home search menu
La ricchezza dell’esserci per davvero
Magistratura e società / cinema e letteratura
La ricchezza dell’esserci per davvero
di Fabio Gianfilippi
Magistrato di sorveglianza Spoleto
Una proposta di lettura di “Eccomi” (Guanda, 2016) di Jonathan Safran Foer
La ricchezza dell’esserci per davvero
La copertina del libro

Dopo aver letto l'ultima pagina del più recente romanzo di Safran Foer ("Eccomi", Guanda, 2016), me lo sono rigirato ancora un po’ tra le mani, giallo e voluminoso. Ne ho riguardato la copertina, arricchita da un disegno a prima vista scanzonato e umoristico, in cui una lampada da cucina illumina il titolo ed il nome dell’autore. Poi ho riflettuto, sull’onda della lettura appena conclusa, che quella lampada mi appariva più simile a quelle di certe sale operatorie e che la luce, bianca, che sembrava spandere intorno, era piuttosto da osservazione scientifica, autentica e notoriamente spietata.

Sotto la lente dell’autore c’è, nel libro, la famiglia e la casa dei Bloch: ebrei, intellettuali, americani, padre sceneggiatore in terapia dall'analista, madre architetto di progetti più che di opere realizzate, nonni e un bisnonno dalle personalità a dir poco ingombranti, figli piccoli e dalle risposte invariabilmente geniali, il cane Argo, testimone vecchio e malandato del loro modo cervellotico di essere una famiglia di oggi.

L' "eccomi" del titolo evoca la risposta che Abramo dà più volte al suo Dio, anche quando quest'ultimo lo sta chiamando a sacrificargli il figlio. È il segno di una presenza integrale nel "qui e ora", che si confronta con la nostra malattia più diffusa: essere sempre con qualcuno, anche chi amiamo, senza esserci del tutto, presi da un perenne altrove di contatti social e di pensieri che ci portano lontano.

Come si tiene in vita una relazione di coppia? Ce la facciamo a dirci tutto? È necessario dirci tutto?

"È facile essere vicini ma è quasi impossibile rimanere vicini".

Si creano faglie nella prossimità e abissi di parole non dette e sentimenti non comunicati. Dipende dalla polvere che finisce per ricoprire la parte di noi che ci fa vergognare e, più ancora, dalla paura di non essere all'altezza delle aspettative nostre e di chi ci ama.

L'autore incide fino in fondo nelle carni e, tutto fa, tranne darci uno straccio soltanto di alibi. Niente aforismi rassicuranti. Niente assoluzioni. Anche se sono quelle che i protagonisti cercano, rincorrendo sensi di colpa ebraici che ci richiamano con facilità i nostri sensi di colpa cattolici.

Sappiamo assumerci la responsabilità del male che facciamo? Possiamo portare il peso del riconoscerci inadeguati e incostanti anche rispetto alle relazioni cui teniamo maggiormente?

"Non ci sono rimedi per le ferite che feriscono di più. C'è solo la medicina di credere nel dolore dell'altro e di esserci."

I personaggi di Safran Foer, i suoi estenuanti dialoghi, mantengono sempre un tono epico, quando affrontano la storia grande, inventata ma possibile, e quando incrociano le nostre miserie: il filo interdentale, il sesso virtuale, i pacchetti di schifezze buone da mangiare davanti alla TV. C’è la distanza dalle politiche di Israele e il riconoscersi insieme diversi da chi ci vive, ma fratelli nella storia e nel destino. C’è la consapevolezza che l'amore non è dato per scontato, ma è sempre frutto della lotta per mantenere in vita ciò in cui crediamo, come Giacobbe seppe lottare con l'angelo di Dio, perché questi, alla fine,lo benedicesse.

È un lungo viaggio, quello di Jacob Bloch e della sua famiglia, attraverso la nostra imperfezione. Un viaggio nelle parole, come solo la cultura ebraica sa scrivere. Un viaggio, come quello di Leopold Bloom, che ci riporta al vecchio cane Argo e alla fedeltà a se stessi. La conquista sembra essere che "siamo quelli che siamo" ma quel che fa la differenza "è riuscire ad ammetterlo".

Niente dura identico a se stesso, non i riti che in famiglia abbiamo sostituito a quelli religiosi, non il sesso vissuto come liturgia per dimostrare che tutto va bene, non la salute e non l'umore. Le cose non vanno sempre bene. Va bene, però, dirselo e lottare per l'amore che resta, anche quando tutto cambia e forse proprio perché tutto cambia.

Non ci spostiamo molto nel tempo e nello spazio, leggendo Safran Foer, ma ci immergiamo a fondo nel nostro più intimo essere umani. Così, da amare così. Nudi. Consapevoli, non più tanto colpevoli.

