home search menu
Prassi e orientamenti
PCT e remissione in termini: errore imputabile alla parte o mero disguido?
di Gianmarco Marinai
Giudice Trib. Livorno, Referente Informatico Distrettuale Corte d'Appello di Firenze
Commento a ordinanza Tribunale Torino, 26 agosto 2014
PCT e remissione in termini: errore imputabile alla parte o mero disguido?

Con ordinanza 26 agosto 2014, il Tribunale di Torino respinge un'istanza di remissione in termini in relazione ad una memoria istruttoria ex art. 183 c. 6 n. 2 c.p.c..

Il procuratore aveva dedotto che:

- in data 7.5.2014 erano stati concessi i termini ex art. 183 c. 6 c.p.c.;

- erano state tempestivamente depositate le memorie di cui al n. 1 di tale norma;

- la memoria ex n. 2 (il cui termine si presume dovesse scadere il 6.7.2014), era stata inviata telematicamente e il procuratore aveva ricevuto rituale RAC (ricevuta di avvenuta consegna) in data 3.7.2014;

- il deposito, però, veniva rifiutato dalla cancelleria il successivo 8.7.2014, dopo 5 giorni dal deposito e successivamente allo scadere del termine ex art. 183 c. 6 n. 2 c.p.c., impedendo, così, di depositare ritualmente altra memoria;

- "da informazioni assunte presso il competente ufficio PCT, il mancato deposito è da ascriversi da erroneità nell'indicazione del ruolo della causa";

Il Tribunale afferma che il deposito "è stato rifiutato a causa di un'anomalia non risolvibile, di guisa che non vi sono elementi per ritenere che tale rifiuto, e con esso la conseguente decadenza, siano riconducibili a cause estranee alla ricorrente (che peraltro ha dichiarato che il rifiuto sarebbe da addebitare ad un errore nell'indicazione del numero del ruolo generale della causa, dunque imputabile alla ricorrente medesima)" e pertanto non ritiene sussistenti i requisiti richiesti dall'art. 153 c. 2 c.p.c. per la remissione in termini.

Non c'è dubbio che nell'era del processo civile telematico non è ammissibile che possa andare a danno della parte il ritardo della cancelleria nella lavorazione del deposito: nella fattispecie, a quanto pare, il deposito è stato eseguito tre giorni prima della scadenza del termine e il rifiuto dell'atto è avvenuto dopo 5 giorni dal deposito: se la cancelleria avesse, correttamente e doverosamente, esaminato l'atto pervenuto – non dico il giorno stesso o il giorno dopo, ma anche – nel giro di due giorni dal deposito, il procuratore avrebbe potuto tranquillamente procedere a nuovo deposito tempestivo, senza incorrere nella preclusione di cui all'art. 183 c. 6 c.p.c..

Diverso sarebbe stato se il deposito fosse stato – imprudentemente – eseguito l'ultimo giorno utile e dunque non vi fosse stato il tempo materiale per la cancelleria di segnalare l'anomalia rilevata.

Forse il procuratore avrebbe potuto procedere comunque a depositare nuovamente la memoria ex art. 183 c. 6 n. 2 c.p.c., anche se fuori termine, in modo da rendere immediatamente e inequivocamente comprensibile che il mancato rispetto del termine era dipeso da mero disguido.

Poco chiaro, inoltre, appare il reale motivo del rifiuto dell'atto.

Nel provvedimento si parla genericamente di "anomalia non risolvibile", mentre il procuratore afferma che il rifiuto sarebbe dovuto ad un'errata indicazione del numero di ruolo generale della causa.

Com'è noto, per permettere il corretto funzionamento del sistema PCT, gli atti devono necessariamente rispettare le specifiche tecniche di cui all'art. 12 del Provvedimento del Ministro della Giustizia del 16 aprile 2014 (contenente le Specifiche tecniche previste dall'articolo 34, comma 1 del decreto del Ministro della giustizia in data 21 febbraio 2011 n. 44, a sua volta richiamato dall'art. 16-bis d.l. 179/2012, che prevede che il deposito dei provvedimenti, degli atti di parte e dei documenti ha luogo esclusivamente con modalità telematiche, nel rispetto della normativa anche regolamentare concernente la sottoscrizione, la trasmissione e la ricezione dei documenti informatici).

