home search menu
Mia madre
Magistratura e società / cinema e letteratura
Mia madre
di Donatella Salari
Giudice dell’Ufficio del Massimario della Corte di Cassazione
La recensione dell’ultimo film di Nanni Moretti in cui un evento luttuoso induce a fare, con dolore e sorpresa, un percorso all’indietro
Mia madre

….Sopravviviamo: ed è la confusione

di una vita rinata fuori dalla ragione.

Ti supplico, ah, ti supplico: non voler morire.
Sono qui, solo, con te, in un futuro aprile…

Pier Paolo Pasolini, Supplica a mia madre (Da Poesia in forma di rosa)

Film lirico di Nanni Moretti un po’ surclassato, nella recitazione, dalla memorabile interpretazione - nel ruolo della madre Ada – di Giulia Lazzarini (già, in anni passati, rapinosa Ariele, ne La Tempesta di Shakespeare, regia di Giorgio Strehler) .

E’ un film semplice, intessuto di quei sentimenti arcaici che l’ansia di vivere ha stemperato nei figli, i quali, tardi, ma non inutilmente, riscopriranno, nella morte imminente e fatale di Ada, insegnante di lettere in pensione, una loro identità. 

La morte di ogni madre induce a fare, con dolore e sorpresa, un percorso all’indietro, costringe a relativizzare ed a soffermarsi sulla possibilità di vedere, forse per la prima volta, insospettabili legami, affetti sopiti, emotività negate nei luoghi e nelle situazioni più fuori ordine.

Dal disconoscimento di un’occupazione lavorativa, non più riconoscibile come parte di sé (il figlio ingegnere) fino alla fatica del film di Margherita, (la figlia regista) che non riesce a far decollare le riprese di una vicenda ispirata ad una crisi aziendale, complicate dalle inattendibili prestazioni di un attore spaccone (John Turturro) ma, forse, malato.

Proprio il ribaldo e istrionico attore, sarà ricondotto, solo alla fine del film, alla recitazione, dall’aggressiva Margherita, rigenerata, ora, in una sorta di maternità protettiva, ossia finalmente figlia, perché rinata dal dolore della malattia irreversibile di Ada.

Prima della malattia della madre non erano niente - da soli - questi due figli: né il perfezionista Nanni Moretti (la pasta corta cucinata a casa per la madre ricoverata, da preferire al formato precedente che si era incollato nella cottura) né l’incerta Margherita che non sa ascoltare gli affetti, non sa amare il compagno evitato ed abbandonato, quello stesso che, rivitalizzato dalla fragilità improvvisa di lei, le rovescia addosso –impietosamente- il fallimento affettivo di un legame troppo afasico per essere vissuto, strozzato dalla paura di una quotidianità che inquieta Margherita e che la paralizza in un intellettualismo che si rivela, in fondo, precario ed inutile: “Non essere attore, stai a fianco del personaggio..”.

Ora che la madre non ha più le forze per alzarsi dal letto Margherita, che fino ad allora ha, forse, scambiato il letterario con l’espressivismo, s’interroga su questa frase continuamente da lei rivolta agli attori che mai l’hanno compresa, e si domanda: “ Ma che vuol dire? ..Non so neanche io che cosa intendevo dire con questa frase…”,

La troupe subisce stoicamente le incertezze e i dispotismi di Margherita, ma sarà proprio lei, nel dolore della morte inevitabile di Ada, sognata ogni notte, a chiedere – rabbiosamente- ai propri collaboratori di essere contestata e contenuta nelle scelte sceniche improbabili e irrealizzabili.

Questo significa, perciò, la morte della madre: disvelare l’inautenticità dei linguaggi e delle relazioni, aprirsi alle proprie fragilità, rielaborare le proprie inconsistenti certezze, accettare la propria inadeguatezza.

Margherita regista impegnata, ma dispotica, non riesce a prendere una posizione chiara neanche nel suo rapporto con la figlia richiedente, perciò, l’agognato motorino verrà comprato all’adolescente Livia anche se l’impegno sullo studio del latino non è stato rispettato.

Ma il latino a che serve? domanda Livia a Margherita che, come madre, non sa rispondere con sicurezza.

Ada, madre morente, sì: serve a comunicare nella piena espressività di una lingua, perché è la cultura che crea i legami, anche quelli della stessa Ada, appartati e sconosciuti ai figli, con ex alunni cinquantenni che ancora cercano l’antica insegnante per una risposta sulla vita.

Le certezze di Ada daranno un senso definitivo all’incompletezza dei figli in una morte attesa ed accettata, via via,come crescita inevitabile di chi si deve separare per sempre.

Per questo il latino è importante, è una possibilità di bellezza, è un modo di reagire all’oblio e alla morte annunciata e, forse, sconfitta dagli affetti riscoperti da una generazione insicura e fragile.

