home search menu
CEDU, pillole di dicembre
Osservatorio internazionale / Europa
CEDU, pillole di dicembre
di Alice Pisapia
Prof. a contratto di Diritto dell’Unione Europea, Università degli Studi dell’Insubria e Avvocato Foro di Milano
I casi affrontati dalla Corte: migranti, privazione della libertà e trattamenti disumani (Italia), diritto alla vita (Russia), diritto a un equo processo (Spagna)

Sentenza della Corte EDU (Seconda Sezione) 15 dicembre 2016, rich. nn. 16483/12, Khlaifia e altri c. Italia

Oggetto: Trattenimento irregolare - Violazione dell’art. 5.1, 5.2 e 5.4 – sussistente – Divieto di espulsione collettiva – Violazione dell’art. 4 del IV prot.add.  CEDU – non sussistente – Divieto di trattamenti inumani e degradanti – non sussistente – Diritto ad un ricorso effettivo sulle condizioni di trattenimento – sussistente

Nel settembre 2011 i tre ricorrenti hanno lasciato la Tunisia su imbarcazioni di fortuna alla volta dell’Italia. Approdati a Lampedusa tra il 17 e il 18 settembre, sono stati soccorsi e identificati nel CSPA di Contrada Imbriacola. Il 20 settembre 2011, a seguito di un pericoloso incendio determinato da una grave rivolta scoppiata tra i migranti, le autorità hanno provveduto a trasferirli nel parco sportivo di Lampedusa. I ricorrenti sono, tuttavia, riusciti ad eludere la vigilanza e a raggiungere il paese di Lampedusa. Fermati dalla polizia, il 22 settembre sono stati trasferiti su alcune navi attraccate nel porto della città di Palermo. Tra il 27 e il 29 settembre, i ricorrenti sono stati condotti in aeroporto e, previa loro identificazione da parte del console tunisino, rimpatriati in Tunisia, secondo le procedure istituite dall’accordo italo-tunisino dell’aprile 2011.

Con sentenza datata 1° settembre 2015, la Seconda sezione della Corte EDU aveva condannato l’Italia per illegittima detenzione dei ricorrenti, per le condizioni disumane e degradanti subite presso il CSPA di Contrada Imbriacola, nonché per aver sottoposto i ricorrenti ad una espulsione collettiva, in violazione della Convenzione.

A seguito dell’istanza di rinvio presentata alla Grande Chambre dal Governo italiano i Giudici di Strasburgo sono stati chiamati a pronunciarsi nuovamente sulla questione.

In particolare, la Grande Chambre ha confermato la violazione dell’art. 5 par. 1 della Convenzione, riconoscendo che i ricorrenti sono stati trattenuti illegalmente nel CSPA di Lampedusa e, successivamente, sulle navi attraccate presso il porto di Palermo, in mancanza di una base giuridica chiara nel diritto interno e mediante una trasformazione di fattodi tali luoghi in centri di detenzione. Ne consegue che i ricorrenti, non solo sono stati privati ​​della loro libertà in assenza di una base giuridica chiara, ma anche che sono state loro negate alcune garanzie fondamentali dell’habeas corpus.

Confermando quanto affermato nella sentenza di prime cure, la Grande Chambre ha riconosciuto la violazione del par. 2 dell’art. 5, contenente la garanzia fondamentale per cui qualsiasi persona arrestata deve conoscere i motivi del proprio arresto, e conseguentemente del par. 4 dello stesso articolo poiché se i detenuti non vengono informati delle ragioni della privazione della loro libertà, il diritto degli interessati di presentare ricorso viene privata di contenuto.

Tuttavia, contrariamente a quanto sostenuto dalla Seconda Sezione della Corte EDU, la quale aveva ravvisato la violazione dell’art. 3 della Convenzione con riferimento al trattenimento dei ricorrenti nel CSPA di Contrada Imbricola, escludendo, invece, che i migranti avessero subito trattamenti inumani e degradanti a bordo delle navi, la Grande Chambre non ha rilevato alcuna violazione della norma in commento. In particolare, nell’escludere qualsiasi violazione dell’art. 3 della CEDU i Giudici di Strasburgo hanno tenuto conto della situazione di emergenza nella quale le autorità italiane si sono trovate a operare, caratterizzata da un ingentissimo flusso migratorio in ingresso. Sul punto, la Corte ha messo in luce che i ricorrenti non hanno affermato di essere stati deliberatamente maltrattati dalle autorità presenti all’interno del CSPA, né asserito che il cibo o l’acqua fossero insufficienti. Tali elementi, secondo la Corte, considerati nel loro complesso e alla luce delle particolari circostanze del caso, non possono che far concludere che il trattamento lamentato non abbia raggiunto il livello di gravità necessaria per ricadere nell’ambito di applicazione dell’art. 3 della Convenzione.

