home search menu
CGUE, pillole di gennaio
Osservatorio internazionale / Europa
CGUE, pillole di gennaio
di Alice Pisapia
Prof. a contratto Diritto UE per l'impresa e Diritto europeo della concorrenza Università dell’Insubria e Avvocato Foro di Milano
Le decisioni più rilevanti della Corte: responsabilità extracontrattuale dell'Ue per violazione della Carta (Germania); riconoscimento ed esecuzione della pena - requisito della doppia incriminabilità (Repubblica Ceca); asilo - condanna penale per partecipazione a gruppo terroristico (Belgio)

Diritti fondamentali

Sentenza del Tribunale (Terza Sezione ampliata), 10 gennaio 2017, causa T-577/14

Gascogne Sack Deutschland GmbH e Gascogne c. Corte di giustizia dell’Unione europea

Tipo di procedimento: Ricorsi per responsabilità extracontrattuale

Oggetto: Responsabilità extracontrattuale dell’Unione europea – Art. 47 della Carta dei diritti fondamentali – Termine ragionevole del processo – Condizioni – Danno materiale e immateriale

Due società, la Gascogne Sack Deutschland e la Gascogne nel febbraio 2006 adivano il Tribunale dell’Ue, per ottenere l’annullamento di una decisione adottata dalla Commissione in un procedimento relativo a un’intesa nel settore dei sacchi industriali. Nel 2011 il Tribunale respingeva i due ricorsi e nel 2013 la Corte di giustizia, adita in sede di impugnazione, confermava le ammende dall’importo totale di circa 13 milioni di euro. Allo stesso tempo la Corte evidenziava che le due società avrebbero potuto avanzare ricorso per risarcimento dei danni subiti a causa dell’eccessiva durata del procedimento dinanzi al Tribunale.

Così con il presente procedimento le due società hanno adito il Tribunale chiedendo la condanna dell’Unione per i danni, materiali e morali, subiti a causa dell’eccessiva durata del procedimento. Il Tribunale ribadisce che tre sono le condizioni che devono sussistere cumulativamente per poter riconoscere la responsabilità extracontrattuale: 1) l’illiceità del comportamento contestato all’istituzione interessata; 2) l’effettività del danno; 3) il nesso di causalità tra comportamento e danno. Il Tribunale ravvisa l’illiceità del comportamento nell’eccessiva durata del procedimento nelle cause T-72/06 e T-79/06, in violazione dell’art. 47 della Carta dei diritti fondamentali dell’Ue. Infatti, il procedimento si è protratto per circa cinque anni e nove mesi e nessuna delle circostanze di dette cause poteva giustificare una tale durata. Per quanto concerne l’effettività del danno subito, il Tribunale rileva che la Gascogne ha subito un danno materiale effettivo e reale in quanto, nel corso del periodo di inerzia ingiustificata del Tribunale, essa ha riportato perdite per le spese di costituzione di garanzia bancarie. Infine, con riferimento alla terza condizione necessaria ai fini di ravvisare una responsabilità dell’Unione, il Tribunale evidenzia che, se il procedimento nelle cause T-72/06 e T-79/06 non si fosse protratto oltre il ragionevole termine di giudizio, la Gascogne non avrebbe dovuto sostenere le spese di garanzia bancaria. Sussiste pertanto anche il nesso eziologico tra il comportamento illecito e il danno lamentato.

Accertata la sussistenza delle condizioni di cui sopra, il Tribunale accorda alla Gascogne un risarcimento pari a circa 47 mila euro a titolo di danno materiale, consistente nel pagamento delle spese aggiuntive di garanzia bancaria. Riconosce, inoltre, che entrambe le società hanno subito un danno morale a causa dell’eccessiva durata del processo nelle cause T-72/06 e T-79/06. Il danno morale consistente nello stato d’incertezza maggiore in cui si sono trovate ad operare le due società rispetto a quello solitamente provocato da un procedimento giurisdizionale, e che ha necessariamente influito negativamente sulla pianificazione delle decisioni da adottare e sulla gestione di dette società, arrecando alle stesse un pregiudizio.

