home search menu
Giurisprudenza e documenti
Discriminazione, odio razziale
e apologia del genocidio
di Maria Elena Gamberini
Giudice Tribunale Palermo

In un approccio critico e ragionato al disegno di legge in materia di negazionismo (che sanziona: “chiunque pone in essere attività di apologia, negazione, minimizzazione dei crimini di genocidio, dei crimini contro l’umanità e dei crimini di guerra”) non si può prescindere dalla verifica di quali siano, allo stato attuale della legislazione italiana, le condotte penalmente rilevanti in materia di discriminazione, odio razziale ed apologia del genocidio.

Pertanto, dopo avere affrontare la questione del negazionismo dal punto di vista della giurisprudenza della CEDU, pubblichiamo una sintesi degli orientamenti della giurisprudenza di legittimità in materia.

4 novembre 2013
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Got error 'empty (sub)expression' from regexp