1 ottobre 2016
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Per Alessandro Leogrande
Per Alessandro Leogrande
di Giancarlo De Cataldo
In ricordo di un intellettuale e scrittore che continuerà a essere un punto di riferimento per Magistratura democratica. Oltre al brano di Giancarlo, troverete il video dell'incontro di “Parole di giustizia 2016”. Un dialogo su frontiere, paure, sicurezza tra Alessandro Leogrande e Livio Pepino
29 novembre 2017
La memoria e il desiderio
La memoria e il desiderio
di Luigi Cavallaro
Note in margine al libro di Piero Curzio, Quasi saggio (Cacucci, Bari, 2017), in occasione della sua presentazione pubblica al Municipio di Capri, il 13 ottobre 2017
24 novembre 2017
Quando l’infanzia genera vittime e carnefici. Recensione a <i>Bambinate</i>, l’ultimo romanzo di Piergiorgio Paterlini (Einaudi, 2017)
Quando l’infanzia genera vittime e carnefici. Recensione a Bambinate, l’ultimo romanzo di Piergiorgio Paterlini (Einaudi, 2017)
di Fabio Gianfilippi
L’autore è da sempre attento alla ricchezza e alle fragilità della gioventù. Nel suo nuovo libro ci fa incontrare un gruppo di bambini, come tanti, senza edulcorarne però i tratti più feroci. Li ritroviamo poi adulti, ormai schermati dai propri ruoli sociali rassicuranti, ma non per questo meno crudelmente inconsapevoli
21 ottobre 2017
Incubi da giorni qualunque
Incubi da giorni qualunque
di Massimo Ferro
Recensione al libro di Bruno Capponi, Esi, Napoli 2016
8 ottobre 2016
Una semplicità niente affatto banale
Una semplicità niente affatto banale
di Luigi Marini*
Recensione a Michela Murgia, “Futuro interiore”, Einaudi, Torino 2016
24 settembre 2016
In ricordo di Ermanno Rea
In ricordo di Ermanno Rea
di Alfredo Guardiano
"L'idea che sia impensabile un comunismo allegro, umano, garbato, perfino 'leggero', fa il paio con l'idea che non possa esistere in natura il napoletano silenzioso, ordinato, malinconico, legalitario fino all'ossessione. Il fatto è che certi luoghi comuni sicuramente facilitano la vita, però non la spiegano"
17 settembre 2016
"Sfrattati": entro nella vita delle persone per farle uscire di casa
di Bruno Capponi
Recensione al libro di Giuseppe Marotta, Corbaccio, Milano, 2015
20 luglio 2015
Magistrati e Resistenza: storie da non dimenticare
Magistrati e Resistenza: storie da non dimenticare
di Carlo Brusco
In occasione del settantesimo anniversario della liberazione un ricordo dei magistrati uccisi dai nazifascisti
25 aprile 2015
L'uomo che schioccava le dita di Fariba Hachtroudi
L'uomo che schioccava le dita di Fariba Hachtroudi
di Maria Giuliana Civinini
Un manifesto contro la tortura, un canto all'amore
12 aprile 2015
Massimo Ferro,
Massimo Ferro, "Non avrai le mie parole"
di Donatella Salari
Recensione di un romanzo rigoglioso di parole vive
11 aprile 2015
Newsletter


Fascicolo 3/2017
A cosa serve la Corte di cassazione?
Le banche, poteri forti e diritti deboli
Magistratura e società
<i>La convocazione</i>, un film civile
La convocazione, un film civile
di Ilio Mannucci Pacini
La recensione al documentario di Enrico Maisto, un'opera in cui sensazioni ed emozioni esprimono il punto di vista dei cittadini comuni sull’istituzione giudiziaria e sulla giustizia
20 gennaio 2018
È possibile un diritto senza (o con meno) giudici?
È possibile un diritto senza (o con meno) giudici?
di Antonio Scalera
La recensione al volume A che cosa serve il diritto di Vincenzo Di Cataldo (Il Mulino, 2017)
13 gennaio 2018
Mafie di mezzo
Mafie di mezzo
di Costantino Visconti
Il metodo che il sociologo Vittorio Martone impiega nel volume Le mafie di mezzo. Mercati e reti criminali a Roma e nel Lazio (Donzelli, 2017) è figlio di un serio lavoro collettivo. Opere come queste possono fungere da grandangolo, aiutando il giurista a valutare la questione criminale in un contesto più ampio e problematico, senza l’assillo di strozzare l’interpretazione dei fatti nell’ottica della loro qualificazione giuridica.
9 dicembre 2017
Vite di mafia. In movimento*
Vite di mafia. In movimento*
di Marcello Ravveduto
Nel suo Vita di mafia (Einaudi, 2017), Federico Varese compie un’analisi policentrica e multidimensionale su Cosa Nostra, mafia russa, Triadi e Yakuza. Una comparazione affascinante in cui l’uso dell’io narrativo non è quello del romanzo ma quello del ricercatore che conduce la sua analisi compenetrandosi in fatti e persone
2 dicembre 2017
Stefano Rodotà e Magistratura democratica
Stefano Rodotà e Magistratura democratica
di Franco Ippolito
Stefano Rodotà è stato per tutta la vita attento osservatore e lucido analista della giurisdizione, della magistratura e dell’associazionismo giudiziario. Al suo rapporto privilegiato con Magistratura democratica ha dedicato uno spazio di attenzione l’intenso convegno La vita prima delle regole. Idee ed esperienze di Stefano Rodotà, organizzato dall’editore Giuseppe Laterza a Montecitorio il 27 novembre 2017.
30 novembre 2017
Per Alessandro Leogrande
Per Alessandro Leogrande
di Giancarlo De Cataldo
In ricordo di un intellettuale e scrittore che continuerà a essere un punto di riferimento per Magistratura democratica. Oltre al brano di Giancarlo, troverete il video dell'incontro di “Parole di giustizia 2016”. Un dialogo su frontiere, paure, sicurezza tra Alessandro Leogrande e Livio Pepino
29 novembre 2017