermano, sostanzialmente in modo conforme al protocollo, che la decisione del presidente di avviare alla camera di consiglio un ricorso non impedisce tuttavia al collegio di rimandare la decisione alla pubblica udienza[3].

Non so se questa sia la soluzione migliore.

A me sembra che la sezione dovrebbe avere un solo momento per stabilire se un ricorso va deciso in camera di consiglio oppure in udienza pubblica. Una volta presa la decisione, non vedo come si possa tornare su di essa, e consentire una decisione in senso inverso. Peraltro questo meccanismo appesantisce il procedimento, nel quale si inseriscono le memorie delle parti finalizzate non tanto alla decisione di merito bensì a far tornare nel binario dell’udienza pubblica un ricorso già avviato alla camera di consiglio. Né mi sembra che, a sostegno del protocollo, possa sostenersi l’applicabilità dell’ultimo comma dell’art. 380 bis c.p.c. per analogia, e ciò perché il legislatore, con riferimento ai ricorsi dinanzi alle sezioni semplici, ha aggiunto al codice, specificamente, l’art. 380 bis 1 c.p.c., e non pare allora possibile applicare per analogia una disposizione, l’art. 380 bis c.p.c., quando il legislatore per le sezioni semplici ne ha prevista una diversa, con diverso contenuto.

Ritengo, però, che il problema principale da risolvere non sia questo, bensì sia quello di imporre alle sezioni, nell’avviare un ricorso alla camera di consiglio, semplicemente di indicare le ragioni per le quali le questioni da decidere non siano di “particolare rilevanza”.

E sotto questo profilo faccio presente che la comunicazione che destina un ricorso alla camera di consiglio, rispetto a quella che fissa l’udienza pubblica, dovrebbe contenere un minimo di motivazione al fine di evitare un evidente difetto dell’art. 380 bis 1; difetto che, se non colmato, potrebbe presentare vizi di costituzionalità.

5. Veniamo al tema principale: cosa deve intendersi per questione di “particolare rilevanza”?

Su questo la Cassazione ha già risposto: la questione è di particolare rilevanza se ha “valenza nomofilattica”.

È tema ripetuto tanto nei provvedimenti sopra menzionati, quanto nello stesso protocollo, ove si precisa che la riforma del 2016 “si impernia sulla distinzione tra giudizi che hanno valenza nomofilattica, destinati alla trattazione nella pubblica udienza, e giudizi privi di tale carattere, destinati alla trattazione in camera di consiglio non partecipata”.

L’equiparazione “particolare rilevanza”/“valenza nomofilattica”, però, a me personalmente non convince, e qui ne spiego le ragioni.

6. In primo luogo ritenere che la questione fatta valere con il ricorso sia “particolarmente rilevante” quanto abbia “valenza nomofilattica”, significa leggere e interpretare il giudizio di cassazione in una chiave esclusivamente giuspubblicistica che non condivido.

La legge asserisce che si ha pubblica udienza sulla “particolare rilevanza” della questione, non sulla “valenza nomofilattica”. Equiparare questi momenti significa sbilanciare l’equilibrio pubblico/privato tutto sull’aspetto pubblico, e si tralascia così che il giudizio in cassazione è strutturato anche nell’interesse dei privati[4].

Nessuno mette in discussione che la Corte di cassazione debba svolgere funzione di nomofilachia; tuttavia nel nostro sistema, da sempre, questa funzione si realizza in modo indiretto, ovvero si realizza attraverso la decisione di una impugnazione fatta valere da privati a tutela di diritti soggettivi.

Escludere l’elemento privatistico del giudizio di cassazione, e considerare la rilevanza delle questioni solo in una ottica di nomofilachia, significa azzerare il ruolo e gli interessi delle parti private in cassazione, con una operazione ermeneutica a mio parere discutibile, fintanto che il sistema preveda che il giudizio si inizi con un ricorso e possa chiudersi in rito in caso di rinuncia allo stesso.

7. In secondo luogo dare per equivalenti “particolare rilevanza”/“valenza nomofilattica”, non mi sembra corretto nemmeno sotto lo stesso profilo della nomofilachia.

Ed infatti, detta equivalenza porterebbe allora a ritenere che solo le sentenze a seguito di udienza pubblica hanno valore nomofilattico, non tutto il resto.

Al contrario, par evidente, tutte le decisioni della Corte svolgono funzioni di nomofilachia, e non solo le sentenze pronunciate a seguito di udienza pubblica.

