home search menu
La riforma del Csm proposta dal Ministro Bonafede
Leggi e istituzioni
La riforma del Csm proposta dal Ministro Bonafede
di Nello Rossi
direttore di Questione Giustizia
Nuove regole del Csm? Sì, ma senza violare ragionevolezza e Costituzione

L’iniziativa del Ministro della Giustizia

Ieri, rispondendo alle domande di un intervistatore, il Ministro della giustizia ha esposto le linee essenziali della riforma del Csm, annunciando per oggi 12 luglio, l’invio alla Presidenza del Consiglio del testo predisposto dal suo ufficio legislativo, unitamente agli altri relativi all’ordinamento giudiziario ed al processo penale.

Poiché la proposta destinata a riscrivere le regole sulla composizione e sul funzionamento del Consiglio superiore è ormai a disposizione delle testate giornalistiche, riteniamo utile informare i lettori della Rivista dei suoi contenuti essenziali, facendo seguire all’esposizione alcune primissime osservazioni.

Nella proposta non mancano – è bene dirlo subito – alcune scelte condivisibili, dettate dalle esperienze degli ultimi anni.

Ma a non convincere è il nucleo centrale del progetto governativo, che – introducendo un singolare meccanismo di scelta dei componenti togati del Consiglio fondato sulla combinazione di una votazione preliminare (impropriamente denominata “elezione”) e di un successivo sorteggio – mira a scardinare ogni reale rappresentatività dell’organo di governo autonomo della magistratura.

Come è noto, i meccanismi istituzionali che regolano la vita del Consiglio e le questioni riguardanti le procedure elettorali sono materia tutt’altro che lineare.

Di qui l’esigenza di procedere con ordine individuando le principali innovazioni proposte e riservando, all’esito di questa prima ricognizione, primi giudizi di valore e l’identificazione dei principali problemi istituzionali e giuridici posti dalla normativa che il Ministro vuole introdurre.

Sui numeri si ritorna all’antico: venti membri togati e dieci laici

In singolare controtendenza con le progettate riduzioni del numero dei membri di altri organi collegiali, il Ministro propone di aumentare il numero dei componenti del Consiglio superiore.

Nel nuovo Consiglio, immaginato dall’on. Bonafede e dai suoi uffici, i componenti togati saranno infatti venti (in luogo degli attuali sedici) mentre i componenti eletti dal parlamento saranno dieci, in luogo degli otto che oggi siedono nella sede di Palazzo dei Marescialli.

Parallelamente il quorum di presenze necessario per la validità delle deliberazioni consiliari sale a quattordici togati e a sette laici.

È un ritorno all’antico. Si ritorna cioè alla composizione numerica che il Consiglio aveva prima che l’ultima legge di riforma dell’organismo consiliare, la legge 28 marzo 2002, n. 44, riducesse a ventiquattro (sedici togati e otto laici) il numero dei consiglieri superiori.

Come si vedrà, tale aumento è stato reso necessario dalla scelta di rimodellare la Sezione disciplinare, escludendo i suoi componenti dalla partecipazione alle attività delle numerose Commissioni referenti che hanno il compito di istruire le delibere riguardanti l’amministrazione della giurisdizione.

La Sezione disciplinare cambia volto

Le innovazioni che investono il giudice disciplinare dei magistrati sono radicali.

In primo luogo, come si è già accennato, si separa o almeno si allontana la giustizia disciplinare dalla “amministrazione della giurisdizione”, prevedendo che i componenti eletti in seno al Consiglio come giudici disciplinari non facciano più parte delle Commissioni referenti.

Per altro verso si stabilisce che la Sezione disciplinare possa «deliberare mediante collegi composti da tre membri, dei quali uno eletto dal Parlamento e due eletti dai magistrati», sempre riservando al componente designato dal parlamento il ruolo di presidente del collegio.

Una scelta, quella di ridurre a tre i componenti dei collegi, che porrà più di una questione di conformità al dettato costituzionale nell’inequivoca interpretazione che, sia pure in un lontano passato, ne ha dato la Corte costituzionale.

