home search menu
Continuazione e particolare tenuità del fatto
Giurisprudenza e documenti
Continuazione e particolare tenuità del fatto
di Federico Piccichè
Avvocato del Foro di Monza e membro del Consiglio Direttivo della Scuola Forense di Monza
Nota a Cass. Pen., Sez. II, Sent. 29 marzo 2017 (dep. 26 aprile 2017), n. 19932, Pres. De Crescienzo, Rel. Pellegrino

La sentenza, che si annota, è preziosa e, forse, potrebbe dare vita ad un potenziale contrasto interpretativo perché afferma che la causa di esclusione della punibilità per particolare tenuità del fatto, di cui all'art. 131 bis cp, è compatibile con l'istituto della continuazione.

Prima di questa pronuncia la giurisprudenza di legittimità è sempre stata di contrario avviso.

La Corte suprema, infatti, con diversi arresti, ha affermato che la causa di non punibilità prevista dall'art. 131 bis cp non può essere dichiarata in presenza di più reati avvinti dal vincolo della continuazione, dal momento che il reato continuato configura un'ipotesi di comportamento abituale, ostativa all'applicazione del beneficio[1].

Nel caso di specie, la Corte d'appello di Salerno, decidendo in sede di rinvio, aveva rideterminato la pena inflitta a carico dell'imputato in relazione al reato di cui agli artt. 81 cpv, 110, 326 cp per avere rivelato, con più azioni esecutive di un medesimo disegno criminoso, nella sua qualità di tenente della Polizia Provinciale, in violazione dei propri doveri, notizie di ufficio che dovevano rimanere segrete, relative a indagini penali in corso con riferimento, in particolare, ad una tabella contenente i valori degli elementi inquinanti riscontrati nelle acque di alcuni invasi, comunicandole ad un giornalista pubblicista, così consentendone la pubblicazione.

Avverso tale sentenza, nell'interesse dell'imputato veniva proposto ricorso per Cassazione, con cui si censurava, con un unico motivo, l'inosservanza della legge penale e il vizio di motivazione in relazione all'art. 131 bis cp, non essendo stata riconosciuta la causa di non punibilità per la particolare tenuità del fatto.

La Corte territoriale non aveva riconosciuto il beneficio perché si era in presenza di un reato continuato, che integrava una condotta abituale, ostativa alla declaratoria di non punibilità[2].

Secondo la difesa, tale assunto non poteva essere condiviso, in quanto disattendeva l'insegnamento espresso di recente dalle Sezioni unite con la sentenza n. 13681/16, secondo cui il comportamento può ritenersi abituale quando l'autore, anche successivamente al reato per cui si procede, ha commesso almeno due reati, oltre quello preso in esame.

A questo proposito, la difesa rimarcava che all'imputato erano state contestate solo due condotte, poste in essere in un limitato periodo di tempo e caratterizzate entrambe dal meritevole obiettivo di divulgare notizie che, seppure coperte dal segreto, risultavano di spiccato interesse pubblico riguardando la presenza di elementi inquinanti nelle acque degli invasi oggetto delle indagini.

Inoltre, sempre secondo la difesa, non era corretto assimilare tra di loro continuazione e abitualità nel reato, dovendo quest'ultima ravvisarsi soltanto in presenza di comportamenti criminosi seriali.

Con la sentenza in esame, le censure difensive vengono pienamente accolte dai giudici di legittimità.

In particolare, secondo la Corte, l'art. 131 bis cp può applicarsi anche nella ipotesi di più reati uniti dal vincolo della continuazione, atteso che «non vi può essere una identificazione tout court tra continuazione e abitualità nel reato».

L'abitualità si ha soltanto in presenza di comportamenti criminosi che si ripetono in modo seriale, che inducono a pensare che il soggetto di tali comportamenti sia abitualmente portato a violare la legge, mentre nella continuazione simili connotazioni non sussistono.

Neppure costituisce un ostacolo il fatto che, secondo l'art. 131 bis cp, comma 3, il comportamento è abituale se l'autore «abbia commesso più reati della stessa indole, anche se ciascun fatto, isolatamente considerato, sia di particolare tenuità, nonché nel caso in cui si tratti di reati che abbiano ad oggetto condotte plurime, abituali e reiterate».

