home search menu
Magistratura e società / cinema e letteratura
Il naufragio
di Vittorio Gaeta
Consigliere Corte di appello di Bari
Un'opera teatrale racconta l'affondamento dell'imbarcazione albanese Katër i Radës, avvenuto nel canale d'Otranto il 28 marzo 1997
Il naufragio

Ora che il 9 maggio scorso la Cassazione ha chiuso il processo per l'affondamento dell'imbarcazione albanese Katër i Radës, avvenuto nel canale d'Otranto il 28 marzo 1997, confermando le condanne per naufragio colposo dei due responsabili, arriva in non voluta coincidenza l'opera teatrale-musicale “Katër i Radës. Il naufragio” di Admir Shkurtaj, su libretto di Alessandro Leogrande con direzione di Pasquale Corrado, presentata domenica 12 ottobre alla Biennale di Venezia.

Il libro a cui si ispira l'opera, anch'esso scritto da Leogrande, oscillava tra il riportare lo speronamento della Katër da parte della Marina Militare, che provocò la morte di 81 persone, ad una volontà malvagia oppure ad una fatale idiozia: c'erano direttive criminali di governo, oppure “soltanto” un clima isterico, nel quale politici di primo piano invitavano a sparare sui barconi?  

L'inchiesta penale scelse l'ipotesi dell'idiozia, anche per l'estrema difficoltà di individuare i responsabili della direttiva di compiere manovre di disturbo dei barconi a rischio di provocare speronamenti, come poi avvenne.

Qualche dubbio, però, nel libro rimaneva.

Da subito invece l'opera di Shkurtaj, prodotta dai Cantieri Teatrali Koreja per la regia di Salvatore Tramacere, si concentra sulla stupidità.

Ne è passato di tempo, e ricordare e raccontare è ciò che importa adesso.

All'epoca, un Berlusconi molto vitale si precipitò a Brindisi, pianse lacrime, promise posti di lavoro ai superstiti, ne assunse alcuni per qualche settimana in una delle sue ville.

Degli altri, invece, parlava Nanni Moretti nel film “Aprile”: “Il fatto che qui non sia venuto nemmeno un dirigente della sinistra è un sintomo della loro assenza politica, ma soprattutto della loro assenza umana, non gliene importa niente”.

Ne è passato di tempo, e interessano ancora le responsabilità politiche? La memoria alla fine ha dei limiti, e non è sempre regina della verità.

Conta di più la storia.

O la sua assenza, la feroce stupidità che non si cura di evitare o di ridurre al minimo le sofferenze inutili.

Alla Biennale di Venezia, alla presenza del presidente Paolo Baratta e di una delegazione del Consiglio d'Europa, il libro ha trovato compimento nell'opera.

Non è un caso che a scriverla sia stato l'albanese Shkurtaj, musicista preparato ma alieno da virtuosismi non necessari.

La sua musica contemporanea, che in altri compositori risulta scostante e autoreferenziale, era la più adatta a creare un racconto che mescola il senso di una tragedia antica e di un'ottusa modernità, e si avvale di artisti in parte italiani, ma ancor più albanesi, alcuni dei quali (il coro polifonico “Violinat e Lapardhase”) vestiti con costumi tradizionali: una multietnicità vissuta e non da presepio, frutto di una condivisione della tragedia che doveva pur realizzarsi, tra le due sponde dell'Adriatico.

La tensione drammatica era fortissima, con un crescendo che non lascia requie e culmina nell'impressionante finale, nel quale i fagottini che avvolgevano i bambini morti dei migranti (ma nel 1997 gli speronatori credevano che nascondessero armi) vengono deposti e ricevono l'omaggio degli anziani, mentre sullo sfondo si sollevano i vestiti dei naufraghi, come in una teologica resurrezione dei morti.

Cinque minuti di applausi per i musicisti cantanti e attori di questa preghiera laica, che viene da una memoria mite né rancorosa né arrendevole, e perciò capace di trasformarsi in storia, storia che si racconta.

Senza l'arte, forse non sarebbe stato possibile.

