home search menu
Tullio Padovani e gli ecoreati
Leggi e istituzioni
Tullio Padovani e gli ecoreati
di Gianfranco Amendola
già procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Civitavecchia
Un articolo in controtendenza rispetto alle tante voci che, in politica e in dottrina, hanno inneggiato a questa pagina dell'ambientalismo italiano
Tullio Padovani e gli ecoreati
Tullio Padovani

Tullio Padovani, professore ordinario di diritto penale presso la Scuola superiore Sant'Anna di Pisa, è un luminare del nostro diritto penale. Ovviamente si può non essere d'accordo con quanto scrive, ma in ogni caso, i suoi libri costituiscono un punto fermo per ogni studioso della materia.

Questa estate ("Guida al Diritto" di agosto) si è occupato della discussa legge sui cosiddetti "ecoreati" usando espressioni che, di solito, non trovano ingresso nelle ovattate sedi accademiche e che non lasciano alcun margine ad interpretazioni "diplomatiche". Forse è per questo che pochi hanno citato questo articolo, ritenendolo troppo "forte" e in controtendenza rispetto alle tante voci che, in politica e in dottrina, hanno inneggiato a questa brutta pagina del nostro diritto e dell'ambientalismo italiano.

Peraltro, l'articolo del prof. Padovani è breve e chiaro. Ma lo riassumo per chi non lo ha letto.

L'articolo, intitolato "Legge sugli ecoreati, un impianto inefficace che non aiuta l'ambiente", inizia rilevando che si tratta di una legge dal "contenuto sconclusionato, oscuro e, in taluni tratti, decisamente orripilante" e che "per dissezionare il cadavere di questo testo servirebbe un intero squadrone di periti settori...".

Procedendo per punti, rileva subito dopo che le due fattispecie di inquinamento ambientale e di disastro ambientale mancano di qualsiasi coordinamento in quanto "ciascuna procede allegramente per i fatti suoi, noncurante dell'altra, determinando così un marasma senza capo nè coda"; al punto che "sembra proprio di dover concludere che si possa realizzare un disastro a prescindere dall'inquinamento e un inquinamento non suscettibile di trasformarsi in disastro".

Se poi si va ai termini ("biodiversità" ad esempio) utilizzati dal legislatore, essi sono talmente vaghi, generici e confusi da essere incompatibili con la tassatività che dovrebbe sempre caratterizzare gli illeciti penali; "sarebbe stato necessario calare macronozioni tanto universali in contesti almeno relativamente determinati.. perchè, espressa in questi termini, l'ipotesi criminosa appare semplicemente impossibile: per aggredire in modo 'significativo e misurabile' biodiversità, flora o fauna in quanto tali occorrerebbe quantomeno un evento nucleare".

Altrettanto criticabile ("una vera accozzaglia di insensatezze"), per il prof. Padovani, è la tripartizione che caratterizza il disastro ambientale con una tale indeterminatezza da contrastare palesemente con l'art. 25 della Costituzione, per cui "prima spariranno, meno disastri produrrà la loro sciagurata vigenza".

Con l'aggravante che la formula utilizzata per mantenere l'applicabilità del vecchio "disastro innominato" sancisce la "prevalenza applicativa di una fattispecie sanzionata meno gravemente rispetto a quella sanzionata con maggiore gravità"; costituendo una "mostruosa meraviglia che sembra davvero uscire dalle regole dell'assurdo, se l'assurdo ha delle regole".

Senza parlare dell'altro assurdo secondo cui se da un fatto colposo di inquinamento o disastro ambientale "deriva il pericolo di inquinamento ambientale o di disastro ambientale, le pene sono ulteriormente diminuite di un terzo": disposizione "evidentemente priva di senso. Dal fatto colposo di inquinamento o di disastro non può scaturire il pericolo dell'evento che si ipotizza realizzato".