Inoltre se le parole chiave del nuovo assetto della giustizia disciplinare sono chiare – separazione, riduzione, snellimento – è prevedibile che la loro traduzione in atto nella vita quotidiana del Consiglio non mancherà di suscitare problemi sul piano della efficacia ed operatività dell’azione consiliare.

La sequenza elezioni-sorteggio dei candidati togati

È però la sequenza “elezioni-sorteggio”, ideata per la provvista dei componenti togati del Consiglio, a segnare la più profonda linea di rottura con il passato.

Proviamo a descriverne schematicamente il funzionamento, distinguendo tra una prima fase cd. “elettorale”, una fase successiva riservata al sorteggio “tra gli “eletti” e una terza fase, solo eventuale, di correzione per categorie, di risultati del sorteggio che si siano rivelati troppo capricciosi e non abbiano consentito spontaneamente la presenza in Consiglio delle tre categorie dei giudici di legittimità, dei pubblici ministeri e dei giudici di merito.

Nella prima fase cd. “elettorale”:

a) il territorio nazionale è diviso in venti collegi, ciascuno dei quali «comprenda un numero di elettori prossimi ad un ventesimo del corpo elettorale»; con l’avvertenza che uno dei collegi è riservato al complesso di uffici che compongono o sono collegati alla Corte di cassazione e un altro ai magistrati fuori ruolo ed al plesso della Corte di appello di Roma;

b) ciascun magistrato, in possesso dei requisiti per l’elettorato passivo, può presentare la sua candidatura, corredata dalla firma di dieci presentatori, nel collegio in cui esercita le funzioni o in quello in cui ha operato nel decennio antecedente;

c) nelle elezioni, che si svolgono nei venti collegi, ciascun magistrato elettore può esprimere un solo voto per un solo candidato;

d) all’esito dello scrutinio, che si svolge separatamente per ciascun collegio, vengono «dichiarati eletti i primi cinque candidati che hanno ottenuto il maggior numero di voti in ciascun collegio e che abbiano ottenuto almeno il cinque per ceto dei voti validi»; anzianità di ruolo e anzianità di età valgono poi ad individuare gli eletti nel caso di parità di voti.

Nella seconda fase, del “sorteggio”, la Commissione elettorale centrale provvede, separatamente per ciascun collegio «alla individuazione mediante sorteggio dei componenti destinati a far parte del Consiglio superiore della Magistratura».

La terza fase (solo eventuale) è destinata alla correzione dei risultati imperfetti di un sistema imperfetto. Se dopo l’elezione e il sorteggio il sistema delle tre quote di categoria (giudici di legittimità, pubblici ministeri e giudici di merito) non risulta rispettato, il più votato della quota esclusa «subentra al magistrato sorteggiato che ha ottenuto la più bassa percentuale di voti nel proprio collegio».

In sostanza la provvista dei componenti togati avverrà tramite il sorteggio e attraverso l’eventuale correzione, diretta a garantire la presenza di consiglieri corrispondenti alle tre categorie che devono sedere nel Consiglio.

Le restrizioni dell’elettorato passivo dei togati

Il sistema è completato dalla introduzione di notevoli restrizioni dell’elettorato passivo, di segno generale o mirato.

Non potranno infatti essere candidati nella fase cd. “elettorale” i magistrati che non abbiano conseguito la terza valutazione di professionalità.

Inoltre analoga esclusione è prevista per i componenti del Comitato direttivo della Scuola superiore della magistratura in carica o in servizio alla Scuola nel quadriennio antecedente le elezioni, nonché per i parlamentari, i componenti del Governo o gli eletti negli enti locali territoriali, con estensione della preclusione al quinquennio precedente le elezioni.

La componente dei laici

I mutamenti riguardano anche la componente laica, giacché la proposta del Ministro mira ad escludere dall’elezione tutti coloro che in varia veste svolgano o abbiano svolto nei cinque anni antecedenti le elezioni consiliari ruoli politici o amministrativi di fonte elettiva (parlamentari, membri del Governo nazionale, consiglieri, assessori o presidenti di Regione, sindaci di grandi e medie città).

