home search menu
Tullio Padovani e gli ecoreati
Leggi e istituzioni
Tullio Padovani e gli ecoreati
di Gianfranco Amendola
già procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Civitavecchia
Un articolo in controtendenza rispetto alle tante voci che, in politica e in dottrina, hanno inneggiato a questa pagina dell'ambientalismo italiano
Tullio Padovani e gli ecoreati
Tullio Padovani

Tullio Padovani, professore ordinario di diritto penale presso la Scuola superiore Sant'Anna di Pisa, è un luminare del nostro diritto penale. Ovviamente si può non essere d'accordo con quanto scrive, ma in ogni caso, i suoi libri costituiscono un punto fermo per ogni studioso della materia.

Questa estate ("Guida al Diritto" di agosto) si è occupato della discussa legge sui cosiddetti "ecoreati" usando espressioni che, di solito, non trovano ingresso nelle ovattate sedi accademiche e che non lasciano alcun margine ad interpretazioni "diplomatiche". Forse è per questo che pochi hanno citato questo articolo, ritenendolo troppo "forte" e in controtendenza rispetto alle tante voci che, in politica e in dottrina, hanno inneggiato a questa brutta pagina del nostro diritto e dell'ambientalismo italiano.

Peraltro, l'articolo del prof. Padovani è breve e chiaro. Ma lo riassumo per chi non lo ha letto.

L'articolo, intitolato "Legge sugli ecoreati, un impianto inefficace che non aiuta l'ambiente", inizia rilevando che si tratta di una legge dal "contenuto sconclusionato, oscuro e, in taluni tratti, decisamente orripilante" e che "per dissezionare il cadavere di questo testo servirebbe un intero squadrone di periti settori...".

Procedendo per punti, rileva subito dopo che le due fattispecie di inquinamento ambientale e di disastro ambientale mancano di qualsiasi coordinamento in quanto "ciascuna procede allegramente per i fatti suoi, noncurante dell'altra, determinando così un marasma senza capo nè coda"; al punto che "sembra proprio di dover concludere che si possa realizzare un disastro a prescindere dall'inquinamento e un inquinamento non suscettibile di trasformarsi in disastro".

Se poi si va ai termini ("biodiversità" ad esempio) utilizzati dal legislatore, essi sono talmente vaghi, generici e confusi da essere incompatibili con la tassatività che dovrebbe sempre caratterizzare gli illeciti penali; "sarebbe stato necessario calare macronozioni tanto universali in contesti almeno relativamente determinati.. perchè, espressa in questi termini, l'ipotesi criminosa appare semplicemente impossibile: per aggredire in modo 'significativo e misurabile' biodiversità, flora o fauna in quanto tali occorrerebbe quantomeno un evento nucleare".

Altrettanto criticabile ("una vera accozzaglia di insensatezze"), per il prof. Padovani, è la tripartizione che caratterizza il disastro ambientale con una tale indeterminatezza da contrastare palesemente con l'art. 25 della Costituzione, per cui "prima spariranno, meno disastri produrrà la loro sciagurata vigenza".

Con l'aggravante che la formula utilizzata per mantenere l'applicabilità del vecchio "disastro innominato" sancisce la "prevalenza applicativa di una fattispecie sanzionata meno gravemente rispetto a quella sanzionata con maggiore gravità"; costituendo una "mostruosa meraviglia che sembra davvero uscire dalle regole dell'assurdo, se l'assurdo ha delle regole".

Senza parlare dell'altro assurdo secondo cui se da un fatto colposo di inquinamento o disastro ambientale "deriva il pericolo di inquinamento ambientale o di disastro ambientale, le pene sono ulteriormente diminuite di un terzo": disposizione "evidentemente priva di senso. Dal fatto colposo di inquinamento o di disastro non può scaturire il pericolo dell'evento che si ipotizza realizzato".

Infine, la nuova disciplina stabilita per l'estinzione, tramite adempimento, delle contravvenzioni ambientali che non hanno cagionato danno o pericolo concreto ed attuale di danno alle risorse ambientali sembra ispirata alla "preoccupazione di rendere i confini della nuova disciplina quanto mai incerti ed indefiniti, subordinandoli ad una discrezionalità amministrativa invero degna di miglior causa.... Benvenuti nel regno della legalità".