9 maggio 2015
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Dogman, una scellerata storia di periferia
Dogman, una scellerata storia di periferia
di Patrizia Rautiis
Matteo Garrone, ispirato dalla vicenda romana del Canaro, torna con la sua macchina da presa sul litorale campano per tratteggiare un universo di violenza e degrado in cui Bene e Male finiscono per mescolarsi, perdendo i propri confini
2 giugno 2018
La casa sul mare, un film di Robert Guédiguian
La casa sul mare, un film di Robert Guédiguian
di Patrizia Papa
Il regista francese ci regala una storia di straordinaria bellezza, raccontata con delicatezza e asciuttezza. Un'opera in cui la trama si dipana perché ciascun personaggio possa riappropriarsi della sua storia e della vita. Mentre il treno sullo sfondo continuamente va e poi ritorna. Perché la vita non può fermarsi
26 maggio 2018
La giornata particolare di una giuria popolare
La giornata particolare di una giuria popolare
di Oscar Magi
Una nuova recensione per La convocazione di Enrico Maisto, un film in cui l'autore passa con naturalezza dalla narrazione del registro intimo e quotidiano dei convocati a comporre la giuria a quello solenne del giuramento finale in un crescendo emotivo e intenso.
3 febbraio 2018
La convocazione, un film civile
La convocazione, un film civile
di Ilio Mannucci Pacini
La recensione al documentario di Enrico Maisto, un'opera in cui sensazioni ed emozioni esprimono il punto di vista dei cittadini comuni sull’istituzione giudiziaria e sulla giustizia
20 gennaio 2018
Quando le ombre del carcere si allungano sugli affetti
Quando le ombre del carcere si allungano sugli affetti
di Fabio Gianfilippi
Guardando le “Ombre della sera”, un film di Valentina Esposito
18 novembre 2017
Pio Amato: un nome tenero in una vicenda dura. Da ricordare, comunque
Pio Amato: un nome tenero in una vicenda dura. Da ricordare, comunque
di Ennio Tomaselli
Riflessioni su A Ciambra, il film di Jonas Carpignano prodotto da Martin Scorsese
28 ottobre 2017
La Corte, un film di Christian Vincent
“La vita in comune” di Edoardo Winspeare
“La vita in comune” di Edoardo Winspeare
di Simonetta Rubino
La recensione all'ultimo film del regista salentino presentato alla 74esima Mostra del cinema di Venezia
16 settembre 2017
Manchester by the sea
Manchester by the sea
di Isabella Mariani
La recensione al film di Kenneth Lonergan, vincitore di due premi Oscar: miglior sceneggiatura originale, miglior attore protagonista per Casey Affleck
18 marzo 2017
Arrival, un film di Denis Villeneuve
Arrival, un film di Denis Villeneuve
di Bruno Capponi
Il circolo e il tempo sono le chiavi di lettura di quest'opera presentata all'ultimo Festival di Venezia
5 febbraio 2017
Newsletter


Fascicolo 2/2018
L’ospite straniero.
La protezione internazionale
nel sistema multilivello di tutela
dei diritti fondamentali
Magistratura e società
Il problema costituzionale dell’attuazione dei diritti sociali (con particolare riguardo al diritto all’abitazione)*
di Francesco Pallante
La possibile soluzione capace di garantire il rispetto delle priorità costituzionali di spesa potrebbe essere quella di configurare vincoli, costituzionalmente giustiziabili, non di ma al bilancio, vale a dire in favore della destinazione di risorse certe all’attuazione del contenuto minimo dei diritti
27 luglio 2018
Per la chiarezza di idee sul problema flussi migratori*
di Andrea Proto Pisani* e Giuliana Civinini**
Le grandi migrazioni determinate dalla guerra e dalla fame sono un fenomeno che interesserà tutta la nostra epoca e oltre. Per affrontarle ci vogliono chiarezza e umanità. Prioritario appare garantire l’asilo a chi ne ha diritto, riaprire i canali di migrazione regolare, evitare politiche che possono danneggiare i già precari Stati africani
26 luglio 2018
Ninna nanna per un bambino siriano, ghanese oppure marziano *
Salvini come Eichmann?*
di Alessandro Simoni
Il contratto di Governo e le esternazioni del ministro dell'Interno sembrano voler riproporre, a dieci anni esatti dall'”emergenza nomadi”, una presunzione di pericolosità su base etnica basata su grossolani stereotipi, ora riproposti anche in forme “eleganti” ammantate di “realismo” e “oggettività”. Per non farsi disorientare dal restyling di vecchie banalità, è importante aver presenti i termini effettivi del problema e gli antefatti storici
6 luglio 2018
Quando Machiavelli cantò il Magnificat ai magistrati*
di Tommaso Greco
Il diritto e la giustizia affondano le loro radici nella sofferenza degli ultimi e nella possibilità di un loro riscatto. Ce lo ricorda, forse inaspettatamente, Niccolò Machiavelli in un suo discorso pressoché dimenticato, nel quale egli, rivolgendosi ai magistrati, riprende spunti classici e religiosi
3 luglio 2018
L’asilo come diritto, un momento di riflessione sul tema dell'inclusione
L’asilo come diritto, un momento di riflessione sul tema dell'inclusione
di Carlo Sorgi
Il volume curato da Marco Omizzolo rappresenta uno dei primi tentativi seri di sistematizzare l’esperienza di un venticinquennio di accoglienza dei migranti in Italia, evidenziando l’esigenza di trasformare la migrazione da fenomeno emergenziale a progetto per la crescita e lo sviluppo economico e culturale del Paese
30 giugno 2018