Solo a titolo di esempio nessuno, penso, metterebbe in discussione la funzione nomofilattica delle pronunce sopra richiamate Cass. 395, 4541 e 5374 del 2017: eppure dette pronunce sono ordinanze, e sono state pronunciate in camera di consiglio dalla sesta sezione in ipotesi ex art. 375, 1° comma, c.p.c.

È bene allora essere chiari su questo punto: tutto ciò che fa la Corte ha valenza nomofilattica, e, da sempre, questa valenza nomofilattica è stata riconosciuta ad ogni provvedimento della Corte. Dal punto di vista della nomofilachia non si è mai posta una distinzione in base alle forme dei provvedimenti, né vedo come si potrebbe.

È pertanto errato porre lo spartiacque tra udienza pubblica e camera di consiglio nella “valenza nomofilattica della questione”, anche perché, così impostata la questione, le conseguenze logiche potrebbero essere solo due: a) o tutto va in udienza pubblica perché tutto, o quasi tutto, ha valenza nomofilattica in cassazione; b) oppure ciò che non va in udienza pubblica non ha valenza nomofilattica.

Poiché nessuna di queste alternative è accettabile, in quanto né tutto può andare in udienza pubblica, né la funzione nomofilattica può essere esclusa alle ordinanze, va da sé che il criterio è errato, perché, appunto, non corrisponde a logica.

8. Si potrebbe però replicare che in alcuni casi questa valenza nomofilattica è più forte, e sono solo quelli i casi che devono essere destinati all’udienza pubblica.

Più che sulla “valenza nomofilattica”, allora, lo spartiacque andrebbe posto sull’impegno che è richiesto alla Corte per svolgere questa “valenza nomofilattica”.

L’impegno più forte la Corte lo avrebbe sostanzialmente in tre ipotesi: a) quando la questione è nuova; b) quando la questione è controversa; c) quando vi è la necessità di mutare l’orientamento giurisprudenziale.

Il problema è che questi casi tendono a sovrapporsi con quelli per i quali il ricorso deve essere deciso dalle sezioni unite ex art. 374 c.p.c., ed infatti non è facile distinguere i casi di “particolare importanza” ex art. 374 c.p.c., da assegnare alle sezioni unite, rispetto ai casi di “particolare rilevanza” ex art. 2° comma 375 c.p.c., da assegnare alle sezioni semplici in udienza pubblica.

Direi che è imbarazzante chiedersi che differenza vi sia tra “particolare importanza” e “particolare rilevanza”, ed è chiaro allora che la “valenza nomofilattica” è criterio inadeguato per capire quando una ricorso debba essere deciso in camera di consiglio piuttosto che in udienza pubblica.

Possiamo solo dire che questa riforma lascia molta discrezionalità alla Corte nel gestire queste differenze; e tuttavia appare necessario avere una bussola di orientamento sulle tante alternative possibili con le quali la Corte può decidere un ricorso[5].

9. Per dare corretto significato alla espressione “particolare rilevanza” ex art. 375,2° comma c.p.c., tale da una parte da contrapporla alla “particolare importanza” dell’art. 374 c.p.c., e dall’altra da non identificarla nella c.d. “valenza nomofilattica”, io proporrei di ripescare la contrapposizione tra ius constitutionis e ius litigatoris, letta però nel suo autentico significato.

Direi, così, che le sezioni semplici decidono in camera di consiglio nei casi di ius litigatoris, mentre decidono in udienza pubblica in tutti i casi di ius constitutionis

Come è data la distinzione?

Ricordo che, in origine, la sentenza era da considerare contra ius constitutionis quando pronunciata con errori di diritto sulla esistenza e/o sul contenuto delle norme, ovvero con errori giuridici posti nella premessa maggiore dell’attività logica del giudice, mentre era da considerare contra ius litigatoris quando viziata da errori nella ricostruzione del fatto, oppure da errori di diritto non rientranti nella categoria dello ius constitutionis, quali quelli relativi alla sussunzione della norma al fatto, legati alla premessa minore dell’attività logica del giudice

Questa contrapposizione, una volta riadattata all’odierno giudizio di cassazione, porterebbe a ritenere rientranti nello ius litigatoris le ipotesi di omissione di un fatto decisivo per il giudizio ex art. 360 n. 5 c.p.c., e le ipotesi nelle quali il giudice abbia disatteso in concreto una legge o un principio di diritto senza però affermare alcun principio giuridico errato o in contrasto con il diritto vivente. Viceversa, nelle ipotesi in cui il vizio della sentenza impugnata sia nella premessa maggiore del ragionamento del giudice, ovvero il giudice abbia affermato l’esistenza di un diritto che non esiste, o negato un diritto che esiste, l’ipotesi è di ius constitutionis, e la fattispecie, se arriva alla sezione semplice, dovrebbe, a mio parere, essere sempre decisa a seguito di pubblica udienza.

