home search menu
Luci e ombre del disegno di legge che riforma l’ordinamento giudiziario minorile e familiare
Leggi e istituzioni / ordinamento giudiziario
Luci e ombre del disegno di legge che riforma l’ordinamento giudiziario minorile e familiare
di Francesco Mazza Galanti
Presidente della Sezione Famiglia del Tribunale di Genova
Verso l'istituzione della sezione specializzata famiglia e minori

LO SPECIALE: IL FUTURO DELLA GIUSTIZIA PER LA FAMIGLIA E I MINORI

La soppressione del Tribunale per i minorenni (e della Procura della Repubblica presso il suddetto Tribunale) e il suo accorpamento presso il Tribunale ordinario nell'ambito di una “nuova” Sezione distrettuale specializzata per la persona, la famiglia e i minori sembra ormai cosa fatta. E, infatti, giovedì 10 marzo, dopo un dibattito durato pochi giorni, la Camera dei Deputati ha approvato il Disegno di legge delega n. 2953, avente ad oggetto “disposizioni per l’efficienza del processo civile” che ha scelto di riformare in uno stesso testo la materia delle imprese e quella della famiglia e dei minori. 

Nel lontano 2003, il tentativo del Ministro Castelli di abolire il Tribunale minorile (in forza di un disegno di legge assai rozzo, finalizzato tra l’altro ad eliminare la composizione mista del giudice minorile, senza preoccuparsi di garantire la esclusività delle funzioni e di delineare le linee di una necessaria riforma dei procedimenti minorili), naufragò del tutto casualmente in quanto un certo numero di parlamentari, che in allora sostenevano il Governo, votarono a favore della pregiudiziale eccezione di incostituzionalità formulata dalle opposizioni.

Corre l’obbligo di ricordare che, all’epoca, la progettata riforma era almeno in parte il frutto di una improvvisata politica governativa che, anche sulla scia di una campagna mediatica di inusitata aggressività, mirava a presentare all’opinione pubblica il Tribunale per i minorenni quale responsabile di una politica giudiziaria volta a realizzare l’indiscriminato allontanamento di bambini dalle loro famiglie di origine. In altre parole, il giudice minorile veniva (del tutto impropriamente) rappresentato come il “braccio esecutivo” dei servizi sociali che, per finalità inconfessate, avrebbero tradito il loro compito istituzionale di sostenere le famiglie in difficoltà. Inoltre, in quello stesso periodo, anche l’attività riguardante il settore delle adozioni veniva sottoposto a critiche ingiustificate, dolendosi una certa parte politica del fatto che la famiglie (potenzialmente) adottive incontrassero troppi ostacoli nel conseguimento dell’idoneità all’adozione. In sostanza, si era manifestata nel paese una diffusa tendenza, frutto di una cultura che Pasquale Andria ha definito “neo-liberista”, la quale, rovesciando la prospettiva costituzionale della tutela del minore, era dedita ad una vera e propria aggressione nei confronti di una giurisdizione  specializzata che sarebbe stata troppo invasiva e assai poco rispettosa dell’autonomia della famiglia.

Non si può peraltro sottacere il fatto che, a quei tempi, molto più di ora, la maggior parte dell’avvocatura era ferocemente ostile al modo in cui la giurisdizione minorile veniva esercitata, lamentando (spesso non a torto) la mancanza di un effettivo contraddittorio e, in definitiva, la violazione del diritto di difesa nell’ambito del processo civile minorile.

Nel contesto di un dibattito ormai più che trentennale si sono chiaramente delineate due linee contrapposte: quella che prevede il rafforzamento della originaria struttura e l’assorbimento in essa dei giudici ordinari che si occupano del diritto di famiglia e delle persone (un’ipotesi non a caso privilegiata dalla più parte dei magistrati minorili), e quella, che al momento pare prevalere, di istituire una Sezione specializzata del Tribunale Ordinario attribuendo ad essa le competenze del Tribunale per i minorenni e quelle del Tribunale Ordinario in materia di famiglia, minori e persone (ivi compresa, quindi, la volontaria giurisdizione di competenza del Giudice Tutelare). Tale ultima ipotesi incontra il favore di parte di alcuni giudici ordinari che si sono occupati di questo settore (da ultimo possono essere richiamati gli scritti di Fabrizio Amato e di Giuliana Civinini), di autorevole dottrina (si v. gli scritti di Dogliotti e di Proto Pisani) e, in verità, anche di magistrati che hanno lavorato o ancora lavorano presso il Tribunale per i minorenni (si v. gli scritti di Ghiara, Monteverde e Sergio).

