home search menu
Reclutamento e formazione iniziale dei magistrati nel D.L. n. 168/2016
Leggi e istituzioni / ordinamento giudiziario
Reclutamento e formazione iniziale dei magistrati nel D.L. n. 168/2016
di Maria Giuliana Civinini
Presidente di Sezione del Tribunale di Livorno
Il decreto legge riduce la durata del tirocinio dei magistrati ordinari nominati all'esito dei concordi banditi negli anni 2014 e 2015. Non è la prima volta che succede. Il nodo su cui si vogliono accendere i riflettori in questa breve nota è il ruolo della Scuola della magistratura

Il D.L. n. 168/2016 riduce la durata del tirocinio – cioè di quel cruciale periodo di formazione iniziale che consente di acquisire gli strumenti essenziali per l'esercizio della professione di giudice e pubblico ministero - dei magistrati ordinari nominati all'esito dei concorsi banditi negli anni 2014 e 2015.

L'art. 2, 3° comma prevede, infatti, che il tirocinio, in luogo della durata di 18 mesi (di cui 6 presso la scuola e dodici presso gli uffici giudiziari) ex art 18 D.Lgs. n. 26/2006, ha "in via straordinaria, la durata di dodici mesi e si articola in sessioni, una delle quali della durata di due mesi, anche non consecutivi, effettuata presso la Scuola superiore della magistratura e una della durata di dieci mesi, anche non consecutivi, effettuata presso gli uffici giudiziari".

Non è la prima volta che questo succede e può dirsi che – al pari di altri istituti ordinamentali – la disciplina della durata del tirocinio è stata una sorta di fisarmonica temporale che ha seguito i venti e le onde della (mancanza di una) policy nel delicato (per il funzionamento della democrazia) settore dell'amministrazione della giustizia.

L'art. 129 RD n. 12/41 – nel prevedere una formazione per imitazione all'interno di una relazione disimmetrica tra chi sa (il magistrato con funzioni) e chi non sa (l'uditore) – stabiliva che "gli uditori debbono compiere un periodo di tirocinio della durata di almeno due anni presso i tribunali e le procure della Repubblica, con opportuni avvicendamenti".

Tale durata, inclusiva negli anni '80 di alcune settimane di formazione teorica a Roma costruite secondo formule molto light, è stata più volte ridotta seguendo le esigenze del momento.

La l. n. 579/1965 introdusse la possibilità per gli uditori giudiziari dopo sei mesi di tirocinio di essere  destinati, con funzionamento giurisdizionali nei tribunali, nelle procure della Repubblica presso i tribunali e nelle preture.

Il caso più eclatante fu la riduzione del tirocinio per gli uditori la cui presa di funzioni doveva corrispondere all'entrata in vigore del CPP del 1988: decine e decine di giovani, inesperti pubblici ministeri vennero inviati in prima fila a riempire gli organici delle neonate "procurine", le Procure della Repubblica presso le Preture.

Il D.P.R. 17 luglio 1998 stabilì che "La durata complessiva del tirocinio è determinata per ciascun concorso dal Consiglio superiore della magistratura e non può, di regola, essere inferiore a diciotto mesi".

La l. 13 febbraio 2001, n.48, all'art 11, 5° co istituzionalizzò definitivamente la durata "à la carte" dell'uditorato, denunciando in modo chiaro la mancanza di una visione su quello che deve essere il ruolo e la funzione della formazione iniziale del magistrato, prevedendo il potere del "Consiglio superiore della magistratura, per esigenze degli uffici giudiziari conseguenti a significative carenze di organico," di "ridurre fino a dodici mesi la durata complessiva del tirocinio degli uditori giudiziari, assicurando peraltro che il tirocinio mirato abbia durata non inferiore a cinque mesi". A mo' di magra compensazione, in tali casi era previsto che "ai magistrati è fatto obbligo di partecipare, per i cinque anni successivi all'assunzione delle funzioni e per due mesi all'anno, agli incontri di studio sulla formazione professionale, organizzati, fino alla istituzione della Scuola della magistratura, dal Consiglio superiore della magistratura.".