Secondo la Corte, infatti, all'ipotesi del reato continuato non può sovrapporsi la condizione ostativa della commissione di più reati della stessa indole, avendo tale condizione lo scopo di escludere dall'ambito applicativo della causa di non punibilità in questione, soltanto, quei comportamenti che siano «espressivi di una sorta di tendenza o inclinazione al crimine».

Allo stesso modo, all'ipotesi del reato continuato non può sovrapporsi la condizione ostativa dei reati che abbiano ad oggetto condotte plurime, abituali e reiterate, riguardando tale condizione «i reati che strutturalmente richiedono che l'agente ponga in essere condotte reiterate nel tempo o abituali».

Inoltre, secondo la Corte, la mancata applicazione dell'art. 131 bis cp nella ipotesi di reato continuato, oltre a frustrare l'obiettivo di deflazione processuale perseguito dal legislatore, pregiudicherebbe l'imputato «che, per assurdo, pur beneficiando del regime sanzionatorio di favore di cui all'art. 81 cod. pen., gli riserva un contraddittorio trattamento di sfavore impedendogli, senza alcuna possibilità di deroga, di accedere alla causa di non punibilità dell'art. 131 bis cod. pen.».

Pertanto, secondo i giudici di legittimità, la presenza di due o più reati avvinti dal vincolo della continuazione non può portare ad una automatica esclusione della causa di non punibilità prevista dall'art. 131 bis cp.

Conseguentemente, il giudice dovrà sempre «soppesare l'incidenza della continuazione in tutti i suoi aspetti», valutando nel complesso la gravità dei reati, la capacità a delinquere e la biografia penale del giudicando, il numero delle disposizioni di legge violate, gli effetti della condotta antecedente, contemporanea o susseguente al reato, gli interessi lesi e/o perseguiti dal reo e le motivazioni che lo hanno spinto a violare la legge.

La Corte dunque annulla la sentenza impugnata al fine di consentire al giudice del  rinvio la verifica della meritevolezza o meno del beneficio, dovendo tenere conto che, nella specie, le condotte contestate in continuazione, fra l'altro violative di una sola norma di legge, sono soltanto due, riguardano un lasso di tempo circoscritto e non hanno arrecato alcun nocumento all'indagine giudiziaria e ad altri interessi pubblici, e che l'imputato, oltre ad essere incensurato, ha agito non per un proprio interesse privato ma per un interesse pubblico a che si diffondesse l'informazione giornalistica sull'esito delle indagini chimiche espletate sulle acque degli invasi, in considerazione dei riflessi sulla tutela del diritto alla salute

La pronuncia, qui annotata, va condivisa soprattutto per due ragioni.

In primo luogo perché la sentenza amplia, in favore del reo, l'ambito di applicazione della causa di non punibilità per particolare tenuità del fatto.

In secondo luogo perché afferma che continuazione e abitualità nel reato rappresentano due concetti differenti, da cui derivano diverse conseguenze in punto di corretta applicazione della causa di non punibilità prevista dall'art. 131 bis cp.

L'essenza della continuazione consiste nella unitarietà del disegno criminoso, dal momento che l'agente «cede ai motivi a delinquere una sola volta, quando cioè concepisce il disegno criminoso»[3].

L'unitarietà del disegno criminoso, segno di una minore pericolosità dell'agente, da cui discende la previsione di un trattamento sanzionatorio più mite rispetto alle restanti ipotesi di concorso materiale di reati, spiega la ragione per cui, in presenza di tutti gli altri presupposti previsti dall'art. 131 bis cp, la causa di non punibilità per particolare tenuità del fatto possa essere applicata anche nella ipotesi di reato continuato.

L'essenza della abitualità, invece, consiste nella serialità criminale, che diventa stile di vita.

In questo caso l'agente cede ai motivi a delinquere non una sola volta, ma più volte in modo abituale, tenendo condotte che, in quanto tali, sono chiaramente preclusive al riconoscimento del beneficio.



