home search menu
CEDU, pillole di maggio
Osservatorio internazionale
CEDU, pillole di maggio
di Alice Pisapia
Prof. a contratto in Diritto dell’UE per l’impresa, Università degli Studi dell’Insubria
Prof. a contratto in Diritto europeo della concorrenza, Università degli Studi dell’Insubria
Avvocato Foro di Milano
Le più interessanti pronunce della Corte Edu emesse a maggio 2018

La Corte Edu condanna la Francia per violazione dell’art. 8 della Convenzione, per la condotta di un agente che ha intercettato la corrispondenza fra un avvocato ed i suoi clienti

Sentenza della Corte Edu (Sezione Quinta), 24 maggio 2018, rich. n. 28798/13 Laurent c. France

Oggetto: Diritto al rispetto della vita privata e della corrispondenza – Art. 8 Cedu – intercettazione di documenti che un avvocato aveva consegnato ai propri clienti

Il caso riguarda l’intercettazione da parte di un agente di polizia di documenti che un avvocato aveva ceduto i suoi clienti sotto scorta di polizia nell’aula di un tribunale. Più in particolare, il ricorrente, Cyril Laurent, è un avvocato francese che difendeva due persone incriminate e poste sotto scorta di polizia. Dopo l’udienza, entrambi gli imputati chiesero all’avvocato un biglietto da visita, che l’avvocato consegnò loro su un foglio piegato. L’agente di polizia presente allo scambio del documento chiese di vedere lo scritto e venne rimproverato dall’avvocato per aver violato la riservatezza degli scambi con i sui clienti.

La Corte ricorda che l’art. 8 della Convenzione protegge la riservatezza delle comunicazioni, qualunque sia il contenuto e la forma della corrispondenza, anche ed a maggior ragione quando il mittente o il destinatario sia un detenuto. Quindi, un foglio di carta piegato in due, in cui un avvocato ha scritto un messaggio e poi lo ha consegnato ai suoi clienti, è una corrispondenza protetta ai sensi dell’art. 8. Ne consegue che il fatto che un agente di polizia intercetti le note scritte da un avvocato ai suoi clienti costituisce un’interferenza con il diritto al rispetto della corrispondenza privata.

La Corte precisa che gli scambi tra avvocato e cliente godono di uno status privilegiato ai sensi dell’art. 8 della Convenzione e che le autorità carcerarie non possono aprire lettere indirizzate da un avvocato ad un detenuto, salvo che vi siano ragionevoli motivi per credere che abbiano un contenuto illecito. Nel caso di specie, il governo non ha fornito alcun elemento per giustificare il controllo dei documenti. Inoltre, la Corte rileva che l’avvocato ha redatto e consegnato i documenti in questione ai suoi clienti alla vista dell’agente di scorta, senza cercare di nascondere la sua azione. Pertanto, in assenza di sospetti di un’azione illecita, l’intercettazione dei documenti in questione non può essere giustificata. Di conseguenza, la Corte ha concluso che l’intercettazione e l’apertura della corrispondenza fra Me Laurent, come avvocato, ed i suoi clienti, non corrispondeva ad alcun pressante bisogno sociale e non era quindi necessaria in una società democratica ai sensi dell’art. 8 della Convenzione.

***

La partecipazione della Lituania al programma di detenzione segreta della CIA l’ha portata a commettere più violazioni di diritti umani

Sentenza della Corte Edu (Sezione Prima), 31 maggio 2018, rich. n. 46454/11 Abu Zubaydah v. Lithuania

Oggetto: Art. 3, divieto di tortura – Art. 5, diritto alla libertà e alla sicurezza – Art. 8, diritto al rispetto della vita privata – Art. 13, diritto ad un ricorso effettivo

Il caso di Abu Zubaydah riguarda le accuse mosse dal ricorrente alla Lituania per aveva autorizzato la Central Intelligence Agency degli Stati Uniti (Centrale Intelligence Agengy, CIA) a trasferirlo nel territorio lituano nell’ambito di un programma segreto di detenzione straordinaria, sottoponendolo a maltrattamenti e a detenzione arbitrarie in una delle prigioni segrete dell’Agenzia (cd. siti neri). Il ricorrente si è inoltre lamentato del fatto che la Lituania non aveva svolto un’indagine efficace sulle accuse a lui rivolte.

