home search menu
Io, Daniel Blake
Magistratura e società / cinema e letteratura
Io, Daniel Blake
di Simonetta Rubino
Giudice del Tribunale di Sorveglianza di Bari
Recensione al film di Ken Loach, vincitore della Palma d'oro al Festival di Cannes 2016

Torna Ken Loach con un film denunzia, a favore di quelli che, niente di più e niente di meno, sono semplici cittadini, semplici lavoratori.

La storia è quella di un uomo che dopo un infarto non può più svolgere il suo amato lavoro di carpentiere e che dunque prova a ottenere dallo stato il sussidio per l'invalidità. In questa ricerca finalizzata ad ottenere solo quanto gli spetta, il protagonista si scontra con una burocrazia beffarda, con l’agire cieco e cinico dei dipendenti di uno stato improntato ad una dimensione di apparente efficienza aziendalistica, ma in verità sordo, folle e stritolante.

E mentre conduce la sua battaglia, precipita in una situazione di indigenza assoluta.

Nel percorso paradossale che il protagonista affronta con dignità strepitosa, incontra un'altra vittima di questo stato: una donna – peraltro una giovane attrice disoccupata, bravissima, cresciuta in un ambiente operaio - madre di due bambini, single in difficoltà economiche, che per un ritardo di pochi minuti perde qualcosa di estremamente importante: il suo diritto all'assegno mensile.

La fine del film lascia affranti, ma riflessivi, profondamente toccati ma nel contempo arrabbiati.

Il film mette sotto la lente di ingrandimento una realtà che ormai ci ha avvolti penetrando il nostro vivere quotidiano ed ignorando ogni tentativo di resistervi; ci mostra come una folle e cieca burocrazia ammazza e stritola l’individuo anche nei paesi notoriamente “civili” (siamo a Newcastle) mettendo a dura prova la forza e la pazienza dei cittadini e rischiando di piegarne e spegnerne ogni briciola di dignità.

Il film ci descrive, in termini leggeri ma potenti, semplici e per questo chiari, la fatica silenziosa, drammatica e dignitosa, di coloro che nel mondo attuale caratterizzato da un sistema solo teoricamente efficiente, sono costretti a gestire quei momenti della vita che li obbligano ad interfacciarsi con le amministrazioni dello Stato. Persone che dopo aver dato per una vita intera, nel momento del bisogno chiedono di “parlare”, di “ascoltare e farsi ascoltare”, di “guardare in faccia l’altro”, rifiutando di interloquire con freddi moduli elaborati da un computer e continuando testardamente ad usare la matita.

Persone che, per questo, disperano, dopo comunque aver provato caparbiamente a resistere, cercando di affermare la propria individualità (tutta in quell’Io, Daniel Blake nel quale io però, finiscono per ritrovarsi accomunati in tanti).

Persone che questo tempo e questo sistema con una meticolosa e sottile arroganza piano cancella, dimentica, annulla.

È un film, quello di Ken Loach che, al netto di ogni retorica, mostra il cinismo di una evoluzione solo apparente dello Sato cd. efficiente; evoluzione che, invece, maschera l’assenza più totale e assoluta della presunta efficienza, che denuncia la ipocrisia di una democrazia, di un sistema che, improntato ed ubbidiente al sistematico taglio della spesa, taglia invece, pota e distrugge senza speranza di rinascita, le vite umane.

È un film che non consola, che dunque lascia sconsolati ma non per questo meno arrabbiati sebbene senza speranza posto che il contesto è quello chiaro della deriva di uno stato improntato ad un efficienza cieca ottusa e stritolante.

Ancora una volta Loach mette in scena la sua attenzione per il proletariato e per la sua cultura silenziosa, un proletariato che nonostante la sua condizione non cede all’egoismo.

Ed infatti se la si cerca, la si trova una ragione per consolarsi: nel film quel che più accarezza, scalda e conforta è l’amicizia e il forte senso di solidarietà che nasce e lega i protagonisti: entrambi silenziose vittime del medesimo sistema.

Nel grigiore della realtà che impera in questo stato deciso e caparbio, il colore ed il calore son dati dal forte senso di solidarietà che nasce - come è ovvio - solo lì dove c’è sofferenza e oppressione.

Come, del resto, da sempre.

La dignità dei personaggi è altissima e il film coinvolge senza diventare utopico nel ricordare e coltivare l’obiettivo della speranza quale forma di difesa e di alternativa ad un sistema che procede imperterrito ignorando quel che dovrebbe efficientemente gestire: il valore dell’individuo e del lavoratore.