Occorre, inoltre, rilevare che, diversamente da quanto deciso dalla Seconda Sezione con la sentenza dell’1.09.2015, la Grande Chambre non ha ravvisato la violazione dell’art. 4, Protocollo 4 alla CEDU (divieto di espulsioni collettive). La Corte, pur non mettendo in dubbio che di espulsione si sia trattato, ne nega quindi il carattere collettivo, ricordandone la definizione "espulsione collettiva significa espulsione di stranieri come un gruppo" (v. Art. 9 § 1 del Progetto di articoli di allontanamento degli stranieri, e commenti su questo articolo, citato ai punti 46 e 47 della sentenza).  Al contrario, nel caso di specie i ricorrenti erano stati identificati, la loro nazionalità era stata stabilita, e avevano una reale ed effettiva possibilità di far valere proprie personali argomentazioni contro l’espulsione.

Viene infine ribadita dalla Grande Chambre la violazione dell’art. 13 della Convenzione, con riferimento al diritto a un ricorso effettivo, in relazione all’art. 3 CEDU, in quanto il Governo italiano non avrebbe indicato alcun rimedio esperibile dai ricorrenti al fine di lamentare le condizioni di trattenimento e contestare l’asserita violazione del divieto di trattamenti disumani e degradanti nel CSPA o sulle navi.

Di contro la Grande Chambre, diversamente da quanto affermato dalla Seconda Sezione, non ravvisa alcuna violazione dell’art. 13 della Convenzione in combinato disposto con l’art. 4 del Protocollo n. 4. Sotto tale profilo, la Corte è chiamata a stabilire se la mancanza di effetto sospensivo automatico del rimedio giurisdizionale costituisca violazione delle norme richiamate. La Corte afferma il seguente principio: la mancanza di effetto sospensivo automatico di un ricorso contro una decisione di espulsione non può costituire di per sé una violazione dell’art. 13 della Convenzione quando, come nel caso in esame, i ricorrenti non subiscono un rischio reale di violazione dei diritti garantiti dagli artt. 2 e 3 nel paese di destinazione”. In tal caso pertanto la Convenzione richiede unicamente che l’interessato abbia effettiva possibilità di impugnare la decisione e la garanzia di un esame sufficientemente approfondito dei motivi di lagnanza da parte di un organo interno indipendente e imparziale.

La Russia nuovamente condannata in relazione all’espulsione collettiva disposta nei confronti dei cittadini georgiani 10 anni prima.

Sentenza della Corte EDU (Terza Sezione) 20 dicembre 2016, rich. nn. 16363/07, Dzidzava c. Russia

Oggetto: Violazione degli artt. 2 e 3 CEDU – Diritto alla vita – Persone in custodia – Trattamenti disumani

A seguito di una grave rottura delle relazioni diplomatiche tra la Russia e la Georgia nel 2006, i cittadini georgiani residenti in Russia vennero sottoposti a procedure di identificazione, arrestati, detenuti e sommariamente espulsi. La ricorrente era sposata con il signor Tengiz Togonidze, cittadino georgiano, nato nel 1958. Insieme vivevano a San Pietroburgo dal 2004. Nell’aprile 2006 il signor Togonidze, che soffriva di problemi di salute, venne arrestato e detenuto in condizioni di sovraffollamento ed igiene precaria. La richiesta del Console della Georgia in Russia di immediato trasferimento in ospedale rimase senza seguito. Due settimane dopo il suo arresto, venne trasportato per 8-9 ore in autobus verso l’aeroporto al fine essere espulso. Sulla strada per il terminal il signor Togonidze morì. Le indagini sommarie condotte dalle autorità russe rinvenirono la causa della morte in una intossicazione volontaria da metadone. Ciò tuttavia viene confutato dalla relazione medica versata in atti dalla ricorrente: morte da broncopolmonite degenerata a causa del deterioramento delle condizioni di salute, che un’ospedalizzazione tempestiva avrebbe evitato.

