home search menu
Per Alessandro Leogrande
Magistratura e società
Per Alessandro Leogrande
di Giancarlo De Cataldo
consigliere della Corte di appello di Roma
In ricordo di un intellettuale e scrittore che continuerà a essere un punto di riferimento per Magistratura democratica. Oltre al brano di Giancarlo, troverete il video dell'incontro di “Parole di giustizia 2016”. Un dialogo su frontiere, paure, sicurezza tra Alessandro Leogrande e Livio Pepino

C’è sempre qualcosa di crudele nella morte improvvisa e inattesa di un ragazzo di quarant’anni. Come un senso di ingiustizia profonda che si accompagna allo sbigottimento. Non è facile perciò riflettere sulla figura di Alessandro Leogrande a poche ore dalla sua fine. Chi lo ha conosciuto ricorderà per sempre la sua energia ironica, la sua passione lucida, l’affilata concisione dell’argomentare. Doti tutte non da poco, in questo tempo in cui i giusti sembrano essere ossessionati da prudenze eccessive e timori diffusi. Ecco, Alessandro Leogrande era un ragazzo generoso che non si faceva paralizzare dai calcoli del contingente, ma aveva una visione. Alessandro Leogrande era di quelli che stanno dalla parte giusta per istinto, verrebbe da dire: per un’innata abilità nel riconoscere a prima vista le ragioni dei deboli, per il coraggio nello schierarsi, per la forza nel difendere posizioni anche impopolari. I suoi scritti su Taranto e sui migranti sono fra i contributi più profondi, e nello stesso tempo laici, che si possano leggere su argomenti centrali del nostro presente: il rapporto fra territorio e industria, salute e lavoro, il concetto di frontiera al tempo del Mediterraneo rosso sangue, l’ipocrisia delle istituzioni e gli slanci accorati degli individui.

Alessandro Leogrande è stata una delle voci più alte della sua generazione. Qualche giorno fa ci eravamo sentiti per lavorare intorno a un progetto per il prossimo salone del libro di Torino. Una piccola rappresentazione teatrale per celebrare i 40 anni dall’uccisione di Aldo Moro. Su quel grande buco nero della storia italiana Alessandro scrisse un racconto bello, nobile e inquietante, “Le maschere di San Giovanni”. Parlava del suo incontro con un antico ministro della Prima Repubblica e rievocava, nello struggente finale, lo scenario di via Fani. Uno scenario nel quale si aggira, tanti anni dopo, un giovane che non ha perso la speranza nella possibilità degli uomini di migliorare, di cambiare le cose. Ricorda, quel giovane, certe riflessioni del Moro prigioniero su un tempo che, dalla sua cella, non riusciva più a controllare, e che sapeva del presagio di una morte annunciata. Ecco cosa scriveva Alessandro: «Questa società è irrazionale. Irrazionale quella di allora, irrazionale quella che ne è discesa. Era questa – ora mi è chiaro – la più acuta paura di Moro, nel mezzo della tragedia che andava consumandosi. La paura che questa società, prima ancora di essere ingovernabile, sia incomprensibile. Incomprensibile nella sua ilarità e nella sua ferocia, nella sua frenesia e nella sua vischiosità, nei suoi silenzi come nelle sue urla scomposte, e infine nei suoi delitti e nelle sue bombe, e nella torma di non detti e omissioni intorno a quei delitti e a quelle bombe, tanto da far arrestare la ragione, ogni ragione, alle soglie del suo giudizio». Ecco. Cercare il filo della ragione in questa dimensione dell’assurdo è stata la missione alla quale Alessandro ha consacrato questa sua vita stroncata troppo presto. Cercarlo, questo filo, con l’unico scopo di metterlo a disposizione di noi tutti. Addio. Che la terra ti sia leggera. 