Un punto fermo sembrava peraltro essere stato raggiunto dal D.Lgs. n. 26/2006, quanto meno a partire dall'istituzione della Scuola Superiore della Magistratura, con la creazione di un modello di formazione iniziale teorico-pratica da realizzarsi per dodici mesi "on the job", per imitazione, e per sei mesi presso la Scuola, la vera fucina dove il modello di magistrato disegnato dalla Costituzione e professionalmente attrezzato per l'indipendenza era destinato a "incarnarsi".

Se, alla luce della "piccola storia" della durata del tirocinio, la previsione dell'art. 2, 3° co. del decreto legislativo non scandalizza, due sono gli elementi che suscitano grande preoccupazione: a) la mancanza totale di una strategia per l'accesso e la formazione iniziale dei magistrati, questione esplosiva visto il percorso a ostacoli creato nel tempo per l'accesso – che "inquina" il modello burocratico del magistrato di carriera continentale, caratterizzato dall'accesso di giovani con ottima preparazione teorica che costruiscono la loro professionalità col lavoro e la formazione, con l'ingresso di persone meno giovani e dalle esperienze anche lavorative disparate -, il melting pot di "tirocinio ex art 73" e "tirocinio post concorso", l'inevitabile selezione per censo che l'allungamento dei tempi e dei modi dell'accesso porta con sé;  b) il misconoscimento del ruolo della Scuola nella formazione iniziale.

Alla formazione dei magistrati e ai suoi vari aspetti, a cominciare dalla formazione iniziale, Questione Giustizia ha dedicato un numero monocratico ricco di approfondimenti e di idee (il n. 1 della Rivista Trimestrale, accessibile qui: http://questionegiustizia.it/rivista/2016-1.php).

Il nodo su cui si vogliono accendere i riflettori in questa breve nota è il ruolo della Scuola. La mancanza di un'idea chiave è resa evidente, tra l'altro, dagli emendamenti proposti, che spaziano numericamente tra varie soluzioni con una prevalenza nel senso della soppressione o della riduzione del periodo di tirocinio da compiere presso la Scuola (1). In questo senso va anche l'emendamento proposto dal Relatore (con una presa di posizione implicita del Governo in tal senso) secondo cui il periodo da trascorrere presso la Scuola, anche non consecutivo, è di un solo mese.

Questa visione riduttiva e i vari emendamenti che la concretizzano sono probabilmente il portato di diversi orientamenti che, partendo forse da presupposti diversi, finiscono però col convergere: la volontà di una parte del Consiglio Superiore della Magistratura di riappropriarsi della formazione (si veda la pratica aperta dal cons. laico Fanfani) con più o meno evidenti finalità di controllo politico o latu sensu clientelari; l'idea che non ci sia bisogno di una formazione teorico-pratica presso la Scuola perché i MOT (magistrati senza funzioni in tirocinio) hanno già il "sapere" e necessitano soprattutto della conoscenza pratica data dal lavoro in giurisdizione; l'insofferenza dei MOT che entrano in magistratura dopo anni di esercizio della professione di avvocato o di altri mestieri (funzionario della PA, bancario …) verso la formazione erogata dalla Scuola percepita come superflua.

La contrarietà assoluta a qualunque idea di controllo "politico" della formazione quale strumento indispensabile di supporto alla professionalità del magistrato non ha qui (si spera) bisogno di essere spiegata.

Quanto all'idea, che pervade alcuni strati della magistratura, secondo cui la formazione iniziale presso la Scuola non serva, alcune notazioni sono necessarie. Rinviando al numero monografico di Questione Giustizia trimestrale per comprendere come sia organizzata la formazione iniziale presso la Scuola (contenuti, tempi, metodi) e come la medesima sia lontana da moduli formativi di tipo accademico, sembra necessario osservare che:

1) come più volte osservato nel dibattito interno e come sottolineato fortemente a livello internazionale e europeo in opinioni e raccomandazioni (2), la legittimazione di decidere della vita e dei beni delle persone e assicurare la pace sociale per un giudice (e un pubblico ministero) selezionato per concorso sta esclusivamente nella sua professionalità, la quale si erge a usbergo della sua imparzialità e giustificazione della superiore garanzia di indipendenza;