[1] Si vedano ex multis: Cass. Pen., Sez. VI, 13414/17; Cass. Pen., Sez. V, 24768/17; Cass. Pen., Sez. II, 1/16; Cass. Pen., Sez. V, 4852/16; Cass. Pen., Sez. III, 23775/16; Cass. Pen., Sez. III, 29897/15; Cass. Pen., Sez. III, 43816/15. Da notare che, nel giorno in cui è stata emessa la sentenza in commento, la stessa Sezione composta dai medesimi giudici, con l'arresto 22961/17 (Pres. De Crescienzo, Rel. De Santis) è pervenuta a una conclusione diametralmente opposta, escludendo la ravvisabilità della causa di non punibilità di cui all'art. 131 bis cp in presenza di più reati legati dal vincolo della continuazione.

[2] Per vero, la Corte d'appello aveva escluso la causa di non punibilità ex art. 131 bis cp anche perché aveva ritenuto insussistente, nella specie, il primo indice-criterio della tenuità dell'offesa.

[3] In G. Marinucci e E. Dolcini, Manuale di diritto penale. Parte generale, Quarta edizione, Giuffrè, Milano, 2012, p. 478.

3 luglio 2017
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Un interessante caso di nullità del decreto penale di condanna al centro di un contrasto giurisprudenziale
Un interessante caso di nullità del decreto penale di condanna al centro di un contrasto giurisprudenziale
di Federico Piccichè
Nota a Cass. Pen., Sez. 3, Sent. 21 marzo 2018 (dep. 7 maggio 2018), n. 19689, Pres. Di Nicola, Rel. Di Stasi
19 ottobre 2018
Le Sezioni unite intervengono sul tema della configurabilità della continuazione tra reati puniti con pene eterogenee e sul calcolo della pena
Le Sezioni unite intervengono sul tema della configurabilità della continuazione tra reati puniti con pene eterogenee e sul calcolo della pena
di Elena Nadile
Commento a Cass., Sez. unite, sentenza 21 giugno 2018, n. 40983: un vero vademecum per il calcolo della pena
16 ottobre 2018
Il dialogo fra le Corti e le sorti (sembra non magnifiche, né progressive) dell’integrazione europea
Il dialogo fra le Corti e le sorti (sembra non magnifiche, né progressive) dell’integrazione europea
di Antonello Cosentino
Il giudice comune nazionale ha sempre avuto con la Cgue relazioni più fluide rispetto a quelle intrattenute con la Cedu. A partire dalla sentenza 14 dicembre 2017 n. 269 della Corte costituzionale, però, lo schema dell’applicazione diretta del diritto euro-unitario da parte del giudice nazionale sembra essere stato rimesso in discussione. La Corte costituzionale ha rivendicato la propria centralità nella dialettica tra giudice comune, giudice costituzionale e Cgue. Dagli equilibri che si raggiungeranno in tale dialettica dipenderà grande parte del ruolo che il giudice nazionale giocherà nel futuro dell’integrazione europea
1 ottobre 2018
Il diritto a conoscere le proprie origini può essere esercitato anche nei confronti delle sorelle e dei fratelli biologici dell’adottato?
Il diritto a conoscere le proprie origini può essere esercitato anche nei confronti delle sorelle e dei fratelli biologici dell’adottato?
di Alice Giurlanda
La Corte di cassazione, con la sentenza n. 6963 del 20 marzo 2018 enuncia il seguente principio di diritto: «L’adottato ha diritto, nei casi di cui all’art. 28 c. 5 L. 184 del 1983, di conoscere le proprie origini accedendo alle informazioni concernenti, non solo l’identità dei propri genitori biologici, ma anche quella delle sorelle e fratelli biologici adulti, previo interpello di questi mediante procedimento giurisdizionale idoneo ad assicurare la massima riservatezza ed il massimo rispetto della dignità dei soggetti da interpellare, al fine di acquisirne il consenso all’accesso alle informazioni richieste o di costatene il diniego, da intendersi impeditivo dell'esercizio del diritto»
26 settembre 2018
Mancanza di videoregistrazione del colloquio dinanzi alla Commissione territoriale e obbligatorietà dell’udienza di comparizione delle parti nel giudizio di protezione internazionale: la posizione della Corte di cassazione
Mancanza di videoregistrazione del colloquio dinanzi alla Commissione territoriale e obbligatorietà dell’udienza di comparizione delle parti nel giudizio di protezione internazionale: la posizione della Corte di cassazione
di Gabriele Serra
