home search menu
Il licenziamento nullo per illiceità della causa o frode alla legge
Giurisprudenza e documenti
Il licenziamento nullo per illiceità della causa o frode alla legge
di Marco Vitali
tirocinante presso la Corte d’Appello di Bologna, Sezione lavoro
Con la sentenza n. 687 del 4 novembre 2016, il Tribunale di Vicenza ha dichiarato la nullità di un licenziamento per giustificato motivo oggettivo poiché intimato in frode alla legge, ai sensi dell’art. 1344 cc, ed ha applicato la tutela reintegratoria prevista al comma 1 dell’art. 18 Statuto dei lavoratori, nel testo modificato dalla legge n. 92/2012. Il caso induce ad alcune riflessioni attorno alla novella introdotta con il d.lgs n. 23/2015 che ha elevato a regola la tutela indennitaria, escludendo del tutto la tutela reintegratoria per i licenziamenti per giustificato motivo oggettivo. Nonostante la restrizione delle tutele così attuata, le categorie civilistiche della nullità – in particolare l’illiceità della causa – devono ritenersi operanti nella materia dei licenziamenti

1. La fattispecie concreta

Il caso esaminato dal Tribunale di Vicenza ha ad oggetto un licenziamento intimato nel settembre 2015 all’impiegata di una farmacia e giustificato dalla situazione di «esubero del personale» e «dalla necessità di riorganizzare più razionalmente l’organico della farmacia».

2. La ratio decidendi adottata dal tribunale

La lavoratrice ha agito in giudizio deducendo la nullità del licenziamento, poiché in frode alla legge e, in subordine, l’illegittimità dello stesso per difetto del giustificato motivo oggettivo addotto.

Il giudice ha ritenuto che il licenziamento intimato dal datore di lavoro per giustificato motivo oggettivo fosse nullo in quanto elemento di una complessa fattispecie elusiva, volta ad ottenere la sostituzione della ricorrente con altra lavoratrice, la cui assunzione potesse garantire l’applicazione del beneficio contributivo introdotto dall’art. 1, commi 118-124, della legge n. 190 del 2014, in assenza dei presupposti richiesti da questa legge, cioè senza alcun incremento dell’occupazione stabile. Come si evince dalla sentenza, la norma sopra citata è stata introdotta con l’obiettivo di promuovere forme di occupazione stabile prevedendo, per un periodo massimo di trentasei mesi, l’esonero dal versamento dei contributi previdenziali a carico dei datori di lavoro, qualora procedano a nuove assunzioni con contratto di lavoro a tempo indeterminato (contratto cd. a tutele crescenti). Tale esonero, come precisato dal Tribunale di Vicenza, non può quindi competere ai datori di lavoro che pongano in essere «comportamenti elusivi precostituiti allo scopo non di realizzare nuove assunzioni bensì di ottenere illegittimi risparmi sul costo del lavoro». Nell’esaminare la fattispecie concreta, il giudice ha individuato precisi indici rilevatori del carattere elusivo della condotta datoriale: in primo luogo, la prossimità temporale tra l’assunzione della nuova lavoratrice con le agevolazioni contributive e il licenziamento della ricorrente, avvenuto a circa un mese di distanza; inoltre, la corrispondenza dell’inquadramento contrattuale delle due, entrambe impiegate di primo livello, e l’identità delle mansioni alle medesime assegnate e di fatto svolte, cioè collaboratore di farmacia; infine, «l’evanescenza dei motivi posti a base del licenziamento», posto che la situazione di esubero di personale era stata determinata dal medesimo datore di lavoro attraverso l’assunzione effettuata. Il Tribunale ha ricondotto il licenziamento intimato in frode alla legge, agli «altri casi di nullità previsti dalla legge», per i quali l’art. 18 comma 1 dello Statuto dei lavoratori, nel testo modificato dalla legge n. 92 del 2012, prevede la tutela reintegratoria piena.

3. L’uso delle categorie di nullità civilistica

La sentenza in esame appare particolarmente significativa per lo sforzo compiuto nella ricostruzione della complessiva condotta datoriale, non limitata al singolo provvedimento di recesso ma estesa alla complessiva operazione posta in essere dalla società e tale da far emergere l’attuazione di una strategia elusiva sia delle finalità proprie della legge n. 190 del 2014 e sia della causa concreta del licenziamento per giustificato motivo oggettivo, con la necessaria inclusione, nel perimetro di verifica e controllo giudiziale, anche dei motivi alla base della condotta datoriale di recesso.