26 ottobre 2014
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Migranti e integrazione di “valori”: i giudici parlano solo con le sentenze? No, grazie
Migranti e integrazione di “valori”: i giudici parlano solo con le sentenze? No, grazie
di Donatella Stasio
Al di là dei profili giuridici, la sentenza sul sikh che girava con il coltello sacro di 18 cm esprime valutazioni politiche che, non rettificate dalla Cassazione, rischiano di cristallizzarsi nell’opinione pubblica come principi di diritto
19 maggio 2017
Zuccaro e le Ong, quell’insostenibile <i>deficit</i> di cultura della comunicazione
Zuccaro e le Ong, quell’insostenibile deficit di cultura della comunicazione
di Donatella Stasio
La cronaca conferma che la Giustizia ha un problema di comunicazione, anche se soltanto il 13,8% dei magistrati ne ha consapevolezza. Csm e Scuola devono colmare questa lacuna culturale, che si ritorce contro la trasparenza e la credibilità dell’istituzione
3 maggio 2017
“Vergogna ed esclusione. L’Europa di fronte alla sfida dell’emigrazione”
“Vergogna ed esclusione. L’Europa di fronte alla sfida dell’emigrazione”
di Mariarosaria Guglielmi
Pubblichiamo l'intervento tenuto a Padova lo scorso 27 marzo, in occasione della presentazione del volume curato da Umberto Curi (Castelvecchi)
20 aprile 2017
Intermediazione e sfruttamento del lavoro: luci e ombre di una riforma necessaria. Come cambia la tutela penale dopo l’approvazione della legge n. 199/2016
Intermediazione e sfruttamento del lavoro: luci e ombre di una riforma necessaria. Come cambia la tutela penale dopo l’approvazione della legge n. 199/2016
di Francesco Gianfrotta
Emergenza criminale, il caporalato? Forse non lo è, considerando che si tratta di una questione di rilevanza penale di lunga data e presente anche nel Nord del Paese. Ma, come si vedrà, la riforma approvata dal Parlamento, pur contenendo importanti novità sul piano della repressione e della prevenzione del fenomeno, non è priva di lacune ed aspetti critici
1 marzo 2017
Migranti, Italia condannata dalla CEDU per trattenimenti illegittimi
Migranti, Italia condannata dalla CEDU per trattenimenti illegittimi
di Francesca Cancellaro
Commento a CEDU, Grande Camera, sent. 15 dicembre 2016, Khlaifia e altri c. Italia
11 gennaio 2017
Incubi da giorni qualunque
Incubi da giorni qualunque
di Massimo Ferro
Recensione al libro di Bruno Capponi, Esi, Napoli 2016
8 ottobre 2016
La ricchezza dell’esserci per davvero
La ricchezza dell’esserci per davvero
di Fabio Gianfilippi
Una proposta di lettura di “Eccomi” (Guanda, 2016) di Jonathan Safran Foer
1 ottobre 2016
Una semplicità niente affatto banale
Una semplicità niente affatto banale
di Luigi Marini*
Recensione a Michela Murgia, “Futuro interiore”, Einaudi, Torino 2016
24 settembre 2016
In ricordo di Ermanno Rea
In ricordo di Ermanno Rea
di Alfredo Guardiano
"L'idea che sia impensabile un comunismo allegro, umano, garbato, perfino 'leggero', fa il paio con l'idea che non possa esistere in natura il napoletano silenzioso, ordinato, malinconico, legalitario fino all'ossessione. Il fatto è che certi luoghi comuni sicuramente facilitano la vita, però non la spiegano"
17 settembre 2016
Immigrazione: non servono riforme al buio
Immigrazione: non servono riforme al buio
di Simona De Napoli
Considerazioni sul progetto governativo di riforma processuale in materia di protezione internazionale ed immigrazione
21 luglio 2016
Newsletter


Fascicolo 2/2017
Le nuove disuguaglianze
Beni comuni

Dedicato a Stefano Rodotà
Magistratura e società
Loris Bertocco. Suicidio assistito o condanna a morire?
Ricostruire la giustizia penale nel dopoguerra. I nuovi valori costituzionali e l’indipendenza del giudice
Zavorre. Storia dell’Aktion T4: l’”eutanasia” nella Germania nazista 1939-1945
Zavorre. Storia dell’Aktion T4: l’”eutanasia” nella Germania nazista 1939-1945
di Paola Perrone
La recensione a Zavorre, il testo dello storico Götz Aly (Einaudi, 2017) che ricostruisce la terribile vicenda dello sterminio pianificato di circa 200.000 disabili tedeschi durante il nazismo: ma questo libro non è solo orrore, è soprattutto rispetto per le vittime, e culto della memoria come mezzo per fare i conti con la propria storia
30 settembre 2017
Il concorso per assistenti giudiziari: ultima chiamata per la sopravvivenza degli uffici giudiziari
Il concorso per assistenti giudiziari: ultima chiamata per la sopravvivenza degli uffici giudiziari
di Claudio Castelli
Per molti uffici l’immissione di nuovo personale all’esito di questo concorso, entro la fine dell’anno, è l’ultima chiamata per la sopravvivenza del servizio giustizia
27 settembre 2017
<i>La Corte</i>, un film di Christian Vincent
Stefano Rodotà e i giovani civilisti degli anni Sessanta*
Stefano Rodotà e i giovani civilisti degli anni Sessanta*
di Enrico Scoditti
Si deve a Stefano Rodotà la riscrittura del diritto civile alla luce delle clausole generali e, con gli altri giovani civilisti degli anni Sessanta del secolo scorso, il rinnovamento del sapere giuridico. Il modello di giurista come scienziato sociale, che quel rinnovamento propose, era parte della scoperta della politicità del diritto. Rodotà esaltò più di tutti il ruolo attivo del giudice nell’esperienza giuridica. Oggi che la dimensione giurisdizionale del diritto è ormai un dato acquisito la stella polare non è più puramente e semplicemente il linguaggio della politica dei diritti ma il bilanciamento quale funzione di giustizia.
20 settembre 2017