Magistratura democratica
Pillole di CEDU
Sentenze di luglio 2018
di Alice Pisapia
Prof. a contratto in Diritto dell’UE per l’impresa, Università degli Studi dell’Insubria
Prof. a contratto in Diritto europeo della concorrenza, Università degli Studi dell’Insubria
Avvocato Foro di Milano
Le più interessanti pronunce della Corte Edu emesse a luglio 2018

La Corte Edu si pronuncia sul Caso Politkovskaja

Sentenza della Corte Edu (Sezione Terza), 17 luglio 2018, rich. n. 15086/07, Case Of Mazepa and others v. Russia

Oggetto: violazione art. 2 Cedu – diritto alla vita – indagine efficace – uccisione su commissione di un giornalista investigativo

La sentenza in rassegna verte sull’omicidio di Anna Politkovskaya, la nota giornalista investigativa assassinata a Mosca nel 2006. Benché il mandante dell’omicidio non sia mai stato scoperto, nel 2014 cinque persone sono state condannate per l’omicidio della giornalista. Il Tribunale di Mosca ha accertato che l’omicidio è stato commesso da un gruppo organizzato a pagamento in relazione all’esercizio delle funzioni professionali e civiche della vittima, che, come noto, si occupava di inchieste concernenti la violazione dei diritti umani nella Repubblica cecena ed era molto critica della politica del presidente Putin.

Secondo Corte Edu, l’indagine condotta dalle autorità nazionali ha portato a risultati tangibili poiché ha determinato la condanna di cinque persone direttamente responsabili dell’uccisione. Tuttavia, quando si indagava su un omicidio su commissione, a giudizio della Corte, è necessario compiere sforzi investigativi al fine di identificare anche l’autore intellettuale del crimine, cioè la persona o le persone che avevano commissionato l’assassinio. Sotto questo profilo, la Corte osserva che le indagini delle autorità si erano concentrate su un’ipotesi riguardante l’identità della persona che aveva commissionato l’omicidio, vale a dire «un noto ex politico russo a Londra» deceduto nel 2013. Tuttavia, lo Stato convenuto non aveva spiegato perché l’inchiesta aveva scelto di concentrarsi per un considerevole numero di anni su quella singola linea di indagine, che era rimasta peraltro non supportata da prove tangibili. Inoltre, dato il lavoro di Anna Politkovskaya sul conflitto in Cecenia, le autorità investigative avrebbero dovuto esplorare le presunte implicazioni dei funzionari del Servizio di sicurezza federale o dell’amministrazione della Repubblica cecena. Ciò non è avvenuto e l’indagine sull’omicidio di Anna Politkovskaya non aveva integrato il requisito dell’adeguatezza.

Alla luce delle considerazioni sopra riportate, la Corte Edu ha quindi condannato la Russia per non aver «attuato le opportune misure investigative per identificare gli sponsor dell’omicidio» della giornalista. Più in particolare, lo Stato non ha adempiuto agli obblighi relativi all’efficacia e alla durata dell’indagine ai sensi della Cedu.

***

La Corte Edu si pronuncia in tema di sfruttamento della prostituzione

Sentenza della Corte Edu (Sezione Prima) 19 luglio 2018, rich. n.  60561/14, S.M. v. Croazia

Oggetto: violazione art. 4 Cedu – tratta esseri umani – sfruttamento della prostituzione – mancanza di un’indagine efficace

La ricorrente, la sig.ra S.M., è una cittadina croata nata nel 1990 che ha presentato una denuncia penale nel settembre 2012, sostenendo che un uomo l’aveva costretta a prostituirsi per diversi mesi a metà del 2011. Ha affermato che l’uomo, un ex agente di polizia, l’aveva spinta a incontrare i clienti, l’aveva obbligata a dargli metà dei soldi che aveva guadagnato fornendo servizi sessuali e l’aveva minacciata di punirla se non avesse rispettato le sue richieste. Alla fine del 2012 l’uomo è stato incriminato e alla ricorrente è stato ufficialmente riconosciuto lo status di vittima della tratta di esseri umani. All’esito dell’indagine, l’uomo è tuttavia stato assolto, in quanto i tribunali hanno ritenuto che la testimonianza della ricorrente fosse incoerente e inaffidabile. Hanno quindi concluso che l’accusa non aveva fornito prove sufficienti per una condanna e che la ricorrente aveva prestato volontariamente i servizi sessuali.

Dopo aver riconosciuto che la tratta delle donne e lo sfruttamento della prostituzione rientrano nell’ambito di applicazione dell’art. 4 della Convenzione, la Corte si è soffermata sull’indagine condotta a seguito della denuncia della ricorrente, ravvisandone diverse carenze. Invero, le autorità non avevano intervistato alcuni testimoni chiave, compresi i clienti della ricorrente e altri individui che avrebbero potuto testimoniare sulla vera natura della sua relazione con l’imputato. Né avevano fatto alcun serio tentativo di indagare sulla accusa di minacce. Infine, non avevano valutato il possibile impatto del trauma psicologico sulla capacità di esporre in modo chiaro e coerente le circostanze del suo sfruttamento, etichettando la sua testimonianza come inaffidabile. Inoltre, accertando che la ricorrente aveva prestato volontariamente i servizi sessuali e non era stata coartato, i tribunali nazionali non avevano preso in considerazione il diritto internazionale in materia di tratta di esseri umani, compresa la Convenzione anti-tratta del Consiglio d’Europa, secondo cui il consenso della vittima è irrilevante. 