Il giudice, di fronte al difetto di prova, di cui era onerata parte datoriale, in ordine al motivo oggettivo addotto, avrebbe potuto interrompere la propria indagine, dichiarare l’illegittimità del licenziamento ed applicare la disciplina dettata dall’art. 18 comma 7 dello Statuto dei lavoratori, come modificato dalla legge n. 92 del 2012, con le conseguenze risarcitorie di cui al quarto o quinto comma del citato art. 18 a seconda che avesse ritenuto la manifesta insussistenza del fatto posto a base del licenziamento oppure l’insussistenza degli estremi del giustificato motivo oggettivo. Il tribunale ha invece ritenuto doveroso condurre l’indagine ad uno step ulteriore e, quindi, “scomodare” le categorie civilistiche generali. Ravvisando una frode alla legge, il giudice ha sancito la nullità del licenziamento, ai sensi degli artt. 1418 e 1344 cc, applicando la cd. tutela reale “piena” di cui al comma 1 dell’art. 18.

4. L’impatto del decreto legislativo n. 23 del 2015

Il caso in esame induce ad alcune riflessioni attorno alla novella introdotta con il d.lgs n. 23/2015, che ha previsto un nuovo regime regolativo della tutela in caso di licenziamento illegittimo, determinando quello che è stato definito come un importante, e peggiorativo, «cambiamento di paradigma»[1] nel diritto del lavoro italiano. La nuova disciplina ha provocato una sensibile restrizione dei casi in cui trova applicazione la tutela reintegratoria, ora limitata alle ipotesi di licenziamento dichiarato nullo (art. 2, comma 1, d.lgs n. 23/2015), poiché discriminatorio o riconducibile «agli altri casi di nullità espressamente previsti dalla legge», nonché ai casi di recesso inefficace perché intimato in forma orale. Al contrario, allorché si accerti l’insussistenza della giusta causa o del giustificato motivo (art. 3, comma 1, d.lgs n. 23/2015), al lavoratore è riconosciuta esclusivamente una tutela indennitaria, con un residuo spazio di tutela reintegratoria in caso di licenziamento intimato per giusta causa o giustificato motivo soggettivo, ove sia «direttamente dimostrata in giudizio l’insussistenza del fatto materiale contestato» (art. 3, comma 2, d.lgs n. 23/2015). Il legislatore, in un quadro di sostanziale residualità dei rimedi ripristinatori, ha escluso del tutto la tutela reintegratoria per i «licenziamenti economici»[2], sostituendola con un indennizzo monetario crescente con l’anzianità di servizio. Ciononostante, parte della dottrina ha provato ad individuare, all’interno della riforma strutturale dei licenziamenti illegittimi, alcuni «pertugi interpretativi volti a mantenere, (…), aperta la possibilità di applicare la tutela reale»[3] anche ai licenziamenti economici.

5. Il licenziamento nullo

Con riferimento alla nullità del licenziamento, il d.lgs n. 23/2015, art. 2 comma 1 sembra discostarsi dall’art. 18, comma. 1 dello Statuto dei lavoratori, poiché si riferisce esclusivamente «agli altri casi di nullità espressamente previsti dalla legge». L’interpretazione letterale, che trova il proprio fondamento nell’uso dall’avverbio «espressamente», condurrebbe, quindi, alla «inutilizzabilità degli ordinari rimedi civilistici oltre i casi tassativamente indicati dalla legge di licenziamento nullo»[4], con conseguente attrazione nella regola generale dettata dall’art. 3, comma 1, del d.lgs n. 23/2015 di tutte le ipotesi in cui la sanzione della nullità non fosse «espressamente» sancita dalla legge. Una simile impostazione appare, effettivamente, non sostenibile, anzitutto dal punto di vista sistematico perché produrrebbe l’effetto di «estendere il campo di applicazione relativo al rimedio indennitario ai casi di licenziamento nullo non “espressamente” previsti dalla legge (secondo quanto dispone l’art. 2, co. 1)»[5], introducendo una distinzione tra nullità espressamente previste e nullità non espressamente previste priva di substrato logico e, peraltro, non contemplata nella delega di cui alla legge n. 183/2014. Non vi è alcuna plausibile ragione logica e giuridica per cui dovrebbe escludersi l’operare nel diritto del lavoro, e nella materia dei licenziamenti in particolare, delle nullità che se pure non espressamente previste tuttavia siano riconducibili alle categorie civilistiche di contrarietà a norme imperative (art. 1418 cc), illiceità della causa (art. 1343 cc), frode alla legge (art. 1344 cc), e illiceità dei motivi (art. 1345 cc), risultando la tutela reintegratoria, con buona pace dell’avverbio impropriamente adoperato, la sola compatibile con la «diversa categoria di disvalore giuridico»[6] che caratterizza le fattispecie inquadrabili in siffatte norme civilistiche.

