home search menu
Manchester by the sea
Magistratura e società / cinema e letteratura
Manchester by the sea
di Isabella Mariani
Giudice della Corte d'appello di Firenze
La recensione al film di Kenneth Lonergan, vincitore di due premi Oscar: miglior sceneggiatura originale, miglior attore protagonista per Casey Affleck

Sono andata a vedere Manchester by the sea (Usa, 2016) con il viatico di un mio giovane cugino, onnivoro di film, aspirante magistrato. Lui ha commentato il film dicendomi che, uscendo dalla sala, avrei avuto una nuova visione della vita o di come si fa un film. Non ricordo esattamente. Il ragazzo è giovane. Lo sguardo sulla vita non è cambiato, ma il film, a mio parere, è bellissimo.

Un giovane uomo, solissimo e sofferente, campa a Boston sturando bagni e facendo riparazioni nelle case di una umanità varia. Vive in una squallida stanza in un sotterraneo, si ubriaca e fa risse il sabato sera. Un giorno viene richiamato nel suo villaggio dalla morte del fratello maggiore che lo ha nominato tutore dell’amato nipote Patrick. In un sovrapporsi di scene del passato e del presente, viene svelato il drammatico avvenimento che ha deviato il corso della esistenza del protagonista Lee. Lui prova a rispettare l’incarico lasciatogli dal fratello, ma non ce la fa; non è più possibile per lui vivere ancora nel luogo del dolore. Tornerà a Boston, forse, con una prospettiva di vita.

La trama, tuttavia, non è rilevante.

Colpisce di questo film l’analisi profonda dei rapporti umani e della vita, non urlata e neppure raccontata, ma intuita negli sguardi, nei dialoghi e nei comportamenti dei protagonisti.

Per chi, come noi magistrati, ha la fortuna di potere vivere le vite di tante persone, se solo si avesse la sensibilità di ascoltarle, l’episodio che devasta la vita di Lee è simile ai dolori che si incontrano spessissimo.

Il film è la storia della cesura tra un prima e un dopo, il prima di cui non conosci la felicità nella sua semplicità e banalità, se non nel ricordo doloroso e dirompente. È la storia della impossibilità della ripresa, della mera sopravvivenza: la vita non fa sconti, il dolore non si cura. È la storia degli affetti familiari, muti, presenti e fortissimi: necessari, ma non sufficienti.

Con cammei profondi.

La madre di Patrick, fuori di testa e ubriacona, ha lasciato il figlio in tenera età e neppure con la ritrovata normalità di una esistenza votata alla fede riesce a reggere il ritorno del figlio. Viene in mente la madre del Canto della pianura di Kent Haruf, che abbandona i suoi figli Bobby e Ike. La inconsistenza di un percorso di apparente ripresa, perché sempre di dipendenza. L’abbandono che riteniamo il peggiore, l’innominabile, quello di una madre verso i figli. I figli che comunque vivono e crescono e stanno, alla fine, anche bene.

Le donne assatanate di sesso di Boston che provocano il tuttofare Lee rappresentano la superficialità dei rapporti, privi della capacità di leggere l’altro.

La diversa reazione di padre e madre di fronte al dolore: cuore spezzato per entrambi, ma incapacità di trovare un qualsiasi conforto per il padre, mentre la donna comunque prosegue la sua vita.

Sullo sfondo l’oceano del Massachusetts, e scene di mare, di pesca, di vita di villaggio che richiamano la Elisabeth Strout di Olive Kitteridge.

C’è una speranza alla fine? Non so. Forse solo un attenuarsi del dolore, che diventa più oggettivo, meno conformante la intera esistenza.

Un film drammatico, ma che non crea sofferenza. Solo riflessione. 