In questo modo: a) la “particolare rilevanza” tenderebbe a distinguersi dalla “particolare importanza” di cui all’art. 374 c.p.c., e non vi sarebbe così il rischio di sovrapposizioni tra fattispecie da udienza pubblica e fattispecie da sezioni unite; b) la “particolare rilevanza” acquisterebbe un significato diverso rispetto a quello di “valenza nomofilattica”, a tutela di tutte le altre decisioni della cassazione pronunciate fuori dall’udienza pubblica; c) infine la “particolare rilevanza” verrebbe interpretata senza azzerare il ruolo delle parti in giudizio, che potrebbero contare sulla udienza pubblica in tutti i casi nei quali il giudice di merito abbia deciso sui loro diritti affermando cose o principi in contrasto con la legge.

Questa soluzione, infine, consentirebbe di contenere i casi di ordinanze che cassano sentenze.

Prima ciò avveniva nei rarissimi casi di manifesta fondatezza ex art. 375, 1° comma c.p.c.; oggi, invece, rischia di essere un fenomeno generalizzato ai sensi dell’art. 375, 2° comma c.p.c.

Anche solo da un punto di vista formale, se non addirittura estetico, credo sia preferibile contenere al massimo i casi nei quali una sentenza di una Corte di appello viene cassata per violazione di legge da una ordinanza.



[1] Espressamente si legge nel protocollo: “Quanto alla proposta del relatore di trattazione camerale si conviene che tale proposta dovrà indicare: - quanto alla prognosi di inammissibilità e improcedibilità, a quale ipotesi si faccia riferimento (tramite menzione del dato normativo, o, in alternativa, del precedente, o ancora una breve formula libera); - quanto alla prognosi di manifesta fondatezza, quale sia il motivo manifestamente fondato e l’eventuale precedente giurisprudenziale di riferimento; - quanto alla prognosi di manifesta infondatezza, quali siano i pertinenti precedenti giurisprudenziali di riferimento e le ragioni del giudizio prognostico di infondatezza dei motivi di ricorso, anche mediante una valutazione sintetica e complessiva degli stessi, ove ne ricorrano i presupposti”.

[2] Si legge nel punto 7 del protocollo che “Si conviene che, qualora un ricorso sia avviato alla trattazione camerale di sezione ordinaria, le parti possano richiedere motivatamente, nella memoria depositata a norma dell’art. 380 bis 1 c.p.c. o con apposita istanza, che la trattazione avvenga in pubblica udienza indicando la questione di diritto di particolare rilevanza che, a loro avviso, giustifica la discussione pubblica”.

[3] Da segnalare, infatti, due ordinanze interlocutorie della seconda sezione (n. 5533 e 5534 del 6 marzo 2017), con le quali si è affermato che la Corte a sezioni semplici, dopo aver chiamato un ricorso in camera di consiglio, ben può rimetterlo alla pubblica udienza, e ciò sia perché deve essere consentita l’analogia del disposto del 1° comma dell’art. 376 richiamato dall’art. 380 bis c.p.c., e sia perché “anzi tale applicazione analogica appare imposta dal principio per cui il Collegio non può essere vincolato dalla valutazione al riguardo operata dal presidente della sezione ai sensi dell’ultima parte del primo comma dell’articolo 377”. 

[4] Il giudizio è attivato da una parte privata, è finalizzato a rimuovere una sentenza che incide su suoi diritti soggettivi, la parte privata assume i costi del giudizio e i rischi della soccombenza e paga il contributo unificato, il processo è a parti contrapposte con un contraddittorio affatto diverso rispetto a quello che si ha nei giudizi di merito, le parti possono rinunciare al ricorso ex art. 390 c.p.c., e soprattutto la decisione che assume la Corte non è un parere ma è una sentenza, che ne cassa o ne conferma un’altra, incidendo sui diritti sostanziali dei litiganti.