Cooperazione giudiziaria penale

Sentenza della CGUE (Quinta Sezione), 11 gennaio 2017, causa C-289/15, Procedimento penale a carico di Jozef Grundza

Tipo di procedimento: Rinvio pregiudiziale dal Krajský súd v Prešove

Oggetto: Decisione quadro 2008/909/GAI – Art. 7 – Condizione della doppia incriminabilità – Art. 9 – Motivo di rifiuto di riconoscimento e di esecuzione tratto dall’assenza di doppia incriminabilità – Cittadino dello Stato di esecuzione condannato nello Stato di emissione per inosservanza di una decisione di un’autorità pubblica

Un Tribunale regionale della Repubblica Ceca ha condannato il sig. Grundza, cittadino slovacco, per furto e per inosservanza di una decisione di un’autorità pubblica, ossia del divieto temporaneo di guidare. La sentenza è stata trasmessa al Tribunale regionale della Slovacchia per riconoscimento ed esecuzione della pena. Quest’ultimo, tuttavia, dubitando della sussistenza della condizione della doppia incriminabilità, ha sollevato domanda pregiudiziale alla Corte.

La Corte di Giustizia rileva che ai sensi dell’art. 7, par. 3, della decisione quadro 2008/909, per quanto riguarda i reati diversi dai 32 che sono elencati all’art. 7, par. 1, lo Stato di esecuzione può subordinare il riconoscimento della sentenza e l’esecuzione della pena alla condizione che essa si riferisca a fatti che costituiscono reato anche nel suo ordinamento, indipendentemente dagli elementi costitutivi o dalla denominazione del reato stesso e senza che sia necessario che i reati siano identici nei due Stati (c.d. criterio della doppia incriminabilità).

La Corte evidenzia che la decisione quadro 2008/909 sostituisce, nelle relazioni tra Stati membri, numerosi strumenti di diritto internazionale allo scopo di sviluppare la cooperazione in materia di esecuzione delle sentenze penali. A differenza di tali strumenti di diritto internazionale, la decisione quadro si fonda sul principio del reciproco riconoscimento, principio che, tra l’altro, è alla base dell’abolizione del requisito della doppia incriminabilità per i reati di cui all’art. 7, par. 1. Anche per i reati che non figurano nel summenzionato elenco configura una mera facoltà per lo Stato di esecuzione subordinare il riconoscimento della sentenza e l’esecuzione della pena alla circostanza che sia soddisfatta la condizione della doppia incriminabilità. Ne consegue che la condizione della doppia incriminabilità costituisce un’eccezione alla regola del principio del riconoscimento della sentenza e dell’esecuzione della pena e, pertanto, i motivi di rifiuto del riconoscimento/esecuzione della sentenza derivante dall’assenza di doppia incriminabilità devono essere interpretati in maniera restrittiva.

Spazio di libertà, sicurezza e giustizia

Sentenza della CGUE (Grande Sezione), 31 gennaio 2017, causa C-573/14, Commissaire général aux réfugiés et aux apatrides contro Mostafa Lounani

Tipo di procedimento: Rinvio pregiudiziale da Conseil d’État

Oggetto: Asilo – Norme minime sull’attribuzione, a cittadini di paesi terzi o apolidi, della qualifica di rifugiato – Esclusione dallo status di rifugiato – Nozione di “atti contrari alle finalità e ai principi delle Nazioni Unite” – Portata – Membro dirigente di un’organizzazione terroristica – Condanna penale per partecipazione alle attività di un gruppo terroristico

Nel 1991 il sig. Lounani ha lasciato il Marocco e si è recato in Germania dove ha presentato una domanda d’asilo, che è stata respinta. Dal 1997 soggiorna illegalmente in Belgio. Con sentenza del 16 febbraio 2006, il sig. Lounani è stato condannato dal Tribunale penale di Bruxelles per partecipazione alle attività di un gruppo terroristico, nella specie la cellula belga del “gruppo islamico dei combattenti marocchini”, in qualità di membro dirigente, nonché per associazione a delinquere, falso, uso di documenti falsi e soggiorno illegale.