2) componenti essenziali dell'alta professionalità richiesta al magistrato sono il "saper essere" e quindi la deontologia, l'etica, la coscienza del contesto in cui si opera, la sensibilità verso la realizzazione degli obbiettivi sostanziali della legge, la capacità di porre in essere comportamenti mai autoritari ma sempre autorevoli, il rispetto della dignità di tutti i soggetti del processo, e il "saper fare" e quindi la capacità di organizzare e gestire il proprio lavoro e il tempo del processo, la capacità di comunicazione, la capacità di compiere attività che richiedono conoscenze extragiuridiche (sentire i minori, sentire i coniugi, ascoltare le vittime, valutare le relazioni peritali in tema di prova scientifica);

3) un Paese democratico che vuole un'amministrazione della giustizia di qualità, in grado di rispondere in tempi brevi alle richieste dei cittadini in tutti i settori della vita e del diritto, che concorra alla realizzazione del più grande disegno di equità sociale e di efficacia del sistema, non può fare a meno di dedicare il massimo sforzo alla formazione dei suoi giovani magistrati;

4) questa formazione non può prescindere da una visione unitaria su quello che è il ruolo del magistrato nella società e dalla costruzione di strumenti formativi che garantiscano un percorso omogeneo in grado di fornire a tutti i giovani magistrati quelle qualità e competenze che gli consentono di esercitare la propria alta funzione "sine metu ac spe"

5) questa formazione può essere fornita solo da una Scuola, concepita come la casa comune di tutti i magistrati, dove ci siano i tempi gli spazi e le libertà di elaborazione e proposta (sul modello della Scuola francese e dei suoi uffici studi)

6) la sola formazione per imitazione (dell'affidatario, del tutor), attraverso la pratica e la ripetizione di atti concreti dell'esercizio della giurisdizione, può dar luogo a grandi differenze di approccio al ruolo, di metodo, di contenuto e indirettamente può tradursi in una violazione del principio di uguaglianza dei cittadini, che hanno tutti diritto ad avere magistrati della massima qualità;

7) la sola formazione per imitazione, in un contesto storico caratterizzato da ripiegamento neo-corporativo su sé stessa della magistratura, dà luogo all'adozione da parte dei giovani magistrati di comportamenti e giurisprudenze difensivi.

Difendere il ruolo cruciale della Scuola deve essere un obbiettivo di tutti.

Certamente il percorso odierno caratterizzato da università + scuola di specializzazione o pratica e esame da avvocato o tirocinio negli uffici giudiziari + concorso + tirocinio in formazione iniziale è defatigante e, per mancanza di qualità di alcuni degli anelli della catena, sia ripetitivo che insufficiente.

Pare a chi scrive che si debba tornare al più presto al libero accesso al concorso dopo la laurea magistrale e che l'ingresso in magistratura debba essere seguito e accompagnato da una formazione iniziale di almeno due anni in cui si alternino periodi residenziali alla Scuola, stages negli uffici giudiziari, stages in altre istituzioni o negli studi professionali .

Un modulo di decreto ingiuntivo o di liquidazione del patrocinio statale si recupera sempre; la mancanza comprensione del proprio ruolo no.

 

*************

 

NOTA:

(1) Questi gli emendamenti depositati (dal sito della Camera):

"Sopprimere il comma 3.

2. 3. Colletti, Sarti, Agostinelli, Bonafede, Businarolo, Ferraresi.

  Al comma 3, primo periodo, apportare le seguenti modificazioni:

   a) sostituire le parole: «dodici mesi» con le seguenti: «quattordici mesi»;

   b) sostituire le parole: «dieci mesi» con le seguenti: «dodici mesi».

  Conseguentemente, al secondo periodo del medesimo comma:

   a) alla lettera a), sostituire le parole: «tre mesi» con le seguenti: «quattro mesi»;

   b) alla lettera c), sostituire le parole: «cinque mesi» con le seguenti: «sei mesi».

2. 4. Colletti, Sarti, Agostinelli, Bonafede, Businarolo, Ferraresi.

