home search menu
L'uomo che schioccava le dita di Fariba Hachtroudi
Magistratura e società / cinema e letteratura
L'uomo che schioccava le dita di Fariba Hachtroudi
di Maria Giuliana Civinini
Presidente di Sezione del Tribunale di Livorno
Un manifesto contro la tortura, un canto all'amore
L'uomo che schioccava le dita di Fariba Hachtroudi

L’8 marzo ho ascoltato una lunga e bella intervista a Fariba Hachtroudi, trasmessa da Radio Tre nel corso del programma Uomini e Profeti

Attraverso le sue parole, interpuntate da canzoni e citazioni poetiche, ho incontrato una donna di grande fascino, scrittrice, saggista, instancabile accusatrice della repubblica teologica d’Iran, erede di una grande famiglia e di grandi intellettuali sostenitori della giustizia sociale e dell’uguaglianza tra uomini e donne, sostegno di esuli e perseguitati, impegnata nell’emancipazione dei giovani e delle donne del suo Paese, verso il quale esprime la volontà di operare per il cambiamento dall’interno e sentimenti di speranza.

Nella conversazione si sono intrecciate domande sulla famiglia, la Persia dell’infanzia, l’educazione e la vita a Parigi, i libri, il coraggio di tornare in Iran, la prima volta in clandestinità, l’impegno civico e sociale ispirato a un umanismo che trova le sue radici nel pensiero del padre della scrittrice, un famoso matematico e filosofo. E si è parlato dell’ultimo romanzo, Le Colonel et l’appât 455, edito da Albin Michel, pubblicato da Edizioni e/o col titolo L’uomo che schioccava le dita (una strana traduzione che sposta l’attenzione dal binomio dei due personaggi principali del titolo originale ad uno solo di essi anche se evocato attraverso un gesto che cambia la vita all’altro).

Mi sono precipitata a comprarlo. Ed ho scoperto un libro bellissimo, che ti prende, attraverso una lingua forte immaginifica e fluida come canto o poesia, e non ti lascia fino a che ne hai assorbito l’ultima parola o l’ultimo eco.

Il romanzo si srotola attraverso le narrazioni alternate di due io parlanti, il colonnello – già uomo di fiducia del Comandante supremo della Repubblica teologica, supervisore della sicurezza delle prigioni del paese, ora e da cinque anni richiedente asilo in un paese europeo forse nordico – e l’esca (l’appât) 455 – imprigionata per spingere il suo amato a parlare, divenuta un mito della terribile prigione Devine per i suoi NO urlati, il suo mutismo, l’incrollabilità che spaventa i suoi torturatori, ora interprete presso il dipartimento per i diritti umani del paese d’accoglienza. Lo stesso dove il Colonnello attende il riconoscimento dell’agognato asilo. Lo stesso dove i due si incontrano, ai due lati di una scrivania, davanti a chi ha il potere di cambiare il destino, lei l’interprete, lui il rifugiato, lui il torturatore, lei la torturata.

L’incontro sarà fatale. Per la donna, Vima, sarà l’innesco di un viaggio in un passato in parte rimosso e di una elaborazione fino a quel momento rifiutata, ma anche la scoperta di una parte della propria storia, la miracolosa liberazione dalla prigionia, di cui non era arrivata a conoscere il come e il perché. Per l’uomo sarà una nemesi e la via per dare all’amata, un’altra Vima, la sua verità e il suo amore. Per questo Vima, l’esca, la vittima, la torturata, ritroverà l’impulso e la gioia di scrivere. E troverà, in luogo dell’odio, la comprensione per un essere come lei preda del mal d’amore e, in fondo, come lei, vittima.

Molte cose potrebbero dirsi ma non si può privare il lettore del piacere di scoprire questa storia … ogni racconto sarebbe del resto riduttivo e un pallido simulacro dell’emozione che dona la lettura.