La fattispecie decisa dal Tribunale di Vicenza appare assolutamente emblematica in quanto rivela come il sezionare la condotta datoriale e leggere la stessa mettendo a fuoco solo il risultato delle scelte imprenditoriali possa condurre, in particolare nel contesto normativo introdotto dal d.lgs n. 23/2015, a decretare una illegittimità, con conseguente tutela indennitaria, anche laddove si annidano violazioni cariche di così grave disvalore giuridico da determinare, in base ai principi generali di diritto civile a cui non può dirsi estraneo il settore lavoristico, una radicale nullità. Il datore di lavoro vicentino era riuscito a realizzare il risultato di sostituire una lavoratrice più costosa con un’altra meno costosa, in quanto assunta in regime di agevolazione contributiva. La giurisprudenza di legittimità, anche quella più recente in materia di giustificato motivo oggettivo, è netta nell’affermare che «non vi è effettiva soppressione del posto di lavoro nel caso in cui avvenga una mera sostituzione del dipendente licenziato con altro lavoratore assunto a minor costo, perché retribuito meno per lo svolgimento di identiche mansioni» essendo vietato proprio il «perseguire il profitto (o il contenimento delle perdite) solo mediante un abbattimento del costo del lavoro realizzato con il puro e semplice licenziamento di un dipendente (…) dovuto esclusivamente al bisogno di sostituirlo con un altro da retribuire meno»[7]. Tuttavia, se il tribunale avesse analizzato la condotta datoriale di recesso senza il filtro delle categorie civilistiche, non ne avrebbe colto il disvalore specifico, di carattere frodatorio, tale da realizzare non solo l’indebita percezione degli sgravi contributivi in relazione alla nuova assunzione (non destinata a tradursi in un effettivo incremento occupazionale ma unicamente strumentale al fine di una riduzione del costo del lavoro alle dipendenze della farmacia) ma, per quanto specificamente interessa ai fini della nostra analisi, un utilizzo del potere di recesso per finalità del tutto diverse da quelle per cui tale potere è riconosciuto al datore di lavoro.

Non può infatti trascurarsi come le recenti riforme abbiano lasciato intatta la struttura logico-giuridica del licenziamento come atto causale, necessariamente sorretto, in base alle previsioni di cui all’art. 1 della legge n. 604/1966, da una giusta causa o un giustificato motivo[8]. E se è indubbio che la carenza di tali requisiti determini l’illegittimità del recesso, non può ritenersi precluso un passo ulteriore, come quello compiuto dal Tribunale di Vicenza, idoneo a traghettare la violazione datoriale sul terreno della nullità laddove il potere di recesso risulti esercitato, non solo in difetto, ad esempio, di valide ragioni economiche ed organizzative, ma per finalità di frode alla legge oppure in contrasto con la causa stessa del potere, quindi in modo arbitrario ossia con «abuso del diritto»[9]. In proposito, appare particolarmente pertinente il richiamo alla categoria della illiceità della causa (art. 1343 cc), intesa, secondo la concezione ormai prevalente, come causa in concreto[10], corrispondente alla funzione economico-individuale del contratto, ossia sintesi dei contrapposti interessi reali che le parti intendono realizzare anche al di là del modello tipico utilizzato[11]. Secondo tale orientamento, la discrezionalità riconosciuta dall’ordinamento giuridico al datore di lavoro nell’esercizio del potere di licenziare dovrebbe esplicarsi in coerenza con la causa del negozio di recesso e, considerato che lo scopo tipico di questo non può identificarsi nella mera estinzione del rapporto di lavoro, «ma nel suo scioglimento in presenza di ragioni tecnico-produttivo-organizzative (oggettive)»[12], una eventuale contraddizione tra la finalità tipica dell’atto e l’interesse che il datore di lavoro ha in concreto perseguito – causa in concreto, appunto – non può che determinare la nullità del licenziamento ai sensi degli artt. 1343 e 1418 cc. Si potrebbe così contenere la tentazione datoriale di convogliare sul licenziamento per ragioni economiche, in virtù della garanzia di una tutela solo indennitaria, tutte le concrete ragioni di recesso, ed evitare che la frattura di regole basilari nell’ordinamento, come quella provocata dall’abuso del potere o dalla frode alla legge, possa essere riparata da una semplice monetizzazione.