Ovviamente, l'articolo merita di essere letto integralmente ed altrettanto ovviamente può essere ritenuto più o meno condivisibile nella sua distruttiva radicalità.

Tuttavia, un dato è certo. La sviscerata esultanza che, a livello politico (e di qualche associazione) ha accompagnato il varo della nuova legge sui delitti ambientali era certamente fuori luogo. Appariva, infatti, evidente da subito che il testo finale della legge era frutto di innumerevoli compromessi, di per sè del tutto legittimi ma a patto che non inficino, come invece è avvenuto, la stessa comprensibilità ed applicabilità delle norme. In campo ambientale non si possono soddisfare inquinati ed inquinatori, occorre fare una scelta di campo. Altrimenti, arrivano leggi come questa.

Tuttavia, ormai ce l'abbiamo e, a mio sommesso avviso, in attesa di qualche miglioramento, dobbiamo cercare di rimediare con una interpretazione attenta e costituzionalmente orientata, ai gravi difetti di formulazione che pure il prof. Padovani mette in risalto. Molto, quindi, dipenderà dalla Suprema Corte che già per il traffico illecito di rifiuti ha svolto questo ruolo costruttivo.

Insomma, rimbocchiamoci le maniche e cerchiamo di evitare altre chiacchiere trionfalistiche.

 

12 gennaio 2016
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Normativa ambientale ed ecoreati. Quanta ipocrisia e demagogia
Normativa ambientale ed ecoreati. Quanta ipocrisia e demagogia
di Gianfranco Amendola
Fare leggi confuse con precetti penali generici e indeterminati può servire per larghe intese politiche che soddisfano maggioranza, opposizione e Confindustria, ma è inaccettabile fare del trionfalismo scaricando sulla Cassazione il compito di renderle comprensibili ed accettabili
13 marzo 2017
Agenzie ambientali e funzioni di polizia giudiziaria
La prima sentenza della Cassazione sul delitto di inquinamento ambientale
La prima sentenza della Cassazione sul delitto di inquinamento ambientale
di Gianfranco Amendola
La sentenza della suprema Corte, pur nella limitatezza della questione sottoposta, inizia a fornire i primi elementi su cui costruire l'interpretazione per l'applicazione dei nuovi delitti introdotti dalla legge n.68/2015
14 novembre 2016
“Detto in modo chiaro”: l’inquinamento esiste
“Detto in modo chiaro”: l’inquinamento esiste
di Giuseppe Battarino
Prima lettura di Cass. Sez. III n. 46170 del 21 settembre - 3 novembre 2016
8 novembre 2016
La prima fase di applicazione della legge 22 maggio 2015 n. 68
La prima fase di applicazione della legge 22 maggio 2015 n. 68
di Giuseppe Battarino
Un bilancio dopo i primi dieci mesi di intervento delle nuove norme sui reati contro l'ambiente
26 maggio 2016
L'incompiuta
L'incompiuta
di Francesca Romana Pirrelli* e Vittorio Triggiani**
Riflessioni sulla disciplina sanzionatoria degli illeciti ambientali in materia penale
2 dicembre 2015
Spedizione transfrontaliera di rifiuti pericolosi destinati al recupero e principio di prossimità
Una visione funzionale del procedimento penale nella legge 22 maggio 2015 n.68
La Confindustria e il disastro ambientale abusivo
La Confindustria e il disastro ambientale abusivo
di Gianfranco Amendola
Nel settore della normativa ambientale c'è bisogno di norme penali serie, chiare ed applicabili e non appare opportuno subordinare un evento grave come un disastro ambientale a una qualsiasi condizione
15 aprile 2015
Spigolature sulla proposta di legge in materia di reati ambientali
Spigolature sulla proposta di legge in materia di reati ambientali
di Stefano Palmisano
Una prima, complessiva valutazione del Ddl in materia di delitti contro l’ambiente approvato dal Parlamento
14 aprile 2015
Newsletter


