home search menu
Indivisibili
Magistratura e società / cinema e letteratura
Indivisibili
di Donatella Salari
Giudice del Massimario della Corte di Cassazione
Recensione al film sulle gemelle siamesi di Edoardo De Angelis (Mostra del Cinema di Venezia 2016, Toronto International Film Festival, BFI London Film Festival)
Indivisibili
Diane Arbus, Identical Twins, Roselle, New Jersey, 1967

Come dice David Grossman “C’è un momento in cui si compie un piccolo passo, si devia di un millimetro dalla solita via, a quel punto si è costretti a posare anche un secondo piede e d’un tratto si finisce su un percorso sconosciuto.”

Così avviene nell’equilibrio tormentato delle due gemelle Dasy e Viola due gemelle siamesi unite al bacino belle e canterine portatrici di un immagine che ha il fascino un po’ onirico di un quadro di De Chirico quando le due appaiono, fasciate in una sorta di tunica pieghettata colore di argento, sulla sabbia sconvolta dal degrado di Castevolturno.

Le rive del fiume e la spiaggia ingombra di ogni genere di rifiuto ed oggetto dismesso diventano anch’esse protagoniste come luogo piegato e sconfitto da un degrado ineluttabile che è lo stesso dei personaggi e, primi fra tutti, dei genitori delle inseparabili.

Questi adulti, la madre ignara e dolente e il padre musclé e avido sono quegli stessi che esibiscono la malformazione delle gemelle alle comunioni inguardabili delle figlie di qualche potente locale o facendole cantare alle fiere di paese.

Le gemelle brave e sensibili, sempre in bilico sulla catastrofe, sono costrette ad interpretare le canzoni scritte dal padre sfruttatore che diviene, suo malgrado, musa involontaria della ribellione delle due, le quali dall’indimenticabile canzone “Drin Drin “cornucopia universale di cultura telefonico-cellulare, sono liricamente traghettate verso un’umanità loro negata. Così, prima attraverso la musica di Janis Joplin, poi in un’ansia di libertà non più rinviabile, fuggono inseguendo il sogno possibile di un’operazione chirurgica che le possa separare e restituire ad un’altra e più dignitosa esistenza.

Il tema del doppio è sempre pieno di fascinazione, pensiamo al film Inseparabili (Dead Ringers) di David Cronenberg, e qui, ancora i gemelli c’intrigano, specialmente quando il doppio s’ intreccia con il tema del successo e dei simulacri, o meglio, delle copie che falsificano la realtà, quelle che fanno scomparire la vera immagine per sostituirla con un’altra irreale e manipolata, vero dramma della modernità, tema che ritorna nel film anche nelle immagini pagane della processione delle gemelle trasformate in martiri da un prete inquietante e viscido. 

Nel godibile parterre del film troviamo, perciò, la copia casertana di Amy Winehouse,  le gemelle di Diane Arbus, un nano e qualche altro essere deforme, tutte imbarcate sulla navicella Tortuga, dove il nocchiero è il turpe impresario che tenta di sedurre una delle indivisibili.

La barca, in un’atmosfera da Divina Commedia, naviga sul Volturno, carica di vizi e d’inquietanti presenze di copie abborracciate di una collezione mortifera alla quale le gemelle, con caparbio talento, si sottrarranno con un gesto disperato che le affranca dalla promessa di un successo oscuro somministrato con il viatico della loro somiglianza con Anna Tatangelo, miraggio possibile, ma compromettente e oscuro come la promessa mefistofelica al dottor Faust.

Anche da questa realtà un po’ oscena fuggono le inseparabili, capaci di gesti estremi e liberatori.

Risa e lacrime ..si ride, si balla e si strimpella, così come si piange (William Thackeray) e ci si riscatta nella grande commedia.

Assolutamente da vedere, in dialetto con sottotitoli e musica di Enzo Avitabile.

 

