home search menu
Una semplicità niente affatto banale
Magistratura e società / cinema e letteratura
Una semplicità niente affatto banale
di Luigi Marini*
Legal adviser alla Rappresentanza permanente d’Italia presso le Nazioni Unite
Recensione a Michela Murgia, “Futuro interiore”, Einaudi, Torino 2016

Nei pochi giorni di ferie della fine di agosto ho cercato di concentrare molte letture e non avrei potuto trovarmi a metterne insieme due così diverse come il corposo e bellissimo inserto del NYT dedicato al Medio Oriente “fratturato” e il piccolo, intenso volume di Michela Murgia intitolato al Futuro interiore

È, questo, un volume composto da tre saggi brevi, sintetici e ricchi di spunti. Dovessi riassumerne il senso nella forma più concisa possibile direi che si tratta di un inno non convenzionale alla democrazia. Dove la “democrazia dal basso” costituisce il punto di vista e dove, fortunatamente, difettano rivendicazioni stereotipe e ragionamenti troppo facili.

Non si incontrano chiavi di lettura sorprendenti, ma un percorso coerente che guarda ad alcuni dei temi correnti del dibattito pubblico mettendo definitivamente al centro i luoghi e le persone che possiamo definire “periferia di un mondo democratico”. Niente a che vedere nelle sue premesse con l’assenza in ogni caso radicale di democrazia narrata dal NYT.

Un esempio per tutti. Parlando della struttura delle città e della loro organizzazione architettonica-urbanistica, Murgia afferma che «... Chi progetta spazi non può affrontare la questione della bellezza senza essere consapevole del suo diretto rapporto con la giustizia» (pag.61). Se è vero che l’armonia delle città medievali e rinascimentali non esprimeva affatto una società armonica ed era figlia di rapporti sociali violenti e di diseguaglianze drammatiche, e se è vero che lo squilibrio moderno fra centro città e periferie invivibili dimostra che «non siamo riusciti a far evolvere il concetto urbano di bellezza dai tempi dell’ingiustizia a quelli dell’uguaglianza», non resta che concludere che «reiterare quel tipo di bellezza significa progettare ancora le premesse perché sorgano ulteriori luoghi di emarginazione».

Altrettanto significativo il ruolo centrale e terapeutico che l’autrice assegna al dissenso e al disordine.

Quanto al primo, si tratta di una manifestazione indispensabile della necessità di rompere un sistema di poteri gerarchici che, con la democrazia, hanno preso il posto dell’unica gerarchia regale o dittatoriale. Senza questa rottura non è possibile superare la «visione maschile del potere» (pag.69), che ha natura «sottrattiva» e tende a fagocitare i diritti che i deboli non sono in grado di difendere.

Quanto al secondo, siamo in presenza di una forza connaturata a qualsiasi aggregazione ed è insensato pensare di eliminarlo tanto quanto cercare di formalizzarlo dentro spazi urbani codificati. Solo i regimi illiberali possono temere il disordine fino al punto di criminalizzarlo, negarlo o racchiuderlo. Non così dovrebbero fare le nostre città, i nostri urbanisti e i nostri sindaci: le forme nuove di bellezza sanno sorprenderci se consentiamo loro di manifestarsi e di costruire un futuro diverso.

Di qui l’importanza dei luoghi polisemantici, privi di destinazioni rigide e capaci di moltiplicare le relazioni (come l’Istituto del mondo arabo a Parigi o la biblioteca Salaborsa di Bologna): luoghi dove bellezza e democrazia convivono. Ma anche l’importanza di un’idea e di una pratica di cittadinanza che rompa il legame fra appartenenza (necessariamente unica) e identità (in sé molteplice) e si fondi sullo «ius voluntatis» (pag.30).

Non tutti i passaggi dell’argomentare dell’autrice sono convincenti e solidi; ad esempio, non mi pare del tutto vero che le marginalità tendano sempre a solidarizzare fra loro (pag.71). Tuttavia, l’insieme dei tre saggi mette a disposizione del lettore strumenti critici interessanti sia per chi ha compiti di responsabilità, ed è chiamato ad esercitarli andando oltre le prassi e le idee correnti, sia per chi ha il compito di esprimere la propria vocazione personale e la propria funzionale sociale anche mediante un approccio critico non stereotipato alle diverse forme di gerarchia e di potere (per quanto da lui/lei delegato in modo più o meno consapevole).

Il che fa del volume uno strumento particolarmente utile per chi deve ancora formarsi e si sta interrogando sul proprio futuro di cittadino e di persona.

 

__________________________

* I contenuti del presente intervento esprimono esclusivamente le posizioni personali dell’Autore.