 


[1] Così A. Perulli, Il contratto a tutele crescenti e la Naspi: un mutamento di “paradigma” per il diritto del lavoro?, in Contratto a tutele crescenti e Naspi, Giappichelli, Torino, 2015, p. 39.

[2] Vds. legge delega, art. 1, comma 7, lett. c), legge n. 183/2014.

[3] Così A. Perulli, op cit., p. 39.

[4] Così A. Perulli, op. ult. cit, p. 40.

[5] Così A. Perulli, op. ult. cit, p. 40; Vds. C. Ponterio, Licenziamento illegittimo per assenza di giustificato motivo oggettivo e licenziamento pretestuoso, in Questione giustizia trimestrale, Fascicolo n. 3/2015; S. Ortis, Il fatto e la sua qualificazione: dalla querelle della riforma Fornero ai nodi irrisolti del Jobs act, in Rivista Italiana del Diritto del Lavoro, Fascicolo n. 1/2016, pp. 145 ss.

[6] Così A. Perulli, op. cit., pp. 40 ss.; Si vedano altresì S. Ortis, ivi, pp. 145 ss.; V. Speziale, Il contratto a tempo indeterminato a tutele crescenti tra Costituzione e diritto europeo, in Rivista Italiana di Diritto del Lavoro, Fascicolo n. 1/2016, pp. 111 ss.

[7] Cfr. Cass., n. 25201/16; Cass., n. 13516/2016; Cass., n. 3899/2001; Cass., Sez. unite, n. 3353/1994.

[8] Così A. Perulli, op. cit., p. 42. Si veda altresì l’art. 30 della Carta dei diritti fondamentali dell’Unione Europea, secondo la quale «Ogni lavoratore ha il diritto alla tutela contro ogni licenziamento ingiustificato, conformemente al diritto comunitario e alle legislazioni e prassi nazionali».

[9] Cfr. A. Perulli, op. ult. cit., p. 42; L. Perina e S. Visonà, Il licenziamento per giusta causa o giustificato motivo: dottrina e giurisprudenza alla ricerca di un punto di equilibrio nella nuova disciplina del novellato art. 18, in La riforma del mercato del lavoro, Il nuovo diritto del lavoro, vol. IV, diretto da L. Fiorillo e A. Perulli, Giappichelli, 2014, pp. 226 ss.

[10] Ormai consolidata sia in dottrina che in giurisprudenza, cfr. G. B. Ferri, Causa e tipo nella teoria del negozio, Giuffrè, Milano 1966, p. 252, che parla di «funzione economico-individuale del contratto», nonché C. M. Bianca, Il contratto, in Diritto civile Vol. 3, Giuffrè, Milano, 1991, p. 425, che si rifà alla «ragione concreta del contratto»; Vds. altresì Cass., n. 10490/2006; Cass., Sez. unite, n. 26972/2008.

[11] Vds. Cass., n. 10490/2006.

[12] Cfr. C. Ponterio, cit.; Vds. altresì l'ordinanza emessa dal Tribunale di Trento ai sensi dell’art. 1, comma 49, della legge n. 92/2012 nel procedimento n. 37/2015.

