home search menu
Recensione a "Mia madre", di Nanni Moretti
Magistratura e società / cinema e letteratura
Recensione a "Mia madre", di Nanni Moretti
di Bruno Capponi
Ordinario di Diritto processuale civile della LUISS Guido Carli
Le assenze più laceranti sono quelle che non vengono dalla morte, ma da come abbiamo deciso di vivere
Recensione a "Mia madre", di Nanni Moretti
La locandina del film

Mia madre è un film sulla perdita. La morte della madre – lenta, progressiva, inarrestabile – è un simbolo tragico al centro della narrazione; ma è anche un contenitore dentro cui, alla rinfusa, potranno riconoscersi le tante altre perdite che accompagnano quella che della morte dovrebbe essere l’esatto contrario (non a caso, la madre morente sembra a tratti più vitale dei suoi figli).

Margherita (alter ego di Nanni) è certamente la persona che mostra di aver subìto più perdite (non ha un compagno; per un banale allagamento rinuncia alla sua casa e si rifugia in quella della madre; apprende da quest’ultima – non s’era accorta di nulla – che la figlia aveva avuto un difficile semestre scolastico a causa di un amore infelice; afferma a chiare lettere di non sapere e capire più nulla; suggerisce agli attori una regola di recitazione – il personaggio a lato dell’attore – che lei stessa confessa di non comprendere) ma anche Turturro, attore gigione abilmente in bilico tra commedia e tragedia, confessa di girare con in tasca le foto di chi deve incontrare tutti i giorni sul set ma che una malattia ereditaria gli impedisce di riconoscere, così come di ricordare le battute del film (per l’attore l’assenza di memoria è di sicuro la più grave perdita). Turturro è un vero disastro, eppure non è un personaggio negativo. Nessuno dei protagonisti è vivo del tutto.

Lo stesso Nanni perde o ha già perso se stesso: non si sa nulla della sua vita, che evidentemente non ha o non ha più, e rinuncia anche al lavoro forse per abbandonare l’unica cosa rimastagli dopo la madre. Maniacale, tende all’assoluto. Invitato da un comprensivo funzionario a ripensare la sua scelta, perché ben difficilmente alla sua età potrà trovare un nuovo lavoro, dice che ormai ha deciso, non torna indietro: ma il perché non lo si saprà mai. Dopo la morte della madre (la perdita ultima, alla quale assiste con assiduità scientifica) non avrà più nulla ed è proprio quello che vuole. Nanni è lucido; a differenza della sorella ha capito immediatamente che l’evento si potrà ritardare, ma non evitare. Mamma sta morendo, continua a ripetere a Margherita, intendendo però che quella morte riguarda tutti.

Una voce si chiede: dove vanno a finire tutte le cose che abbiamo letto, studiato, coltivato, i libri che abbiamo raccolto in una vita e che una mano estranea, dopo di noi, potrà accarezzare senza conoscerne i contenuti? Nessuno della famiglia – men che mai la nipote, che pure qualche scolastico sforzo lo fa – sa nulla dell’amore più certo della nonna morente: la lingua latina, la cui frequentazione richiede l’uso di un certo vocabolario che dovrà esserle portato in ospedale. Proprio quello. Margherita, a letto con la figlia, afferma che lo studio del latino è importante ma non si ricorda il perché, e sorride disarmata; Nanni, nella cucina della madre mentre la nipote fa i compiti, ricorda improvvisamente una regola della costruzione latina ma non saprebbe spiegarne la ragione: lui è ingegnere (ma anche Gadda lo era). La morte è rappresentata da una serie di scatoloni buttati per terra, che chissà quando saranno caricati per chissà dove.

Nella celebrazione dell’assenza, tutti si trasferiscono a casa della madre ricoverata in ospedale; Margherita si stranisce quando la figlia utilizza l’accappatoio della nonna (sembra già venuto il tempo della successione nei beni di uso più comune), ma ancor più quando realizza che la vita quotidiana della madre, pur tanto amata, le è estranea: non sa dove conserva le bollette della luce, scopre che ordina pasti a domicilio delle cucine etniche più disparate, che frequenta “come fossero altri figli” i suoi ex studenti che vanno regolarmente a trovarla. Cosa che forse lei stessa – figlia vera – non faceva, prima della malattia. La vita della madre è piena di cose che a lei restano oscure: la madre ha conosciuto momenti di spensieratezza senza di lei, coi suoi allievi (forse i figli veri), ha addirittura danzato.

