home search menu
di Donatella Stasio
“Lunga vita alle correnti!”. La lezione di Gabriella Luccioli
“Lunga vita alle correnti!”. La lezione di Gabriella Luccioli
L’autrice di Diario di una giudice – vincitrice del premio Ripdico 2018-Scrittori per la giustizia – sfida l’impopolarità e rivendica il valore delle correnti come luoghi di elaborazione di principi e di visioni. Auspica un ritorno al «clima di Gardone», quando la magistratura cambiò passo e respiro sul proprio ruolo e sull’importanza del pluralismo interno, ma avverte una pericolosa distanza della magistratura, e delle donne magistrate, da quel patrimonio

Perché questa rubrica

27 aprile 2017

Inizia oggi, con il primo articolo della nuova rubrica Controcanto, la collaborazione di Questione Giustizia e di Magistratura democratica con Donatella Stasio, una delle voci più autorevoli del giornalismo italiano (cronista di politica giudiziaria per più di 30 anni a Il Sole24Ore) e più significative del dibattito politico-culturale sui temi della giustizia e della politica giudiziaria.

continua

«Lunga vita alle correnti! E soprattutto alle correnti di sinistra!». Sembrano una provocazione le parole di Gabriella Luccioli all’indomani della lunga campagna elettorale per il rinnovo del Csm scandita da violentissimi attacchi alle correnti e all’organo di autogoverno della magistratura (al punto che, in una sede istituzionale, un neosottosegretario alla Giustizia si è sentito autorizzato ad auspicare la fine delle correnti, «in particolare di quelle di sinistra»). E invece no, non si tratta di provocazione ma di un pubblico e coraggioso riconoscimento del valore delle correnti come «luoghi di elaborazione di principi e di visioni», tanto più autorevole e credibile in quanto proveniente da una figura carismatica della magistratura che non è mai stata identificata con una corrente in termini di “appartenenza”. Non a caso nel suo bel libro Diario di una giudice – I miei 50 anni in magistratura (Forum, 2016), Luccioli si è concessa l’orgogliosa rivendicazione «di non aver mai salito le scale di Palazzo dei Marescialli se non per motivi istituzionali e di non aver mai alzato il telefono per chiedere». La sua clamorosa esclusione, nel 2013, dalla corsa per la prima presidenza della Cassazione resta una delle pagine più tristi della storia del Csm, ma l’amarezza non si è mai trasformata in rancorosa delegittimazione delle correnti, e dell’organo di autogoverno della magistratura. Un esempio di stile istituzionale in via di estinzione.

Siamo a Roma, l’occasione è il premio Ripdico 2018-Scrittori per la Giustizia e Luccioli è nella terna dei finalisti per la saggistica. Le urne per il rinnovo del Csm si sono chiuse da due giorni e le polemiche sulle correnti rimbalzano inevitabilmente anche nell’intervista all’autrice durante la presentazione del suo libro. Lei risponde, come sempre, con la leggerezza che rende forti le parole, una boccata d’ossigeno nel clima avvelenato che si respira nella magistratura, travolta da una crisi di fiducia micidiale. La sua è una voce fuori dal coro, capace di spiegare ciò che ormai è impronunciabile tanto è impopolare, in un contesto in cui fiducia e consenso si confondono e diffusa è la tentazione di rincorrere il secondo con la deresponsabilizzazione e la burocratizzazione della funzione nonché la demonizzazione delle correnti, invece di riannodare i fili della fiducia con l’esercizio responsabile della discrezionalità connaturata alla giurisdizione, secondo un modello di magistrato che Piero Calamandrei definiva «uomo sociale» o «giudice con l’anima».

In pensione ormai da tre anni, Gabriella Luccioli appartiene a quella magistratura “illuminata” che ha saputo coniugare etica della responsabilità con la tutela e la promozione dei diritti fondamentali delle persone. È stata una delle prime donne a entrare in magistratura nel 1965 e la sua carriera è stata caratterizzata anche dall’esigenza di declinare la giurisdizione riconoscendo la specificità di genere. Il suo Diario è una ricchissima testimonianza di questo percorso e della sua fecondità, e forse anche per questo ha vinto il premio Ripdico per la saggistica. Tuttavia, nonostante i consueti rimbalzi sulle mailing list, la notizia non ha fatto notizia tra i magistrati, più impegnati a guardare il proprio ombelico post elettorale che ad alzare lo sguardo e rimettersi in cammino, magari sfruttando come bussola anche le pagine del Diario. «Quel silenzio mi dà l’impressione di appartenere al passato, di essere lontana», confessa Luccioli. Come se nel giro di pochi anni tutto fosse cambiato nell’universo della magistratura.

