home search menu
Che fare della magistratura onoraria?
Leggi e istituzioni / ordinamento giudiziario
Che fare della magistratura onoraria?
di Andrea Proto Pisani
Professore emerito di Diritto Processuale Civile
Al di là del DDL governativo una prospettiva generale per la giustizia civile

1 – Il discorso è complesso in quanto coinvolge molteplici temi di grosso rilievo anche umano.

Cercherò di svolgerlo al massimo della chiarezza, pur nella estrema sinteticità.

- Il suo inizio lo si può collocare intorno al 1985, anno in cui cominciarono di fatto i lavori preparatori della l. 353/1990, legge che avrebbe dovuto realizzare sia la riforma del cautelare (cosa che è avvenuta) sia un intervento incisivo sul processo ordinario di cognizione (cosa che non si è realizzata a causa dello snaturamento del progetto originario a seguito di alcuni perversi decreti legge –guardasigilli Mancuso- del giugno 1995).

- Nel 1985 iniziò un progressivo aumento del numero dei processi civili sopravvenuti di cognizione di primo grado, processi che nel corso di un decennio (1985-1995) si raddoppiarono.

- Conseguenza di questo aumento fu la presa di consapevolezza, alla fine degli anni ottanta, della necessità di sostituire il vecchio giudice conciliatore (avente sede in ogni comune, la cui morte era stata già decretata dal mancato adeguamento alla svalutazione monetaria della sua competenza per valore, nonché soprattutto dall’essere una figura di “notabile” legata ad una società oramai scomparsa) con un nuovo giudice “onorario” cui devolvere una grossa fetta del contenzioso civile (e penale) di primo grado.

- Le proposte che furono avanzate si possono riassumere a due. La prima di adottare il modello inglese di un elevatissimo numero di giudici (trenta, cinquantamila) prestati (a tempo molto parziale: uno, due giorni al mese) dalla società civile alla amministrazione della giustizia. La seconda, che prevalse, di creare un giudice (il futuro giudice di pace ) a tempo ridotto ma non saltuario.

- Da qui la l. 374/1991 istitutiva del giudice di pace. 4.700 giudici di età non inferiore ai cinquanta anni (alcuni avevano proposto età ancora superiori) e non superiore ai settantuno anni. Giudici da reclutare, fra i laureati in giurisprudenza, nella massima parte fra chi avesse cessato la propria attività di lavoro dipendente (ex funzionari della P. A., notai, insegnati di materie giuridiche ecc. in pensione), nonché fra avvocati che avessero già percorso la fase centrale della loro professione e fossero disposti ad esercitare la funzione di giudice in distretti diversi da quello in cui avevano esercitato o continuavano ad esercitare la attività di avvocato. La nomina era prevista per quattro anni rinnovabili una sola volta.

- Successivamente una serie di interventi modificò questo disegno originario, soprattutto eliminando il limite di cinquanta anni iniziale (sostituendolo con quello di trenta anni), e limitando l’incompatibilità per gli avvocati al solo circondario. Poi il reclutamento dei nuovi giudici è sostanzialmente cessato (attualmente sono in funzione meno di duemila giudici di pace) e sostituito da proroghe di cui dirò fra poco.

- Nel frattempo, a seguito del governo Prodi del 1996, il guardasigilli Flick (nell’ambito di una riforma organica della amministrazione della giustizia, riforma troncata dalla caduta del governo Prodi e dall’affidamento del ministero della giustizia a politici puri) realizza la istituzione del giudice unico di primo grado presso il tribunale, con la soppressione delle preture ed il conseguente venir meno delle figure dei vice pretori onorari e dei vice procuratori onorari.

- Si perviene così al d.leg. 51/1998 il quale istituisce i giudici onorari del tribunale (GOT) e i viceprocuratori onorari di tribunale (VPO) e all’art. 245 prevede la proroga di tutti i giudici onorari in funzione (ivi compresi - con legge del 1999 - i giudici di pace) in attesa di realizzare nel termine prefissato di cinque anni la riforma organica della magistratura onoraria. Questo termine non è stato rispettato e di fatto attraverso successive proroghe annuali si è giunti alla situazione attuale (nella quale, fra l’altro conta legem i GOT spesso hanno un vero e proprio ruolo autonomo, e integrano anche i collegi).

- La situazione attuale è caratterizzata dalla notevole disparità di trattamento economico (in media i giudici di pace guadagnano 48.000 euro l’anno, i GOT 7.000 e i VPO 13.000), sempre in assenza della previsione di alcuna previdenza. Si è pervenuti così alla creazione di un grosso e insostenibile precariato di oltre 5.000 persone, con età in genere superiore ai quaranta anni, senza previdenza e con trattamenti economici fortemente differenziati.