Il richiedente è Zayn Al-Abidin Muhammad Husayn, alias Abu Zubaydah, un apolide di origine palestinese nato nel 1971. Attualmente è detenuto Guantanamo. Considerando che era “il numero tre o quattro” di Al-Qaeda, le autorità statunitensi lo catturarono in Pakistan nel marzo 2002. Sospettato di aver partecipato agli attacchi terroristici dell’11 settembre 2001 ed essendo uno dei principali luogotenenti di Usama Bin Laden. Mr. Husayn è stato il primo dei cosiddetti “detenuti di alto rango” (detenuti di alto valore, HVD), che furono imprigionati dalla CIA all’inizio della “guerra al terrorismo” avviata dal presidente Bush. Abu Zubaydah non è tuttavia mai stato accusato di alcuno reato.

La corte non ha potuto avere accesso ad Husayn poiché è ancora detenuto dalle autorità statunitensi in condizioni molto restrittive e, quindi, ha dovuto stabilire i fatti da varie altre fonti, tra cui un rapporto del Comitato del Senato degli Stati Uniti sulla tortura della CIA che è stato rilasciato nel dicembre 2014 e la testimonianza di un esperto.

Attraverso questo fonti, la Corte ha potuto accertare che la Lituania aveva ospitato un carcere segreto della CIA tra febbraio 2005 e marzo 2006, che Husayn era stato detenuto lì e che le autorità nazionali sapevano che la CIA lo avrebbe sottoposto a un trattamento contrario alla Convenzione. La Corte ha quindi appurato che mentre Husayn era sotto la giurisdizione della Lituania, il Paese si era reso responsabile delle violazioni dei suoi diritti ai sensi della Convenzione. Ha raccomandato alla Lituania di svolgere un’indagine completa sul caso di Husayn il più rapidamente possibile e, se necessario, punire i funzionari responsabili.

La Corte ha ritenuto, all’unanimità, che vi erano stati: violazioni dell’art. 3 (divieto di tortura) della Convenzione, a causa della mancata investigazione da parte del governo sulle accuse mosse al sig. Husayn e sulla sua complicità nelle azioni della CIA che avevano causato maltrattamenti. La Corte ha inoltre ravvisato le violazioni dell’art. 5 (diritto alla libertà e alla sicurezza), dell’art. 8 (diritto al rispetto della vita privata) e dell’art. 13 (diritto a un ricorso effettivo), in combinato disposto con l’art. 3. Alla luce di ciò, la Corte ha stabilito che la Lituania deve pagare al ricorrente 100.000 euro per danni non penali e 30.000 euro in termini di costi e spese, come equa soddisfazione.