[5] Abbiamo infatti un ventaglio piuttosto articolato di ipotesi, che non è inutile focalizzare:

a) il ricorso è manifestamente infondato (375, 1° comma): deciso in camera di consiglio dalla sesta sezione;

b) il ricorso è manifestamente fondato (375, 1° comma): deciso in camera di consiglio dalla sesta sezione;

c) il ricorso non è né manifestamente fondato né manifestamente infondato (375,2° comma): deciso dalle sezioni semplici in camera di consiglio;

d) il ricorso non è né manifestamente fondato né manifestamente infondato e attiene a questione di “particolare rilevanza” (375,2° comma): deciso dalle sezioni semplici in pubblica udienza;

e) il ricorso ha ad oggetto questioni di “particolare importanza”: deciso dalle sezioni unite in pubblica udienza.

30 marzo 2017
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Sull’addebito delle spese all’amministrazione soccombente nel giudizio di protezione internazionale promosso dal richiedente ammesso al patrocinio a spese dello Stato
Sull’addebito delle spese all’amministrazione soccombente nel giudizio di protezione internazionale promosso dal richiedente ammesso al patrocinio a spese dello Stato
di Elisa Bertillo
Con la pronuncia n. 164 del 2018, la Cassazione individua i presupposti per l’ammissione al patrocinio a spese dello Stato dello straniero richiedente protezione internazionale, fornendo un’interpretazione estensiva del concetto di «straniero regolarmente soggiornante sul territorio nazionale». La sentenza offre l’occasione per affrontare il tema del rapporto tra gratuito patrocinio e regolamento delle spese di lite, analizzando in particolare le differenti posizioni espresse, da una parte, da Cass. 29 ottobre 2012, n. 18583, dall’altra, dal Tribunale di Firenze, con ordinanza del 6 dicembre 2017, e da Cass. 9 marzo 2018, n. 5819
25 giugno 2018
Condannati inadempienti ed estinzione del reato. Nota a Cassazione, sez. I penale, n. 10235/2018
Condannati inadempienti ed estinzione del reato. Nota a Cassazione, sez. I penale, n. 10235/2018
di Federico Bardelle
Il condannato con decreto penale, il quale non paghi la sanzione pecuniaria, può beneficiare comunque dell'effetto estintivo di cui all’art. 460, comma cinque, cpp, se l'organo esecutivo competente non ha attivato l'esecuzione della pena inflitta
5 giugno 2018
Quale sanzione per il licenziamento tardivo?
Commento alla sentenza della Cassazione n. 30985/2017 (Sez. Unite)
Quale sanzione per il licenziamento tardivo? Commento alla sentenza della Cassazione n. 30985/2017 (Sez. Unite)
di Anna Terzi
Attraverso l’esercizio del potere disciplinare il datore di lavoro può imporre l’esatto adempimento della prestazione, colpendo con la sanzione la condotta non conforme. Il trascorrere del tempo senza contestazioni è invece significativo di una valutazione datoriale di fiducia sull’esatto adempimento della prestazione per il futuro, senza necessità di un intervento sanzionatorio. Il licenziamento per giusta causa o giustificato motivo soggettivo, massima sanzione disciplinare, presuppone un inadempimento talmente grave da far venire meno l’elemento fiduciario. Non vi può essere compatibilità tra l’assenza di contestazioni protratta per lungo tempo in ordine alla condotta pienamente conosciuta che si assume inadempiente e l’interesse del datore di lavoro a sanzionarla, e tanto meno tra l’assenza di contestazioni e l’elisione dell’elemento fiduciario del rapporto.
21 maggio 2018
La protezione umanitaria per motivi di integrazione sociale. Prime riflessioni a margine della sentenza della Corte di cassazione n. 4455/2018
La protezione umanitaria per motivi di integrazione sociale. Prime riflessioni a margine della sentenza della Corte di cassazione n. 4455/2018
di Chiara Favilli
La Cassazione eleva l’integrazione sociale a motivo rilevante per la determinazione della vulnerabilità individuale e di riconoscimento della protezione umanitaria. Motivo autonomo, ma non indipendente dalla condizione di origine del richiedente, che implica l’accertamento del fatto che egli nel suo Paese corra il rischio di veder sacrificati i propri diritti fondamentali anche per ragioni diverse da quelle per cui opera la protezione internazionale con lo status di rifugiato e con la protezione sussidiaria. Ma al giudice del merito spetta il compito di verificare se tale rischio di pregiudizio sia attuale. E tale gravosa funzione si può e si deve giovare dell’obbligo di cooperazione istruttoria e del beneficio del dubbio.