Nel 2010, il sig. Lounani ha presentato una nuova domanda di asilo presso le autorità belghe. Tale domanda di asilo inizialmente respinta, è stata oggetto di diversi pronunciamenti fino alla richiesta di pronuncia pregiudiziale del Conseil d’État, in merito all’interpretazione dell’art. 12, par. 2, lettera c), della direttiva 2004/83. Il Conseil d’État chiede se, per poter ritenere che ricorra la causa di esclusione dallo status di rifugiato dell’art. 12, par. 2, lettera c) della direttiva 2004/83, è necessario che il richiedente protezione internazionale sia stato condannato per uno dei reati terroristici di cui all’art. 1, par. 1, della decisione quadro 2002/475. Secondo la Corte di Giustizia la nozione di “atti contrari alle finalità e ai principi delle Nazioni Unite” di cui all’art. 1, sezione F, lettera c), della Convenzione di Ginevra e all’art. 12, par. 2, lettera c), della direttiva 2004/83, non può essere interpretata come limitata alla commissione di atti di terrorismo quali precisati nelle risoluzioni del Consiglio di sicurezza. Né tale nozione può essere interpretata nel senso che si applica soltanto ai reati terroristici di cui all’art. 1, par. 1, della decisione quadro 2002/475, o nel senso che richiede l’esistenza di una condanna penale che sanzioni un siffatto reato.

Non è stato constatato che il sig. Lounani avesse personalmente commesso atti di terrorismo né che avesse istigato tali atti o concorso alla loro commissione. Nondimeno, la Corte rileva che la nozione di “atti contrari alle finalità e ai principi delle Nazioni unite” non è limitata agli atti di terrorismo. Pertanto, l’applicazione dell’esclusione dallo status di rifugiato prevista all’art. 12, par. 2, lettera c), della direttiva 2004/83 non può essere limitata agli autori effettivi di atti di terrorismo, ma può anche estendersi a soggetti che svolgono attività di reclutamento, organizzazione, trasporto o equipaggiamento a favore di individui che si recano in uno Stato diverso dal loro Stato di residenza o di cui hanno la cittadinanza allo scopo segnatamente di commettere, organizzare o preparare atti di terrorismo.

L’art. 12, par. 2, lettera c), e l’art. 12, par. 3, della direttiva 2004/83 devono essere quindi interpretati nel senso che atti di partecipazione alle attività di un gruppo terroristico, come quelli per i quali il sig. Lounani è stato condannato, possono giustificare l’esclusione dallo status di rifugiato.