La madre nel film continuamente scompare e riappare: distesa nel letto d’ospedale, vestita di scuro sul letto di morte, in piedi davanti allo specchio mentre prova un abito modesto, nel sogno quando, in camicia da notte, evade incerta verso il traffico; ma la scena in cui soffre veramente è quando Margherita distrugge la sua utilitaria sbattendola ripetutamente contro un muro, perché la mamma non può più guidare. Non è più autonoma, non ce la fa più.

Dimessa dall’ospedale e tornata a casa, all’inizio sembra star meglio mentre impartisce lezioni di latino alla nipote; ma l’immagine che ne decreta la morte certa è quella in cui la si vede nel suo letto distesa, gonfia, immobile, già irriconoscibile. I figli la guardano e si chiedono se sia già morta, ed è morta anche se non lo è. Non ne avrà per molto.

Sarà per Nanni l’assenza definitiva, programmata e accettata, per Margherita parrebbe di no. Ma è proprio l’ultimo compagno, in un baretto desolato di periferia, a spiegarle il perché delle sue tante assenze: gli altri la evitano, nessuno sta bene con lei nel lavoro e fuori, lei guarda dall’esterno la sua stessa vita (si riconosce infatti in due giovani che litigano facendo la fila per il Capranichetta – cinema che ormai nella realtà non esiste più: altra perdita). Del resto ha per tutti un totale disinteresse e anche il buon Turturro, uomo tragico ma di vitalità esplosiva, alla fine la annoia. Lo sopporta per via del film, lo sostiene, lo accompagna; ma non vede l’ora di perderlo.

Nanni Moretti, che a volte ha mostrato doti di sorprendente preveggenza (Il Caimano, Habemus Papam), questa volta è un ragazzo precocemente invecchiato nello sforzo di ricordarci che le assenze più laceranti sono quelle che non vengono dalla morte, evento che tutti dobbiamo accettare, ma proprio da come abbiamo deciso di vivere. 

 

10 maggio 2015
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
La giornata particolare di una giuria popolare
La giornata particolare di una giuria popolare
di Oscar Magi
Una nuova recensione per La convocazione di Enrico Maisto, un film in cui l'autore passa con naturalezza dalla narrazione del registro intimo e quotidiano dei convocati a comporre la giuria a quello solenne del giuramento finale in un crescendo emotivo e intenso.
3 febbraio 2018
La convocazione, un film civile
La convocazione, un film civile
di Ilio Mannucci Pacini
La recensione al documentario di Enrico Maisto, un'opera in cui sensazioni ed emozioni esprimono il punto di vista dei cittadini comuni sull’istituzione giudiziaria e sulla giustizia
20 gennaio 2018
Quando le ombre del carcere si allungano sugli affetti
Quando le ombre del carcere si allungano sugli affetti
di Fabio Gianfilippi
Guardando le “Ombre della sera”, un film di Valentina Esposito
18 novembre 2017
Pio Amato: un nome tenero in una vicenda dura. Da ricordare, comunque
Pio Amato: un nome tenero in una vicenda dura. Da ricordare, comunque
di Ennio Tomaselli
Riflessioni su A Ciambra, il film di Jonas Carpignano prodotto da Martin Scorsese
28 ottobre 2017
La Corte, un film di Christian Vincent
“La vita in comune” di Edoardo Winspeare
“La vita in comune” di Edoardo Winspeare
di Simonetta Rubino
La recensione all'ultimo film del regista salentino presentato alla 74esima Mostra del cinema di Venezia
16 settembre 2017
Manchester by the sea
Manchester by the sea
di Isabella Mariani
La recensione al film di Kenneth Lonergan, vincitore di due premi Oscar: miglior sceneggiatura originale, miglior attore protagonista per Casey Affleck
18 marzo 2017
Arrival, un film di Denis Villeneuve
Arrival, un film di Denis Villeneuve
di Bruno Capponi
Il circolo e il tempo sono le chiavi di lettura di quest'opera presentata all'ultimo Festival di Venezia
5 febbraio 2017
Lion, la strada verso casa
Lion, la strada verso casa
di Carla Spagnuolo
La ricchezza del film sta nel trattare in modo non didascalico il tema del diritto alla conoscenza delle origini, il valore della fratria, il significato delle adozioni
21 gennaio 2017
La verità negata
La verità negata
di Patrizia Papa
Recensione a “Denial”, film del regista britannico Mick Jackson
26 novembre 2016
Newsletter


