home search menu
La verità negata
Magistratura e società / cinema e letteratura
La verità negata
di Patrizia Papa
Consigliere Corte di Appello di Bari
Recensione a “Denial”, film del regista britannico Mick Jackson

“Nel 1996 David Irving accusò di diffamazione la scrittrice Deborah Lipstadt per averlo definito negazionista dell’Olocausto. Ebbe così inizio il processo che dimostrò la verità della Storia”.

Questa presentazione dell’intenso film “Denial” (“La verità negata”) del regista britannico Mick Jackson, sovrascritta sullo schermo, all’inizio del trailer in italiano, sembra troppo impegnativa, a prima lettura.

La storia del film, però - realmente accaduta e dipanata su una sceneggiatura molto profonda - ne spiega infine tutto il significato.

“La verità negata” non è soltanto un film sull’Olocausto. Eppure, dai primi agli ultimi fotogrammi incombe sullo spettatore l’evocazione efficace dell’orrore e del dolore: nelle troppe numerose scarpe senza lacci ammassate nelle bacheche di Auschwitz, nelle scale grigie del crematorio su cui si ferma la camera, quando soltanto per un istante si intravedono i troppo numerosi prigionieri che scendono verso la morte con l’immagine sfumata come il fumo che diverranno, nell’apparire fugace dei volti straziati e nei rumori che non si sentono dietro il buco rotondo delle porte delle camere a gas, nella distanza a cui il bravissimo barrister assiste al canto di preghiera della professoressa e della guida ebrei e, poi, in quel cadere della neve sempre uguale, inesorabile, sulle provocate rovine degli stabilimenti di morte di Auschwitz.

“La verità negata” è, per i critici esperti di cinema, un legal drama dal ritmo non particolarmente serrato e senza colpi di scena.

Ma, forse, il film non colpisce per questo, almeno non chi di mestiere ha fatto il giudice civile perché rassicurato dal fatto che è la verità processuale a contare, per rendersi conto poi, con gli anni, che il dubbio che esista un’altra verità dei fatti, quando si appone la data sulla sentenza, prima della firma, continua a restare ingombrante sulla scrivania.

Il film rimane nello spettatore, quando si riaccendono le luci, perché racconta, attraverso la distanza che separa la professoressa imputata dai suoi legali, tutto il dramma della ricerca della verità da parte del giudice e dei difensori: per provare in giudizio una verità della Storia, i difensori devono offrire prove e scelgono di escludere l’esperienza soggettiva di chi ha vissuto la paura e l’annientamento, perché alla verità del processo occorrono fatti.

Così, tra la professoressa Lipstadt e i suoi legali sembra scavarsi un solco profondo di incomunicabilità: come si può scegliere, per strategia processuale, di tenere fuori dall’aula il dolore e l’orrore dei sopravvissuti?

Prima di ritirarsi, il giudice chiede alla difesa dell’imputato se la genuinità di una persona negazionista e antisemita non possa essere condizione necessaria e sufficiente per credere che quella verità negata sia comunque una “sua” verità: di nuovo, allora, la professoressa - che non sa di diritto - non può comprendere il senso profondo di questa domanda e di questa dinamica processuale (chiede, infatti: “cosa sta succedendo?”).

Poi, nella chiusa, il film offre ancora un altro spunto, il difficile confine alla libertà di manifestazione del pensiero. La professoressa rivendica (nella traduzione italiana): “La terra è rotonda, le calotte polari si sciolgono ed Elvis non è vivo. Io non attacco la libertà di parola, difendo solo il diritto di lottare contro chi vuole sovvertire la verità”. E questo, detto da una studiosa di storia, in conferenza stampa e alla presenza del suo editore, ha il senso di rimarcare che occorre, più che mai in tempi di web e di comunicazione di massa, restare vigili di fronte a ciò che si ascolta, si vede, si legge, perché soltanto dal confronto e dallo studio libero e indipendente ci si accosta alla verità dei fatti.

Infine, tutto il film ci fa pensare al senso della Storia, come ha saputo dirlo Primo Levi: “Se comprendere è impossibile, conoscere è necessario, perché ciò che è accaduto può ritornare, le coscienze possono nuovamente essere sedotte ed oscurate: anche le nostre”.