15 marzo 2017
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Stato di diritto ed integrazione processuale europea. La Corte di giustizia ed il caso Polonia
Stato di diritto ed integrazione processuale europea. La Corte di giustizia ed il caso Polonia
di Gualtiero Michelini
Commento a prima lettura dell’attesa sentenza della Corte di giustizia del 25 luglio 2018, nel procedimento pregiudiziale d’urgenza su rinvio dell’Alta Corte irlandese nel corso di una procedura di esecuzione di un mandato di arresto europeo emesso dall'autorità giudiziaria polacca. La decisione della Corte di giustizia affronta le questioni, determinate dalle riforme attuate dal governo polacco in pregiudizio dell’indipendenza del sistema giudiziario, della rilevanza giuridica e dell’impatto sull’applicazione della normativa del mandato di arresto europeo dell'avvio, da parte della Commissione europea, della procedura di accertamento della violazione sistemica dei principi di indipendenza del sistema giudiziario e dello Stato di diritto in Polonia in relazione alla Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea.
27 luglio 2018
CGUE, pillole di maggio
CGUE, pillole di maggio
di Alice Pisapia
Le più interessanti pronunce della Corte del Lussemburgo emesse a maggio 2018
20 luglio 2018
Corte di giustizia Ue, dal 1° luglio anonime le cause pregiudiziali
Corte di giustizia Ue, dal 1° luglio anonime le cause pregiudiziali
di Alice Pisapia
Con l’entrata in vigore del nuovo regolamento generale sulla protezione dei dati personali (2016/679), la Cgue rafforza la protezione dei dati delle persone fisiche
10 luglio 2018
CGUE, pillole di aprile
CGUE, pillole di aprile
di Alice Pisapia
Le più interessanti pronunce della Corte del Lussemburgo emesse ad aprile 2018
29 giugno 2018
Diritto dell’Ue e soggiorno del richiedente protezione internazionale in attesa dell’esito del ricorso in Cassazione: qualche osservazione a margine dell’ordinanza di rinvio pregiudiziale del Tribunale di Milano (n. 44718/2017)
Diritto dell’Ue e soggiorno del richiedente protezione internazionale in attesa dell’esito del ricorso in Cassazione: qualche osservazione a margine dell’ordinanza di rinvio pregiudiziale del Tribunale di Milano (n. 44718/2017)
di Adelina Adinolfi
Il diritto dell’Unione europea incide sulle norme processuali nazionali attraverso una pluralità di fonti: atti normativi che, pur in assenza di un’armonizzazione complessiva, pongono alcune regole relative a specifici settori, principi enunciati dalla Corte di giustizia, nonché la Carta dei diritti fondamentali. L’incidenza di tali fonti sull’ordinamento interno è talora incerta, in relazione sia al campo di applicazione sia ai contenuti; non è facile, infatti, declinare in regole concrete l’obbligo generale degli Stati membri di assicurare la tutela giurisdizionale effettiva nei settori disciplinati dal diritto dell’Unione. Tali difficoltà interpretative sono ben evidenziate dall’ordinanza di rinvio pregiudiziale del Tribunale di Milano riguardo alla controversa questione del diritto del richiedente protezione internazionale di soggiornare nello Stato in attesa dell’esito del ricorso in Cassazione. L’ordinanza costituisce l’occasione per mettere in luce le possibili interpretazioni di alcune norme dell’Unione rilevanti per la questione considerata, avvalorando l’opportunità di ottenere un chiarimento da parte della Corte di giustizia
29 giugno 2018
CGUE, pillole di marzo
CGUE, pillole di marzo
di Alice Pisapia
Le più interessanti pronunce della Corte del Lussemburgo emesse a marzo 2018
18 maggio 2018
Divieto di discriminazione religiosa sul lavoro e organizzazioni religiose
Divieto di discriminazione religiosa sul lavoro e organizzazioni religiose
di Nicola Colaianni
La Corte di giustizia si occupa per la prima volta dell’art. 4, par. 2, della direttiva 2000/78/CE sui limiti dell’esenzione delle organizzazioni di tendenza religiosa dal divieto di discriminazioni di carattere religioso in materia di lavoro. A fronte di un ordinamento come quello tedesco, che ha dato attuazione piuttosto blanda alla direttiva favorendo ampiamente l’autonomia confessionale e limitando conseguentemente il controllo giurisdizionale alla mera plausibilità del provvedimento confessionale, Corte giust. 17 aprile 2018, causa C-414/16 opta per l’interpretazione rigorosa del carattere essenziale, legittimo e giustificato del nesso tra mansioni del lavoratore e attività dell’ente, da accompagnare con l’applicazione del principio di proporzionalità (dalla stessa direttiva non richiamato espressamente). Il riconoscimento di una cognizione piena ed esauriente da parte del giudice consente una valutazione oggettiva, e non spiritualistica, del rapporto tra lavoro e tendenza in direzione di una tutela più efficace dei cittadini da discriminazioni di carattere religioso.
3 maggio 2018
CGUE, pillole di febbraio
CGUE, pillole di febbraio
di Alice Pisapia
Le più interessanti pronunce della Corte del Lussemburgo emesse a febbraio 2018
18 aprile 2018
CGUE, pillole di gennaio
CGUE, pillole di gennaio
di Alice Pisapia
Le più interessanti pronunce della Corte del Lussemburgo emesse a gennaio 2018
20 marzo 2018
La sentenza della Cgue sul “caso Uber”: uno spartiacque per la corretta determinazione dei modelli della sharing economy
La sentenza della Cgue sul “caso Uber”: uno spartiacque per la corretta determinazione dei modelli della sharing economy
di Andrea Previato
Una decisione, quella dei giudici di Lussemburgo, i cui effetti non interesseranno solo la multinazionale convenuta in giudizio, ma potrebbero estendersi anche ad altre startup di primo piano, le cui piattaforme elettroniche ricadono nelle tipologie di economia on-demand, gig economy o rental economy.
6 marzo 2018
Newsletter