Fascicolo 3/2017
A cosa serve la Corte di cassazione?
Le banche, poteri forti e diritti deboli
Leggi e istituzioni
Il controllo del garante per la protezione dei dati personali e l’autorità giudiziaria secondo le più recenti norme eurounitarie
Il controllo del garante per la protezione dei dati personali e l’autorità giudiziaria secondo le più recenti norme eurounitarie
di Federico Sorrentino
In vista della prossima piena applicabilità del Regolamento UE 2016/679 e della prossima scadenza dei termini per il recepimento della Direttiva UE 2016/680 (in materia di protezione dei dati personali) appare opportuno mettere in evidenza la questione degli effetti di tale nuova disciplina con riferimento al controllo, da parte del Garante per la protezione dei dati personali, sull’attività giurisdizionale in campo civile e in campo penale
15 febbraio 2018
“Tendono alla chiarità le cose oscure”: il carcere e l’esecuzione penale nello schema di decreto legislativo di riforma dell’ordinamento penitenziario*
“Tendono alla chiarità le cose oscure”: il carcere e l’esecuzione penale nello schema di decreto legislativo di riforma dell’ordinamento penitenziario*
di Fabio Gianfilippi
Un primo commento a quella che, dopo la legge Gozzini, costituisce il tentativo più organico di riforma e aggiornamento dell’ordinamento penitenziario. Una lettura ragionata dei profili innovativi che consente di verificare l’infondatezza di alcuni argomenti utilizzati per screditare la riforma e di capire come dignità e finalismo rieducativo della pena siano strumentali alla costruzione di comunità umane pacifiche, libere e sicure.
14 febbraio 2018
Soggetti soltanto alla legge. I magistrati e le carriere
Soggetti soltanto alla legge. I magistrati e le carriere
di Riccardo De Vito
Riemergono le carriere all’interno del corpo professionale e, con queste, l’imprinting verticale della magistratura. Ne risentono l’autonomia della giurisdizione e, al dunque, l’uguaglianza delle persone davanti alla legge. Occorre studiare la patologia per formulare prognosi e trovare antidoti.
13 febbraio 2018
La discrezionalità del Consiglio: una prerogativa irrinunciabile dell’autogoverno o un peso insostenibile per la magistratura?
La discrezionalità del Consiglio: una prerogativa irrinunciabile dell’autogoverno o un peso insostenibile per la magistratura?
di Mariarosaria Guglielmi
La discrezionalità è una prerogativa irrinunciabile per l’autogoverno e lo strumento per conformare le scelte di amministrazione ai valori costituzionali e alle esigenze della giurisdizione. La rinuncia alle prerogative di discrezionalità delinea una nuova fisionomia del Csm, funzionale ad una ristrutturazione in senso verticistico e burocratico dell’ordine giudiziario, e riduce il suo ruolo politico nella difesa e nella promozione dei valori che sono a fondamento della giurisdizione. In questa consapevolezza la magistratura deve ritrovare il senso dell’appartenenza all’istituzione consiliare e l’aspirazione ad un autogoverno all’altezza delle aspettative di giustizia della collettività.
6 febbraio 2018
Il fascino discreto della carriera. Dirigenza giudiziaria: proposte a confronto
Il fascino discreto della carriera. Dirigenza giudiziaria: proposte a confronto
di Massimo Michelozzi
Alcune scelte operate dal Csm in materia di nomine ad incarichi dirigenziali ed in Cassazione, che sono state oggetto di critiche in ambito associativo e tra i magistrati, hanno indotto i gruppi della magistratura associata ad elaborare ed offrire alla valutazione dei colleghi proposte per superare le criticità imputate al sistema del conferimento degli incarichi disciplinato dal testo unico sulla dirigenza giudiziaria (TUD) come riformato con delibera del 28 luglio 2015. In particolare, in tal senso si sono mosse, con un occhio rivolto anche alle prossime elezioni per il rinnovo della componente togata del Csm, Autonomia e indipendenza e Area democratica per la giustizia.
22 gennaio 2018
La tentazione riduzionista dell'accesso alla Cassazione e il vizio di motivazione
La tentazione riduzionista dell'accesso alla Cassazione e il vizio di motivazione
di Raffaello Magi
Una riflessione sulle proposte “riduzionistiche” del ricorso alla suprema Corte in materia penale
17 gennaio 2018