 

26 novembre 2016
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
<i>La Corte</i>, un film di Christian Vincent
“La vita in comune” di Edoardo Winspeare
“La vita in comune” di Edoardo Winspeare
di Simonetta Rubino
La recensione all'ultimo film del regista salentino presentato alla 74esima Mostra del cinema di Venezia
16 settembre 2017
Manchester by the sea
Manchester by the sea
di Isabella Mariani
La recensione al film di Kenneth Lonergan, vincitore di due premi Oscar: miglior sceneggiatura originale, miglior attore protagonista per Casey Affleck
18 marzo 2017
<i>Arrival</i>, un film di Denis Villeneuve
Arrival, un film di Denis Villeneuve
di Bruno Capponi
Il circolo e il tempo sono le chiavi di lettura di quest'opera presentata all'ultimo Festival di Venezia
5 febbraio 2017
Lion, la strada verso casa
Lion, la strada verso casa
di Carla Spagnuolo
La ricchezza del film sta nel trattare in modo non didascalico il tema del diritto alla conoscenza delle origini, il valore della fratria, il significato delle adozioni
21 gennaio 2017
Io, Daniel Blake
Io, Daniel Blake
di Simonetta Rubino
Recensione al film di Ken Loach, vincitore della Palma d'oro al Festival di Cannes 2016
19 novembre 2016
La verità sta in cielo. Ma non per tutti
La verità sta in cielo. Ma non per tutti
di Andrea Meccia
Per adesso, il lavoro di Faenza sulla vicenda di Emanuela Orlandi, desaparecida a Roma un pomeriggio d’estate del 1983, è “soltanto” un dignitoso film, cinematograficamente non entusiasmante, ma onesto, prezioso e carico di passione
15 ottobre 2016
Indivisibili
Indivisibili
di Donatella Salari
Recensione al film sulle gemelle siamesi di Edoardo De Angelis (Mostra del Cinema di Venezia 2016, Toronto International Film Festival, BFI London Film Festival)
9 ottobre 2016
Assalto al cielo (fallito)
Assalto al cielo (fallito)
di Andrea Meccia
Nel documentario presentato all'ultimo Festival di Venezia, Francesco Munzi tenta un'operazione rischiosa e interessante: realizzare un film lavorando soltanto su materiale di archivio. L'opera che viene fuori però risulta piatta e poco convincente, senza che emerga mai il punto di vista di chi l'ha realizzata
25 settembre 2016
Un Fiore nel carcere minorile
Un Fiore nel carcere minorile
di Ennio Tomaselli
Riflessioni sul recente film di Claudio Giovannesi e non solo
24 luglio 2016
Newsletter


Fascicolo 2/2017
Le nuove disuguaglianze
Beni comuni

Dedicato a Stefano Rodotà
Magistratura e società
Quando l’infanzia genera vittime e carnefici. Recensione a <i>Bambinate</i>, l’ultimo romanzo di Piergiorgio Paterlini (Einaudi, 2017)
Quando l’infanzia genera vittime e carnefici. Recensione a Bambinate, l’ultimo romanzo di Piergiorgio Paterlini (Einaudi, 2017)
di Fabio Gianfilippi
L’autore è da sempre attento alla ricchezza e alle fragilità della gioventù. Nel suo nuovo libro ci fa incontrare un gruppo di bambini, come tanti, senza edulcorarne però i tratti più feroci. Li ritroviamo poi adulti, ormai schermati dai propri ruoli sociali rassicuranti, ma non per questo meno crudelmente inconsapevoli
21 ottobre 2017
Loris Bertocco. Suicidio assistito o condanna a morire?
Ricostruire la giustizia penale nel dopoguerra. I nuovi valori costituzionali e l’indipendenza del giudice
Zavorre. Storia dell’Aktion T4: l’”eutanasia” nella Germania nazista 1939-1945
Zavorre. Storia dell’Aktion T4: l’”eutanasia” nella Germania nazista 1939-1945
di Paola Perrone
La recensione a Zavorre, il testo dello storico Götz Aly (Einaudi, 2017) che ricostruisce la terribile vicenda dello sterminio pianificato di circa 200.000 disabili tedeschi durante il nazismo: ma questo libro non è solo orrore, è soprattutto rispetto per le vittime, e culto della memoria come mezzo per fare i conti con la propria storia
30 settembre 2017
Il concorso per assistenti giudiziari: ultima chiamata per la sopravvivenza degli uffici giudiziari
Il concorso per assistenti giudiziari: ultima chiamata per la sopravvivenza degli uffici giudiziari
di Claudio Castelli
Per molti uffici l’immissione di nuovo personale all’esito di questo concorso, entro la fine dell’anno, è l’ultima chiamata per la sopravvivenza del servizio giustizia
27 settembre 2017
<i>La Corte</i>, un film di Christian Vincent