La sentenza n. 17717 del 5 luglio 2018 della Cassazione qui annotata, risolve la questione interpretativa in ordine alla obbligatorietà o meno della udienza di comparizione delle parti nel giudizio di protezione internazionale, nell’ipotesi in cui non sia possibile acquisire la videoregistrazione dell’audizione del ricorrente svoltasi presso la Commissione territoriale. La Corte, nel sostenere la tesi dell’obbligatorietà dell’udienza, in contrasto con la tesi sostenuta da parte della giurisprudenza di merito, utilizza i diversi criteri ermeneutici letterale, sistematico e della ratio legis, fornendo peraltro argomentazioni che possono essere lette in chiave generale quanto ai giudizi in materia di protezione internazionale
13 settembre 2018
Sequestro diretto e sequestro di valore: il caso della Lega Nord
Sequestro diretto e sequestro di valore: il caso della Lega Nord
di Federico Piccichè
Nota a Cass. Pen., Sez. 2, Sent. 12 aprile 2018 (dep. 21 giugno 2018), n. 28855, Pres. Cammino, Rel. Beltrani
23 luglio 2018
Sull’addebito delle spese all’amministrazione soccombente nel giudizio di protezione internazionale promosso dal richiedente ammesso al patrocinio a spese dello Stato
Sull’addebito delle spese all’amministrazione soccombente nel giudizio di protezione internazionale promosso dal richiedente ammesso al patrocinio a spese dello Stato
di Elisa Bertillo
Con la pronuncia n. 164 del 2018, la Cassazione individua i presupposti per l’ammissione al patrocinio a spese dello Stato dello straniero richiedente protezione internazionale, fornendo un’interpretazione estensiva del concetto di «straniero regolarmente soggiornante sul territorio nazionale». La sentenza offre l’occasione per affrontare il tema del rapporto tra gratuito patrocinio e regolamento delle spese di lite, analizzando in particolare le differenti posizioni espresse, da una parte, da Cass. 29 ottobre 2012, n. 18583, dall’altra, dal Tribunale di Firenze, con ordinanza del 6 dicembre 2017, e da Cass. 9 marzo 2018, n. 5819
25 giugno 2018
Condannati inadempienti ed estinzione del reato. Nota a Cassazione, sez. I penale, n. 10235/2018
Condannati inadempienti ed estinzione del reato. Nota a Cassazione, sez. I penale, n. 10235/2018
di Federico Bardelle
Il condannato con decreto penale, il quale non paghi la sanzione pecuniaria, può beneficiare comunque dell'effetto estintivo di cui all’art. 460, comma cinque, cpp, se l'organo esecutivo competente non ha attivato l'esecuzione della pena inflitta
5 giugno 2018
Quale sanzione per il licenziamento tardivo?
Commento alla sentenza della Cassazione n. 30985/2017 (Sez. Unite)
Quale sanzione per il licenziamento tardivo? Commento alla sentenza della Cassazione n. 30985/2017 (Sez. Unite)
di Anna Terzi
Attraverso l’esercizio del potere disciplinare il datore di lavoro può imporre l’esatto adempimento della prestazione, colpendo con la sanzione la condotta non conforme. Il trascorrere del tempo senza contestazioni è invece significativo di una valutazione datoriale di fiducia sull’esatto adempimento della prestazione per il futuro, senza necessità di un intervento sanzionatorio. Il licenziamento per giusta causa o giustificato motivo soggettivo, massima sanzione disciplinare, presuppone un inadempimento talmente grave da far venire meno l’elemento fiduciario. Non vi può essere compatibilità tra l’assenza di contestazioni protratta per lungo tempo in ordine alla condotta pienamente conosciuta che si assume inadempiente e l’interesse del datore di lavoro a sanzionarla, e tanto meno tra l’assenza di contestazioni e l’elisione dell’elemento fiduciario del rapporto.
21 maggio 2018
La protezione umanitaria per motivi di integrazione sociale. Prime riflessioni a margine della sentenza della Corte di cassazione n. 4455/2018
La protezione umanitaria per motivi di integrazione sociale. Prime riflessioni a margine della sentenza della Corte di cassazione n. 4455/2018
di Chiara Favilli
La Cassazione eleva l’integrazione sociale a motivo rilevante per la determinazione della vulnerabilità individuale e di riconoscimento della protezione umanitaria. Motivo autonomo, ma non indipendente dalla condizione di origine del richiedente, che implica l’accertamento del fatto che egli nel suo Paese corra il rischio di veder sacrificati i propri diritti fondamentali anche per ragioni diverse da quelle per cui opera la protezione internazionale con lo status di rifugiato e con la protezione sussidiaria. Ma al giudice del merito spetta il compito di verificare se tale rischio di pregiudizio sia attuale. E tale gravosa funzione si può e si deve giovare dell’obbligo di cooperazione istruttoria e del beneficio del dubbio.
14 marzo 2018
Newsletter


