home search menu
Ancora sulla qualificazione penalistica dell’evidenza epidemiologica. Perché anche nella società del rischio è legittimo il ricorso al diritto penale d’evento
Prassi e orientamenti
Ancora sulla qualificazione penalistica dell’evidenza epidemiologica. Perché anche nella società del rischio è legittimo il ricorso al diritto penale d’evento
di Luca Masera
Professore associato di Diritto penale, Università degli Studi di Brescia
Componente del Comitato Scientifico di Questione Giustizia

L’Autore approfondisce e sviluppa la tesi, già avanzata in lavori precedenti, circa la possibilità di utilizzare il dato epidemiologico di un aumento di mortalità al fine dell’accertamento del nesso causale nei reati di omicidio e lesioni personali, anche in mancanza di prova della causalità individuale.

Nel primo paragrafo, dedicato al ruolo che la giurisprudenza attribuisce al dato dell’eccesso di mortalità, si pone particolare attenzione alla decisione della Cassazione nella nota vicenda Eternit, che contiene un’interessante apertura alla possibilità di utilizzo di tale dato all’interno di processi per omicidio o lesioni.

Nel secondo paragrafo, l’autore replica alle più recenti critiche mosse alla tesi per cui, attraverso l’istituto dell’accertamento alternativo della vittima, la prova di un eccesso di mortalità potrebbe reputarsi sufficiente ad accertare l’elemento oggettivo dei reati di omicidio o lesioni. In particolare, l’Autore si sofferma sulla soluzione che, adottando tale prospettiva, sarebbe da fornire in tema di competenza territoriale e di prescrizione, e sulla possibilità di pervenire a dare rilievo a titolo di omicidio all’eccesso di mortalità anche senza fare ricorso all’accertamento alternativo.

Infine, sotto il profilo delle novità normative, l’Autore verifica se i nuovi delitti contro l’ambiente offrano risposte originali al tema della qualificazione penalistica dell’eccesso di mortalità, e si confronta con la proposta elaborata dalla Commissione ministeriale per la riforma dei reati in materia agroalimentare, che ha formulato un’inedita fattispecie di disastro sanitario.

*Il presente contributo è il testo, rielaborato ed integrato con i riferimenti bibliografici essenziali, della relazione tenuta dall'Autore al VI Ginnasio dei penalisti, Il diritto penale di fronte alle sfide della “società del rischio”. Un difficile rapporto tra nuove esigenze di tutela e classici equilibri di sistema (Pisa, 18 e 19 marzo 2016), i cui Atti sono in corso di pubblicazione. Si ringraziano i curatori, in particolare Gaetana Morgante, per avere concesso la pubblicazione in questa Rivista.

 

10 marzo 2017
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Bis in idem e Convenzione EDU. La Corte Costituzionale detta la semantica del “medesimo fatto”
Bis in idem e Convenzione EDU. La Corte Costituzionale detta la semantica del “medesimo fatto”
di Marco Sacquegna
Sintesi delle questioni affrontate con la sentenza della Corte Costituzionale n. 200 del 31.05/21.07.2016
23 luglio 2016
A margine del caso Eternit
di Andrea Natale
Un tentativo di ricostruzione - nelle intenzioni destinato soprattutto a "non giuristi" - di quali possano essere stati gli snodi interpretativi che hanno determinato l'esito giudiziario del c.d. caso Eternit
24 novembre 2014
Eternit: un buco nero
di omissioni
di Roberto Riverso
La Corte d’Appello di Torino ha condannato l'imprenditore elvetico Stephan Schmidheiny a 18 anni di detenzione per disastro doloso
19 giugno 2013
Newsletter


Fascicolo 1/2017
Il diritto di Crono
Il multiculturalismo e le Corti
Prassi e orientamenti
La sfuggente nozione di atto contrario ai doveri d’ufficio nei delitti di corruzione
La sfuggente nozione di atto contrario ai doveri d’ufficio nei delitti di corruzione
di Eugenio Fusco
1. La crescente evanescenza dell’atto contrario ai doveri d’ufficio nei fenomeni di grande corruzione – 2. La vendita della funzione tra corruzione propria e impropria – 3. Vendita della funzione e traffico di influenze illecite – 4. Riqualificazione del fatto e dinamiche corruttive, tra iura novit curia e rispetto delle garanzie convenzionali – 5. Fenomeni corruttivi e onere di rinnovazione dell’istruttoria in appello
22 giugno 2017
Il rapporto sui provvedimenti di convalida e proroga del trattenimento emessi dal Giudice di pace di Bari
Il rapporto sui provvedimenti di convalida e proroga del trattenimento emessi dal Giudice di pace di Bari
di Dario Belluccio
La ricerca svolta dal Dipartimento di Scienze Politiche dell’Università di Bari pone alle categorie professionali coinvolte (innanzitutto giudici di pace ed avvocati) di fronte alla necessità di avviare una seria riflessione sulla tutela della libertà personale
17 giugno 2017
Intervento di “pronto soccorso” per un processo (...un po’ più…) civile*
Intervento di “pronto soccorso” per un processo (...un po’ più…) civile*
di Sergio Paparo, Michele Monnini, Andrea Proto Pisani e Maria Silvia Zampetti (a cura)
14 giugno 2017
L'istituto dell'avocazione: prassi applicative e questioni aperte*
L'istituto dell'avocazione: prassi applicative e questioni aperte*
di Ciro Angelillis
1. Premessa - 2. Evoluzione normativa dell’istituto dell’avocazione - 3. Attuali prassi applicative: 3.1. Facoltatività dell’avocazione; 3.2. Avocazione e funzione di vigilanza del Procuratore generale presso la Corte di Appello; 3.3. La cd. avocazione facoltativa: problematiche e prassi applicative; 3.4. La cd. avocazione obbligatoria: il problema dei flussi informativi; 3.5. La gestione informatizzata dei dati; 3.6. I modelli organizzativi - 4. Il dato statistico
13 giugno 2017
Un progetto di ufficio per il processo per la sezione in materia di immigrazione, protezione internazionale e libera circolazione dei cittadini dell'Unione europea
Per un modello leggero (ma non un “guscio vuoto”!) di ufficio per il processo
Per un modello leggero (ma non un “guscio vuoto”!) di ufficio per il processo
di Roberto Braccialini
Giugno 2003. In coda ad un dibattito veramente intenso promosso dall’Associazione nazionale magistrati su protocolli, processo e organizzazione, sulla scia delle riflessioni maturate in quel contesto sul valore essenziale dell’organizzazione delle risorse a disposizione della giurisdizione per rendere effettivo il principio della ragionevole durata del processo, parte uno scambio di corrispondenza molto fitto su questi argomenti tra un giudice civile, un dirigente amministrativo ed un docente universitario che in capo a pochi mesi approda ad una felice formula organizzativa, la quale riassume in sé l’esigenza di coordinare le risorse esistenti in vista della migliore funzionalità per il processo
2 maggio 2017