29 novembre 2017
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
La memoria e il desiderio
La memoria e il desiderio
di Luigi Cavallaro
Note in margine al libro di Piero Curzio, Quasi saggio (Cacucci, Bari, 2017), in occasione della sua presentazione pubblica al Municipio di Capri, il 13 ottobre 2017
24 novembre 2017
Quando l’infanzia genera vittime e carnefici. Recensione a <i>Bambinate</i>, l’ultimo romanzo di Piergiorgio Paterlini (Einaudi, 2017)
Quando l’infanzia genera vittime e carnefici. Recensione a Bambinate, l’ultimo romanzo di Piergiorgio Paterlini (Einaudi, 2017)
di Fabio Gianfilippi
L’autore è da sempre attento alla ricchezza e alle fragilità della gioventù. Nel suo nuovo libro ci fa incontrare un gruppo di bambini, come tanti, senza edulcorarne però i tratti più feroci. Li ritroviamo poi adulti, ormai schermati dai propri ruoli sociali rassicuranti, ma non per questo meno crudelmente inconsapevoli
21 ottobre 2017
Incubi da giorni qualunque
Incubi da giorni qualunque
di Massimo Ferro
Recensione al libro di Bruno Capponi, Esi, Napoli 2016
8 ottobre 2016
La ricchezza dell’esserci per davvero
La ricchezza dell’esserci per davvero
di Fabio Gianfilippi
Una proposta di lettura di “Eccomi” (Guanda, 2016) di Jonathan Safran Foer
1 ottobre 2016
Una semplicità niente affatto banale
Una semplicità niente affatto banale
di Luigi Marini*
Recensione a Michela Murgia, “Futuro interiore”, Einaudi, Torino 2016
24 settembre 2016
In ricordo di Ermanno Rea
In ricordo di Ermanno Rea
di Alfredo Guardiano
"L'idea che sia impensabile un comunismo allegro, umano, garbato, perfino 'leggero', fa il paio con l'idea che non possa esistere in natura il napoletano silenzioso, ordinato, malinconico, legalitario fino all'ossessione. Il fatto è che certi luoghi comuni sicuramente facilitano la vita, però non la spiegano"
17 settembre 2016
"Sfrattati": entro nella vita delle persone per farle uscire di casa
di Bruno Capponi
Recensione al libro di Giuseppe Marotta, Corbaccio, Milano, 2015
20 luglio 2015
Magistrati e Resistenza: storie da non dimenticare
Magistrati e Resistenza: storie da non dimenticare
di Carlo Brusco
In occasione del settantesimo anniversario della liberazione un ricordo dei magistrati uccisi dai nazifascisti
25 aprile 2015
L'uomo che schioccava le dita di Fariba Hachtroudi
L'uomo che schioccava le dita di Fariba Hachtroudi
di Maria Giuliana Civinini
Un manifesto contro la tortura, un canto all'amore
12 aprile 2015
Massimo Ferro,
Massimo Ferro, "Non avrai le mie parole"
di Donatella Salari
Recensione di un romanzo rigoglioso di parole vive
11 aprile 2015
Newsletter


Fascicolo 3/2017
A cosa serve la Corte di cassazione?
Le banche, poteri forti e diritti deboli
Magistratura e società
Mafie di mezzo
Mafie di mezzo
di Costantino Visconti
Il metodo che il sociologo Vittorio Martone impiega nel volume Le mafie di mezzo. Mercati e reti criminali a Roma e nel Lazio (Donzelli, 2017) è figlio di un serio lavoro collettivo. Opere come queste possono fungere da grandangolo, aiutando il giurista a valutare la questione criminale in un contesto più ampio e problematico, senza l’assillo di strozzare l’interpretazione dei fatti nell’ottica della loro qualificazione giuridica.
9 dicembre 2017
Vite di mafia. In movimento*
Vite di mafia. In movimento*
di Marcello Ravveduto
Nel suo Vita di mafia (Einaudi, 2017), Federico Varese compie un’analisi policentrica e multidimensionale su Cosa Nostra, mafia russa, Triadi e Yakuza. Una comparazione affascinante in cui l’uso dell’io narrativo non è quello del romanzo ma quello del ricercatore che conduce la sua analisi compenetrandosi in fatti e persone
2 dicembre 2017
Stefano Rodotà e Magistratura democratica
Stefano Rodotà e Magistratura democratica
di Franco Ippolito
Stefano Rodotà è stato per tutta la vita attento osservatore e lucido analista della giurisdizione, della magistratura e dell’associazionismo giudiziario. Al suo rapporto privilegiato con Magistratura democratica ha dedicato uno spazio di attenzione l’intenso convegno La vita prima delle regole. Idee ed esperienze di Stefano Rodotà, organizzato dall’editore Giuseppe Laterza a Montecitorio il 27 novembre 2017.
30 novembre 2017
La memoria e il desiderio
La memoria e il desiderio
di Luigi Cavallaro
Note in margine al libro di Piero Curzio, Quasi saggio (Cacucci, Bari, 2017), in occasione della sua presentazione pubblica al Municipio di Capri, il 13 ottobre 2017
24 novembre 2017
Quando le ombre del carcere si allungano sugli affetti
Quando le ombre del carcere si allungano sugli affetti
di Fabio Gianfilippi
Guardando le “Ombre della sera”, un film di Valentina Esposito
18 novembre 2017
Le <i>sliding doors</i> dell’accoglienza*
Le sliding doors dell’accoglienza*
di Diana Genovese
Le plurime variabili che rendono imprevedibile, incerta e in defintiva diseguale la protezione internazionale dei rifugiati in Italia sono ben rappresentate nel recente rapporto Oxfam dall'emblematico titolo − La lotteria dell'accoglienza − che interroga prima di tutto gli addetti ai lavori
17 novembre 2017