24 luglio 2018
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
La Corte Edu attaccata, ieri e oggi. Di chi è la colpa?
La Corte Edu attaccata, ieri e oggi. Di chi è la colpa?
di Roberto Conti
La vicenda dell’evacuazione del campo rom di Camping River, attuata nonostante la sospensione disposta dalla Corte Edu in via d’urgenza, è l’occasione per una riflessione su una cultura giuridica sovranista che dimentica le ragioni che hanno portato gli Stati a creare una Corte europea pace di tutelare i diritti umani anche davanti ad azioni delle autorità nazionali. Un campanello d’allarme e un invito a cambiar strada
28 luglio 2018
CEDU, pillole di aprile
CEDU, pillole di aprile
di Alice Pisapia
Le più interessanti pronunce della Corte Edu emesse ad aprile 2018
13 luglio 2018
Da Strasburgo via libera alla confisca urbanistica senza condanna
Da Strasburgo via libera alla confisca urbanistica senza condanna
di Marco Bignami
Viene commentata la sentenza della Grande Camera G.I.E.M. e altri c. Italia del 28 giugno 2018, attinente al regime della confisca urbanistica. Si sottolinea, in particolare, che deve ritenersi in linea di principio conforme alla Convenzione l’applicazione di tale sanzione, anche unitamente alla dichiarazione di estinzione del reato per prescrizione, a condizione che sia stata accertata incidentalmente la colpevolezza dell’imputato
10 luglio 2018
La Banca dati nazionale del Dna e la salvaguardia del diritto al rispetto della vita privata del singolo
La Banca dati nazionale del Dna e la salvaguardia del diritto al rispetto della vita privata del singolo
di Emilio Gatti
La raccolta a fini investigativi e la conservazione dei profili genetici pone delicati problemi di compatibilità delle esigenze investigative con il diritto al rispetto della vita privata e familiare previsto dall’art. 8 della Cedu soprattutto nei confronti di individui indagati ma poi assolti con sentenza definitiva. Il contributo ripercorre la giurisprudenza della Corte europea dei diritti dell’uomo, l’obbligo di creare una banca dati nazionale del Dna stabilito dal Trattato di Prüm e le soluzioni adottate dal legislatore italiano che paiono rispettose dei principi convenzionali e costituzionali, in attesa di verificare la correttezza delle prassi applicative
6 giugno 2018
CEDU, pillole di marzo
CEDU, pillole di marzo
di Alice Pisapia
Le più interessanti pronunce della Corte Edu emesse a marzo 2018
25 maggio 2018
La Dichiarazione di Copenaghen sull’avvenire della Corte Edu
La Dichiarazione di Copenaghen sull’avvenire della Corte Edu
di Emma Rizzato
Gli Stati membri del Consiglio d’Europa hanno discusso, sotto la presidenza danese, del futuro del sistema convenzionale e formulato raccomandazioni con l'obiettivo di garantire maggiore qualità e efficienza ai meccanismi nazionali di protezione dei diritti umani e all'azione della Cedu
14 maggio 2018
Il Protocollo n. 16 addizionale alla Convenzione Edu è pronto per entrare in vigore
Il Protocollo n. 16 addizionale alla Convenzione Edu è pronto per entrare in vigore
di Francesco Buffa
Il 12 aprile scorso, con la ratifica ad opera della Francia, si è perfezionato l’iter del Protocollo n. 16 addizionale alla Convenzione Edu ed il Protocollo può entrare in vigore con decorrenza dal 1° agosto prossimo. Il Protocollo introduce il nuovo istituto del parere consultivo, che i giudici nazionali superiori possono chiedere alla Corte Edu in merito a questioni di principio riguardanti l'interpretazione o l'applicazione dei diritti e delle libertà stabiliti nella Convenzione. La prassi chiarirà l’effettiva utilità ed opportunità del ricorso al nuovo strumento.
2 maggio 2018
Detenzione di giornalisti e repressione della libertà di espressione: da Strasburgo un chiaro messaggio alla Turchia, ma verrà ascoltato?
Detenzione di giornalisti e repressione della libertà di espressione: da Strasburgo un chiaro messaggio alla Turchia, ma verrà ascoltato?
di Francesco Luigi Gatta
Con le due sentenze Şahin Alpay e Mehmet Hasan Altan del 20 marzo 2018, la Corte europea dei diritti dell’uomo dichiara la violazione da parte della Turchia del diritto alla libertà personale e alla libertà di espressione di due giornalisti posti in detenzione per aver espresso opinioni critiche nei confronti del governo. La Corte di Strasburgo va però oltre la vicenda dei due singoli ricorrenti, riconoscendo l’esistenza di gravi e diffusi problemi di rispetto dei diritti umani nell’ordinamento turco, soprattutto in riferimento alla libertà di esprimere il proprio dissenso, elemento che, si sottolinea con forza, rappresenta una caratteristica essenziale e irrinunciabile di una società democratica.
9 aprile 2018
CEDU, pillole di gennaio
CEDU, pillole di gennaio
di Alice Pisapia
Le più interessanti pronunce della Corte Edu emesse a gennaio 2018
4 aprile 2018
Quando la libertà prevale sulla morale: la pubblicità
Quando la libertà prevale sulla morale: la pubblicità
di Nicola Colaianni
Osservazioni sulla sentenza della Corte europea dei diritti umani (Sekmadienis Ltd. v. Lithuania) sul caso della pubblicità a sfondo religioso utilizzata da un’azienda lituana
1 marzo 2018
Newsletter