Fascicolo 2/2018
L’ospite straniero.
La protezione internazionale
nel sistema multilivello di tutela
dei diritti fondamentali
Osservatorio internazionale
Stati Uniti: le armi da fuoco, le stragi e un diritto da Far-West
Stati Uniti: le armi da fuoco, le stragi e un diritto da Far-West
di Elisabetta Grande
Qual è la fonte del diritto ad armarsi negli Stati Uniti? Un simile diritto è da sempre garantito ai cittadini americani? Quali ne sono i limiti? Esplorare la portata del diritto alle armi in quel Paese e le gravi conseguenze sulla vita e la morte di chi vi vive, significa capire le ragioni delle proteste dei tanti giovani americani per i quali quel diritto rappresenta una minaccia. Significa anche aver consapevolezza di quel che potrebbe accadere da noi qualora allargassimo le maglie della possibilità di armarci, come in base all’ultimo rapporto del Censis molti italiani parrebbero volere
12 settembre 2018
Il Conseil constitutionnel cancella il délit de solidarité… o no?
L’aiuto all’ingresso, al soggiorno e alla circolazione di stranieri irregolari nel territorio francese in una recente decisione del Conseil constitutionnel
Il Conseil constitutionnel cancella il délit de solidarité… o no? L’aiuto all’ingresso, al soggiorno e alla circolazione di stranieri irregolari nel territorio francese in una recente decisione del Conseil constitutionnel
di Sara Benvenuti
Può la solidarietà configurare un’ipotesi di reato? In Francia, se finalizzata a prestare aiuto all’ingresso o (fino a poco tempo fa) alla circolazione di stranieri irregolari, sì. Prende il nome, nel gergo comune, di délit de solidarité (o di délit d’hospitalité) ed è al centro di un’annosa vicenda giudiziaria che vede come protagonista, tra gli altri, Cédric Herrou, contadino francese divenuto da alcuni anni uomo-simbolo della difesa dei migranti in transito sulla Val Roia al confine con l’Italia. Sulla questione è intervenuta recentemente un’importante decisione del Conseil constitutionnel che, affermando il valore costituzionale della fraternità, sembra voler richiamare all’ordine il legislatore, imponendogli maggior cautela nel punire coloro che mossi da puro intento solidaristico prestano aiuto a stranieri irregolari sul territorio francese. Ma è realmente così?
7 settembre 2018
La Corte Edu attaccata, ieri e oggi. Di chi è la colpa?
La Corte Edu attaccata, ieri e oggi. Di chi è la colpa?
di Roberto Conti
La vicenda dell’evacuazione del campo rom di Camping River, attuata nonostante la sospensione disposta dalla Corte Edu in via d’urgenza, è l’occasione per una riflessione su una cultura giuridica sovranista che dimentica le ragioni che hanno portato gli Stati a creare una Corte europea pace di tutelare i diritti umani anche davanti ad azioni delle autorità nazionali. Un campanello d’allarme e un invito a cambiar strada
28 luglio 2018
Stato di diritto ed integrazione processuale europea. La Corte di giustizia ed il caso Polonia
Stato di diritto ed integrazione processuale europea. La Corte di giustizia ed il caso Polonia
di Gualtiero Michelini
Commento a prima lettura dell’attesa sentenza della Corte di giustizia del 25 luglio 2018, nel procedimento pregiudiziale d’urgenza su rinvio dell’Alta Corte irlandese nel corso di una procedura di esecuzione di un mandato di arresto europeo emesso dall'autorità giudiziaria polacca. La decisione della Corte di giustizia affronta le questioni, determinate dalle riforme attuate dal governo polacco in pregiudizio dell’indipendenza del sistema giudiziario, della rilevanza giuridica e dell’impatto sull’applicazione della normativa del mandato di arresto europeo dell'avvio, da parte della Commissione europea, della procedura di accertamento della violazione sistemica dei principi di indipendenza del sistema giudiziario e dello Stato di diritto in Polonia in relazione alla Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea.
27 luglio 2018
CEDU, pillole di maggio
CEDU, pillole di maggio
di Alice Pisapia
Le più interessanti pronunce della Corte Edu emesse a maggio 2018
24 luglio 2018
CGUE, pillole di maggio
CGUE, pillole di maggio
di Alice Pisapia
Le più interessanti pronunce della Corte del Lussemburgo emesse a maggio 2018
20 luglio 2018