14 marzo 2018
Il seguito in Cassazione della pronuncia della Corte costituzionale n. 269 del 2017: prove pratiche di applicazione
Il seguito in Cassazione della pronuncia della Corte costituzionale n. 269 del 2017: prove pratiche di applicazione
di Diletta Tega
Di fronte al problema di doppia pregiudizialità rappresentato dalla violazione tanto della Costituzione (e di fonti internazionali, come la Cedu, che operano attraverso la mediazione dell’art. 117, primo comma, Cost.), quanto della Cdfue, l’ordinanza in commento della Corte di cassazione, seguendo l’impostazione della sentenza costituzionale n. 269/17, solleva una articolata questione di legittimità costituzionale, nella quale operano come parametri (interposti) anche le norme della Cdfue, pure quando esse, secondo la Suprema corte, avrebbero efficacia diretta. È espressamente lasciata alla Corte costituzionale la valutazione se rivolgersi con un rinvio pregiudiziale di interpretazione alla Corte di giustizia: alle prese con dubbi di compatibilità della normativa italiana con la Cdfue, la Cassazione avrebbe voluto – e dovuto, in base all’art. 267 Tfue – far rinvio pregiudiziale alla Corte di Lussemburgo; ma consapevole di quanto affermato dalla Corte costituzionale, ha deciso di rivolgersi, in prima battuta, a Palazzo della Consulta.
12 marzo 2018
Riforma Orlando: primo caso di applicazione retroattiva del nuovo art. 442, secondo comma, cpp
Riforma Orlando: primo caso di applicazione retroattiva del nuovo art. 442, secondo comma, cpp
di Federico Piccichè
Nota a Cass. Pen., Sez. 4, Sent. 15 dicembre 2017 (dep. 11 gennaio 2018), n. 832, Pres. Di Salvo, Rel. Picardi
20 febbraio 2018
Violenza di genere e protezione internazionale. Note a margine di un recente orientamento della Corte di cassazione
Violenza di genere e protezione internazionale. Note a margine di un recente orientamento della Corte di cassazione
di Diana Genovese
Già nel 2002 l’Unhcr (Ufficio dell’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Rifugiati) aveva evidenziato come storicamente la definizione di “rifugiato” fosse legata ad un quadro di esperienze tipicamente maschili, trascurando la particolare condizione in cui si trovano le donne in alcune zone di provenienza.
5 febbraio 2018
La tentazione riduzionista dell'accesso alla Cassazione e il vizio di motivazione
La tentazione riduzionista dell'accesso alla Cassazione e il vizio di motivazione
di Raffaello Magi
Una riflessione sulle proposte “riduzionistiche” del ricorso alla suprema Corte in materia penale
17 gennaio 2018
Le Sezioni unite si pronunciano sul luogo di deposito della richiesta di riesame di misure cautelari reali
Le Sezioni unite si pronunciano sul luogo di deposito della richiesta di riesame di misure cautelari reali
di Federico Piccichè
Nota a Cass. Pen., Sez. unite, Sent. 22 giugno 2017 (dep. 13 ottobre 2017), n. 47374, Pres. Canzio, Rel. Bonito
19 dicembre 2017
Il denaro e il tempo. Brevi note sulla sentenza delle Sezioni unite (n. 24675 del 18 luglio 2017) in materia di “usurarietà sopravvenuta”
Il denaro e il tempo. Brevi note sulla sentenza delle Sezioni unite (n. 24675 del 18 luglio 2017) in materia di “usurarietà sopravvenuta”
di Guido Federico
Le Sezioni unite della Cassazione escludono la nullità sopravvenuta della clausola contrattuale di determinazione degli interessi, che, originariamente infra-soglia, abbia superato in corso di rapporto il tasso soglia dell’usura. Affermano inoltre che la pretesa del mutuante di riscuotere gli interessi secondo il tasso validamente concordato non costituisce comportamento contrario a buona fede. In queste brevi note viene indagata la possibilità di applicare al fenomeno della cd. “usurarietà sopravvenuta” la disposizione dell’art. 1339 cc, quale strumento idoneo ad incidere sul contenuto del contratto, non solo in chiave statica ma anche e soprattutto dinamica, in relazione al mutato contesto normativo, mediante inserzione di disposizioni aventi carattere imperativo, indipendentemente dalla nullità delle clausole contrattuali sostituite.
24 novembre 2017
Newsletter