18 marzo 2017
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Dogman, una scellerata storia di periferia
Dogman, una scellerata storia di periferia
di Patrizia Rautiis
Matteo Garrone, ispirato dalla vicenda romana del Canaro, torna con la sua macchina da presa sul litorale campano per tratteggiare un universo di violenza e degrado in cui Bene e Male finiscono per mescolarsi, perdendo i propri confini
2 giugno 2018
La casa sul mare, un film di Robert Guédiguian
La casa sul mare, un film di Robert Guédiguian
di Patrizia Papa
Il regista francese ci regala una storia di straordinaria bellezza, raccontata con delicatezza e asciuttezza. Un'opera in cui la trama si dipana perché ciascun personaggio possa riappropriarsi della sua storia e della vita. Mentre il treno sullo sfondo continuamente va e poi ritorna. Perché la vita non può fermarsi
26 maggio 2018
La giornata particolare di una giuria popolare
La giornata particolare di una giuria popolare
di Oscar Magi
Una nuova recensione per La convocazione di Enrico Maisto, un film in cui l'autore passa con naturalezza dalla narrazione del registro intimo e quotidiano dei convocati a comporre la giuria a quello solenne del giuramento finale in un crescendo emotivo e intenso.
3 febbraio 2018
La convocazione, un film civile
La convocazione, un film civile
di Ilio Mannucci Pacini
La recensione al documentario di Enrico Maisto, un'opera in cui sensazioni ed emozioni esprimono il punto di vista dei cittadini comuni sull’istituzione giudiziaria e sulla giustizia
20 gennaio 2018
Quando le ombre del carcere si allungano sugli affetti
Quando le ombre del carcere si allungano sugli affetti
di Fabio Gianfilippi
Guardando le “Ombre della sera”, un film di Valentina Esposito
18 novembre 2017
Pio Amato: un nome tenero in una vicenda dura. Da ricordare, comunque
Pio Amato: un nome tenero in una vicenda dura. Da ricordare, comunque
di Ennio Tomaselli
Riflessioni su A Ciambra, il film di Jonas Carpignano prodotto da Martin Scorsese
28 ottobre 2017
La Corte, un film di Christian Vincent
“La vita in comune” di Edoardo Winspeare
“La vita in comune” di Edoardo Winspeare
di Simonetta Rubino
La recensione all'ultimo film del regista salentino presentato alla 74esima Mostra del cinema di Venezia
16 settembre 2017
Arrival, un film di Denis Villeneuve
Arrival, un film di Denis Villeneuve
di Bruno Capponi
Il circolo e il tempo sono le chiavi di lettura di quest'opera presentata all'ultimo Festival di Venezia
5 febbraio 2017
Lion, la strada verso casa
Lion, la strada verso casa
di Carla Spagnuolo
La ricchezza del film sta nel trattare in modo non didascalico il tema del diritto alla conoscenza delle origini, il valore della fratria, il significato delle adozioni
21 gennaio 2017
Newsletter


Fascicolo 2/2018
L’ospite straniero.
La protezione internazionale
nel sistema multilivello di tutela
dei diritti fondamentali
Magistratura e società
La richiedente
La richiedente
Smain Laacher è un componente laico (assesseur) della Cnda (Cour national du droit d’asile) francese, che ha raccolto in un saggio (Croire à l’incroyable, Gallimard, 2018) le sue riflessioni a partire dall'esperienza pluriennale nella Corte che giudica sui ricorsi dei richiedenti asilo
20 giugno 2018
Lelio Basso e la giustizia*
di Riccardo De Vito
Ricordare oggi Lelio Basso significa prendere atto che il suo pensiero è tutt’ora un progetto
7 giugno 2018
Dogman, una scellerata storia di periferia
Dogman, una scellerata storia di periferia
di Patrizia Rautiis
Matteo Garrone, ispirato dalla vicenda romana del Canaro, torna con la sua macchina da presa sul litorale campano per tratteggiare un universo di violenza e degrado in cui Bene e Male finiscono per mescolarsi, perdendo i propri confini
2 giugno 2018
La casa sul mare, un film di Robert Guédiguian
La casa sul mare, un film di Robert Guédiguian
di Patrizia Papa
Il regista francese ci regala una storia di straordinaria bellezza, raccontata con delicatezza e asciuttezza. Un'opera in cui la trama si dipana perché ciascun personaggio possa riappropriarsi della sua storia e della vita. Mentre il treno sullo sfondo continuamente va e poi ritorna. Perché la vita non può fermarsi
26 maggio 2018
Dialogare con il pensiero di Stefano Rodotà*
di Mariarosaria Guglielmi
Dialogare con il pensiero di Stefano Rodotà è un dovere intellettuale ed anche un dovere di non rassegnazione, è un impegno per la difesa e per l’affermazione dei diritti, è un impegno per rivendicare una politica che deve renderli possibili
22 maggio 2018
Gorgona e altre isole-carcere. Soprattutto una lettura di Salvati con nome
Gorgona e altre isole-carcere. Soprattutto una lettura di Salvati con nome
di Fabio Gianfilippi
Il libro, tessuto con sensibilità da Silvia Buzzelli e Marco Verdone, è una narrazione a molte voci. Vi si racconta la specialità del progetto rieducativo che si è a lungo condotto nell'isola del Mar Ligure e che, anche se l’attualità sembra segnare tristi arretramenti, merita invece di essere proseguito e replicato altrove. Se il reato è nel suo fondo cecità all’altro e ai suoi bisogni, la pena deve avere l’obiettivo primario di condurre la persona condannata a scoprire il valore del diverso da sé
28 aprile 2018