Dunque, senza dire di più, senza niente svelare di altri due personaggi che compaiono, prima raccontati e poi in prima persona, preme però fare alcune notazioni.

Il libro contiene scene di tortura e degrado, rivissute da Vima e dal Colonnello sul filo del loro incontro. Non sono scene da portiere di notte. Sono momenti crudi, descrizioni senza sbavature. Sono un’accusa più potente di mille rapporti, più di una azione politica. Sono un’azione politica fortissima.

Il libro colpisce nel far riflettere sull’aguzzino anch’egli come vittima, un punto che turba di fronte alla violenza della tortura e alle sue inenarrabili conseguenze ma su cui la scrittrice ritorna anche nella sua intervista, sottolineando come l’aguzzino, all’interno dell’inquisizione islamista come di altri contesti del pari liberticidi, sia la vittima di una grande ignoranza.

Infine il libro è un grande poema sull’amore, l’amore devastante e totalizzante, adorante, trasfigurante, di Vima, l’esca, per il suo Del, l’uomo per indurla a tradire il quale è stata imprigionata e torturata, e del Colonnella per l’altra Vima, per non perdere la quale ha infine tradito e lasciato il suo paese. Ma anche l’amore dell’altra Vima, la Vima del Colonnello, razionale e matematico. E l’amore di Del, poetico, vinto, nostalgico, Del che per lei scriveva poesie e aveva cantato i suoi piccoli piedi: “Tu mi manchi, di una mela, di un arancio, a volte della vita, ci si stanca. Dei tuoi piedi – tu li hai piccoli,  battono il pavimento nella collera – non ne ho mai abbastanza. Ho mangiato la mia mela, bevuto dall’arancio, la vita passa, quando tornerai tu, coi tuoi piccoli piedi?” (TdA).  

12 aprile 2015
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Per Alessandro Leogrande
Per Alessandro Leogrande
di Giancarlo De Cataldo
In ricordo di un intellettuale e scrittore che continuerà a essere un punto di riferimento per Magistratura democratica. Oltre al brano di Giancarlo, troverete il video dell'incontro di “Parole di giustizia 2016”. Un dialogo su frontiere, paure, sicurezza tra Alessandro Leogrande e Livio Pepino
29 novembre 2017
La memoria e il desiderio
La memoria e il desiderio
di Luigi Cavallaro
Note in margine al libro di Piero Curzio, Quasi saggio (Cacucci, Bari, 2017), in occasione della sua presentazione pubblica al Municipio di Capri, il 13 ottobre 2017
24 novembre 2017
Quando l’infanzia genera vittime e carnefici. Recensione a <i>Bambinate</i>, l’ultimo romanzo di Piergiorgio Paterlini (Einaudi, 2017)
Quando l’infanzia genera vittime e carnefici. Recensione a Bambinate, l’ultimo romanzo di Piergiorgio Paterlini (Einaudi, 2017)
di Fabio Gianfilippi
L’autore è da sempre attento alla ricchezza e alle fragilità della gioventù. Nel suo nuovo libro ci fa incontrare un gruppo di bambini, come tanti, senza edulcorarne però i tratti più feroci. Li ritroviamo poi adulti, ormai schermati dai propri ruoli sociali rassicuranti, ma non per questo meno crudelmente inconsapevoli
21 ottobre 2017
Incubi da giorni qualunque
Incubi da giorni qualunque
di Massimo Ferro
Recensione al libro di Bruno Capponi, Esi, Napoli 2016
8 ottobre 2016
La ricchezza dell’esserci per davvero
La ricchezza dell’esserci per davvero
di Fabio Gianfilippi
Una proposta di lettura di “Eccomi” (Guanda, 2016) di Jonathan Safran Foer
1 ottobre 2016
Una semplicità niente affatto banale
Una semplicità niente affatto banale
di Luigi Marini*
Recensione a Michela Murgia, “Futuro interiore”, Einaudi, Torino 2016
24 settembre 2016
In ricordo di Ermanno Rea
In ricordo di Ermanno Rea
di Alfredo Guardiano
"L'idea che sia impensabile un comunismo allegro, umano, garbato, perfino 'leggero', fa il paio con l'idea che non possa esistere in natura il napoletano silenzioso, ordinato, malinconico, legalitario fino all'ossessione. Il fatto è che certi luoghi comuni sicuramente facilitano la vita, però non la spiegano"
17 settembre 2016
"Sfrattati": entro nella vita delle persone per farle uscire di casa
di Bruno Capponi
Recensione al libro di Giuseppe Marotta, Corbaccio, Milano, 2015
20 luglio 2015
Magistrati e Resistenza: storie da non dimenticare
Magistrati e Resistenza: storie da non dimenticare
di Carlo Brusco
In occasione del settantesimo anniversario della liberazione un ricordo dei magistrati uccisi dai nazifascisti
25 aprile 2015
Massimo Ferro,
Massimo Ferro, "Non avrai le mie parole"
di Donatella Salari
Recensione di un romanzo rigoglioso di parole vive
11 aprile 2015
Newsletter