Fascicolo 2/2018
L’ospite straniero.
La protezione internazionale
nel sistema multilivello di tutela
dei diritti fondamentali
Leggi e istituzioni
Ergastolo e preclusioni all’accesso ai benefici penitenziari: dalla Corte costituzionale un richiamo alla centralità del finalismo rieducativo della pena
Ergastolo e preclusioni all’accesso ai benefici penitenziari: dalla Corte costituzionale un richiamo alla centralità del finalismo rieducativo della pena
di Alessandra Galluccio
La dichiarazione di illegittimità costituzionale dell’art. 58-quater, comma 4, ord. pen. – che prevedeva un trattamento penitenziario estremamente rigido e rigoroso per i condannati all’ergastolo ai sensi degli artt. 630, comma 3 e 289-bis, comma 3 cp (sequestro di persona a scopo di estorsione o terrorismo ed eversione, con morte del sequestrato) – è l’occasione, per la Consulta, di affermare nuovamente la centralità del finalismo rieducativo della sanzione, nella forma del reinserimento sociale del condannato che dimostri di partecipare al percorso rieducativo
16 luglio 2018
Sull’attenuazione della clausola di salvaguardia in materia di responsabilità civile del magistrato: questioni ancora aperte? *
di Federico Sorrentino
La sentenza della Corte costituzionale n. 164 del 2017, che ha ritenuto infondata la questione di legittimità costituzionale sull’abrogazione (ad opera della legge 27 febbraio 2015, n. 18) del procedimento di ammissibilità (cd. filtro) delle domande risarcitorie in tema di responsabilità civile del magistrato, non si è invece pronunziata su altre questioni coinvolgenti le modifiche apportate alla legge n. 117 del 1988. Tra queste, si esamina quella concernente l’attenuazione della cd. clausola di salvaguardia (posta a garanzia della funzione giurisdizionale), per vagliarne i possibili esiti alla luce del quadro normativo interno, costituzionale ed eurounitario
27 giugno 2018
Tanti auguri alla Repubblica
Tanti auguri alla Repubblica
di Renato Rordorf
La festa della Repubblica coincide quest’anno con la grave crisi istituzionale provocata dalla mancata formazione del Governo auspicato dalle due forze politiche che hanno maggiormente beneficiato dell’esito della recente consultazione elettorale. Il rifiuto da parte del Capo dello Stato di avallare la nomina di uno dei ministri indicati da dette forze politiche ha innescato una polemica violentissima e persino la prospettata messa in stato d’accusa del presidente della Repubblica. La gravità della crisi non dipende dalla difficoltà di formare un Governo in grado di ottenere la fiducia del Parlamento, quanto piuttosto nella messa in discussione delle prerogative e dei poteri del Capo dello Stato, le cui decisioni possono essere criticate ma che non dovrebbe essere delegittimato in nome di una pretesa supremazia della volontà popolare impersonata dai partiti vittoriosi nelle elezioni. È in gioco la tenuta dell’assetto costituzionale. Occorre perciò davvero fare fervidi auguri il 2 giugno alla Repubblica, nel giorno del suo compleanno
30 maggio 2018
Protezione internazionale, il diritto di impugnazione e le sezioni specializzate*
Protezione internazionale, il diritto di impugnazione e le sezioni specializzate*
di Silvia Albano
L’autrice evidenzia i lati problematici della normativa introdotta con la legge 46/2017, che modifica il rito applicabile alle controversie per il riconoscimento della protezione internazionale, alla luce della sua prima applicazione. In particolare, i problemi posti dalla previsione solo eventuale dell’udienza e della compatibilità di tale disposizione con le norme costituzionali di cui agli artt. 24 e 111.
16 maggio 2018
Modificata la disciplina del regime di procedibilità per taluni reati contro la persona e il patrimonio
Modificata la disciplina del regime di procedibilità per taluni reati contro la persona e il patrimonio
di Federico Piccichè
Prima nota al recente decreto legislativo del 10 aprile 2018, n. 36, in vigore dal 9 maggio
7 maggio 2018
Se telefonando...
Se telefonando...
di Giuseppe Cascini, Elisabetta Cesqui, Valerio Spigarelli
Dialogo a più voci sulla riforma delle intercettazioni
7 maggio 2018