Un lavoro di lunga lena e alcune prime osservazioni

Sin qui i tratti essenziali del “nuovo” Consiglio e del sistema immaginato per garantirne la provvista.

L’ampiezza delle modifiche e delle innovazioni proposte rende evidente che occorrerà un lavoro di lunga lena per valutare qualità e tenuta delle soluzioni prospettate.

Ma già in sede di prima lettura si impongono alcune considerazioni critiche.

Cominciamo dalla progettata articolazione della Sezione disciplinare in collegi composti da tre componenti (un laico e due togati).

È evidente che questa scelta impedirà che nel collegio disciplinare siano presenti contemporaneamente i rappresentanti delle tre categorie di togati che compongono il Consiglio (giudici di merito, di legittimità e pubblici ministeri). E ciò in palese contrasto con quanto affermato nella sentenza n. 12 del 1971 della Corte costituzionale che difese la legittimità della Sezione disciplinare e negò che essa fosse in contrasto con il dettato dell’art. 105 Cost. (che al Csm attribuisce la funzione disciplinare) in quanto la Sezione costituiva una sorta Consiglio in sedicesimo, in grado di rispecchiare nella sua composizione le componenti laiche e togate e «le categorie di magistrati che concorrono alla formazione del Consiglio».

Se possibile ancor più netto è poi il contrasto dell’ircocervo elezioni-sorteggio con il principio di rappresentatività, con la ragionevolezza e con il dettato costituzionale.

Si tratta, infatti, di un “unicum” nel panorama dei sistemi elettorali, capace di produrre gli effetti più capricciosi e bizzarri e, all’occorrenza, bisogno di correzioni per rimediare all’irrazionalità insita nel meccanismo del sorteggio.

Il punto è che la Costituzione parla di elezioni dei componenti togati da parte di tutti i magistrati con una decisa opzione per una reale rappresentatività e che, proprio per la chiarezza cristallina del suo testo, non si lascia aggirare da espedienti verbali o istituzionali.

È infatti un artificio verbale definire costantemente “elezioni” (in un testo destinato a divenire legge dello Stato!) operazioni destinate solo a selezionare una platea da cui poi estrarre a sorte (magari i candidati meno votati).

Ed è un artificio istituzionale sostituire un congegno bizzarro alle regole antiche e classiche della rappresentanza.

Dopo la cancellazione del sistema rappresentativo puro, varato nel 1975 e dopo due esperimenti legislativi condotti all’insegna della parola d’ordine di limitare il ruolo delle correnti e clamorosamente falliti per l’insipienza del legislatore (che ha prodotto effetti opposti a quelli desiderati) era ed è tempo di mettere mano ad una riforma effettiva, aderente alla lettera ed allo spirito della Costituzione.

Si cerchino allora soluzioni istituzionali che rendano più aperta e vicina alla base elettorale dei magistrati la prima fase del processo elettorale – cioè l’individuazione dei candidati – sottraendola ai condizionamenti impropri di gruppi organizzati.

È significativo che in questa direzione si siano mosse due autorevoli proposte di modifica del sistema elettorale del Consiglio avanzate di recente: quella della Commissione Scotti (su cui si è soffermato in un recente articolo di questa Rivista Valerio Savio) e quella di un maestro del costituzionalismo italiano come Gaetano Silvestri che ha scelto di pubblicarla proprio sulle colonne della Trimestrale di Questione Giustizia [1].

È su questa strada, e non su quella dei sotterfugi, delle vie traverse e degli aggiramenti della carta costituzionale che si potrà rispondere con correttezza ed incisività alla reale esigenza di rinnovamento dell’organo di governo autonomo della magistratura.

_______________

[1] Vds. V. Savio, Come eleggere il Csm, analisi e proposte: il sorteggio è un rimedio peggiore del male, in questa Rivista on-line, 26 giugno 2019, http://questionegiustizia.it/articolo/come-eleggere-il-csm-analisi-e-proposte-il-sorteggio-e-un-rimedio-peggiore-del-male_26-06-2019.php; G. Silvestri, Consiglio superiore della magistratura e sistema costituzionale, in Questione Giustizia trimestrale, n. 4/2017, http://questionegiustizia.it/rivista/2017/4/consiglio-superiore-della-magistratura-e-sistema-costituzionale_489.php.

