home search menu
“Senza il lavoro si puzza”
Magistratura e società / cinema e letteratura
“Senza il lavoro si puzza”
di Simonetta Rubino
Consigliere sezione lavoro della Corte d'appello di Bari
"Gli ultimi saranno ultimi" di Massimiliano Bruno
“Senza il lavoro si puzza”
Paola Cortellesi nel film

Il film di Massimiliano Bruno concentra, con amarezza e dolcezza, un dramma noto ma sempre nuovo perché rinnova, ogni volta, una mossa di ribellione, anche in chi guarda il film tranquillo, consapevole che dopo tornerà a casa e l’indomani si alzerà presto e forse bestemmierà perché preferirà restare sotto il piumone e magari scorderà il film preso dalle incombenze del quotidiano e del lavoro perché un lavoro, un qualunque lavoro, lo ha.

E, per questo, “non puzza”.

Gli ultimi saranno gli ultimi racconta con levità e partecipazione la vicenda di una donna operaia che sconterà il suo desiderio e il suo diritto di avere allo stesso tempo un lavoro e un figlio, in un precipitare di tragedie economiche e affettive.

E’ un film dolce e amaro, che racconta la perdita del lavoro di questa donna e la deriva che segue a questa perdita, deriva cui diventa difficile resistere quando la stanchezza raggiunge il limite e il film coniuga bene tensione e sorriso in modo toccante perché la deriva è infatti a un passo ed è ammirevole come Bruno riesca a rendere questa tensione in modo, ciononostante, lieve.

Il film nasce come pièce teatrale ma nella trasposizione cinematografica diventa una commedia all’italiana, una commedia luminosa, colorata dal contesto energico di un paesino della provincia laziale, dalla giostra dei diversi caratteri dei personaggi che ciascuno ritrova noti e cari: gli amici fedeli, il vecchio professore saggio e disincantato, la single stravagante, la poliziotta goffa,tenera e sfortunata, i vicini di casa,il compagno di lavoro affettuoso e premuroso.

Sullo schermo si incontrano le vicende di tre personaggi e delle loro storie in qualche modo parallele: quella centrale della protagonista, Paola Cortellesidolce, intensa e anche buffa nella sua interpretazione, quella di un grande e bentornato Fabrizio Bentivoglio che tocca in quanto figura tenera e triste con la sua grave vicenda personale alle spalle e quella di Alessandro Gassmann, compagnofannullone che rifiuta l’idea di “stare sotto padrone”, ma che all’ultimo rivede la propria vita giungendo ad una scelta diversa e stavolta positiva.

Notevoli sono anche le figure che ruotano attorno ai tre personaggi principali in quanto contribuiscono a descrivere efficacemente il genere di vita, semplice, densa e paradossalmente ben strutturata,dei protagonisti: gli amici, quelli veri, solidali e presenti, figure incisive nella loro straordinaria spontaneità.

Il film disegna la realtà di questa donna che si dibatte strenuamente nell’opprimente attuale sistema lavorativo che la conduce, nel momento più atteso e più felice per una donna (grazie ad una gravidanza finalmente arrivata) - ad una lotta assurda tra la speranza e la disperazione che infine si traduce nella folle violenza verso l’altro.

E questo disegno viene condotto attraverso un racconto reso con estrema onestà e franchezza tanto dolce quanto dolente.

In ballo vi è la perdita della dignità e della identità, perché senza lavoro si può arrivare a non esistere, perché … “senza un lavoro si puzza”. Parole semplici, nette quelle pronunciate dalla protagonista in un momento in cui sfoga la sua rabbia furiosa verso il marito, parole quasi fastidiosema che, proprio per questo, colpiscono perché crude nella loro chiarezza e verità.

Il film non è retorico né aspira ad essere film-denuncia, è semplicemente una commedia che racconta, con una forza semplice e potente, le infinite “mancanze” nelle quali annaspa la vita di molti di noiquando manca il lavoro, perché quando manca il lavoro viene a mancare molto di più.

E la Cortellesi è straordinaria nel rendere questa fatica quotidiana offrendoci meravigliosi sorrisi ed espressioni disperate.

Ancora una volta quindi, la crisi economica che si tenta di rifiutare ma che impera e stritola e spinge verso scelte obbligate e non volute.

Ancora una volta la crisi economica che mette in crisi le relazioni umane: non riterrei infatti che il film parli solo della crisi economica ma piuttosto di come questa rischi la crisi delle relazioni umane in una spietata confusione dove tutti, a ben vedere, sono ultimi, in quanto tutti, allo stesso modo, vittime e carnefici di un sistema.