 

2 – In questo contesto si colloca (insieme a numerosi di legge di origine parlamentare), il disegno di legge delega governativo 1378/2015, il quale (per quanto interessa in questo discorso) prevede:

- la sostanziale stabilizzazione di tutti i giudici “onorari” attualmente in funzione fino all’età di 55-60 anni (e talvolta oltre, fino al raggiungimento massimo dell’età di 68 anni) ma senza alcuna previdenza (salve, ovviamente, forme volontarie: sic);

- in prospettiva (ma quando: ad esaurimento della stabilizzazione prevista?) la unificazione di tutta la magistratura onoraria (salvo la differenziazione di funzioni dei giudici di pace e dei VPO) in un fantomatico ufficio del processo (ufficio di cui dal 2014 fanno parte solo tirocinanti scelti fra i migliori laureati in giurisprudenza per un periodo massimo di diciotto mesi il quale vale come titolo di acceso al concorso di magistratura);

- i “nuovi” giudici onorari dovrebbero trascorrere i primi quattro anni nell’ufficio del processo, e poi assumere per quattro anni (rinnovabili per un altro quadriennio una sola volta) le funzioni di giudice di pace e di VPO. Si creano nella sostanza tutti i presupposti per la formazione di un nuovo precariato.

 

3 – Anziché insistere sulla insipienza del disegno di legge governativo (1), mi sembra più utile cercare di dare delle indicazioni a mio avviso ragionevoli.

Le linee da percorrere, sempre a mio avviso, dovrebbero essere queste:

a) Creare una magistratura “onoraria” costituita dai giudici di pace (competenti solo per materia (2) e non per valore quali giudici civili e penali di primo grado) e dai vice procuratori onorari (anche essi competenti per materie specificamente individuati) selezionati secondo i criteri originari della l. 374/1991 (modificati solo con l’elevamento all’età minima di cinquantacinque anni), unici criteri in grado di non dar luogo a forme perverse di precariato (3).

b) Creare un vero ufficio del giudice (o tutt’al più della sezione, non del processo) costituito da laureati in giurisprudenza, con accesso a seguito di uno specifico concorso che dà luogo all’instaurazione a un vero e proprio rapporto di lavoro a tempo indeterminato (con orario e luogo di lavoro, con le conseguenze incompatibilità da determinare). La funzione degli addetti a tale ufficio dovrebbe essere quella di coadiuvare il giudice nelle ricerche di legislazione, dottrina e giurisprudenza, nonché anche nella redazione di minute dei provvedimenti, provvedimenti però che dovrebbero essere sempre sottoscritti dal giudice, il quale (pur dovendo dare atto della collaborazione ricevuta) dovrebbe sempre assumersene in proprio la responsabilità (responsabilità nei confronti dei giudici dell’impugnazione prima ancora che responsabilità civile). Gli addetti agli uffici del processo, a mio avviso, non dovrebbero mai tenere in proprio udienze in sostituzione del giudice (assente o impedito).

c) Si dovrebbe puntare ad un deflazione effettiva (e non fittizia come quelle introdotte dal d. leg 28/2010 o dal d. l. 132/2014) delle controversie di primo grado disponendo tentativi obbligatori di conciliazione davanti a collegi costituiti da un terzo tendenzialmente imparziale e dai due difensori delle parti, con la duplice previsione: c1) che le domande, eccezioni, fatti e prove non proposte, o allegate nella fase della conciliazione non sono più producibili o allegabili nella eventuale fase successiva davanti al giudice; c2) che, in caso di fallimento del tentativo di conciliazione, il presidente del collegio (il terzo tendenzialmente imparziale) debba emettere una decisione allo stato degli atti, decisione destinata a divenire immutabile se non opposta davanti al giudice entro un termine perentorio (v. amplius, Foro it. 2015 V 6 ss. ed ivi anche una bozza di articolato).

d) Si dovrebbe inoltre cominciare ad aumentare il ruolo dei giudici togati: un tale aumento (stante la qualità dei laureati che sfornano le ex facoltà di giurisprudenza) non potrebbe essere superiore a 50-75 posti l’anno; il che vuol dire che in un decennio il numero dei giudici togati potrebbe essere aumentato al massimo di 500 o 750 unità: è poco ma sarebbe un segnale che va dato.

 

4 – Detto questo in prospettiva, il problema davvero grosso, e ineludibile rimane il che fare dei precari prorogati oggi esistenti (precari creati da una folle gestione del ministero della giustizia).

A mio avviso il problema, nonostante tutto, non è insolubile.