12 luglio 2019
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
La dirigenza descritta dalla proposta di Riforma del Ministro Bonafede
La dirigenza descritta dalla proposta di Riforma del Ministro Bonafede
di Ezia Maccora* e Marco Patarnello**
Il recupero dell’anzianità, l’abolizione dei semidirettivi e un capo dell’ufficio giudiziario vero dominus indiscusso: ecco i tratti salienti della proposta di riforma
15 luglio 2019
Come eleggere il Csm, analisi e proposte: il sorteggio è un rimedio peggiore del male
Come eleggere il Csm, analisi e proposte: il sorteggio è un rimedio peggiore del male
di Valerio Savio
In questo momento, dall'Anm dovrebbe giungere una proposta che rilanci associazionismo e governo autonomo per evitare una riforma incostituzionale, irrazionale, dannosa, in grado di distruggere il ruolo rappresentativo ed istituzionale del Csm e per scongiurare una delegittimazione per la magistratura e i singoli magistrati
26 giugno 2019
Libertà inopportuna? Un passo falso del Consiglio superiore della magistratura
Libertà inopportuna? Un passo falso del Consiglio superiore della magistratura
di Nello Rossi
La delibera del Csm nel caso Zucca − che archivia ma contemporaneamente depreca – è un passo falso dell’organo di autogoverno. Perché pretende di “censurare” una manifestazione del pensiero già ritenuta incensurabile dal titolare dell’azione disciplinare e di “giudicare” parole irrilevanti ai fini della valutazione di incompatibilità ambientale o funzionale
6 maggio 2019
«Per favore, parlatevi!»
«Per favore, parlatevi!»
di Roberto Braccialini
L’intervento all’inaugurazione dell’anno giudiziario, occasione di forte sprone e auspicio di un sempre migliore coordinamento tra Ministero della giustizia e Consiglio superiore della magistratura nell’esercizio delle rispettive attribuzioni in materia di organizzazione giudiziaria
4 aprile 2019
Basta aggettivi!
Basta aggettivi!
di Ilio Mannucci Pacini
Ancora a proposito di valutazioni periodiche di professionalità dei magistrati
20 marzo 2019
Il valore dell’indipendenza al tempo delle leggi razziali *
di Olimpia Monaco
L’esempio di Mario Fioretti. Combattere l’immobilismo e l’assoggettamento della giurisdizione alla deriva autoritaria del potere politico significa – ieri come oggi – uscire allo scoperto contro lo “spirito del tempo”, infrangere l’autoreferenzialità e rifondare il rapporto tra legalità e giustizia
13 dicembre 2018
La magistratura al tempo delle leggi razziali *
di Piergiorgio Morosini
In un ritorno ciclico, sempre possibile, dello scarto tra giustizia e neutralità, l’ombra lunga delle leggi antiebraiche impone una rinnovata attenzione per l’assetto e i valori costituzionali. Poteri esercitati “per decreto”, remissività istituzionale, dichiarazioni di (non) appartenenza razziale sono sintomi di un’eclissi della coscienza − civile e collettiva − che porta alla persecuzione delle vite. Una lezione per il magistrato contemporaneo
28 novembre 2018
La legalità del male*
di Pasquale Serrao d’Aquino
Monito aperto al futuro e carico di implicazioni attuali, la memoria dei Giusti ha un suo capitolo illustre nella vita di quei magistrati che, mentre la dittatura fascista traeva linfa dalla declinazione giuridica e culturale della razza, sottrassero la portata dei diritti umani alla superficie ermeneutica e al silenzio, in difesa della democrazia
22 novembre 2018
La modifica della disciplina sul rientro in ruolo dei componenti 
togati del Csm: una riforma poco trasparente
La modifica della disciplina sul rientro in ruolo dei componenti togati del Csm: una riforma poco trasparente
di Marco Dall'Olio
L'abrogazione dell'art. 30, comma 2, del dPR 26 settembre 1958 n. 916 − avvenuta a fine anno 2017 mediante inserimento di un comma all'interno della legge di bilancio dello scorso anno − ha privato i magistrati del necessario dibattito preventivo sull'argomento
12 novembre 2018
Il sorteggio dei candidati Csm, una riforma incostituzionale, irrazionale, dannosa
Il sorteggio dei candidati Csm, una riforma incostituzionale, irrazionale, dannosa
di Valerio Savio
Una proposta in grado di distruggere il ruolo rappresentativo ed istituzionale del Csm. Una pubblica umiliazione/delegittimazione per la magistratura e i singoli magistrati. Una riforma cui l’Anm deve opporsi con forza, unitariamente
24 ottobre 2018
Newsletter