In effetti molto è cambiato. «Negli ultimi anni sono entrate in magistratura più o meno mille persone e circa 600 erano donne – è la prima osservazione di Luccioli –. Ma di loro ignoriamo tutto: valori di riferimento, se e quanto sono contaminate dal carrierismo alimentato dal Testo Unico sulla dirigenza, come intendono la giurisdizione… Forse bisognerebbe fare anzitutto un’indagine sociologica per capire quanto è cambiata la magistratura per la presenza delle donne». Una presenza numericamente consistente ma non abbastanza visibile se è vero, come nota Luccioli, che «è ancora forte la tendenza delle donne a delegare agli uomini scelte, opinioni, linee politiche. Le donne che elaborano un pensiero politico autonomo sono pochissime», osserva rimandando alle mailing list, «piene soltanto o prevalentemente degli interventi degli uomini».

Detto questo, Luccioli auspica che si torni «allo spirito di Gardone», di quel Congresso dell’Anm svoltosi a settembre del 1965 che segnò un «prima e un poi» nella storia della magistratura. Le pagine da 27 a 31 del suo Diario andrebbero assolutamente rilette. Si racconta, tra l’altro, che dalla discussione emerse «una nuova concezione del rapporto del giudice con la società, fino a delineare un modello di magistrato che esce dalla torre d’avorio in cui nel passato era stato rinchiuso, si apre all’esterno e si confronta con le criticità del Paese e con le grandi questioni sociali, proponendosi come interlocutore primario nel dibattito politico, sociale e culturale e nell’elaborazione di un progetto complessivo di riforma». Parole, appunto, oggi impronunciabili se non al prezzo dell’impopolarità, eppure necessarie per fare i conti con la crisi di identità che sta attraversando la magistratura. Parole da rileggere, come quelle che, più avanti, raccontano delle correnti: «È evidente – osserva Luccioli – che il fervore che anima la discussione non è alimentato da lotte di potere tra correnti ma dalla forte e nobile tensione ideale che le accomuna verso una nuova costruzione del ruolo della magistratura e verso una difesa intransigente dei valori sanciti nella Carta costituzionale, che secondo un approccio da tutti condiviso devono presiedere e dare senso all’esercizio della giurisdizione».

Segue un’annotazione secca: «Nel dibattito manca totalmente la voce delle donne». Una voce che latita anche oggi, sebbene la loro presenza sia pari al 53% dei magistrati.

Impossibile non parlare del «devastante clima preelettorale» su cui ha pesato una «pessima legge elettorale». Mi chiedo se il risultato del voto per il Csm, in particolare l’enorme successo personale di Piercamillo Davigo, non rifletta anche il bisogno di identificarsi con uno dei pochi magistrati che oggi – complice la sua presenza mediatica – riscuote consenso. Se, cioè, non sia un modo indiretto per sentirsi supportati dal consenso popolare, compensando così la crisi di fiducia verso l’istituzione. Luccioli però ritiene che Davigo non è stato votato in quanto leader di una corrente. «Lui chiama consensi – spiega – perché ha delle certezze e le spende in modo efficace. E questo premia. Davigo suscita amore e odio, ma il voto a lui è un voto alla persona, non alla corrente, è un voto a quel che dice lui e a come lo dice lui». Quanto al risultato complessivo, questa tornata elettorale ha premiato le posizioni più conservatrici e corporative della magistratura e Luccioli non nasconde di essere «molto preoccupata di questo spostamento di equilibri», al di là del dato di una presenza femminile in aumento.

La disattenzione registrata verso il Diario di una giudice in un momento in cui, invece, sarebbe dovuto diventare una sorta di manifesto culturale, soprattutto per le donne, è assolutamente coerente con questo nuovo contesto, in cui più delle idee e dei valori contano le leadership ma, tramontate le leadership, purtroppo resta lo spettacolo desolante di macerie e di un vuoto di valori riempito solo da odi, rancori, egoismi. Reagire a questa deriva significa anche esercitare l’etica della responsabilità. Che, scrive Eligio Resta commentando il Diario di una giudice, «vive esclusivamente nell’esempio, nel fare, nel far parlare leggi e diritti in nome di bisogni concreti, vitali». Praticare la virtù, insomma, invece di declamarla: lo insegnava Stuart Mill e il Diario di Luccioli ne è una testimonianza. Una buona lettura, o rilettura, per le vacanze.