11 ottobre 2017
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Principio di effettività e diritto del lavoro
Principio di effettività e diritto del lavoro
di Giovanni Armone
Il principio di effettività, elaborato dalla Corte di giustizia per assicurare piena attuazione agli strumenti normativi dell’Ue privi di efficacia diretta, stenta a trovare applicazione nell’ambito del diritto del lavoro, nonostante una importante corrente di pensiero ne abbia da tempo sottolineato il radicamento nei valori costituzionali. Consapevole della crisi attraversata dal diritto del lavoro e dai suoi formanti, dottrinale e giurisprudenziale, il saggio tenta di verificare, attraverso tre esercizi applicativi su tematiche di attualità (contratti a termine, poteri officiosi del giudice e licenziamenti illeciti), se il principio di effettività possa far riacquistare al diritto del lavoro la sua tradizionale capacità di lettura della realtà sociale e di interpretazione dei cambiamenti. Il tentativo è condotto suggerendo che tale rivalutazione possa avvenire inducendo il diritto del lavoro a reimparare dal diritto civile un uso più rigoroso delle categorie e ponendole, opportunamente innervate dai principi del diritto dell’Ue, a servizio di quei valori personali che del diritto del lavoro costituiscono da sempre la cifra identificativa.
24 aprile 2018
Il controllo datoriale delle comunicazioni elettroniche del lavoratore dopo la sentenza <i>Barbulescu 2</i> della Cedu
Il controllo datoriale delle comunicazioni elettroniche del lavoratore dopo la sentenza Barbulescu 2 della Cedu
di Francesco Buffa
La sentenza Barbulescu c. Romania del 5 settembre 2017 della Grande Camera della Corte Edu, in riforma del precedente della Camera semplice del 12 gennaio 2016, riscrive le linee fondamentali di protezione del lavoratore dal controllo datoriale sulle e-mail aziendali
18 ottobre 2017
Discriminazioni per età: Cenerentola ha perso per sempre la sua scarpetta
Discriminazioni per età: Cenerentola ha perso per sempre la sua scarpetta
di Federico Grillo Pasquarelli
Con l’attesa sentenza sul caso Abercrombie la Corte di giustizia Ue ha dichiarato che il contratto di lavoro intermittente – che, in base all’art. 34 d.lgs 276/2003, poteva essere concluso “in ogni caso” con soggetti di età inferiore a 25 anni – e persino la sua cessazione automatica al compimento dei 25 anni, non contrastano con la Direttiva 2000/78 e con il principio di non discriminazione per ragioni di età: la sentenza, che trascura la precedente giurisprudenza della stessa Cgue, non convince sotto vari profili
2 ottobre 2017
Discriminazione diretta per orientamento sessuale e organizzazioni di tendenza (nota a Corte d’appello di Trento, 23 febbraio 2017)
Discriminazione diretta per orientamento sessuale e organizzazioni di tendenza (nota a Corte d’appello di Trento, 23 febbraio 2017)
di Elisabetta Tarquini
La sentenza che si commenta, e che ha ritenuto discriminatorio per ragioni di orientamento sessuale il mancato rinnovo di un contratto a termine a un’insegnante di una scuola paritaria cattolica, prosegue la complessa opera di rivisitazione, o forse di ricostruzione, dei propri orientamenti avviata dalla giurisprudenza nazionale in ordine all’estensione e ai limiti dei divieti di discriminazione.
20 luglio 2017
Diritto di critica del lavoratore, suoi  limiti ed esercizio, alla luce dell’evoluzione giurisprudenziale.
Commento alle sentenze n. 996/17 e n. 4125/2017 della Sezione Lavoro della Cassazione
Diritto di critica del lavoratore, suoi limiti ed esercizio, alla luce dell’evoluzione giurisprudenziale. Commento alle sentenze n. 996/17 e n. 4125/2017 della Sezione Lavoro della Cassazione
di Piero Rocchetti
Il percorso interpretativo della suprema Corte in tema di diritto di critica del lavoratore nei confronti del datore di lavoro, sino a due recentissime sentenze in tema
17 maggio 2017
La sottile linea tra legalità e sfruttamento nel lavoro*
La sottile linea tra legalità e sfruttamento nel lavoro*
di Roberto Riverso
Non si può pensare di risolvere i problemi della legalità del lavoro soltanto cambiando le regole: la questione è più complessa, perché lo scarto tra essere e dover essere nel mondo del lavoro interpella molti attori responsabili, compresa la giurisdizione. Se si vuole un recupero della mortificata legalità, prima delle leggi ci vogliono i comportamenti. L’applicazione della legge, nel settore del diritto del lavoro, è contagiosa, innesca cioè meccanismi virtuosi con effetti benefici non solo per i diritti soggettivi ed irrinunciabili del singolo lavoratore, ma piuttosto per l’intera filiera produttiva e per l’intera società
28 aprile 2017
Il licenziamento per giustificato motivo oggettivo: dalla ragione economica alla ragione organizzativa
Il licenziamento per giustificato motivo oggettivo: dalla ragione economica alla ragione organizzativa
di Giuseppe Santoro-Passarelli
La Rivista torna sulla definizione delle ragioni giustificatrici del licenziamento per giustificato motivo oggettivo dopo la sentenza n. 25201/2016
12 aprile 2017
Intermediazione e sfruttamento del lavoro. Una riforma importante, passata in sordina
Intermediazione e sfruttamento del lavoro. Una riforma importante, passata in sordina
di Simone Perelli
Con l'introduzione della nuova fattispecie delittuosa dell'art. 603-bis cp il Legislatore ha segnato un cambio di passo rispetto alle recenti riforme che negli ultimi anni hanno segnato il mondo del lavoro con l’eliminazione della tutela reale del lavoratore e il ridimensionamento (ulteriore) dei poteri di intervento al giudice del lavoro. Ma una buona legge non basta per risultati apprezzabili
31 marzo 2017
In ricordo di Sergio Mattone
In ricordo di Sergio Mattone
di Rita Sanlorenzo
In occasione del convegno «La tutela effettiva dei diritti nel giusto processo» dedicato alla memoria di Sergio Mattone, pubblichiamo un suo articolo comparso sul n. 6 del 2006 di Questione Giustizia. Gli anni trascorsi da quello scritto non ne appannano la lucidità di visione e il coraggio delle proposte
29 marzo 2017
Licenziamento collettivo e discriminazione per età
Licenziamento collettivo e discriminazione per età
di Jennifer Michelotti
Commento alla sentenza della Corte di appello Firenze, Sezione Lavoro (6 settembre 2016). L'impiego del criterio di anzianità per delimitare l'area di eccedenza di personale in una procedura di licenziamento collettivo costituisce discriminazione
27 marzo 2017
Newsletter