Fascicolo 3/2017
A cosa serve la Corte di cassazione?
Le banche, poteri forti e diritti deboli
Magistratura e società
<i>La convocazione</i>, un film civile
La convocazione, un film civile
di Ilio Mannucci Pacini
La recensione al documentario di Enrico Maisto, un'opera in cui sensazioni ed emozioni esprimono il punto di vista dei cittadini comuni sull’istituzione giudiziaria e sulla giustizia
20 gennaio 2018
È possibile un diritto senza (o con meno) giudici?
È possibile un diritto senza (o con meno) giudici?
di Antonio Scalera
La recensione al volume A che cosa serve il diritto di Vincenzo Di Cataldo (Il Mulino, 2017)
13 gennaio 2018
Mafie di mezzo
Mafie di mezzo
di Costantino Visconti
Il metodo che il sociologo Vittorio Martone impiega nel volume Le mafie di mezzo. Mercati e reti criminali a Roma e nel Lazio (Donzelli, 2017) è figlio di un serio lavoro collettivo. Opere come queste possono fungere da grandangolo, aiutando il giurista a valutare la questione criminale in un contesto più ampio e problematico, senza l’assillo di strozzare l’interpretazione dei fatti nell’ottica della loro qualificazione giuridica.
9 dicembre 2017
Vite di mafia. In movimento*
Vite di mafia. In movimento*
di Marcello Ravveduto
Nel suo Vita di mafia (Einaudi, 2017), Federico Varese compie un’analisi policentrica e multidimensionale su Cosa Nostra, mafia russa, Triadi e Yakuza. Una comparazione affascinante in cui l’uso dell’io narrativo non è quello del romanzo ma quello del ricercatore che conduce la sua analisi compenetrandosi in fatti e persone
2 dicembre 2017
Stefano Rodotà e Magistratura democratica
Stefano Rodotà e Magistratura democratica
di Franco Ippolito
Stefano Rodotà è stato per tutta la vita attento osservatore e lucido analista della giurisdizione, della magistratura e dell’associazionismo giudiziario. Al suo rapporto privilegiato con Magistratura democratica ha dedicato uno spazio di attenzione l’intenso convegno La vita prima delle regole. Idee ed esperienze di Stefano Rodotà, organizzato dall’editore Giuseppe Laterza a Montecitorio il 27 novembre 2017.
30 novembre 2017
Per Alessandro Leogrande
Per Alessandro Leogrande
di Giancarlo De Cataldo
In ricordo di un intellettuale e scrittore che continuerà a essere un punto di riferimento per Magistratura democratica. Oltre al brano di Giancarlo, troverete il video dell'incontro di “Parole di giustizia 2016”. Un dialogo su frontiere, paure, sicurezza tra Alessandro Leogrande e Livio Pepino
29 novembre 2017