Infine, la nuova disciplina stabilita per l'estinzione, tramite adempimento, delle contravvenzioni ambientali che non hanno cagionato danno o pericolo concreto ed attuale di danno alle risorse ambientali sembra ispirata alla "preoccupazione di rendere i confini della nuova disciplina quanto mai incerti ed indefiniti, subordinandoli ad una discrezionalità amministrativa invero degna di miglior causa.... Benvenuti nel regno della legalità".

Ovviamente, l'articolo merita di essere letto integralmente ed altrettanto ovviamente può essere ritenuto più o meno condivisibile nella sua distruttiva radicalità.

Tuttavia, un dato è certo. La sviscerata esultanza che, a livello politico (e di qualche associazione) ha accompagnato il varo della nuova legge sui delitti ambientali era certamente fuori luogo. Appariva, infatti, evidente da subito che il testo finale della legge era frutto di innumerevoli compromessi, di per sè del tutto legittimi ma a patto che non inficino, come invece è avvenuto, la stessa comprensibilità ed applicabilità delle norme. In campo ambientale non si possono soddisfare inquinati ed inquinatori, occorre fare una scelta di campo. Altrimenti, arrivano leggi come questa.

Tuttavia, ormai ce l'abbiamo e, a mio sommesso avviso, in attesa di qualche miglioramento, dobbiamo cercare di rimediare con una interpretazione attenta e costituzionalmente orientata, ai gravi difetti di formulazione che pure il prof. Padovani mette in risalto. Molto, quindi, dipenderà dalla Suprema Corte che già per il traffico illecito di rifiuti ha svolto questo ruolo costruttivo.

Insomma, rimbocchiamoci le maniche e cerchiamo di evitare altre chiacchiere trionfalistiche.

 

12 gennaio 2016
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Normativa ambientale ed ecoreati. Quanta ipocrisia e demagogia
Normativa ambientale ed ecoreati. Quanta ipocrisia e demagogia
di Gianfranco Amendola
Fare leggi confuse con precetti penali generici e indeterminati può servire per larghe intese politiche che soddisfano maggioranza, opposizione e Confindustria, ma è inaccettabile fare del trionfalismo scaricando sulla Cassazione il compito di renderle comprensibili ed accettabili
13 marzo 2017
Agenzie ambientali e funzioni di polizia giudiziaria
La prima sentenza della Cassazione sul delitto di inquinamento ambientale
La prima sentenza della Cassazione sul delitto di inquinamento ambientale
di Gianfranco Amendola
La sentenza della suprema Corte, pur nella limitatezza della questione sottoposta, inizia a fornire i primi elementi su cui costruire l'interpretazione per l'applicazione dei nuovi delitti introdotti dalla legge n.68/2015
14 novembre 2016
“Detto in modo chiaro”: l’inquinamento esiste
“Detto in modo chiaro”: l’inquinamento esiste
di Giuseppe Battarino
Prima lettura di Cass. Sez. III n. 46170 del 21 settembre - 3 novembre 2016
8 novembre 2016
La prima fase di applicazione della legge 22 maggio 2015 n. 68
La prima fase di applicazione della legge 22 maggio 2015 n. 68
di Giuseppe Battarino
Un bilancio dopo i primi dieci mesi di intervento delle nuove norme sui reati contro l'ambiente
26 maggio 2016
L'incompiuta
L'incompiuta
di Francesca Romana Pirrelli* e Vittorio Triggiani**
Riflessioni sulla disciplina sanzionatoria degli illeciti ambientali in materia penale
2 dicembre 2015
Spedizione transfrontaliera di rifiuti pericolosi destinati al recupero e principio di prossimità
Una visione funzionale del procedimento penale nella legge 22 maggio 2015 n.68
La Confindustria e il disastro ambientale abusivo
La Confindustria e il disastro ambientale abusivo
di Gianfranco Amendola
Nel settore della normativa ambientale c'è bisogno di norme penali serie, chiare ed applicabili e non appare opportuno subordinare un evento grave come un disastro ambientale a una qualsiasi condizione
15 aprile 2015
Spigolature sulla proposta di legge in materia di reati ambientali
Spigolature sulla proposta di legge in materia di reati ambientali
di Stefano Palmisano
Una prima, complessiva valutazione del Ddl in materia di delitti contro l’ambiente approvato dal Parlamento
14 aprile 2015
Newsletter