19 novembre 2016
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
La verità negata
La verità negata
di Patrizia Papa
Recensione a “Denial”, film del regista britannico Mick Jackson
26 novembre 2016
La verità sta in cielo. Ma non per tutti
La verità sta in cielo. Ma non per tutti
di Andrea Meccia
Per adesso, il lavoro di Faenza sulla vicenda di Emanuela Orlandi, desaparecida a Roma un pomeriggio d’estate del 1983, è “soltanto” un dignitoso film, cinematograficamente non entusiasmante, ma onesto, prezioso e carico di passione
15 ottobre 2016
Indivisibili
Indivisibili
di Donatella Salari
Recensione al film sulle gemelle siamesi di Edoardo De Angelis (Mostra del Cinema di Venezia 2016, Toronto International Film Festival, BFI London Film Festival)
9 ottobre 2016
Un Fiore nel carcere minorile
Un Fiore nel carcere minorile
di Ennio Tomaselli
Riflessioni sul recente film di Claudio Giovannesi e non solo
24 luglio 2016
Ettore Scola, il cinema come dubbio
Ettore Scola, il cinema come dubbio
di Andrea Meccia
Da conservare c'è la sua idea di settima arte, di un cinema che "non deve dare soluzioni" ma ha il dovere di "essere dubitativo, non affermativo"
20 gennaio 2016
«Chiamatemi Francesco - Il Papa della gente»
«Chiamatemi Francesco - Il Papa della gente»
di Donatella Salari
Il film con cui Daniele Luchetti ha ricostruito la vita di Jorge Mario Bergoglio
12 dicembre 2015
“Senza il lavoro si puzza”
“Senza il lavoro si puzza”
di Simonetta Rubino
"Gli ultimi saranno ultimi" di Massimiliano Bruno
5 dicembre 2015
Recensione a
Recensione a "Mia madre", di Nanni Moretti
di Bruno Capponi
Le assenze più laceranti sono quelle che non vengono dalla morte, ma da come abbiamo deciso di vivere
10 maggio 2015
Mia madre
Mia madre
di Donatella Salari
La recensione dell’ultimo film di Nanni Moretti in cui un evento luttuoso induce a fare, con dolore e sorpresa, un percorso all’indietro
9 maggio 2015
Il sale della Terra
Il sale della Terra
di Bruno Capponi
Recensione del film-documentario di Wim Wenders e Juliano Ribeiro Salgado
19 aprile 2015
Newsletter


Fascicolo 2/2017
Le nuove disuguaglianze
Beni comuni

Dedicato a Stefano Rodotà
Magistratura e società
Stefano Rodotà e i giovani civilisti degli anni Sessanta*
Stefano Rodotà e i giovani civilisti degli anni Sessanta*
di Enrico Scoditti
Si deve a Stefano Rodotà la riscrittura del diritto civile alla luce delle clausole generali e, con gli altri giovani civilisti degli anni Sessanta del secolo scorso, il rinnovamento del sapere giuridico. Il modello di giurista come scienziato sociale, che quel rinnovamento propose, era parte della scoperta della politicità del diritto. Rodotà esaltò più di tutti il ruolo attivo del giudice nell’esperienza giuridica. Oggi che la dimensione giurisdizionale del diritto è ormai un dato acquisito la stella polare non è più puramente e semplicemente il linguaggio della politica dei diritti ma il bilanciamento quale funzione di giustizia.
20 settembre 2017
“La vita in comune” di Edoardo Winspeare
“La vita in comune” di Edoardo Winspeare
di Simonetta Rubino
La recensione all'ultimo film del regista salentino presentato alla 74esima Mostra del cinema di Venezia
16 settembre 2017
Il “concorsone” e la sfida al futuro dell'amministrazione della giustizia
Il “concorsone” e la sfida al futuro dell'amministrazione della giustizia
di Massimo Turtulici
Con una introduzione di Barbara Fabbrini (Direttore generale del personale e della formazione, Ministero della giustizia)
15 settembre 2017
Alle origini del discorso sulla mafia
Alle origini del discorso sulla mafia
di Piergiorgio Morosini
Recensione al libro di Umberto Santino La mafia dimenticata. La criminalità organizzata in Sicilia dall’unità d’Italia ai primi del Novecento (Melampo, 2017).
9 settembre 2017
Giustizia crocifissa: le ferite, mai rimarginate, del processo a Sacco e Vanzetti*
Sandro Margara, il carcere speciale e l'ergastolo*
Sandro Margara, il carcere speciale e l'ergastolo*
di Beniamino Deidda
Più passa il tempo che ci separa dalla scomparsa di Sandro Margara (un anno, ormai), più diventa urgente la necessità di testimoniare la sua idea della giustizia e del lavoro di magistrato, la sua immaginazione, il suo coraggio. Per Qg non c’è modo migliore di ricordarlo che lasciare la parola a un compagno e amico storico di Sandro, di Magistratura democratica, di questa Rivista: Beniamino Deidda. Le poche righe introduttive che state leggendo, questa volta, non anticipano nulla del brano. Ogni lettore potrà trovarvi quel che più lo interessa o lo appassiona: un pezzo della storia di Magistratura democratica, l’invenzione del “magistrato di sorveglianza”, la passione per la Costituzione e per gli uomini, la capacità di abbassare lo sguardo sui più disgraziati. Buona lettura
29 luglio 2017