5 dicembre 2015
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
La giornata particolare di una giuria popolare
La giornata particolare di una giuria popolare
di Oscar Magi
Una nuova recensione per La convocazione di Enrico Maisto, un film in cui l'autore passa con naturalezza dalla narrazione del registro intimo e quotidiano dei convocati a comporre la giuria a quello solenne del giuramento finale in un crescendo emotivo e intenso.
3 febbraio 2018
<i>La convocazione</i>, un film civile
La convocazione, un film civile
di Ilio Mannucci Pacini
La recensione al documentario di Enrico Maisto, un'opera in cui sensazioni ed emozioni esprimono il punto di vista dei cittadini comuni sull’istituzione giudiziaria e sulla giustizia
20 gennaio 2018
Quando le ombre del carcere si allungano sugli affetti
Quando le ombre del carcere si allungano sugli affetti
di Fabio Gianfilippi
Guardando le “Ombre della sera”, un film di Valentina Esposito
18 novembre 2017
Pio Amato: un nome tenero in una vicenda dura. Da ricordare, comunque
Pio Amato: un nome tenero in una vicenda dura. Da ricordare, comunque
di Ennio Tomaselli
Riflessioni su A Ciambra, il film di Jonas Carpignano prodotto da Martin Scorsese
28 ottobre 2017
<i>La Corte</i>, un film di Christian Vincent
“La vita in comune” di Edoardo Winspeare
“La vita in comune” di Edoardo Winspeare
di Simonetta Rubino
La recensione all'ultimo film del regista salentino presentato alla 74esima Mostra del cinema di Venezia
16 settembre 2017
Manchester by the sea
Manchester by the sea
di Isabella Mariani
La recensione al film di Kenneth Lonergan, vincitore di due premi Oscar: miglior sceneggiatura originale, miglior attore protagonista per Casey Affleck
18 marzo 2017
<i>Arrival</i>, un film di Denis Villeneuve
Arrival, un film di Denis Villeneuve
di Bruno Capponi
Il circolo e il tempo sono le chiavi di lettura di quest'opera presentata all'ultimo Festival di Venezia
5 febbraio 2017
Lion, la strada verso casa
Lion, la strada verso casa
di Carla Spagnuolo
La ricchezza del film sta nel trattare in modo non didascalico il tema del diritto alla conoscenza delle origini, il valore della fratria, il significato delle adozioni
21 gennaio 2017
La verità negata
La verità negata
di Patrizia Papa
Recensione a “Denial”, film del regista britannico Mick Jackson
26 novembre 2016
Newsletter


Fascicolo 4/2017
L’orgoglio dell’autogoverno
una sfida possibile per i 60 anni del Csm
Magistratura e società
“Politica e corruzione. Partiti e reti di affari da Tangentopoli a oggi”
“Politica e corruzione. Partiti e reti di affari da Tangentopoli a oggi”
di Paola Perrone
Porre al centro di una ricerca scientifica lo studio della corruzione è obiettivo impegnativo. Questo volume, a cura di Rocco Sciarrone, tenta di farlo diversificando le varie regioni italiane e guardando il fenomeno nel suo evolversi nel tempo. I suoi autori si focalizzano sulla corruzione politica ma allargano lo sguardo a verificare le possibili connessioni con criminalità organizzata e reati economici, sottoponendo a verifica 580 sentenze della Cassazione emesse in 10 anni e 104 richieste di autorizzazione a procedere contro parlamentari nell'arco di 20 anni.
17 febbraio 2018
La giornata particolare di una giuria popolare
La giornata particolare di una giuria popolare
di Oscar Magi
Una nuova recensione per La convocazione di Enrico Maisto, un film in cui l'autore passa con naturalezza dalla narrazione del registro intimo e quotidiano dei convocati a comporre la giuria a quello solenne del giuramento finale in un crescendo emotivo e intenso.
3 febbraio 2018
La giustizia penale internazionale tra passato e futuro
La giustizia penale internazionale tra passato e futuro
di Daniele Archibugi
A dicembre, dopo 25 anni di attività, ha chiuso i battenti il Tribunale penale internazionale per l’ex-Jugoslavia. A luglio si celebrano i primi vent'anni della Corte penale internazionale. Che cosa è riuscita finora ad ottenere la nuova giustizia penale internazionale? È effettivamente riuscita ad evitare di essere la giustizia dei vincitori? E, soprattutto, quali sono le prospettive per renderla uno strumento a difesa dei diritti umani? Questi i temi affrontati nel libro di Archibugi e Pease, brevemente esposti in questa nota.
27 gennaio 2018
Attualità delle lezioni tenute in Messico da Piero Calamandrei nel febbraio 1952*
Attualità delle lezioni tenute in Messico da Piero Calamandrei nel febbraio 1952*
di Giuliano Scarselli
I temi affrontati nelle sei conferenze messicane hanno ad oggetto questioni ancora vive e affatto risolte. È un piacere per me riproporle, e prender spunto da esse per valutare pecche e stalli del nostro vigente processo civile, e suggerire (perché no?) qualche piccolo rimedio. A ciò è dedicato questo scritto, diviso in paragrafi, uno per ogni conferenza.
26 gennaio 2018
Il paradigma della vulnerabilità: brevi riflessioni per una riconfigurazione del dilemma <i>equality-difference</i>
<i>La convocazione</i>, un film civile
La convocazione, un film civile
di Ilio Mannucci Pacini
La recensione al documentario di Enrico Maisto, un'opera in cui sensazioni ed emozioni esprimono il punto di vista dei cittadini comuni sull’istituzione giudiziaria e sulla giustizia
20 gennaio 2018