Fascicolo 1/2018
Il pubblico ministero nella giurisdizione
La responsabilità civile fra il giudice e la legge
Magistratura e società
Dialogare con il pensiero di Stefano Rodotà*
Dialogare con il pensiero di Stefano Rodotà*
di Mariarosaria Guglielmi
Dialogare con il pensiero di Stefano Rodotà è un dovere intellettuale ed anche un dovere di non rassegnazione, è un impegno per la difesa e per l’affermazione dei diritti, è un impegno per rivendicare una politica che deve renderli possibili
22 maggio 2018
Gorgona e altre isole-carcere. Soprattutto una lettura di Salvati con nome
Gorgona e altre isole-carcere. Soprattutto una lettura di Salvati con nome
di Fabio Gianfilippi
Il libro, tessuto con sensibilità da Silvia Buzzelli e Marco Verdone, è una narrazione a molte voci. Vi si racconta la specialità del progetto rieducativo che si è a lungo condotto nell'isola del Mar Ligure e che, anche se l’attualità sembra segnare tristi arretramenti, merita invece di essere proseguito e replicato altrove. Se il reato è nel suo fondo cecità all’altro e ai suoi bisogni, la pena deve avere l’obiettivo primario di condurre la persona condannata a scoprire il valore del diverso da sé.
28 aprile 2018
La miccia della liberazione*
La miccia della liberazione*
di Raniero La Valle
La giustizia e la pace sono le due grandi conquiste della lotta di Liberazione su cui è stato costruito poi l’intero edificio della nostra Costituzione. Esse non erano però solo delle stazioni di partenza ideali, ma traguardi reali da raggiungere, erano la costituzione materiale da attuare e non solo per noi, ma per tutti. Infatti sono beni comuni universali, e proprio qui, nel Mediterraneo, la giustizia e la pace hanno avuto la loro culla.
27 aprile 2018
Il 25 aprile in tre storie di resistenza
Il 25 aprile in tre storie di resistenza
di Paola Perrone
Va riconosciuto che, per chi non ha vissuto quei momenti, la valutazione del 25 aprile risulta influenzata dal senno del poi. Non tiene conto delle previsioni, aspettative, timori, sbandamenti di tutti gli italiani dell’Alta Italia, e dei partigiani in particolare, nei mesi che seguirono l’8 settembre 1943. Con uno stile che ricorda la storiografia anglosassone, Carlo Greppi cerca di dar conto col senno del prima di ciò che avvenne in quei fatidici mesi. Per farlo, sceglie di scrivere di tre personaggi e tre eventi che meglio di altri condensano insieme timori e determinazione resistenziali.
25 aprile 2018
“Con i piedi nel fango. Conversazioni su politica e verità”
“Con i piedi nel fango. Conversazioni su politica e verità”
di Paola Perrone
In questo libro-intervista, Gianrico Carofiglio parte da un valore che poi non abbandona: ogni soggetto politico deve essere consapevole del proprio agire e responsabile delle scelte che fa. Infatti «l’imperturbabilità» davanti al male «può essere una buona tecnica per il benessere personale ma non è un valore», mentre la sofferenza altrui, le discriminazioni, i grandi problemi del mondo dovrebbero essere sempre all’attenzione del politico e del cittadino, provocando in loro una «forma controllata di disagio» che li porta a scelte anche «compromissorie» pur di ottenere il risultato di attenuare quel male.
21 aprile 2018
La Scuola della magistratura e la memoria
La Scuola della magistratura e la memoria
di Luca Baiada
Con questo intervento, Questione Giustizia intende avviare una riflessione sul ruolo della giurisdizione nella cultura antifascista
13 aprile 2018