  Al comma 3, primo periodo, sostituire le parole: di dodici mesi e si articola in sessioni, una delle quali della durata di due mesi, anche non consecutivi, effettuata presso la Scuola superiore della magistratura ed una sessione di dieci mesi, con le seguenti: di diciotto mesi e si articola in un'unica sessione di diciotto mesi.

  Conseguentemente, al secondo periodo del medesimo comma:

   a) alla lettera a), sostituire le parole: «tre mesi» con le seguenti: «sei mesi»;

   b) alla lettera b), sostituire le parole: «due mesi», con le seguenti: «tre mesi»;

   c) alla lettera c), sostituire le parole: «cinque mesi» con le seguenti: «nove mesi».

2. 6. Sarti, Colletti, Agostinelli, Bonafede, Businarolo, Ferraresi.

  Al comma 3, primo periodo, sostituire le parole: sessioni, una delle quali della durata di due mesi, anche non consecutivi, effettuata presso la Scuola superiore della magistratura ed una sessione di dieci mesi, con le seguenti: un'unica sessione di dodici mesi.

  Conseguentemente, al secondo periodo del medesimo comma:

   c) alla lettera a), sostituire le parole: «tre mesi» con le seguenti: «quattro mesi»;

   d) alla lettera c), sostituire le parole: «cinque mesi» con le seguenti: «sei mesi».

2. 5. Sarti, Colletti, Agostinelli, Bonafede, Businarolo, Ferraresi.

  Al comma 3, dopo le parole: decreto legislativo 5 aprile 2006, n. 160, aggiungere le seguenti: ad eccezione dei magistrati ordinari vincitori del concorso riservato alla provincia autonoma di Bolzano bandito con decreto ministeriale 4 settembre 2014 e nominati con decreto ministeriale 10 dicembre 2015.

2. 1. Schullian, Gebhard, Alfreider, Plangger.

  Dopo il comma 3 inserire il seguente:

  3-bis. La deroga di cui al comma 3 non si applica ai magistrati ordinari vincitori del concorso riservato alla provincia autonoma di Bolzano, bandito con decreto ministeriale 4 settembre 2014 e nominati con decreto ministeriale 10 dicembre 2015 al fine di consentire agli stessi di ultimare il tirocinio generico già iniziato e di svolgere il tirocinio mirato già programmato.

2. 2. Schullian, Gebhard, Alfreider, Plangger."

 

(2) Le raccomandazioni e opinioni cui si fa riferimento nel testo sono soprattutto:

- Avis no 4 du Conseil consultatif de juges européens (CCJE) à l'attention du Comité des Ministres du Conseil de l'Europe sur la formation initiale et continue appropriée des juges, aux niveaux national et européen adopté le 27/11/2003

- Avis N°10(2007) du Conseil Consultatif de Juges Européens (CCJE) à l’attention du Comité des Ministres du Conseil de l'Europe sur le Conseil de la Justice au service de la société adopté le 23/11/2007 

- MAGNA CARTA DES JUGES, adopté par le CCJE le 17 novembre 2010

- Recommandation du Conseil de l’Europe CM/Rec(2010)12

- Le projet sur l’Independence et la responsabilité (Project on Independence and Accountability)  du Réseau Européen des Conseils de Justice – ENCJ/RECJ

