home search menu
Tag: jobs act
Risultati
Articoli trovati: 14
Il licenziamento nullo per illiceità della causa o frode alla legge
Il licenziamento nullo per illiceità della causa o frode alla legge
di Marco Vitali
Con la sentenza n. 687 del 4 novembre 2016, il Tribunale di Vicenza ha dichiarato la nullità di un licenziamento per giustificato motivo oggettivo poiché intimato in frode alla legge, ai sensi dell’art. 1344 cc, ed ha applicato la tutela reintegratoria prevista al comma 1 dell’art. 18 Statuto dei lavoratori, nel testo modificato dalla legge n. 92/2012. Il caso induce ad alcune riflessioni attorno alla novella introdotta con il d.lgs n. 23/2015 che ha elevato a regola la tutela indennitaria, escludendo del tutto la tutela reintegratoria per i licenziamenti per giustificato motivo oggettivo. Nonostante la restrizione delle tutele così attuata, le categorie civilistiche della nullità – in particolare l’illiceità della causa – devono ritenersi operanti nella materia dei licenziamenti
11 ottobre 2017
La sottile linea tra legalità e sfruttamento nel lavoro*
La sottile linea tra legalità e sfruttamento nel lavoro*
di Roberto Riverso
Non si può pensare di risolvere i problemi della legalità del lavoro soltanto cambiando le regole: la questione è più complessa, perché lo scarto tra essere e dover essere nel mondo del lavoro interpella molti attori responsabili, compresa la giurisdizione. Se si vuole un recupero della mortificata legalità, prima delle leggi ci vogliono i comportamenti. L’applicazione della legge, nel settore del diritto del lavoro, è contagiosa, innesca cioè meccanismi virtuosi con effetti benefici non solo per i diritti soggettivi ed irrinunciabili del singolo lavoratore, ma piuttosto per l’intera filiera produttiva e per l’intera società
28 aprile 2017
In ricordo di Sergio Mattone
In ricordo di Sergio Mattone
di Rita Sanlorenzo
In occasione del convegno «La tutela effettiva dei diritti nel giusto processo» dedicato alla memoria di Sergio Mattone, pubblichiamo un suo articolo comparso sul n. 6 del 2006 di Questione Giustizia. Gli anni trascorsi da quello scritto non ne appannano la lucidità di visione e il coraggio delle proposte
29 marzo 2017
I limiti al potere di controllo del datore di lavoro sulle condotte del lavoratore. Commento alle sentenze n.22662/16 e 22213/16 della Cassazione
I limiti al potere di controllo del datore di lavoro sulle condotte del lavoratore. Commento alle sentenze n.22662/16 e 22213/16 della Cassazione
di Piero Rocchetti
Pur in casi regolati dalle norme precedenti il Jobs act, la Cassazione amplia l’ambito della potestà di controllo del datore di lavoro, autorizzando controlli difensivi a tutela del patrimonio aziendale oltre i limiti dello Statuto dei lavoratori (art. 4) e precisando che il superamento del limite del rispetto della dignità e della riservatezza del lavoratore deve essere risultato di specifica attività istruttoria
31 gennaio 2017
Libertà e lavoro dopo il Jobs Act
Libertà e lavoro dopo il Jobs Act
di Rita Sanlorenzo
Analisi e proposte per una realtà trascurata
7 febbraio 2016
Qualche nota preliminare sullo schema di riforma dell’art. 4 dello Statuto dei lavoratori
Qualche nota preliminare sullo schema di riforma dell’art. 4 dello Statuto dei lavoratori
di Maria Giovanna Greco
In attesa del testo approvato, si può già dire che si delinea una disciplina molto meno garantista per i lavoratori e poco rispettosa della loro privacy
22 settembre 2015
Mansioni del lavoratore e tutela “flessibile” nel disegno del Jobs act
Mansioni del lavoratore e tutela “flessibile” nel disegno del Jobs act
di Linda D'Ancona
La disposizione elimina l’obbligo di accordo tra datore di lavoro e lavoratore in caso di adibizione a mansioni inferiori, per effetto di ristrutturazione aziendale dovuta a crisi economica, o più in generale, alla necessità di una riorganizzazione
13 maggio 2015
I licenziamenti disciplinari tra Jobs act e riforma Fornero. (Basta un poco di fatto materiale e la reintegra va giù?)
di Roberto Riverso
Nella nuova disciplina emanata con il decreto legislativo di attuazione della legge delega 10.12.2014 n. 183 (approvato il 20.2.2015) è tornata inaspettatamente la categoria del "fatto materiale"
23 febbraio 2015
Le tutele decrescenti nel primo decreto attuativo del Jobs act
di Attilio Mari
Lo schema di decreto licenziato alla vigilia di Natale persegue, pur se con zoppicante modalità di scrittura, il fine evidente di limitare ulteriormente gli spazi interpretativi dei giudici di merito. Senza preoccuparsi di creare delle potenziali rotture nella coerenza del sistema delle tutele e, di conseguenza, con i valori costituzionalmente garantiti
26 gennaio 2015
E lo chiamano lavoro…
di Sandra Burchi
Il volume di Carla Ponterio e Rita Sanlorenzo è l'occasione per osservare la parabola del diritto del lavoro verso una flessibilità, che - senza interventi sul versate del welfare - diventa pura precarietà
21 dicembre 2014
Jobs act, le modifiche all'art. 18 dello Statuto: le vere ragioni, le conseguenze concrete
di Anna Terzi
L’ultima modifica alla legge di delega al Governo introduce la previsione dell’intervento sull’art. 18 dello Statuto, fin qui tenuto fuori dal testo normativo: ma con quali ricadute sulla disciplina concreta?
19 dicembre 2014
Jobs act, una prima lettura della legge delega in corso di approvazione
di Mariapaola Aimo
Nel rincorrersi di notizie su imminenti modifiche del ddl già approvato dal Senato, l’esame dell’articolato solleva numerosi dubbi interpretativi anche di ordine costituzionale e sulla portata delle riforme che ne deriveranno. Nell'obiettivo del legislatore non c’è solo l’art. 18, ma un ripensamento ben più allargato e profondo di istituti fondamentali per la tutela dei lavoratori
20 novembre 2014
Jobs act, la giurisdizione di fronte alle innovazioni normative
di Rita Sanlorenzo
Nell’ambito del convegno: “Riforma o controriforma del diritto del lavoro: solo l’art.18 dello Statuto dei Lavoratori?"
3 novembre 2014
Copertina
Fascicolo 2/2017
Le nuove disuguaglianze
Beni comuni

Dedicato a Stefano Rodotà
PILLOLE DI CEDU
PILLOLE DI CGUE
Sentenze di febbraio
Le più interessanti pronunce della Corte di Giustizia dell'Unione emesse a Febbraio 2017