La stessa Commissione Ministeriale per lo studio dei problemi ordinamentali della giustizia minorile (presieduta da Gino Fadiga), nel lontano 1994, aveva formulato una duplice previsione, nel senso che si è sopra esposto, lasciando “doverosamente ad altre sedi la scelta definitiva”

Come è noto, anche l’attuale Governo aveva inizialmente abbracciato l’ipotesi di realizzare un Tribunale Distrettuale “specializzato” avente ad oggetto la materia della persona, della famiglia e dei minori ma, in un secondo tempo, per ragioni che non sono state esplicitate, in seno alla Commissione Giustizia hanno prevalso altre logiche.

Il fatto che l’abolizione dei tribunali minorili sia inserito in un disegno riformatore che (ancora una volta) si propone l’auspicabile obiettivo di rendere maggiormente efficiente il processo civile, dovrebbe presupporre che gli attuali organi giudiziari minorili siano inidonei a realizzare quelle finalità (essenzialmente, perseguire il “migliore interesse del minore”, nel rispetto della normativa nazionale e internazionale) che l’ordinamento affida loro. In verità, al di là del fatto che non risulta essere stato effettuato un serio studio volto a verificare nel concreto le modalità di funzionamento dei singoli Tribunali per i minorenni e i risultati da essi conseguiti, non sembra proprio potersi affermare che essi abbiano dato prova di inefficienza (prova ne è che alcune componenti dell’avvocatura associata si sono pronunciate in senso contrario al Disegno di legge n. 2953).

Tutto ciò premesso, posto che il tema della riforma della giustizia minorile in Italia è dibattuto da oltre trent’anni, non si può non riconoscere che la finalità perseguita dal disegno di legge in questione, unificare in un solo ufficio le variegate competenze esistenti in materia di minori e di famiglia, è anche l’obiettivo per cui l’Associazione dei magistrati per i minorenni e la famiglia e tante altre associazioni (forensi e non) si sono battute in questi anni. Non si vuole pertanto “demonizzare” a priori la riforma di cui si discute, i cui meriti sono stati puntualizzati in quest’intervento di Francesco Micela. In tale intervento sono state però evidenziate anche le carenze più significative, a cominciare da quelle riguardanti le Procure minorili, sulle quali non mi soffermo potendosi fare rinvio a tutto quanto è già stato scritto da Cristina Maggia (e da altri) anche qui.

In verità il nodo di fondo che, peraltro, nessuno almeno sin qui è stato in grado di sciogliere in modo convincente, è se un così enorme settore della giurisdizione (comprendente non solo il diritto civile della famiglia e dei minori, ivi compresa la volontaria giurisdizione tutelare, ma anche i settori del diritto minorile amministrativo, penale e penitenziario), sia più adeguatamente gestibile da una Sezione Distrettuale e Circondariale del Tribunale Ordinario o, invece, da un Tribunale “specializzato” a se stante, ripercorrendo la logica ordinamentale del Tribunale di Sorveglianza.

Onestamente, per quanto mi riguarda, dopo avere lavorato sia al Tribunale per i minorenni che al Tribunale Ordinario (per più anni anche nella Sezione Famiglia), in questi ultimi tempi avevo maturato un sincero apprezzamento per lo status quo, ritenendo semmai preferibile concentrare le ipotesi di riforma sulla procedura civile minorile. Inoltre, soprattutto a seguito della più recente riforma (che ha restituito al Tribunale una serie consistente di procedimenti di famiglia a lungo in precedenza gestiti dal Tribunale per i minorenni), mi è parso, da un lato, che ciò avesse consentito (almeno nei Tribunali Ordinari medio-grandi) il consolidamento di vere e proprie “Sezioni Famiglia” sufficientemente specializzate, dall’altro che le competenze “minorili” (civili) ridotte all’essenziale (adozione e limitazioni o ablazione della responsabilità genitoriale) ben potessero essere meglio affrontate dal Tribunale per i minorenni (all’interno del quale, mi sento di dire, è assai cresciuto il rispetto per le esigenze difensive), unitamente alle restanti competenze non civilistiche.