L'art. 12 lett. e) del suddetto Provvedimento prescrive che l'atto dev'essere "corredato da un file in formato XML, che contiene le informazioni strutturate nonché tutte le informazioni della nota di iscrizione a ruolo", tra cui, evidentemente il numero di ruolo generale.

La norma, evidentemente, risponde all'esistenza di permettere al sistema informatico di collocare correttamente l'atto proveniente dall'esterno nell'unico, tra i milioni di fascicoli pendenti nei vari Uffici Giudiziari italiani, nella cartella corrispondente al procedimento cui l'atto si riferisce, con la conseguenza che un errore in uno dei dati comporta quasi inevitabilmente la perdita definitiva dell'atto che non potrebbe essere più correttamente indirizzato nel fascicolo di pertinenza.

Per facilitare l'operazione di creazione del file XML (e garantire che lo stesso sia privo di errori), esistono numerosi redattori di atti ("Consolle Avvocato" e simili) rivolti ai soggetti abilitati esterni. L'utilizzo di tali software permette ai soggetti che intendono depositare telematicamente di redigere gli atti facilmente e velocemente.

Appare, quindi, assai difficile comprendere come sia stato possibile commettere un errore clamoroso come quello di indicare un numero di Ruolo Generale errato (com'è noto, il numero di Ruolo Generale è l'identificativo principe della causa).

Ritengo, pertanto, che sarebbe stato necessario (e comunque del tutto opportuno), prima di respingere l'istanza di remissione in termini, effettuare approfondite ricerche in cancelleria (e, in caso di infruttuosità, anche presso il locale CISIA, l'articolazione territoriale della Direzione Generale per i Sistemi Informativi Automatizzati del Ministero della Giustizia) al fine di accertare con sicurezza il reale motivo per cui l'atto era stato rifiutato.

E' pur vero, infatti, che spetta all'istante dimostrare la sussistenza dei requisiti per ottenere la remissione in termini (e l'aver inserito il numero di Ruolo Generale errato non può certo essere ritenuto un errore non imputabile al procuratore istante), ma è anche vero che, se non è certo (come – a quanto pare – è avvenuto nel caso in commento) che "l'anomalia non risolvibile" sia effettivamente dovuta all'errore del numero di ruolo, un approfondimento della questione sarebbe stato doveroso, tenuto conto del grave danno processuale che la parte ha subito.

Probabilmente, sufficiente ad evitare questo genere di disguidi (perché di mero disguido sembra che si sia trattato) sarebbe la più volte auspicata eliminazione del procedimento di accettazione da parte del cancelliere, con l'introduzione di sistemi automatici di vaglio della correttezza formale degli atti, che giungerebbero al depositante esterno praticamente in tempo reale.