9 ottobre 2016
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Dogman, una scellerata storia di periferia
Dogman, una scellerata storia di periferia
di Patrizia Rautiis
Matteo Garrone, ispirato dalla vicenda romana del Canaro, torna con la sua macchina da presa sul litorale campano per tratteggiare un universo di violenza e degrado in cui Bene e Male finiscono per mescolarsi, perdendo i propri confini
2 giugno 2018
La casa sul mare, un film di Robert Guédiguian
La casa sul mare, un film di Robert Guédiguian
di Patrizia Papa
Il regista francese ci regala una storia di straordinaria bellezza, raccontata con delicatezza e asciuttezza. Un'opera in cui la trama si dipana perché ciascun personaggio possa riappropriarsi della sua storia e della vita. Mentre il treno sullo sfondo continuamente va e poi ritorna. Perché la vita non può fermarsi
26 maggio 2018
La giornata particolare di una giuria popolare
La giornata particolare di una giuria popolare
di Oscar Magi
Una nuova recensione per La convocazione di Enrico Maisto, un film in cui l'autore passa con naturalezza dalla narrazione del registro intimo e quotidiano dei convocati a comporre la giuria a quello solenne del giuramento finale in un crescendo emotivo e intenso.
3 febbraio 2018
La convocazione, un film civile
La convocazione, un film civile
di Ilio Mannucci Pacini
La recensione al documentario di Enrico Maisto, un'opera in cui sensazioni ed emozioni esprimono il punto di vista dei cittadini comuni sull’istituzione giudiziaria e sulla giustizia
20 gennaio 2018
Quando le ombre del carcere si allungano sugli affetti
Quando le ombre del carcere si allungano sugli affetti
di Fabio Gianfilippi
Guardando le “Ombre della sera”, un film di Valentina Esposito
18 novembre 2017
Pio Amato: un nome tenero in una vicenda dura. Da ricordare, comunque
Pio Amato: un nome tenero in una vicenda dura. Da ricordare, comunque
di Ennio Tomaselli
Riflessioni su A Ciambra, il film di Jonas Carpignano prodotto da Martin Scorsese
28 ottobre 2017
La Corte, un film di Christian Vincent
“La vita in comune” di Edoardo Winspeare
“La vita in comune” di Edoardo Winspeare
di Simonetta Rubino
La recensione all'ultimo film del regista salentino presentato alla 74esima Mostra del cinema di Venezia
16 settembre 2017
Manchester by the sea
Manchester by the sea
di Isabella Mariani
La recensione al film di Kenneth Lonergan, vincitore di due premi Oscar: miglior sceneggiatura originale, miglior attore protagonista per Casey Affleck
18 marzo 2017
Arrival, un film di Denis Villeneuve
Arrival, un film di Denis Villeneuve
di Bruno Capponi
Il circolo e il tempo sono le chiavi di lettura di quest'opera presentata all'ultimo Festival di Venezia
5 febbraio 2017
Newsletter


Fascicolo 2/2018
L’ospite straniero.
La protezione internazionale
nel sistema multilivello di tutela
dei diritti fondamentali
Magistratura e società
La richiedente
La richiedente
Smain Laacher è un componente laico (assesseur) della Cnda (Cour national du droit d’asile) francese, che ha raccolto in un saggio (Croire à l’incroyable, Gallimard, 2018) le sue riflessioni a partire dall'esperienza pluriennale nella Corte che giudica sui ricorsi dei richiedenti asilo
20 giugno 2018
Lelio Basso e la giustizia*
di Riccardo De Vito
Ricordare oggi Lelio Basso significa prendere atto che il suo pensiero è tutt’ora un progetto
7 giugno 2018
Dogman, una scellerata storia di periferia
Dogman, una scellerata storia di periferia
di Patrizia Rautiis
Matteo Garrone, ispirato dalla vicenda romana del Canaro, torna con la sua macchina da presa sul litorale campano per tratteggiare un universo di violenza e degrado in cui Bene e Male finiscono per mescolarsi, perdendo i propri confini
2 giugno 2018
La casa sul mare, un film di Robert Guédiguian
La casa sul mare, un film di Robert Guédiguian
di Patrizia Papa
Il regista francese ci regala una storia di straordinaria bellezza, raccontata con delicatezza e asciuttezza. Un'opera in cui la trama si dipana perché ciascun personaggio possa riappropriarsi della sua storia e della vita. Mentre il treno sullo sfondo continuamente va e poi ritorna. Perché la vita non può fermarsi
26 maggio 2018
Dialogare con il pensiero di Stefano Rodotà*
di Mariarosaria Guglielmi
Dialogare con il pensiero di Stefano Rodotà è un dovere intellettuale ed anche un dovere di non rassegnazione, è un impegno per la difesa e per l’affermazione dei diritti, è un impegno per rivendicare una politica che deve renderli possibili
22 maggio 2018
Gorgona e altre isole-carcere. Soprattutto una lettura di Salvati con nome
Gorgona e altre isole-carcere. Soprattutto una lettura di Salvati con nome
di Fabio Gianfilippi
Il libro, tessuto con sensibilità da Silvia Buzzelli e Marco Verdone, è una narrazione a molte voci. Vi si racconta la specialità del progetto rieducativo che si è a lungo condotto nell'isola del Mar Ligure e che, anche se l’attualità sembra segnare tristi arretramenti, merita invece di essere proseguito e replicato altrove. Se il reato è nel suo fondo cecità all’altro e ai suoi bisogni, la pena deve avere l’obiettivo primario di condurre la persona condannata a scoprire il valore del diverso da sé
28 aprile 2018