In proposito, appare sensato ritenere che potere affrontare tali delicate  materie in un contesto protetto e separato da quello convulso che caratterizza la magistratura ordinaria (anche di famiglia), fortemente contaminato dalle questioni economiche e, talora, condizionato dall’esigenza di affrontare altri rilevanti emergenze ma di tipo diverso (basti pensare, in oggi, alla materia della protezione internazionale), costituisce una condizione di base maggiormente favorevole ad una effettiva tutela delle esigenze minorili.

D’altra parte tale situazione ordinamentale esiste anche in altri paesi europei e, a quanto si è compreso, laddove esso è stato abolito i risultati del trasferimento delle competenze al Tribunale Ordinario non sembrano essere stati positivi (si v. sul punto il recente intervento di Joseph Moyersoen).

Venendo ad alcune brevi considerazioni riguardanti il disegno di legge in esame, non si comprende come, presso i Tribunali Circondariali, possano essere create Sezioni specializzate per la materia famigliare e minorile, quando notoriamente questi giudici devono affrontare insieme alle cause (numericamente minoritarie) riguardanti questo settore numerosi altri procedimenti che riguardano materie di tutt’altro genere. E, infatti, la stessa relazione di accompagnamento al Disegno di Legge Delega è costretta a riconoscere che “in tali sezioni potrà non essere sempre garantito (…) l’esercizio in via esclusiva delle funzioni specializzate”.

Anche i profili organizzativi e logistici destano comprensibili preoccupazioni, non essendo chiaro come una riforma che ancora una volta si pretende “a costo zero” (“ovvero senza determinare nuovi oneri”, così testualmente la citata relazione) possa consentire una efficace “razionalizzazione e riorganizzazione degli stessi Tribunali”. A prescindere dalla certamente problematica ricollocazione dei magistrati e del personale amministrativo proveniente dal Tribunale per i minorenni e dalla annessa Procura negli angusti spazi attualmente offerti dai nostri palazzi di giustizia,  non è facile immaginare come la giurisdizione della nuova Sezione Distrettuale potrà essere esercitata in spazi e locali adeguati alle esigenze dei minori di età. Insomma, permane non ingiustificato il dubbio che l’attuale riforma sia finalizzata soprattutto a realizzare significativi risparmi di spesa piuttosto che a rafforzare la tutela dei minori in ambito giudiziario.

Come recentemente auspicato da Cesare Castellani, al fine di evitare che le risorse umane sin qui destinate alla “giustizia dei minori” si disperdano a causa di non condivise previsioni tabellare, sarebbe importante che le nuove Sezioni specializzate venissero costituite “sul modello della Sezione lavoro”. Da ciò, tra l’altro, discenderebbe che la nomina del Presidente della Sezione specializzata per la persona, la famiglia e i minori sarebbe effettuata dal Consiglio Superiore della Magistratura.

Certamente importante è la previsione della legge delega (si v. l’art. 1, lett b), n. 2 septies) di disciplinare il rito dei procedimenti assegnati alla istituenda Sezione distrettuale “secondo criteri di tendenziale uniformità, speditezza e semplificazione, con specifica attenzione alla tutela dei minori e alla garanzia del contraddittorio tra le parti”, e di dettare “una disciplina omogenea” per i procedimenti in materia di separazione e divorzio giudiziale “e in materia di filiazione fuori dal matrimonio” (si v. n. 2 septies.1). E, tuttavia, come segnalato da Gino Fadiga, non appare coerente con la esigenze di semplificazione del sistema avere mantenuto l’attuale formazione del Collegio (composto da quattro giudici in primo grado e addirittura cinque in appello), fermo restando che ulteriori interventi legislativi si impongono in tempi brevi a cominciare dal trascurato settore dell’ordinamento penitenziario minorile.

