home search menu
Quando la tutela dei diritti fondamentali della persona può dirsi effettiva
Giurisprudenza e documenti / Corti europee e Corti internazionali
Quando la tutela dei diritti fondamentali della persona può dirsi effettiva
di Azzurra Fodra
Giudice del Tribunale di Livorno
Nota alla sentenza CEDU del 15/09/2016, caso GIORGIONI contro ITALIA

La Corte Europea dei Diritti dell’Uomo il 15.9.16 ha definito il giudizio promosso contro la Repubblica italiana da Giorgioni Ezio che, in virtù dell’articolo 34 della Convenzione per la salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali, aveva adito la Corte il 26 giugno 2010 per vedere tutelati e riconosciuti i propri diritti di padre nei confronti del figlio.

IIl ricorrente sosteneva che, nonostante durante la vicenda giudiziaria tra lui e la madre della bambina fossero state pronunciate diverse decisioni dei Tribunali aditi in cui veniva riconosciuto il diritto di visita del padre e le modalità di esercizio del medesimo diritto, il rapporto padre-figlio di fatto non era stato garantito e tutelato rispetto alle ingerenze della madre.

Il Giorgioni contestava alle autorità interne di non aver esercitato, pur essendone obbligate, un controllo costante sul rispetto del suo diritto di visita, e di avere tollerato, unitamente ai servizi sociali incaricati,  il comportamento della madre. In specifico il ricorrente contestava alle autorità interne di non aver preso delle misure positive che gli avrebbero consentito di esercitare il suo diritto di visita e di instaurare una relazione significativa con il figlio.

La Corte, dopo un particolareggiato excursus sulla vicenda giudiziaria intercorsa dinanzi ai tribunali nazionali tra il Giorgioni e la moglie (2006-2016), avente ad oggetto, prima, la separazione tra i coniugi e, poi, le azioni promosse dal Giorgioni al fine di potere esercitare effettivamente la propria responsabilità genitoriale sul bambino, ha condannato l’Italia per non avere adottato tutte le misure necessarie affinché, a fronte del forte ostruzionismo manifestato dalla madre, il padre potesse esercitare effettivamente i suoi diritti di genitore.

In particolare la Corte ha ritenuto che almeno per i primi quattro anni, dal 2006 al 2010 del contenzioso tra gli ex coniugi, le doglianze del Giorgioni fossero fondate e si fosse realizzata la violazione dell’8 della Cedu ( “Ogni persona ha diritto al rispetto della propria vita privata e familiare (...) 2. Non può esservi ingerenza di una autorità pubblica nell’esercizio di tale diritto a meno che tale ingerenza sia prevista dalla legge e costituisca una misura che, in una società democratica, è necessaria alla sicurezza nazionale, alla pubblica sicurezza, al benessere economico del paese, alla difesa dell’ordine e alla prevenzione dei reati, alla protezione della salute e della morale, o alla protezione dei diritti e delle libertà altrui.”)

Secondo la Corte, infatti, l’articolo 8 della Convenzione ha sì essenzialmente lo scopo di tutelare la persona contro le ingerenze arbitrarie dei pubblici poteri, ma esso non si limita a imporre allo Stato di astenersi da simili ingerenze; a questo impegno negativo possono aggiungersi obblighi positivi inerenti a un rispetto effettivo della vita privata o famigliare. Tali obblighi possono implicare l’adozione di misure volte al rispetto della vita familiare, incluse le relazioni reciproche fra individui, tra cui la predisposizione di strumenti giuridici adeguati e sufficienti ad assicurare i legittimi diritti degli interessati, nonché il rispetto delle decisioni giudiziarie ovvero di misure specifiche appropriate. Peraltro, sempre secondo la Corte, gli obblighi positivi non implicano solo che si vigili affinché il minore possa raggiungere il genitore o mantenere un contatto con lui, bensì comprendono anche tutte le misure propedeutiche che consentono di giungere a tale risultato.

La Corte, dunque, nella propria pronuncia ha delineato con chiarezza quali sono gli obblighi che gravano sui singoli Stati a tutela dei diritti della persona rispetto ai legami affettivi e familiari, specificando che  si tratta di obblighi di carattere non solo negativo e di non ingerenza, ma anche, e soprattutto, di natura positiva, di rimozione degli ostacoli alla effettiva realizzazione dei medesimi diritti.