Alla luce dei rilievi esposti, la Corte ha concluso che le autorità nazionali competenti non hanno adempiuto agli obblighi procedurali ai sensi dell’art. 4 della CEDU e ha condannato la Croazia a pagare alla ricorrente 5.000 euro a titolo di danno non patrimoniale.

16 novembre 2018
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Zone di transito internazionali degli aeroporti: zone grigie del diritto
di Annapaola Ammirati e Adelaide Massimi
Un commento critico a prospettive e prassi attuate dalla pubblica amministrazione
9 dicembre 2019
di Marcello Bortolato
Nell’opinione pubblica, anche qualificata, continua a essere diffusa l’idea che l’ergastolo sia una pena riducibile e che il “fine pena mai” non esista. È vero il contrario. Mentre è in calo il numero dei reati, le condanne all’ergastolo aumentano e, tra di esse, quelle all’ergastolo effettivamente senza right to hope, senza via di uscita. Ostativo, viene comunemente definito. Un magistrato di sorveglianza ci spiega bene cosa è e perché non dovrebbe avere cittadinanza nel nostro ordinamento, tanto più dopo la sentenza della Corte di Strasburgo Viola c. Italia. Lo pubblichiamo per sfatare luoghi comuni e false giustificazioni, in attesa che il 22 ottobre si pronunci la Corte costituzionale
15 ottobre 2019
di Lucia Tria
Nel presente intervento si illustrano sinteticamente gli aspetti positivi del dialogo e della collaborazione fra giuristi di Paesi civil law e giuristi di Paesi di common law – a partire dai giuristi britannici – quali finora si sono avuti in ambito europeo, confidando, per il dopo Brexit, nell’europeismo giuridico che si è manifestato dopo il Protocollo n. 30 del Trattato di Lisbona, pur con le debite differenze
11 ottobre 2019
Il sistema dei rimedi de libertate alla luce della giurisprudenza della Cedu nella sentenza Rizzotto c. Italia (5 settembre 2019)
di Daniela Cardamone
Nel sistema dei rimedi in tema di privazione della libertà personale, il diritto dell’indagato di essere sentito personalmente dal giudice assume per la Corte EDU un carattere così pregnante da svalutare qualsiasi altra garanzia procedimentale. L’indagato appare essere il principale, se non esclusivo, garante del proprio diritto di difesa restando sullo sfondo, fino quasi a scomparire, tutti gli altri attori del procedimento, ivi compreso il difensore
1 ottobre 2019
Sentenze di aprile 2019
di Marika Ikonomu* e Maria Giuliana Civinini**
Le più interessanti pronunce emesse dalla Corte di Strasburgo ad aprile 2019: legittimità della detenzione del richiedente asilo, deroga ad alcuni diritti fondamentali durante lo stato di emergenza, diritto a un equo processo, diritto al rispetto della vita privata e familiare, best interests of the child, principio del ne bis in idem
28 giugno 2019
Sentenze di marzo 2019
di Marika Ikonomu* e Maria Giuliana Civinini**
Le più interessanti pronunce emesse dalla Corte di Strasburgo a marzo 2019: inadeguatezza delle cure mediche durante la detenzione, diritto ad un ricorso effettivo contro il trattenimento nei centri di accoglienza, diritto al rispetto della vita familiare, diritto ad un tribunale costituito per legge, libertà di espressione
21 giugno 2019
Il caso Lambert tra pronunce della Corte Edu e decisioni del giudice nazionale
di Sabrina Apa
Con due decisioni cautelari (30 aprile e 20 maggio 2019), la Cedu è tornata a pronunciarsi sulla vicenda di Vincent Lambert, il cittadino francese rimasto tetraplegico ed in stato vegetativo a seguito di incidente stradale del 2008. Subito dopo è intervenuta la Corte d’appello di Parigi, che ha sospeso ogni intervento in attesa della pronuncia del Comitato Onu sui Diritti delle persone con disabilità
19 giugno 2019
Ergastolo ostativo, la Corte di Strasburgo condanna l’Italia
Per la Cedu, violato l'articolo 3 della Convenzione nel caso Viola c. Italia
13 giugno 2019
Sentenze di febbraio 2019
di Marika Ikonomu* e Maria Giuliana Civinini**
Le più interessanti pronunce emesse dalla Corte di Strasburgo a Febbraio 2019: ingerenza dello Stato nel diritto alla vita privata e familiare, condizioni di detenzione inumane e degradanti di minori non accompagnati e diritto ad un ricorso effettivo
7 giugno 2019
Il parere preventivo della Corte Edu (post-Prot. 16) in tema di maternità surrogata
di Roberto Giovanni Conti
L’A., prendendo lo spunto dal primo parere preventivo reso dalla Grande Camera su richiesta dell’Adunanza plenaria della Corte di cassazione francese, tenta di mettere in chiaro alcuni nodi problematici della vicenda e la stretta relazione che le fonti sovranazionali determinano rispetto alla soluzione individuata. Ne esce uno spaccato viepiù dimostrativo della necessità di proseguire la strada del dialogo fra le Corti, pur in modo accorto e ragionato
28 maggio 2019