Fascicolo 2/2018
L’ospite straniero.
La protezione internazionale
nel sistema multilivello di tutela
dei diritti fondamentali
Giurisprudenza e documenti
Un interessante caso di nullità del decreto penale di condanna al centro di un contrasto giurisprudenziale
Un interessante caso di nullità del decreto penale di condanna al centro di un contrasto giurisprudenziale
di Federico Piccichè
Nota a Cass. Pen., Sez. 3, Sent. 21 marzo 2018 (dep. 7 maggio 2018), n. 19689, Pres. Di Nicola, Rel. Di Stasi
19 ottobre 2018
Le Sezioni unite intervengono sul tema della configurabilità della continuazione tra reati puniti con pene eterogenee e sul calcolo della pena
Le Sezioni unite intervengono sul tema della configurabilità della continuazione tra reati puniti con pene eterogenee e sul calcolo della pena
di Elena Nadile
Commento a Cass., Sez. unite, sentenza 21 giugno 2018, n. 40983: un vero vademecum per il calcolo della pena
16 ottobre 2018
Protezione internazionale, l'ordinanza del Tribunale di Milano del 25 luglio 2018
L’ordinanza di Riace. I fatti contro le polemiche
Il diritto a conoscere le proprie origini può essere esercitato anche nei confronti delle sorelle e dei fratelli biologici dell’adottato?
Il diritto a conoscere le proprie origini può essere esercitato anche nei confronti delle sorelle e dei fratelli biologici dell’adottato?
di Alice Giurlanda
La Corte di cassazione, con la sentenza n. 6963 del 20 marzo 2018 enuncia il seguente principio di diritto: «L’adottato ha diritto, nei casi di cui all’art. 28 c. 5 L. 184 del 1983, di conoscere le proprie origini accedendo alle informazioni concernenti, non solo l’identità dei propri genitori biologici, ma anche quella delle sorelle e fratelli biologici adulti, previo interpello di questi mediante procedimento giurisdizionale idoneo ad assicurare la massima riservatezza ed il massimo rispetto della dignità dei soggetti da interpellare, al fine di acquisirne il consenso all’accesso alle informazioni richieste o di costatene il diniego, da intendersi impeditivo dell'esercizio del diritto»
26 settembre 2018
Il Caso Matammud. Un modello terrifico di gestione dei centri d’accoglimento profughi in Libia
Il Caso Matammud. Un modello terrifico di gestione dei centri d’accoglimento profughi in Libia
di Giovanni Dinisi
La sentenza della Corte di assise di Milano rappresenta la realtà dei “campi di raccolta” dei migranti in Libia, un dato di conoscenza imprescindibile nella costruzione delle politiche migratorie europee
25 settembre 2018