Sulla base di tali principi la Corte ha quindi ritenuto che dall’agosto 2006 al novembre 2010, nell’ambito della vicenda giudiziaria esaminata, la violazione lamentata si fosse realizzata perché, malgrado l’evidente comportamento ostruzionistico della madre e le richieste avanzate dal padre di garantire che gli incontri con il figlio non avvenissero alla presenza della figura materna, il tribunale si era limitato a prescrivere alle parti - con una formula di fatto vuota e priva di significato giuridico - il rispetto delle decisioni prese, lasciando così il destino del rapporto genitoriale padre figlio alla volontà e alle decisioni della madre. Secondo la Corte sarebbe stata necessaria una risposta rapida rispetto a tale situazione, in quanto, in questo tipo di cause, il trascorrere del tempo non può che avere effetti negativi sulla possibilità che il rapporto in pericolo possa riprendere e consolidarsi.

Nel caso di specie, invece, la risposta delle autorità interne fu debole, lenta e non adeguata al caso concreto, tanto che di fatto venne tollerato per circa quattro anni che la madre, con il suo comportamento, impedisse l’instaurarsi di una vera relazione tra il ricorrente e suo figlio. Vennero adottate solo una serie di misure del tutto automatiche e stereotipate, quali richieste successive di informazioni e una delega del monitoraggio della famiglia ai servizi sociali che prevede l’obbligo per questi ultimi di far rispettare il diritto di visita del ricorrente; tali misure di dimostrarono assolutamente inadeguate alla tutela dei diritti in questione, che invece richiedevano uno specifico intervento sulla costante ingerenza della madre nel rapporto agli incontri padre-figlio.

Solo dopo il 2010, secondo la Corte, le autorità interne, anche alla luce delle parole che - finalmente - il minore poté esprimere in sede di ascolto sul desiderio di passare più tempo con il padre, adottarono le misure necessarie a garantire tale rapporto, organizzando gli incontri senza la presenza della madre. Proprio per tale ragione la Corte rispetto a tale periodo di tempo ha escluso la sussistenza della violazione lamentata.

Appare evidente che secondo la CEDU la tutela dei diritti della persona nell’ambito dei rapporti familiari ed affettivi per essere effettiva non può che passare, da un lato, per decisioni calate nel caso concreto, in cui non ci si limiti ad una astratta e generica regolamentazione dei rapporti tra le parti interessate, dall’altro, per l’adozione immediata da parte delle Autorità interne di strumenti di intervento che permettano di tutelare il genitore più debole, perché non collocatario del figlio, nonché il diritto dello stesso figlio a mantenere un rapporto con entrambi i genitori.

La Corte in tale pronuncia non ha, rientrando questo nella competenza dei singoli Stati, indicato nello specifico quali sarebbero state le misure adeguate che avrebbero dovuto essere poste in essere nel caso concreto, tuttavia appare evidente, a chi quotidianamente si occupa del contenzioso in materia di famiglia, quali siano gli strumenti giuridici a cui il giudice interno, attingendo al diritto interno sostanziale e processuale, può, anzi deve, fare ricorso per garantire una tutela effettiva. 

In primo luogo l’ascolto del bambino, direttamente o indirettamente, permette di comprendere quali sono i suoi desideri e le sue paure, nonché quali sono i suoi sentimenti rispetto ad entrambe le figure genitoriali. 

Va verificata la necessità di affidare ad uno specialista una puntuale valutazione delle capacità genitoriali delle parti e delle condizioni psicologiche del minore all’interno di un subprocedimento di CTU. Ove in seno alla CTU o in seno all’ascolto emerga la necessità di superare delle criticità relative alle capacità genitoriali delle parti, deve essere prescritto ai genitori di partecipare a percorsi di sostegno alla genitorialità organizzati presso i servizi sociali sul territorio o suggerito un percorso di mediazione, con eventuale anche sospensione delle decisioni in ordine all’affidamento.

E ancora, appena ricorrono sufficienti elementi per regolamentare i rapporti in contestazione, debbono essere adottati i provvedimenti provvisori sull’affidamento e sul diritto di visita, al fine di verificare nel corso del processo e della prosecuzione della attività istruttoria, se detti provvedimenti risultano rispettati e se i percorsi di sostegno raccomandati sono stati intrapresi.

Quando non vi sia collaborazione delle parti o di una loro, il diritto di visita del genitore in difficoltà deve essere disciplinato in modo puntuale, con specifiche prescrizioni in ordine alla sua attuazione, anche facendo ricorso alla collaborazione dei Servizi per evitare le pressioni e le ingerenze dell’altro genitore.

Ed infine il Giudice deve trarre dal contegno processuale delle parti elementi per arrivare alle determinazioni finali in punto di affidamento e collocamento del minore, nonché ricorrere agli strumenti previsti a tutela del minore ex art. 709 ter cpc.