Donatella Stasio

19 luglio 2018
Basta aggettivi!
Basta aggettivi!
di Ilio Mannucci Pacini
Ancora a proposito di valutazioni periodiche di professionalità dei magistrati
20 marzo 2019
1999-2019: vent’anni senza Faber. Magistratura democratica ricorda Fabrizio De André
Tre vite per poco più di un secolo
Tre vite per poco più di un secolo
di Edmondo Bruti Liberati
Un avvocato antifascista e rivoluzionario, un magistrato eretico, una brigatista rossa. Un filo lega queste tre storie che animano Un secolo e poco più, il volume di Luigi Saraceni. Pagine profonde che delineano la parabola simbolica di oltre cento anni di storia del nostro Paese
16 febbraio 2019
Magistratura e società nell'Italia repubblicana
Magistratura e società nell'Italia repubblicana
di Carlo Brusco
La recensione al volume di Edmondo Bruti Liberati (Laterza, 2018), un’opera sistematica e bene informata che, forse, mancava nel panorama storico ricostruttivo delle vicende italiane che hanno legato magistratura e società nel secondo dopoguerra
12 gennaio 2019
Processo penale e riforme, una storia infinita. L’ultimo Controcanto sulle note della memoria
Processo penale e riforme, una storia infinita. L’ultimo Controcanto sulle note della memoria
di Donatella Stasio
Dal 1989 ad oggi sono state approvate più di cento modifiche al processo penale e ogni volta si ricomincia senza una visione organica e ideale ma solo in funzione dell’incapacità del sistema di garantire un processo democratico ed efficiente
7 gennaio 2019
Il giudice di fronte allo straniero
Il giudice di fronte allo straniero
di Luigi Zoja
Pubblichiamo la relazione tenuta dall'autore all'interno del corso Lo straniero davanti al giudice (Scuola superiore della magistratura - Firenze, 8 luglio 2015)
3 gennaio 2019
La cultura giuridica e le leggi razziali: avvocati e giudici ebrei. La giurisprudenza in materia razziale
La cultura giuridica e le leggi razziali: avvocati e giudici ebrei. La giurisprudenza in materia razziale
di Carlo Brusco
Il testo costituisce un capitolo, ancora in via di elaborazione, di un libro dedicato alle leggi razziali del 1938/1939 che verrà pubblicato, nell’80° anniversario della loro promulgazione, dalle Edizioni Gruppo Abele
22 dicembre 2018
Il valore dell’indipendenza al tempo delle leggi razziali *
di Olimpia Monaco
L’esempio di Mario Fioretti. Combattere l’immobilismo e l’assoggettamento della giurisdizione alla deriva autoritaria del potere politico significa – ieri come oggi – uscire allo scoperto contro lo “spirito del tempo”, infrangere l’autoreferenzialità e rifondare il rapporto tra legalità e giustizia
13 dicembre 2018
Sulla violazione del limite costituzionale della ragionevolezza nella disciplina delle incompatibilità di sede dei magistrati onorari
Sulla violazione del limite costituzionale della ragionevolezza nella disciplina delle incompatibilità di sede dei magistrati onorari
di Paola Bellone
Un esame della disciplina sulle incompatibilità di sede introdotte dal d.lgs 116/2017 per i giudici onorari di pace e i vice procuratori onorari, con particolare attenzione alle disposizioni che sollevano dubbi di legittimità costituzionale
5 dicembre 2018
Contro il malessere democratico, l’Italia ha bisogno del rugby. Il sogno di Giuseppe D’Avanzo
Contro il malessere democratico, l’Italia ha bisogno del rugby. Il sogno di Giuseppe D’Avanzo
di Donatella Stasio
In gran parte del mondo la democrazia non gode di buona salute e l’Italia non sembra da meno. I sintomi del malessere democratico risalgono ad almeno un decennio e D’Avanzo li aveva individuati. Come il rimedio per curarli
3 dicembre 2018

Perché questa rubrica

27 aprile 2017

Inizia oggi, con il primo articolo della nuova rubrica Controcanto, la collaborazione di Questione Giustizia e di Magistratura democratica con Donatella Stasio, una delle voci più autorevoli del giornalismo italiano (cronista di politica giudiziaria per più di 30 anni a Il Sole24Ore) e più significative del dibattito politico-culturale sui temi della giustizia e della politica giudiziaria.