24 settembre 2016
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
“Con i piedi nel fango. Conversazioni su politica e verità”
“Con i piedi nel fango. Conversazioni su politica e verità”
di Paola Perrone
In questo libro-intervista, Gianrico Carofiglio parte da un valore che poi non abbandona: ogni soggetto politico deve essere consapevole del proprio agire e responsabile delle scelte che fa. Infatti «l’imperturbabilità» davanti al male «può essere una buona tecnica per il benessere personale ma non è un valore», mentre la sofferenza altrui, le discriminazioni, i grandi problemi del mondo dovrebbero essere sempre all’attenzione del politico e del cittadino, provocando in loro una «forma controllata di disagio» che li porta a scelte anche «compromissorie» pur di ottenere il risultato di attenuare quel male.
21 aprile 2018
Per Alessandro Leogrande
Per Alessandro Leogrande
di Giancarlo De Cataldo
In ricordo di un intellettuale e scrittore che continuerà a essere un punto di riferimento per Magistratura democratica. Oltre al brano di Giancarlo, troverete il video dell'incontro di “Parole di giustizia 2016”. Un dialogo su frontiere, paure, sicurezza tra Alessandro Leogrande e Livio Pepino
29 novembre 2017
La memoria e il desiderio
La memoria e il desiderio
di Luigi Cavallaro
Note in margine al libro di Piero Curzio, Quasi saggio (Cacucci, Bari, 2017), in occasione della sua presentazione pubblica al Municipio di Capri, il 13 ottobre 2017
24 novembre 2017
Quando l’infanzia genera vittime e carnefici. Recensione a Bambinate, l’ultimo romanzo di Piergiorgio Paterlini (Einaudi, 2017)
Quando l’infanzia genera vittime e carnefici. Recensione a Bambinate, l’ultimo romanzo di Piergiorgio Paterlini (Einaudi, 2017)
di Fabio Gianfilippi
L’autore è da sempre attento alla ricchezza e alle fragilità della gioventù. Nel suo nuovo libro ci fa incontrare un gruppo di bambini, come tanti, senza edulcorarne però i tratti più feroci. Li ritroviamo poi adulti, ormai schermati dai propri ruoli sociali rassicuranti, ma non per questo meno crudelmente inconsapevoli
21 ottobre 2017
Incubi da giorni qualunque
Incubi da giorni qualunque
di Massimo Ferro
Recensione al libro di Bruno Capponi, Esi, Napoli 2016
8 ottobre 2016
La ricchezza dell’esserci per davvero
La ricchezza dell’esserci per davvero
di Fabio Gianfilippi
Una proposta di lettura di “Eccomi” (Guanda, 2016) di Jonathan Safran Foer
1 ottobre 2016
In ricordo di Ermanno Rea
In ricordo di Ermanno Rea
di Alfredo Guardiano
"L'idea che sia impensabile un comunismo allegro, umano, garbato, perfino 'leggero', fa il paio con l'idea che non possa esistere in natura il napoletano silenzioso, ordinato, malinconico, legalitario fino all'ossessione. Il fatto è che certi luoghi comuni sicuramente facilitano la vita, però non la spiegano"
17 settembre 2016
L'attualità di Montesquieu per legislatori e giudici: l'abc del garantismo
L'attualità di Montesquieu per legislatori e giudici: l'abc del garantismo
di Luigi Marini*
Recensione al libro di Dario Ippolito, "Lo Spirito del Garantismo. Montesquieu e il potere di punire", Donzelli Editore, Roma 2016, euro16,50
5 maggio 2016
"Sfrattati": entro nella vita delle persone per farle uscire di casa
di Bruno Capponi
Recensione al libro di Giuseppe Marotta, Corbaccio, Milano, 2015
20 luglio 2015
Magistrati e Resistenza: storie da non dimenticare
Magistrati e Resistenza: storie da non dimenticare
di Carlo Brusco
In occasione del settantesimo anniversario della liberazione un ricordo dei magistrati uccisi dai nazifascisti
25 aprile 2015
Newsletter


Fascicolo 2/2018
L’ospite straniero.
La protezione internazionale
nel sistema multilivello di tutela
dei diritti fondamentali
Magistratura e società
Ninna nanna per un bambino siriano, ghanese oppure marziano *
Salvini come Eichmann?*
di Alessandro Simoni
Il contratto di Governo e le esternazioni del ministro dell'Interno sembrano voler riproporre, a dieci anni esatti dall'”emergenza nomadi”, una presunzione di pericolosità su base etnica basata su grossolani stereotipi, ora riproposti anche in forme “eleganti” ammantate di “realismo” e “oggettività”. Per non farsi disorientare dal restyling di vecchie banalità, è importante aver presenti i termini effettivi del problema e gli antefatti storici
6 luglio 2018
Quando Machiavelli cantò il Magnificat ai magistrati*
di Tommaso Greco
Il diritto e la giustizia affondano le loro radici nella sofferenza degli ultimi e nella possibilità di un loro riscatto. Ce lo ricorda, forse inaspettatamente, Niccolò Machiavelli in un suo discorso pressoché dimenticato, nel quale egli, rivolgendosi ai magistrati, riprende spunti classici e religiosi
3 luglio 2018
L’asilo come diritto, un momento di riflessione sul tema dell'inclusione
L’asilo come diritto, un momento di riflessione sul tema dell'inclusione
di Carlo Sorgi
Il volume curato da Marco Omizzolo rappresenta uno dei primi tentativi seri di sistematizzare l’esperienza di un venticinquennio di accoglienza dei migranti in Italia, evidenziando l’esigenza di trasformare la migrazione da fenomeno emergenziale a progetto per la crescita e lo sviluppo economico e culturale del Paese
30 giugno 2018
La richiedente
La richiedente
Smain Laacher è un componente laico (assesseur) della Cnda (Cour national du droit d’asile) francese, che ha raccolto in un saggio (Croire à l’incroyable, Gallimard, 2018) le sue riflessioni a partire dall'esperienza pluriennale nella Corte che giudica sui ricorsi dei richiedenti asilo
20 giugno 2018
Lelio Basso e la giustizia*
di Riccardo De Vito
Ricordare oggi Lelio Basso significa prendere atto che il suo pensiero è tutt’ora un progetto
7 giugno 2018