Fascicolo 2/2018
L’ospite straniero.
La protezione internazionale
nel sistema multilivello di tutela
dei diritti fondamentali
Osservatorio internazionale
Stati Uniti: le armi da fuoco, le stragi e un diritto da Far-West
Stati Uniti: le armi da fuoco, le stragi e un diritto da Far-West
di Elisabetta Grande
Qual è la fonte del diritto ad armarsi negli Stati Uniti? Un simile diritto è da sempre garantito ai cittadini americani? Quali ne sono i limiti? Esplorare la portata del diritto alle armi in quel Paese e le gravi conseguenze sulla vita e la morte di chi vi vive, significa capire le ragioni delle proteste dei tanti giovani americani per i quali quel diritto rappresenta una minaccia. Significa anche aver consapevolezza di quel che potrebbe accadere da noi qualora allargassimo le maglie della possibilità di armarci, come in base all’ultimo rapporto del Censis molti italiani parrebbero volere
12 settembre 2018
Il Conseil constitutionnel cancella il délit de solidarité… o no?
L’aiuto all’ingresso, al soggiorno e alla circolazione di stranieri irregolari nel territorio francese in una recente decisione del Conseil constitutionnel
Il Conseil constitutionnel cancella il délit de solidarité… o no? L’aiuto all’ingresso, al soggiorno e alla circolazione di stranieri irregolari nel territorio francese in una recente decisione del Conseil constitutionnel
di Sara Benvenuti
Può la solidarietà configurare un’ipotesi di reato? In Francia, se finalizzata a prestare aiuto all’ingresso o (fino a poco tempo fa) alla circolazione di stranieri irregolari, sì. Prende il nome, nel gergo comune, di délit de solidarité (o di délit d’hospitalité) ed è al centro di un’annosa vicenda giudiziaria che vede come protagonista, tra gli altri, Cédric Herrou, contadino francese divenuto da alcuni anni uomo-simbolo della difesa dei migranti in transito sulla Val Roia al confine con l’Italia. Sulla questione è intervenuta recentemente un’importante decisione del Conseil constitutionnel che, affermando il valore costituzionale della fraternità, sembra voler richiamare all’ordine il legislatore, imponendogli maggior cautela nel punire coloro che mossi da puro intento solidaristico prestano aiuto a stranieri irregolari sul territorio francese. Ma è realmente così?
7 settembre 2018
La Corte Edu attaccata, ieri e oggi. Di chi è la colpa?
La Corte Edu attaccata, ieri e oggi. Di chi è la colpa?
di Roberto Conti
La vicenda dell’evacuazione del campo rom di Camping River, attuata nonostante la sospensione disposta dalla Corte Edu in via d’urgenza, è l’occasione per una riflessione su una cultura giuridica sovranista che dimentica le ragioni che hanno portato gli Stati a creare una Corte europea pace di tutelare i diritti umani anche davanti ad azioni delle autorità nazionali. Un campanello d’allarme e un invito a cambiar strada
28 luglio 2018
Stato di diritto ed integrazione processuale europea. La Corte di giustizia ed il caso Polonia
Stato di diritto ed integrazione processuale europea. La Corte di giustizia ed il caso Polonia
di Gualtiero Michelini
Commento a prima lettura dell’attesa sentenza della Corte di giustizia del 25 luglio 2018, nel procedimento pregiudiziale d’urgenza su rinvio dell’Alta Corte irlandese nel corso di una procedura di esecuzione di un mandato di arresto europeo emesso dall'autorità giudiziaria polacca. La decisione della Corte di giustizia affronta le questioni, determinate dalle riforme attuate dal governo polacco in pregiudizio dell’indipendenza del sistema giudiziario, della rilevanza giuridica e dell’impatto sull’applicazione della normativa del mandato di arresto europeo dell'avvio, da parte della Commissione europea, della procedura di accertamento della violazione sistemica dei principi di indipendenza del sistema giudiziario e dello Stato di diritto in Polonia in relazione alla Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea.
27 luglio 2018
CGUE, pillole di maggio
CGUE, pillole di maggio
di Alice Pisapia
Le più interessanti pronunce della Corte del Lussemburgo emesse a maggio 2018
20 luglio 2018
CEDU, pillole di aprile
CEDU, pillole di aprile
di Alice Pisapia
Le più interessanti pronunce della Corte Edu emesse ad aprile 2018
13 luglio 2018