Le soluzioni prospettabili sono due:

a) l’avere svolto le funzioni di giudice di pace, GOT o VPO potrebbe costituire titolo preferenziale per essere assunti nell’ufficio del giudice, ovviamente previa domanda e esame (che dovrebbe vertere sul diritto civile e penale nonché sulle due relative procedure);

b) l’alternativa è costituita solo dalla creazione di ruoli a esaurimento fino al raggiungimento dei 60 o 65 anni di età con trattamento economico uniforme (su cui effettuare le trattenute previdenziali);

c) in entrambe le soluzioni si dovrebbe prevedere che la pensione sia commisurata anche ala trattamento economico percepito prima della entrata nell’ufficio del giudice o nel ruolo ad esaurimento (con contribuzione, però, per quel periodo pregresso, a carico dello Stato)*.

 

 

NOTA 1

Sia consentito di notare che la relazione del d.d.l. non contiene alcun richiamo alla relazione e all’articolato redatti dalla commissione ministeriale (presieduta da Modestino Acone) sulla “disciplina organica della magistratura onoraria” commissione che concluse i suoi lavori il 27 giugno 2010.

Il secondo comma dell’art. 1 dell’articolato prevedeva che “nell’esercizio delle funzioni ad esse attribuite, i magistrati onorari sono autonomi e indipendenti da ogni alto potere".

NOTA 2

E ciò allo scopo di facilitarne la formazione che non dovrebbe concernere tutto il diritto civile (o penale).

NOTA 3

Quanto a trattamento previdenziale occorrerebbe prevedere un ricongiungimento del trattamento che va a maturare durante lo svolgimento delle funzioni di giudice di pace o di VPO col trattamento di cui si è anteriormente goduto nella pregressa attività di lavoro dipendente o autonomo.

*L'articolo, destinato al Foro Italiano online, è anticipato per gentile concessione dell'Autore

30 luglio 2015
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Prime valutazioni sulle censure del Comitato europeo dei diritti sociali alla normativa italiana sui giudici onorari
Prime valutazioni sulle censure del Comitato europeo dei diritti sociali alla normativa italiana sui giudici onorari
di Chiara Spada
Per il Comitato, dal punto di vista della funzione svolta all’interno dell’ordinamento, vi è equivalenza tra magistratura ordinaria ed onoraria
30 gennaio 2017
Il giudice di pace nella previsione della Legge n. 57/2016
Il giudice di pace nella previsione della Legge n. 57/2016
di Giovanna Moretti
L'articolo esamina l’evoluzione della figura del giudice di pace dalla legge istitutiva alla legge delega della riforma della magistratura onoraria evidenziandone le criticità, segnatamente sotto il profilo della limitazione della autonomia della funzione giurisdizionale e constatando il mancato riconoscimento delle garanzie di indipendenza e terzietà proprie di ogni giudice
22 dicembre 2016
La montagna e il topolino
La montagna e il topolino
di Pietro Sommella
Le premesse e le promesse di una riforma lungamente attesa hanno deluso le aspettative della categoria e in parte mancato l’obiettivo fissato
7 dicembre 2016
L'editoriale del n.3/2016
L'editoriale del n.3/2016
di Renato Rordorf
Due i temi al centro di questo numero: la giustizia tributaria e la magistratura onoraria
5 ottobre 2016
Guida alla legge 28 aprile 2016 n. 57
Guida alla legge 28 aprile 2016 n. 57
di Giuseppe Buffone
Le novità contenute nella legge delega per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace
4 maggio 2016
L’ingiustizia nata dalla giustizia
L’ingiustizia nata dalla giustizia
di Chiara Spada
Il tema del “precariato” ha nuovamente portato l’Italia al cospetto dell’Unione europea, ponendo al centro, questa volta, la vicenda dei magistrati onorari
18 marzo 2016
La riforma della magistratura onoraria: un ddl che mira ad altri obiettivi e va interamente ripensato
Per una magistratura onoraria efficiente e conforme a Costituzione
di Paola Bellone, Stefano Marretta e Fabrizio Vicari
In questi giorni, i magistrati onorari scioperano nuovamente. Gli autori delineano una proposta, utile a salvaguardare tre interessi: il rispetto della Costituzione, l'efficienza del sistema, la tutela dei diritti che, come lavoratori, i magistrati onorari vogliono vedere riconosciuti
10 dicembre 2014
La magistratura onoraria in funzione di una giustizia migliore: normativa interna e profili comparati
di Antonella Di Florio
L’inquadramento dei magistrati onorari nel nostro sistema giuridico non può prescindere da una attenta osservazione del più ampio panorama europeo
27 novembre 2014
Lo sciopero dei magistrati onorari
di Paola Bellone
Per una riforma della magistratura onoraria di tribunale: ragioni e proposte
23 ottobre 2014
Newsletter