28 settembre 2016
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Il giudice contemporaneo visto dal Regno Unito
Il giudice contemporaneo visto dal Regno Unito
di Antonio Scalera
Being a judge in the modern world, riflessioni varie dal mondo anglosassone sul ruolo del giudice nei tempi moderni
4 novembre 2017
Accesso e formazione. I magistrati di domani
Accesso e formazione. I magistrati di domani
di Marta Agostini
Intervento tenuto al 33° Congresso dell'Associazione nazionale magistrati (Siena, 20-22 ottobre 2017)
26 ottobre 2017
Da eroi a trafficanti: le accuse ai protagonisti delle operazioni di ricerca e soccorso in mare
Da eroi a trafficanti: le accuse ai protagonisti delle operazioni di ricerca e soccorso in mare
di Paola Barretta
Le operazioni di ricerca e soccorso (SAR) dei migranti sono oggi uno dei temi principali nel dibattito politico, mediatico e pubblico. È un argomento direttamente collegato alle politiche nazionali ed europee in materia di migrazione e, più o meno indirettamente, alle politiche di sicurezza e spesso sovrapposto e intrecciato a storie umane, individuali o collettive, di speranza, gioia, sofferenza e morte
4 luglio 2017
Noterelle forse inattuali, ma di certo un po’ polemiche, su Costituzione e processo civile
Noterelle forse inattuali, ma di certo un po’ polemiche, su Costituzione e processo civile
di Bruno Capponi
Quale che sia il rito, o non-rito, che siano chiamati ad applicare, i giudici civili non potranno farlo nelle condizioni date, con l’ennesima riforma a costo zero. Se qualcosa deve cambiare, l’ultima in ordine di importanza è proprio il rito
20 ottobre 2016
Un rischio per l'autogoverno dei giudici amministrativi?*
Un rischio per l'autogoverno dei giudici amministrativi?*
di Silvana Bini
Dall’istituzione di una commissione tecnica alla variazione della composizione dell’organo di autogoverno: un passo veloce, breve ma pericoloso
14 ottobre 2016
Note sulle recenti misure per la definizione del contenzioso presso la Corte di cassazione e per l’efficienza degli uffici giudiziari
Note sulle recenti misure per la definizione del contenzioso presso la Corte di cassazione e per l’efficienza degli uffici giudiziari
di Giuliano Scarselli
Si può esprimere, pur con alcune precisazioni, un giudizio (sostanzialmente) positivo sul decreto legge 168/2016, poiché tende a migliorare l’efficienza senza compromettere in modo significativo la qualità
22 settembre 2016
DL 168/2016: non è soltanto una proroga
DL 168/2016: non è soltanto una proroga
di Piergiorgio Morosini
Il decreto legge 168/2016 è peculiare: sarebbe riduttivo affermare che esprime la politica del Governo sulla gestione delle risorse umane nella magistratura. In realtà offre spunti di riflessione sotto diversi aspetti: di metodo e di impostazione culturale, oltre che di contenuto
22 settembre 2016
Alla ricerca della «gioventù perduta». Un futuro oltre la paura*
L'editoriale del n.1/2016
L'editoriale del n.1/2016
di Renato Rordorf
La formazione dei magistrati: bilancio e prospettive
17 maggio 2016
Quel che resta, quel che si è perduto
Quel che resta, quel che si è perduto
di Michele Passione
Formazione, giustizia riparativa, vittime e colpevoli: l'opinione di un avvocato
18 febbraio 2016
Newsletter