13 ottobre 2014
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
La Cassazione si cimenta sulla firma digitale: solo CAdES o anche PAdES? 
Istruzioni per l’uso
La Cassazione si cimenta sulla firma digitale: solo CAdES o anche PAdES? Istruzioni per l’uso
di Gianmarco Marinai
Commento all’ordinanza n. 20672/2017 di rimessione alle Sezioni unite della questione concernente gli effetti della violazione delle disposizioni tecniche specifiche sulla forma degli “atti del processo in forma di documento informatico”
19 ottobre 2017
Per un modello leggero (ma non un “guscio vuoto”!) di ufficio per il processo
Per un modello leggero (ma non un “guscio vuoto”!) di ufficio per il processo
di Roberto Braccialini
Giugno 2003. In coda ad un dibattito veramente intenso promosso dall’Associazione nazionale magistrati su protocolli, processo e organizzazione, sulla scia delle riflessioni maturate in quel contesto sul valore essenziale dell’organizzazione delle risorse a disposizione della giurisdizione per rendere effettivo il principio della ragionevole durata del processo, parte uno scambio di corrispondenza molto fitto su questi argomenti tra un giudice civile, un dirigente amministrativo ed un docente universitario che in capo a pochi mesi approda ad una felice formula organizzativa, la quale riassume in sé l’esigenza di coordinare le risorse esistenti in vista della migliore funzionalità per il processo
2 maggio 2017
PCT: due brevi pronunce su casella pec piena e deposito cartaceo non consentito
PCT: due brevi pronunce su casella pec piena e deposito cartaceo non consentito
di Gianmarco Marinai
Commento a Trib. Milano 20.4.2016 e Trib. Locri 12.7.2016
26 settembre 2016
La XI Assemblea Nazionale degli Osservatori sulla Giustizia civile
La Cassazione per la prima volta alle prese con i problemi del processo civile telematico
Nuovi scenari del “dominio” @giustizia.it
Deposito di atti in formato PDF immagine: la questione è ancora aperta
In difesa del processo civile telematico
In difesa del processo civile telematico
di Salvatore Carboni
Il processo civile telematico richiede, per la sua piena operatività, e per usufruire dei suoi benefici, allo stato in buona parte solamente potenziali, la totale scomparsa della carta. Senza vie di mezzo. Senza regimi transitori
14 ottobre 2015
PCT: Lo scoglio della stampa sul percorso del processo civile telematico
PCT: Lo scoglio della stampa sul percorso del processo civile telematico
di Enrico Consolandi
Prassi locali concordate vs. statuizioni normative
12 ottobre 2015
PCT: il problema non è la carta
PCT: il problema non è la carta
di Gianmarco Marinai
Obbligare alla copia cartacea degli atti è una battaglia di retroguardia che ci dipinge dinanzi all'opinione pubblica come dei reazionari contrari a qualunque evoluzione
12 ottobre 2015
Newsletter


Fascicolo 1/2019
Populismo e diritto
Prassi e orientamenti
Licenziamento per giustificato motivo oggettivo e repêchage. Profili in punto di onere della prova e spunti critici
Licenziamento per giustificato motivo oggettivo e repêchage. Profili in punto di onere della prova e spunti critici
di Amato Carbone
Rassegna di giurisprudenza di legittimità in materia di obbligo di repêchage, oneri di prova e sanzioni per mancato assolvimento​
16 maggio 2019
Note sul ruolo della Corte regolatrice *
di Giorgio Costantino
La proposta di introdurre un Tribunale dei conflitti destinato a risolvere le questioni di legittimità al vaglio critico dei parametri costituzionali e delle ragioni storiche e politiche che vi si oppongono
9 maggio 2019
Cooperative spurie ed appalti: nell’inferno del lavoro illegale
Cooperative spurie ed appalti: nell’inferno del lavoro illegale
di Roberto Riverso
La frantumazione dello schema tipico del lavoro subordinato ha tolto al lavoro tutto valore, e dignità, al punto da consentire il dilagare di forme di sfruttamento plateale
30 aprile 2019
Intelligenza artificiale applicata alla giustizia: ci sarà un giudice robot?
Intelligenza artificiale applicata alla giustizia: ci sarà un giudice robot?
di Alessandro Traversi
L’intelligenza artificiale (IA) è ormai utilizzata nei settori più disparati. L’IA potrà trovare applicazione anche in ambito giudiziario e, in particolare, nell’ambito della cd. “giustizia predittiva” per formulare previsioni sull’esito di una causa, o anche, in un prossimo futuro, per affiancare il giudice nella fase decisoria?
10 aprile 2019
«Per favore, parlatevi!»
«Per favore, parlatevi!»
di Roberto Braccialini
L’intervento all’inaugurazione dell’anno giudiziario, occasione di forte sprone e auspicio di un sempre migliore coordinamento tra Ministero della giustizia e Consiglio superiore della magistratura nell’esercizio delle rispettive attribuzioni in materia di organizzazione giudiziaria
4 aprile 2019
Tutela dei diritti e spirito del popolo
Tutela dei diritti e spirito del popolo
di Marco Patarnello
L’interpretazione creativa di diritti non è priva di costi. Talvolta essi sono chiari (ampliamento della sfera giuridica di un soggetto e riduzione di quella di un altro soggetto), talaltra non sono evidenti e compete ad un interprete accorto esplorarne tutte le implicazioni, soprattutto nell’ambito del processo penale
15 marzo 2019