Fascicolo 1/2017
Il diritto di Crono
Il multiculturalismo e le Corti
Leggi e istituzioni
La nuova causa di estinzione del reato per condotte riparatorie di cui all'art. 162 <i>ter</i> cp tra (presunta) <i>restorative justice</i> ed effettive finalità deflative: prime riflessioni <i>de iure condito</i>
La nuova causa di estinzione del reato per condotte riparatorie di cui all'art. 162 ter cp tra (presunta) restorative justice ed effettive finalità deflative: prime riflessioni de iure condito
di Rocco Gustavo Maruotti
Con l’approvazione definitiva della proposta di legge C. 4368 recante Modifiche al codice penale, al codice di procedura penale e all’ordinamento penitenziario, che rappresenta uno dei più importanti interventi riformatori degli ultimi anni nel settore della giustizia penale, vengono introdotte rilevanti novità, oltre che sul dibattuto fronte processuale, anche sul versante del diritto penale sostanziale, tra le quali spicca la nuova causa di Estinzione del reato per condotte riparatorie di cui all’art. 162 ter cp, la quale è destinata a trovare applicazione esclusivamente con riferimento ai reati procedibili a querela soggetta a remissione, nel caso in cui, pur in presenza di condotte idonee a reintegrare l’offesa, in termini di risarcimento del danno e di eliminazione delle conseguenze del reato, persista la volontà punitiva del querelante. Si tratta, a ben considerare, di un istituto alle cui evidenti finalità deflative, potrebbe, però, non corrispondere, in concreto, un reale effetto di “alleggerimento” del sistema penale.
20 giugno 2017
L’affidabilità delle decisioni giudiziarie nella prospettiva della legge n. 24 del 2017
L’affidabilità delle decisioni giudiziarie nella prospettiva della legge n. 24 del 2017
di Mario Ardigò
Lo scopo delle indagini sui casi clinico-giudiziari è l’affidabilità delle decisioni giudiziarie, non il numero delle condanne. La legge n. 24 del 2017, con il rilievo dato alle linee guida e alle buone pratiche clinico-assistenziali e la previsione dell’impiego di un collegio di consulenti tecnici anziché del solo medico legale, offre un’importante opportunità in questo senso. Ma richiede ai magistrati una conquista culturale: dare credito alla scienza contemporanea
31 maggio 2017
I profili penalistici del decreto attuativo della legge Cirinnà: obiettivo raggiunto?
I profili penalistici del decreto attuativo della legge Cirinnà: obiettivo raggiunto?
di Manuela Castellabate
1. Le novità apportate al codice penale: effetti in bonam ed in malam partem 2. Gli effetti della legge Cirinnà nel processo penale 3. Disciplina delle convivenze di fatto e diritto penale alla luce della riforma: cenni 4. Note conclusive
29 maggio 2017
L'interpretazione delle leggi compete alla magistratura non al Ministero dell'ambiente*
Prime riflessioni sulla riforma della responsabilità civile da attività sanitaria (Legge 8 marzo 2017 n. 24)*
Prime riflessioni sulla riforma della responsabilità civile da attività sanitaria (Legge 8 marzo 2017 n. 24)*
di Patrizio Gattari
La legge 8 marzo 2017 n. 24 interviene nuovamente sullo statuto della responsabilità connessa allo svolgimento dell’attività sanitaria e, muovendo dal segno già tracciato nel 2012 dalla Legge n. 189 (cd. legge Balduzzi), compie scelte chiare destinate ad avere un significativo impatto nel complesso settore della “medical malpractice”. Consapevole che la sicurezza delle cure è parte costitutiva del diritto alla salute e che il rischio clinico va prevenuto e gestito nell’interesse del singolo e della collettività, la legge n. 24 del 2017 ha il pregio di distinguere la responsabilità della struttura sanitaria e socio-sanitaria (pubblica e privata) da quella del medico e di farne discendere sia distinti criteri di imputazione della responsabilità civile, sia un coerente sistema di obblighi assicurativi e di riparto interno fra i corresponsabili del danno. Nonostante la limitazione della responsabilità penale degli esercenti le professioni sanitarie e l’alleggerimento della loro posizione processuale nei giudizi di risarcimento danni (rinvenibili già nella legge Balduzzi), la recente legge 24/2017 introduce importanti novità e delinea un sistema nel quale la tutela risarcitoria per i danneggiati dall’attività sanitaria può dirsi per vari aspetti ampliata
25 maggio 2017
Il decreto Minniti e il diritto alla sicurezza, anzi a sentirsi sicuri
Il decreto Minniti e il diritto alla sicurezza, anzi a sentirsi sicuri
di Tamar Pitch
In nome del diritto dei cittadini perbene alla sicurezza ed al decoro, si accresce la discrezionalità e l’arbitrio nell’adozione di misure fatalmente volte a colpire gli individui permale
8 maggio 2017