Tutto ciò in ogni caso deve o tradursi in una risposta celere e tempestiva, poiché il trascorrere del tempo senza che il rapporto affettivo da proteggere possa esprimersi in maniera libera e serena, determina, come sottolineato più volte dalla Corte, necessariamente il consolidarsi di situazione familiari disfunzionali, di sentimenti, sia nei genitori che nei figli, di sfiducia nei confronti degli altri soggetti coinvolti nella relazione nonché degli operatori del settore che, invece, dovrebbero rispendere alla domanda di tutela e supportare la famiglia nel momento della difficoltà.

Tali conclusioni trovano conferma anche nella parte della sentenza in commento avente ad oggetto la valutazione della vicenda giudiziaria dal 2010 in poi, in cui la Corte, pur non riconoscendo la sussistenza della responsabilità dello Stato italiano per tale periodo, in ragione delle misure finalmente adottate a tutela del rapporto padre figlio, ha dovuto dare atto dell’esito assolutamente fallimentare di tale intervento. Il padre infatti a tali incontri di fatto non partecipò, essendosi ormai cristallizzata la precedente situazione e le difficoltà di contatto con il figlio, trasferitosi nelle more persino altrove.

Parimenti, le stesse considerazioni possono essere tratte da una precedente sentenza della CEDU del 23.6.16 , Caso Strumia c. Italia, avente ad oggetto una vicenda analoga a quella del caso Giorgioni, in cui l’Italia è stata egualmente condannata per violazione dell’art. 8 CEDU in ragione della mancata tutela del diritto di visita del padre nei confronti della figlia nei lunghi sette anni di vicenda giudiziaria tra le parti.

Anche in tale caso la risposta alle esigenze di tutela rappresentate dal padre alle autorità interne era stata, secondo la Corte, debole, lenta e inadeguata, tanto da pregiudicare in via definitiva la possibilità di un recupero del rapporto padre con la figlia. Questa ultima, risulta dalla sentenza, essendo cresciuta sotto l’influenza della madre sin dalla tenera età e senza poter avere contatti significativi con il padre, infatti consolidò un significativo senso di rifiuto e avversione verso la figura paterna, tale da far fallire qualsiasi progetto di riavvicinamento.

In conclusione risulta evidente che i diritti fondamentali della persona, come quello ai legami familiari ed effettivi, richiedano affinché la loro tutela sia effettiva, che coloro che operano nel settore della famiglia, tanto nell’ambito del potere giudiziario, tanto nell’ambito dei servizi di assistenza sociale sul territorio, intervengano, piuttosto che, come spesso accade, con l’inserimento dell’ennesima “pratica” nell’iter processuale o burocratico che astrattamente le spetta, con misure tempestive e pensate per risolvere in concreto le difficoltà che di volta in volta risultano maturate nell’ambito della famiglia in crisi.

 

22 novembre 2016
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Il controllo datoriale delle comunicazioni elettroniche del lavoratore dopo la sentenza <i>Barbulescu 2</i> della Cedu
Il controllo datoriale delle comunicazioni elettroniche del lavoratore dopo la sentenza Barbulescu 2 della Cedu
di Francesco Buffa
La sentenza Barbulescu c. Romania del 5 settembre 2017 della Grande Camera della Corte Edu, in riforma del precedente della Camera semplice del 12 gennaio 2016, riscrive le linee fondamentali di protezione del lavoratore dal controllo datoriale sulle e-mail aziendali
18 ottobre 2017
CEDU, pillole di luglio
CEDU, pillole di luglio
di Alice Pisapia
Le più interessanti pronunce della Corte Edu emesse a luglio 2017
16 ottobre 2017
<i>Stepchild adoption</i>. Prove di resistenza
Stepchild adoption. Prove di resistenza
di Stefano Celentano
A più di un anno dalla pronuncia della suprema Corte n. 12962 del 24 maggio 2016, l’istituto della stepchild adoption, come applicabile anche all’interno delle famiglie omosessuali, continua ad essere oggetto di studio ed elaborazione giurisprudenziale da parte delle corti di merito. Tre recenti pronunce ne garantiscono la piena tenuta, seppur con differenti argomentazioni e spunti critici rispetto all’applicazione concreta della disciplina delle adozioni, a riprova che il ragionamento in diritto fatto proprio dalla suprema Corte si ispira a principi giuridici e sensibilità sociali coerenti con il “sistema filiazione” così come delineato dalla disciplina delle adozioni e dalla legge n. 219/2012. In attesa di un intervento del legislatore che acceda ad una lettura aperta della disciplina delle adozioni, rendendo definitivamente “neutra” ogni informazione circa l’orientamento sessuale degli adottanti, la giurisprudenza e la clausola di riserva di cui all’art. 20 della legge sulle unioni civili garantiscono l’armonizzazione del sistema, tutelando l’interesse del minore a che lo Stato conferisca forza e dignità pubblica ai suoi legami familiari con gli adulti di riferimento
9 ottobre 2017
CEDU, pillole di giugno
CEDU, pillole di giugno
di Alice Pisapia
Le più interessanti pronunce della Corte Edu emesse a giugno 2017
23 settembre 2017
La Corte Edu e le leggi retroattive*
La violazione dell’art. 2 della Cedu con riferimento all’utilizzo permissivo della forza pubblica, quando da essa sia derivata la morte come conseguenza non intenzionale
La Cedu chiede all’Italia la soppressione del Tribunale per i minorenni? Anche no…
CEDU, pillole di maggio
CEDU, pillole di maggio
di Alice Pisapia
Le più interessanti pronunce della Corte Edu emesse a maggio 2017
20 luglio 2017
La Cedu e la Diaz 2.0
CEDU, pillole di aprile
CEDU, pillole di aprile
di Alice Pisapia
Le più interessanti pronunce della Corte Edu emesse ad aprile 2017
27 giugno 2017
Newsletter