Fascicolo 3/2017
A cosa serve la Corte di cassazione?
Le banche, poteri forti e diritti deboli
Leggi e istituzioni
Di che cosa parliamo, quando parliamo di <i>ius soli</i>?
Alcune osservazioni sul ddl n. 2092 (Atto Senato)
Di che cosa parliamo, quando parliamo di ius soli? Alcune osservazioni sul ddl n. 2092 (Atto Senato)
di Antonello Ciervo
L’obbiettivo del ddl n. 2092 (AS), già approvato dalla Camera dei deputati in prima lettura nel mese di ottobre 2015, è quello di introdurre una serie di temperamenti ai requisiti soggettivi per la concessione della cittadinanza italiana a favore dei minori stranieri nati e cresciuti nel nostro Paese. Nel tentativo di adeguare il nostro ordinamento giuridico alla realtà sociale italiana, si facilitano moderatamente le procedure di riconoscimento della cittadinanza, senza stravolgere l'assetto normativo originario della materia, già definito con la legge n. 91/1992. L'introduzione dello ius soli temperato e del cd. ius culturae apporta solo minimi aggiustamenti necessari, per consentire alla normativa italiana vigente di essere al passo con quella degli altri ordinamenti giuridici europei
21 novembre 2017
La nuova circolare del Csm sulle procure
La nuova circolare del Csm sulle procure
di Antonello Ardituro
Pubblichiamo la circolare approvata oggi, all'unanimità, dal Csm sulle procure accompagnata da una nota illustrativa di Antonello Ardituro, componente del Csm. Auspichiamo ulteriori interventi volti ad approfondire i temi che la circolare affronta. Questione Giustizia ha già programmato per il n. 1 del 2018 della Rivista trimestrale un obiettivo sul pubblico ministero
15 novembre 2017
Funzioni del pubblico ministero delegabili in udienza al vice procuratore onorario in base alla nuova disciplina
Funzioni del pubblico ministero delegabili in udienza al vice procuratore onorario in base alla nuova disciplina
di Paola Bellone* e Enrica Marinelli**
Le autrici interpretano l’art. 17 del d.lgs n. 116/2017 (che completa l’attuazione della legge delega 57/2016, di riforma della magistratura onoraria). L’articolo disciplina «le attività delegabili ai vice procuratori onorari». La formulazione, in particolare, del comma 4, in base a un’interpretazione letterale, solleva dubbi circa l’introduzione di nuovi limiti − rispetto alla disciplina precedente − alla delegabilità, in udienza, delle determinazioni ex art. 444 cpp. I dubbi sono superati attraverso una lettura logica, sistematica e conforme a Costituzione e la dimostrazione che l’interpretazione letterale dell’intero articolo renderebbe inapplicabili diverse disposizioni della norma
3 novembre 2017
<i>Stepchild adoption</i>. Prove di resistenza
Stepchild adoption. Prove di resistenza
di Stefano Celentano
A più di un anno dalla pronuncia della suprema Corte n. 12962 del 24 maggio 2016, l’istituto della stepchild adoption, come applicabile anche all’interno delle famiglie omosessuali, continua ad essere oggetto di studio ed elaborazione giurisprudenziale da parte delle corti di merito. Tre recenti pronunce ne garantiscono la piena tenuta, seppur con differenti argomentazioni e spunti critici rispetto all’applicazione concreta della disciplina delle adozioni, a riprova che il ragionamento in diritto fatto proprio dalla suprema Corte si ispira a principi giuridici e sensibilità sociali coerenti con il “sistema filiazione” così come delineato dalla disciplina delle adozioni e dalla legge n. 219/2012. In attesa di un intervento del legislatore che acceda ad una lettura aperta della disciplina delle adozioni, rendendo definitivamente “neutra” ogni informazione circa l’orientamento sessuale degli adottanti, la giurisprudenza e la clausola di riserva di cui all’art. 20 della legge sulle unioni civili garantiscono l’armonizzazione del sistema, tutelando l’interesse del minore a che lo Stato conferisca forza e dignità pubblica ai suoi legami familiari con gli adulti di riferimento
9 ottobre 2017
Processo in assenza ed elezione di domicilio presso il difensore d’ufficio. L’art. 162 comma 4-<i>bis</i> cpp e le ragioni di una riforma
Processo in assenza ed elezione di domicilio presso il difensore d’ufficio. L’art. 162 comma 4-bis cpp e le ragioni di una riforma
di Lucia Vignale
La legge n. 103/2017 ha stabilito che l’elezione di domicilio presso un difensore nominato d’ufficio non ha effetto se non vi è l’assenso del domiciliatario. Una riforma doverosa, volta ad adeguare l’ordinamento nazionale ai principi costituzionali e convenzionali in materia di giusto processo, che deve essere interpretata ed applicata nel rigoroso rispetto di quei principi
27 settembre 2017
Il nuovo 603.3 <i>bis</i> cpp: la rinnovazione obbligatoria dell’istruzione nell’appello <i>in pejus</i>. Brevi osservazioni (critiche)
Il nuovo 603.3 bis cpp: la rinnovazione obbligatoria dell’istruzione nell’appello in pejus. Brevi osservazioni (critiche)
di Paola Perrone
La legge n.103 del 2017, portata alla ribalta della cronaca da recentissime vicende processuali, impone oggi al giudice d’appello la rinnovazione del dibattimento in caso di impugnazione del pm della sentenza assolutoria fondata sulla valutazione della prova orale. La scelta legislativa, preceduta da una vivace dialettica giurisprudenziale, solleva interrogativi critici, e soprattutto si pone in alternativa ad una profonda riforma del sistema delle impugnazioni
6 settembre 2017