Con questa collaborazione Magistratura democratica e Questione Giustizia hanno scelto di aprire, sui siti on-line, una finestra sull’esterno dalla quale scorgere con più attenzione e consapevolezza cosa accade fuori dalla magistratura e dalla quale essere visti, osservati, criticati anche radicalmente.

In linea con le indicazioni venute dal congresso di Bologna del novembre 2016, abbiamo scelto, da un lato, di rivitalizzare un metodo di confronto ed elaborazione e, dall’altro, di arricchire il dibattito interno alla magistratura, tenendo viva l’attenzione verso le più complesse dinamiche della società in cui si inserisce l’intervento giudiziario. Siamo infatti consapevoli che solo questa attenzione può contrastare dinamiche di chiusura e di autoreferenzialità della magistratura, da ultimo riemerse anche nel confronto associativo.

 

continua

 

Processo penale e riforme, una storia infinita. L’ultimo Controcanto sulle note della memoria
Processo penale e riforme, una storia infinita. L’ultimo Controcanto sulle note della memoria
di Donatella Stasio
Dal 1989 ad oggi sono state approvate più di cento modifiche al processo penale e ogni volta si ricomincia senza una visione organica e ideale ma solo in funzione dell’incapacità del sistema di garantire un processo democratico ed efficiente
7 gennaio 2019
Contro il malessere democratico, l’Italia ha bisogno del rugby. Il sogno di Giuseppe D’Avanzo
Contro il malessere democratico, l’Italia ha bisogno del rugby. Il sogno di Giuseppe D’Avanzo
di Donatella Stasio
In gran parte del mondo la democrazia non gode di buona salute e l’Italia non sembra da meno. I sintomi del malessere democratico risalgono ad almeno un decennio e D’Avanzo li aveva individuati. Come il rimedio per curarli
3 dicembre 2018
Prescrizione & processo: solo l’etica ci salverà
Prescrizione & processo: solo l’etica ci salverà
di Donatella Stasio
Avvocati e Anm, divisi sulle proposte di riforma del processo penale e della prescrizione, concordano invece (ed è una novità) sulla pregiudizialità della prima rispetto alla seconda. Ma la diversa “visione” del processo rende la riforma impossibile. Oltre che inutile senza un cambio di passo dell’etica di tutti gli attori del processo
15 novembre 2018
La lezione di Dworkin: anche nella partita sulla sicurezza, la «briscola» è la tutela dei diritti fondamentali
La lezione di Dworkin: anche nella partita sulla sicurezza, la «briscola» è la tutela dei diritti fondamentali
di Donatella Stasio
Reati in calo, processi lenti, carceri affollate: un quadro che ci riporta indietro di dieci anni e riapre prospettive securitarie. Secondo il filosofo americano, il rispetto dei diritti umani non è un impiccio di cui liberarsi per placare la paura e riscuotere consensi
30 ottobre 2018
L’etica costituzionale come antidoto al conflitto tra legge e giustizia e alla disgregazione sociale
L’etica costituzionale come antidoto al conflitto tra legge e giustizia e alla disgregazione sociale
di Donatella Stasio
Piero Calamandrei spiegava che nei “grandi trapassi storici” il dissidio tra legge e giustizia si scarica sulla seconda e sulla motivazione dei suoi provvedimenti, con effetti negativi sulla fiducia dei cittadini. Anche oggi si profila un’analoga “crisi della giustizia” ma, come osserva Elvio Fassone, è l’etica costituzionale, ed il suo riconoscimento, che consente di ricomporre legge e giustizia
9 ottobre 2018
Lo sguardo che manca alla giustizia
Lo sguardo che manca alla giustizia
di Donatella Stasio
Il film «Sulla mia pelle», che racconta la vicenda di Stefano Cucchi, sollecita molte riflessioni tra cui quella sull’impersonalità (brutale) delle istituzioni, compresa la giustizia, e sulle sue ricadute negative nel rapporto di fiducia con i cittadini. Un problema antico ma ricorrente e cruciale nella vita delle istituzioni, di cui i magistrati devono farsi carico con i loro comportamenti. Secondo Piero Calamandrei, bisogna che «anche nel processo circoli questo senso di fiducia, di solidarietà e di umanità, che è in tutti i campi lo spirito animatore della democrazia»
18 settembre 2018