Fascicolo 1/2017
Il diritto di Crono
Il multiculturalismo e le Corti
Leggi e istituzioni
I profili penalistici del decreto attuativo della legge Cirinnà: obiettivo raggiunto?
I profili penalistici del decreto attuativo della legge Cirinnà: obiettivo raggiunto?
di Manuela Castellabate
1. Le novità apportate al codice penale: effetti in bonam ed in malam partem 2. Gli effetti della legge Cirinnà nel processo penale 3. Disciplina delle convivenze di fatto e diritto penale alla luce della riforma: cenni 4. Note conclusive
29 maggio 2017
L'interpretazione delle leggi compete alla magistratura non al Ministero dell'ambiente*
Prime riflessioni sulla riforma della responsabilità civile da attività sanitaria (Legge 8 marzo 2017 n. 24)*
Prime riflessioni sulla riforma della responsabilità civile da attività sanitaria (Legge 8 marzo 2017 n. 24)*
di Patrizio Gattari
La legge 8 marzo 2017 n. 24 interviene nuovamente sullo statuto della responsabilità connessa allo svolgimento dell’attività sanitaria e, muovendo dal segno già tracciato nel 2012 dalla Legge n. 189 (cd. legge Balduzzi), compie scelte chiare destinate ad avere un significativo impatto nel complesso settore della “medical malpractice”. Consapevole che la sicurezza delle cure è parte costitutiva del diritto alla salute e che il rischio clinico va prevenuto e gestito nell’interesse del singolo e della collettività, la legge n. 24 del 2017 ha il pregio di distinguere la responsabilità della struttura sanitaria e socio-sanitaria (pubblica e privata) da quella del medico e di farne discendere sia distinti criteri di imputazione della responsabilità civile, sia un coerente sistema di obblighi assicurativi e di riparto interno fra i corresponsabili del danno. Nonostante la limitazione della responsabilità penale degli esercenti le professioni sanitarie e l’alleggerimento della loro posizione processuale nei giudizi di risarcimento danni (rinvenibili già nella legge Balduzzi), la recente legge 24/2017 introduce importanti novità e delinea un sistema nel quale la tutela risarcitoria per i danneggiati dall’attività sanitaria può dirsi per vari aspetti ampliata
25 maggio 2017
Il decreto Minniti e il diritto alla sicurezza, anzi a sentirsi sicuri
Il decreto Minniti e il diritto alla sicurezza, anzi a sentirsi sicuri
di Tamar Pitch
In nome del diritto dei cittadini perbene alla sicurezza ed al decoro, si accresce la discrezionalità e l’arbitrio nell’adozione di misure fatalmente volte a colpire gli individui permale
8 maggio 2017
La sottile linea tra legalità e sfruttamento nel lavoro*
La sottile linea tra legalità e sfruttamento nel lavoro*
di Roberto Riverso
Non si può pensare di risolvere i problemi della legalità del lavoro soltanto cambiando le regole: la questione è più complessa, perché lo scarto tra essere e dover essere nel mondo del lavoro interpella molti attori responsabili, compresa la giurisdizione. Se si vuole un recupero della mortificata legalità, prima delle leggi ci vogliono i comportamenti. L’applicazione della legge, nel settore del diritto del lavoro, è contagiosa, innesca cioè meccanismi virtuosi con effetti benefici non solo per i diritti soggettivi ed irrinunciabili del singolo lavoratore, ma piuttosto per l’intera filiera produttiva e per l’intera società
28 aprile 2017
Approvata la nuova Legge sulla responsabilità sanitaria, cosa cambia?