Fascicolo 2/2017
Le nuove disuguaglianze
Beni comuni

Dedicato a Stefano Rodotà
Giurisprudenza e documenti
Il licenziamento nullo per illiceità della causa o frode alla legge
Il licenziamento nullo per illiceità della causa o frode alla legge
di Marco Vitali
Con la sentenza n. 687 del 4 novembre 2016, il Tribunale di Vicenza ha dichiarato la nullità di un licenziamento per giustificato motivo oggettivo poiché intimato in frode alla legge, ai sensi dell’art. 1344 cc, ed ha applicato la tutela reintegratoria prevista al comma 1 dell’art. 18 Statuto dei lavoratori, nel testo modificato dalla legge n. 92/2012. Il caso induce ad alcune riflessioni attorno alla novella introdotta con il d.lgs n. 23/2015 che ha elevato a regola la tutela indennitaria, escludendo del tutto la tutela reintegratoria per i licenziamenti per giustificato motivo oggettivo. Nonostante la restrizione delle tutele così attuata, le categorie civilistiche della nullità – in particolare l’illiceità della causa – devono ritenersi operanti nella materia dei licenziamenti
11 ottobre 2017
Discriminazioni per età: Cenerentola ha perso per sempre la sua scarpetta
Discriminazioni per età: Cenerentola ha perso per sempre la sua scarpetta
di Federico Grillo Pasquarelli
Con l’attesa sentenza sul caso Abercrombie la Corte di giustizia Ue ha dichiarato che il contratto di lavoro intermittente – che, in base all’art. 34 d.lgs 276/2003, poteva essere concluso “in ogni caso” con soggetti di età inferiore a 25 anni – e persino la sua cessazione automatica al compimento dei 25 anni, non contrastano con la Direttiva 2000/78 e con il principio di non discriminazione per ragioni di età: la sentenza, che trascura la precedente giurisprudenza della stessa Cgue, non convince sotto vari profili
2 ottobre 2017
L’“evoluzione” dell’assegno di divorzio. Una recente decisione della suprema Corte, tra nomofilachia e creazione giudiziaria del diritto
Ancora in tema di continuazione e particolare tenuità del fatto
Ancora in tema di continuazione e particolare tenuità del fatto
di Federico Piccichè
Nota a Cass. Pen., Sez. V, Sent. 31 maggio 2017 (dep. 19 luglio 2017), n. 35590, Pres. Palla, Rel. Gorjan
22 settembre 2017
Il sequestro della Iuventa: Ong e soccorso in mare
Il sequestro della Iuventa: Ong e soccorso in mare
di Roberta Barberini
Il sequestro della Iuventa coinvolge questioni di diritto internazionale che mai, finora, si erano presentate, nei processi contro i trafficanti. L’apertura del procedimento ha purtroppo avuto la conseguenza di portare in secondo piano le gravi responsabilità dell’Europa nella gestione del fenomeno migratorio. Esso può essere, tuttavia, l’occasione per fare chiarezza, anche nel mondo delle Ong, su come si declinino i principi umanitari dell’accoglienza e del soccorso in mare e su come sia necessario mantenerli – nell’interesse degli stessi migranti – nella cornice di legalità con cui l’Italia, per una volta sostenuta dall’Europa, sta provando a definire un perimetro che tenga insieme diritti e doveri dell’accoglienza
18 settembre 2017
La partecipazione degli stranieri extracomunitari regolari al concorso pubblico per assistente giudiziario