home search menu
Il debito tedesco e un convegno necessario
Magistratura e società
Il debito tedesco e un convegno necessario
di Luca Baiada
Magistrato della Corte d'appello militare di Roma
Sembra prendere terreno un uso anomalo della storia, una torsione culturale a sfondo politico, uno spettacolo di beneficenza. Si confeziona una memoria furba che circonda di rispettabilità lo Stato responsabile di gravi crimini e lo ringrazia per la presa d’atto della sola colpa morale. È una linea che tende a sostituire alla responsabilità giuridica la riparazione o il lenimento. La memoria diventa un surrogato della giustizia, cioè una maschera dell’ingiustizia

A Pistoia, capitale della cultura 2017, il prossimo 5 maggio – l’anniversario della liberazione del Lager di Mauthausen – si svolge un convegno organizzato dall’Istituto storico della Resistenza e dell’età contemporanea: La responsabilità economica tedesca per stragi e deportazioni in Italia: il risarcimento e la memoria. Se ne sente il bisogno, perché certe letture dei crimini nazifascisti sono astratte, catalogali, sempre prive di conseguenze.

Malgrado le atrocità commesse dal 1943 al 1945, oltre ventimila morti e quasi un milione di deportati, la Germania non ha mai risarcito le famiglie italiane colpite. Nel 2012 una sentenza sconcertante della Corte internazionale di giustizia dell’Aia ha rovesciato la storia, dichiarando l’Italia colpevole di aver solo provato a tutelare i suoi cittadini, permettendo alla magistratura qualche passo in direzione della realizzazione dei loro diritti. Il legislatore si è subito adeguato, con norme scritte contro le vittime. Nel 2014, una coraggiosa sentenza della Corte costituzionale ha spazzato via quelle leggi, ha fermato gli effetti della pronuncia della Corte dell’Aia e ha riaperto la strada alle condanne patrimoniali dello Stato tedesco. Da allora i processi civili sono ricominciati, e malgrado le lettere dell’ambasciata tedesca ai magistrati italiani, stigmatizzate anche dalla Corte di cassazione a sezioni unite civili, sono state emesse nuove condanne, che però faticano ad avere esecuzione.

Nel frattempo, sulla base di intese fra la Germania, il Ministero degli esteri e altri enti italiani, lo Stato tedesco ha finanziato con somme modestissime alcune iniziative culturali, per lo più di incerto spessore, come l’Atlante delle stragi, e a volte al limite della beffa (inaugurazioni di lapidi con nomi sbagliati, restauri di edifici preunitari senza legame con la guerra di Liberazione, finanziamenti di mostre che non si svolgono neppure in Italia). Alcune di queste iniziative sono state contestate dai sopravvissuti ai massacri e ai Lager.

Sembra prendere terreno un uso anomalo della storia, una torsione culturale a sfondo politico, uno spettacolo di beneficenza. Si confeziona una memoria furba che circonda di rispettabilità lo Stato responsabile di gravi crimini e lo ringrazia per la presa d’atto della sola colpa morale. È una linea che tende a sostituire alla responsabilità giuridica, quindi ai diritti economici delle vittime, la riparazione o il lenimento. La memoria diventa un surrogato della giustizia, cioè una maschera dell’ingiustizia.

Il tema è così indicibile, così scomodo, che il discorso pubblico è diventato ubbidiente. In 1984, George Orwell immagina lo stopreato come «una forma di stupidità protettiva», che comprende anche il provare noia o ripulsa di fronte a qualsiasi pensiero articolato che porterebbe a posizioni eretiche. Così la sentenza della Corte costituzionale, la n. 238 del 2014, di solito non viene nominata (eppure, fra i giudici che fecero parte del collegio c’era l’attuale capo dello Stato). L’inadempimento tedesco è dato per ineluttabile. Chi insiste per il risarcimento è visto come un fossile o un seccatore, quando non come un nemico della pace, della riconciliazione, dell’Europa. La responsabilità della Germania è così nobilmente e intrinsecamente morale, immensamente solenne e celeste, che ci si guarda bene dal proporne una prosaica quantificazione in denaro, anche approssimativa. Simmetricamente, le iniziative culturali spesate da Berlino hanno un valore scientifico fuori discussione, anche quando contengono errori vistosi, e sono soddisfacenti per le vittime anche se queste, forse, le potranno vedere in fotografia. Soprattutto, sul loro costo effettivo si tace, perché confrontarlo col debito produrrebbe effetti di umorismo nero negli osservatori, o forse di agitazione motoria in chi ha avuto fra i suoi cari un morto o un deportato.

Tutto questo non è diatriba su vicende superate, e neppure riguarda solo la Seconda guerra mondiale. È di poche settimane fa l’ennesima strage di civili in Medio Oriente. Dichiarazioni di politici, sdegno di intellettuali, proteste di gente dello spettacolo. Ma se chi ha commesso quel delitto avesse tempo di dare un’occhiata all’Europa, forse progetterebbe di fare tra settant’anni iniziative culturali in ricordo delle vittime di oggi, con poca spesa per lo Stato responsabile, senza pagare i danni e ricevendo ringraziamenti per aver fatto «i conti col passato».

Il convegno di Pistoia proverà a spezzare silenzi, a ridimensionare il senso comune della ragion di Stato, a ricomporre i tasselli di un mosaico difficile.