14 marzo 2016
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Imputabilità: esigenza di maggiore linearità nelle prassi applicative degli articoli 97 e 98 del codice penale
Imputabilità: esigenza di maggiore linearità nelle prassi applicative degli articoli 97 e 98 del codice penale
di Ennio Tomaselli
Partendo da casi di cronaca, si approfondiscono problematiche sulla valutazione giurisprudenziale dell’imputabilità ex art. 98 cp, anche alla luce di dati statistici recenti. Si discute, in particolare, della correttezza formale e dell’opportunità, rispetto anche ad esigenze di chiarezza e credibilità dell’agire istituzionale, di pronunce dichiarative di non imputabilità in concreto non precedute da una valutazione collegiale e specializzata. Si segnala anche recente giurisprudenza di legittimità relativa agli infraquattordicenni, non imputabili ex lege, e si conclude sottolineando l’importanza che la giurisprudenza in questa materia, cruciale sul piano concettuale e sistematico, sia sempre più coerente con l’esigenza di una giustizia comunque a misura delle persone di minore età.
27 marzo 2018
Il rito abbreviato nuovamente sotto la lente della Corte Europea dei diritti dell’uomo. La decisione <i>Fornataro c. Italia</i> (19 ottobre 2017)
Il rito abbreviato nuovamente sotto la lente della Corte Europea dei diritti dell’uomo. La decisione Fornataro c. Italia (19 ottobre 2017)
di Emma Rizzato
Con la decisione che si commenta, la Corte torna ad occuparsi del giudizio abbreviato, esaminando il caso esclusivamente alla luce e nel contesto della scelta processuale compiuta dall’imputato
10 novembre 2017
Il 2016 di Questione Giustizia
Il parere del Csm sulla riforma della giustizia minorile: un compromesso alto, un impegno per tutti
Un Fiore nel carcere minorile
Un Fiore nel carcere minorile
di Ennio Tomaselli
Riflessioni sul recente film di Claudio Giovannesi e non solo
24 luglio 2016
Il “minore” autore del reato non è un nemico*
Il “minore” autore del reato non è un nemico*
di Cristina Maggia
Si tratta piuttosto di un soggetto in cammino verso la maturità, da responsabilizzare rispetto alla condotta deviante e alle sue conseguenze, da responsabilizzare soprattutto in ordine al danno anche esistenziale patito da chi ha subito il reato, tutto ciò approfondendo la sua conoscenza individuale
5 luglio 2016
Spunti di riflessione di un'avvocata familiarista sulla riforma del processo di famiglia e del suo rito
Riforma della giustizia minorile: su cosa battersi e perché
Riforma della giustizia minorile: su cosa battersi e perché
di Ennio Tomaselli
Anzitutto va ribadito con forza che l’obiettivo primario deve essere quello della creazione di un Tribunale per la persona e la famiglia autonomo e su base distrettuale, con articolazioni territoriali, sul modello del Tribunale di Sorveglianza, che realizzino per quanto possibile il modello della giustizia di prossimità
10 maggio 2016
La giustizia minorile in Italia: nascita ed evoluzione
La giustizia minorile in Italia: nascita ed evoluzione
di Luigi Fadiga
Nella riforma approvata dalla Camera l'obiettivo di riunire la materia delle persone, dei minori di età e della famiglia, davanti a un unico giudice, viene raggiunto a spese di gravi squilibri e di omissioni ingiustificate
27 aprile 2016
Giustizia a misura di bambino nell'esperienza di un tribunale ordinario. In particolare: l'ascolto del minore
Newsletter