Fascicolo 4/2017
L’orgoglio dell’autogoverno
una sfida possibile per i 60 anni del Csm
Giurisprudenza e documenti
Dissequestrata la nave Open Arms: soccorrere i migranti non è reato
Dissequestrata la nave Open Arms: soccorrere i migranti non è reato
di Marco Patarnello
Pur nella difficoltà di trovarsi al centro del Mediterraneo nel disinteresse molto interessato del resto d’Europa e nella preoccupazione di divenire la meta di ogni migrante, con la decisione del gip di Ragusa l’Italia si sforza di non interrompere il collegamento fra diritto e umanità.
19 aprile 2018
Processo Cappato, tra diritto di morire e reato di aiuto al suicidio. La questione è rimessa alla Corte costituzionale
Campi libici, l'inferno nel deserto. La sentenza della Corte di assise di Milano
Campi libici, l'inferno nel deserto. La sentenza della Corte di assise di Milano
La qualità delle indagini e della loro resa dibattimentale, insieme alla ritenuta credibilità delle dichiarazioni delle persone offese, ha confermato, secondo i giudici dell’assise, un contesto di privazione della libertà dei migranti e di violenze di ogni tipo che scolpisce una realtà che per la sorte dei diritti umani è fondamentale non ignorare.
3 aprile 2018
Il sequestro della nave Open Arms: è reato soccorrere migranti in pericolo di vita?
Il sequestro della nave Open Arms: è reato soccorrere migranti in pericolo di vita?
di Simone Perelli
Dopo l’intervento del gip di Catania che ha escluso il fumus dell’associazione per delinquere nei confronti degli appartenenti alla ong Open Arms, è importante interrogarsi sulla sussistenza del reato di cui all’art. 12, comma 3, d.lgs 286/98: è configurabile nei confronti dei volontari che partecipano alle operazioni di soccorso se non concorrono nelle azioni delittuose dei trafficanti che caricano i migranti sui gommoni? La risposta negativa è preferibile per l’operatività della causa di giustificazione.
31 marzo 2018
Reato di scarico di acque reflue industriali oltre i limiti tabellari: metodiche di campionamento e punto di prelievo
Concorrenza tra banche e diffusione di informazioni denigratorie e vere
Concorrenza tra banche e diffusione di informazioni denigratorie e vere
di Aldo Angelo Dolmetta
Prendendo spunto da un caso contenzioso, in cui una banca aveva agito per ottenere il risarcimento del danno derivante dalla condotta di una sua concorrente, che aveva diffuso in una propria pubblicazione periodica il suggerimento di non partecipare all’aumento di capitale della prima (comportamento che la banca attrice qualificava come atto di concorrenza sleale ex art. 2598 cc), il contributo analizza la rilevanza attuale dell’exceptio veritatis quale presupposto di liceità della diffusione al pubblico, da parte di un’impresa, di informazioni denigratorie su un proprio concorrente. In particolare, lo scritto evidenzia la progressiva apertura del diritto vivente verso l’attribuzione di un effetto scriminante alla verità della notizia denigratoria; apertura che però continua a intendere il fatto denigratorio tra concorrenti come dotato di rilevanza meramente negativa (come elemento, cioè di esclusione dell’antigiuridicità di una condotta in sé disapprovata), e non già – ciò che invece si auspica – come dinamica fisiologica e approvata dall’ordinamento, nella prospettiva della promozione di un superiore livello di trasparenza del sistema finanziario.
26 marzo 2018