*In copertina, un fotogramma tratto dal film L'uomo che verrà di Giorgio Diritti (2009)

24 aprile 2017
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
L’eccidio dei Limmari, una strage mai dimenticata *
di Guido Raimondi
Se oggi la Corte Edu esiste e assolve il compito di proteggere i diritti fondamentali in tutta Europa, lo si deve alla reazione della società europea di fronte alle indicibili atrocità che hanno segnato la storia della Seconda guerra mondiale
2 gennaio 2019
La miccia della liberazione*
La miccia della liberazione*
di Raniero La Valle
La giustizia e la pace sono le due grandi conquiste della lotta di Liberazione su cui è stato costruito poi l’intero edificio della nostra Costituzione. Esse non erano però solo delle stazioni di partenza ideali, ma traguardi reali da raggiungere, erano la costituzione materiale da attuare e non solo per noi, ma per tutti. Infatti sono beni comuni universali, e proprio qui, nel Mediterraneo, la giustizia e la pace hanno avuto la loro culla.
27 aprile 2018
Il 25 aprile in tre storie di resistenza
Il 25 aprile in tre storie di resistenza
di Paola Perrone
Va riconosciuto che, per chi non ha vissuto quei momenti, la valutazione del 25 aprile risulta influenzata dal senno del poi. Non tiene conto delle previsioni, aspettative, timori, sbandamenti di tutti gli italiani dell’Alta Italia, e dei partigiani in particolare, nei mesi che seguirono l’8 settembre 1943. Con uno stile che ricorda la storiografia anglosassone, Carlo Greppi cerca di dar conto col senno del prima di ciò che avvenne in quei fatidici mesi. Per farlo, sceglie di scrivere di tre personaggi e tre eventi che meglio di altri condensano insieme timori e determinazione resistenziali.
25 aprile 2018
Conciliare e risarcire non sono la stessa cosa. Notarella in margine ad un convegno di Villa Vigoni
L'Atlante delle stragi naziste e fasciste in Italia
Magistrati e Resistenza: storie da non dimenticare
Magistrati e Resistenza: storie da non dimenticare
di Carlo Brusco
In occasione del settantesimo anniversario della liberazione un ricordo dei magistrati uccisi dai nazifascisti
25 aprile 2015
Newsletter


Fascicolo 1/2019
Populismo e diritto
Magistratura e società
La magistratura resistente *
di Paolo Borgna
Prima dell'8 settembre del 1943, durante il Ventennio fascista, molti magistrati sentivano l’iscrizione al Pnf come un’umiliazione, che non li obbligava a comportamenti contrari alla loro coscienza. Per loro, l’opposizione al fascismo fu uno stato d’animo pre-politico, un’opposizione culturale, un “antifascismo di stile”
11 luglio 2019
Etica e diritto: il valore ambiente nell’enciclica Laudato si’ e nella normativa italiana *
di Gianfranco Amendola
Una riflessione sull'importanza del valore “ambiente” a partire da alcuni passi particolarmente significativi del messaggio di Papa Francesco, per verificare se e quanto essi risultino recepiti nelle nostre leggi e nella nostra giurisprudenza
27 giugno 2019
Giornata mondiale del rifugiato, il diritto ad avere diritti dei migranti*
di Giuseppe Salmè
Nonostante sia stato da tempo previsto, il dilagare dei populismi ci ha colto di sorpresa e ci costringe a ripensare all’origine dello Stato costituzionale di diritto e al fondamento dei diritti umani. Le migrazioni sono il terreno prioritario di tali riflessioni perché è necessario ripartire dallo stesso valore di “persona” che la crescente disumanizzazione della società nega al migrante
20 giugno 2019
Magistratura democratica di ieri e di oggi ed il pastiche romano
Magistratura democratica di ieri e di oggi ed il pastiche romano
di Nello Rossi, Vincenza (Ezia) Maccora, Rita Sanlorenzo
«Uno scambio epistolare del passato stimola riflessioni sull'Md di oggi. Un gruppo di magistrati che nelle tre ultime consiliature non opera nella diretta gestione della discrezionalità amministrativa del Csm ma è principalmente impegnato sul versante delle prassi e della cultura della giurisdizione. E proprio per questo continuo bersaglio di attacchi, spesso provenienti da chi, a parole, rimpiange le antiche “correnti delle idee”. Un paradosso rivelatore della vitalità del gruppo. Forse sta commettendo un errore chi immagina che Md morirà per inedia…»
4 giugno 2019
Il traditore, un film per (ri)guardare un pezzo della nostra storia repubblicana
Il traditore, un film per (ri)guardare un pezzo della nostra storia repubblicana
di Patrizia Rautiis
Il film di Marco Bellocchio, presentato all'ultimo Festival di Cannes, visto con lo sguardo di un magistrato
31 maggio 2019
Il romanzo popolare della Costituzione e dei cittadini nell'Italia repubblicana
Il romanzo popolare della Costituzione e dei cittadini nell'Italia repubblicana
di Giovanni Palombarini
Nel volume edito da Castelvecchi, Giuseppe Cotturri riprende la riflessione sulla legge fondamentale, registrando come, pur nella confusione della comunicazione pubblica che ha allontanato tanti dalla politica e dalla democrazia, «una cultura politica diversa avanza sulle gambe di quel che si chiama cittadinanza attiva»
25 maggio 2019