Fascicolo 2/2019
Famiglie e Individui. Il singolo nel nucleo

Il codice della crisi d’impresa e dell’insolvenza: idee e istituti
Leggi e istituzioni
La Cassazione giudice dell’attrazione in autodichia *
di Giampiero Buonomo
A due anni di distanza dalla sentenza n. 262 del 2017 della Corte costituzionale, le ordinanze 5 maggio-8 luglio 2019 nn. 18265 e 18266 delle Sezioni unite civili della Corte di cassazione, pronunciate in sede di regolamento di giurisdizione, affermano che i titolari di vitalizio parlamentare non sono terzi − rispetto all’Istituzione cui appartennero − e che, pertanto, i loro ricorsi rifluiscono in autodichia
17 settembre 2019
La cd. legge spazzacorrotti: analisi e problematiche delle novità sostanziali e processuali della legge n. 3 del 2019 *
di Luca Tescaroli
Nel partire dall’assunto che l’effettività della risposta sanzionatoria non dipende solo dalle norme incriminatrici ma anche dall’ampiezza e incisività degli strumenti investigativi a disposizione, la Legge n. 3 del 9 gennaio 2019 ha introdotto nuove ed eterogenee misure finalizzate ad accrescere sia l’efficacia repressiva che quella preventiva dell’azione di contrasto alla corruzione
9 settembre 2019
I respingimenti in mare dopo il cd. decreto sicurezza-bis (ed in particolare alla luce del comma 1-ter dell’art. 11 del d.lgs n. 286/1998)
I respingimenti in mare dopo il cd. decreto sicurezza-bis (ed in particolare alla luce del comma 1-ter dell’art. 11 del d.lgs n. 286/1998)
di Stefano Calabria
I diritti fondamentali dei migranti soccorsi in mare e il correlativo quadro dei doveri delle autorità statuali alla luce dei precedenti delle Corti sovranazionali. Qual è l’incidenza del cd. decreto sicurezza-bis? Il caso Sea Watch e la discussa questione dell’adempimento di un dovere
29 luglio 2019
La dirigenza descritta dalla proposta di Riforma del Ministro Bonafede
La dirigenza descritta dalla proposta di Riforma del Ministro Bonafede
di Ezia Maccora* e Marco Patarnello**
Il recupero dell’anzianità, l’abolizione dei semidirettivi e un capo dell’ufficio giudiziario vero dominus indiscusso: ecco i tratti salienti della proposta di riforma
15 luglio 2019
Il giudice e la legge penale
Il giudice e la legge penale
di Domenico Pulitanò
Le usuali discussioni sul rapporto giudice/legge riguardano il problema dell’interpretazione. Le teorie dell’interpretazione non sono teorie sui poteri del giudice. Problemi ermeneutici si pongono per qualsiasi interprete; le differenze tra i fabbricanti di interpretazioni sono di autorevolezza o di potere decisionale
9 luglio 2019
La protezione complementare dopo il dl 113/2018: inquadramento sistematico, questioni di legittimità costituzionale *
di Fabrizio Gallo
Un tema difficile, uno sguardo diverso. L'analisi della riforma dall'angolo visuale della Pubblica amministrazione
5 luglio 2019