Fascicolo 4/2017
L’orgoglio dell’autogoverno
una sfida possibile per i 60 anni del Csm
Leggi e istituzioni
Principio di effettività e diritto del lavoro
Principio di effettività e diritto del lavoro
di Giovanni Armone
Il principio di effettività, elaborato dalla Corte di giustizia per assicurare piena attuazione agli strumenti normativi dell’Ue privi di efficacia diretta, stenta a trovare applicazione nell’ambito del diritto del lavoro, nonostante una importante corrente di pensiero ne abbia da tempo sottolineato il radicamento nei valori costituzionali. Consapevole della crisi attraversata dal diritto del lavoro e dai suoi formanti, dottrinale e giurisprudenziale, il saggio tenta di verificare, attraverso tre esercizi applicativi su tematiche di attualità (contratti a termine, poteri officiosi del giudice e licenziamenti illeciti), se il principio di effettività possa far riacquistare al diritto del lavoro la sua tradizionale capacità di lettura della realtà sociale e di interpretazione dei cambiamenti. Il tentativo è condotto suggerendo che tale rivalutazione possa avvenire inducendo il diritto del lavoro a reimparare dal diritto civile un uso più rigoroso delle categorie e ponendole, opportunamente innervate dai principi del diritto dell’Ue, a servizio di quei valori personali che del diritto del lavoro costituiscono da sempre la cifra identificativa.
24 aprile 2018
Organizzazione giudiziaria e autonomia della giurisdizione: il ruolo del Consiglio superiore della magistratura ed il rapporto con il Ministero della giustizia
Organizzazione giudiziaria e autonomia della giurisdizione: il ruolo del Consiglio superiore della magistratura ed il rapporto con il Ministero della giustizia
di Antonello Ardituro
L'articolo è tratto dall’intervento tenuto al seminario “Le risorse per l’organizzazione e l’organizzazione delle risorse” organizzato dal coordinamento nazionale di AreaDG il 23 febbraio 2018 a Roma (Sala della biblioteca della Procura generale presso la Corte d’appello)
17 aprile 2018
Ilva e il diritto alla salute. La Corte costituzionale ci ripensa?
Ilva e il diritto alla salute. La Corte costituzionale ci ripensa?
di Gianfranco Amendola
Il contributo che pubblichiamo ragiona sulla recente decisione n. 58 del 2018, con cui la Consulta torna ad occuparsi del tema della tutela della salute e sicurezza dei lavoratori negli stabilimenti dell’Ilva di Taranto. L’autore registra qualche non irrilevante mutamento di rotta nella giurisprudenza costituzionale rispetto alla precedente sentenza n. 85 del 2013 e rimarca con forza come il diritto alla salute non può soggiacere, se non a prezzo di qualche forzatura del dettato costituzionale, a bilanciamenti con altri interessi pur costituzionalmente rilevanti (essendo il diritto alla salute l’unico diritto che, non a caso, è definito fondamentale dalla nostra Costituzione).
10 aprile 2018
La salute, il lavoro, i giudici
La salute, il lavoro, i giudici
di Riccardo De Vito
Un breve commento alla sentenza (n. 58/2018) con la quale la Consulta ha dichiarato l’illegittimità costituzionale del cd. decreto Ilva. Vi si leggono parole chiare sul rapporto tra i diritti fondamentali della persona e iniziativa economica
24 marzo 2018
La Corte costituzionale, nel silenzio del legislatore delegato e nel contrasto tra i giudici di legittimità, apre a più ampi limiti alla sospensione dell’esecuzione della pena detentiva
La Corte costituzionale, nel silenzio del legislatore delegato e nel contrasto tra i giudici di legittimità, apre a più ampi limiti alla sospensione dell’esecuzione della pena detentiva
di Antonio Gialanella
Osservazioni in merito agli effetti sugli ordini di carcerazione emessi nei confronti di condannati a pena detentiva superiore a 3 anni e non superiore a 4 anni a seguito della sentenza della Corte costituzionale n. 41, depositata in data 2.3.2018, che ha dichiarato incostituzionale il quinto comma dell’articolo 656 del codice di procedura penale, «nella parte in cui si prevede che il pubblico ministero sospende l’esecuzione della pena detentiva, anche se costituente residuo di maggiore pena, non superiore a tre anni anziché a quattro anni»
19 marzo 2018
Una pena clemente. Qualche riflessione in materia di umanità penitenziaria*
Una pena clemente. Qualche riflessione in materia di umanità penitenziaria*
di Davide Galliani
Una pena che distrugge e annienta una persona non è pensabile. E ciò che non è pensabile non è nemmeno giuridico. A questo serve la clemenza: a togliere di mezzo dal mondo del diritto l’inimmaginabile, il non pensabile, che ancora accade nei nostri penitenziari.
8 marzo 2018