La ricorrente lamenta, dunque, che il marito è morto a causa della insufficiente assistenza sanitaria durante la sua detenzione. La Corte ricorda che l’art. 2 CEDU, che tutela il diritto alla vita e definisce le circostanze in cui la privazione della vita può essere giustificata, rappresenta una delle norme fondamentali della Convenzione, alla quale non è consentita alcuna deroga. Le persone in custodia sono in una posizione vulnerabile e le autorità hanno il dovere di proteggerle. Di conseguenza, se un individuo viene preso in custodia della polizia in buona salute e rilasciato in condizioni precarie, spetta allo Stato fornire una spiegazione plausibile della causa dei danni (v. Selmouni c. Francia, n. 25803/94, § 87, CEDU 1999). Considerate le notevoli incongruenze messe in luce dal rapporto medico della ricorrente e non contestate dal governo, le autorità russe non sono state in grado di fornire una spiegazione soddisfacente e convincente della morte del marito della ricorrente. La Corte ravvisa pertanto una violazione dell’art. 2 CEDU, sia sotto il profilo sostanziale, sia sotto il profilo procedurale, rilevata l’inadeguatezza delle indagini ufficiali svolte sulla morte del signor Togonidze.

La ricorrente lamenta poi che il marito è stato sottoposto a trattamento inumano e degradante durante la detenzione, in violazione dell’art. 3 CEDU. La Corte non vede ragioni per discostarsi dalle conclusioni del caso Georgia contro la Russia (I) e sottolinea che, vista la condizione medica del marito della ricorrente e il suo bisogno di cure mediche, le condizioni di detenzione e il trasporto appaiono particolarmente inumane e degradanti (Mozer v. la Repubblica di Moldova e della Russia, n. 11138/10, § 182, CEDU 2016).

Il governo spagnolo condannato per violazione dei principi dell’equo processo

Sentenza della Corte EDU (Terza Sezione) 20 dicembre 2016, rich. nn. 16476/11, Ruiz-Villar Ruiz  c. Spagna

Oggetto: Violazione dell’art. 6 CEDU – Diritto ad un equo processo – Durata ragionevole

Nel luglio 1991 la Stato spagnolo ha adito il Ciudad Real, giudice di primo grado, al fine di accertare che le Lagunas de Ruidera, site su parte del terreno di proprietà del ricorrente, appartenessero al demanio pubblico idraulico. Il processo, articolato su quattro livelli di giurisdizione, è durato diciannove anni e si è concluso con l’accertamento positivo della pretesa erariale.

Il ricorrente si rivolge alla Corte Edu, lamentando la violazione dell'articolo 6 par. 1 CEDU, non potendosi considerare  “ragionevole” il termine di conclusione del predetto giudizio. A tal proposito, i giudici di Strasburgo ribadiscono che la ragionevolezza della durata del procedimento deve essere valutata alla luce delle circostanze del caso e con riferimento ai seguenti criteri: la complessità del caso, il comportamento del ricorrente, le autorità competenti, nonché l’oggetto della disputa (Frydlender c. Francia [GC], n. 30979/96, § 43, CEDU 2000-VII). Il governo spagnolo ha invocato la complessità del procedimento, resa evidente, a suo dire, dal numero rilevante di parti coinvolte e dalla necessità di acquisire pareri di diversi esperti.

La Corte dopo aver richiamato pronunce di condanna rese in cause analoghe (Walder v. Austria, n. 33915/96, § 28, 30 gennaio 2001 e Klug c. Austria, n. 33928/05, § 37, 15 gennaio 2009), rileva che il governo spagnolo non ha addotto alcun fatto o argomento in grado di persuadere a giungere a una conclusione diversa nel caso di specie. Ritiene pertanto che nel caso sottoposto al suo esame la durata del procedimento sia stata eccessiva.

26 gennaio 2017
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
La Banca dati nazionale del Dna e la salvaguardia del diritto al rispetto della vita privata del singolo
La Banca dati nazionale del Dna e la salvaguardia del diritto al rispetto della vita privata del singolo
di Emilio Gatti
La raccolta a fini investigativi e la conservazione dei profili genetici pone delicati problemi di compatibilità delle esigenze investigative con il diritto al rispetto della vita privata e familiare previsto dall’art. 8 della Cedu soprattutto nei confronti di individui indagati ma poi assolti con sentenza definitiva. Il contributo ripercorre la giurisprudenza della Corte europea dei diritti dell’uomo, l’obbligo di creare una banca dati nazionale del Dna stabilito dal Trattato di Prüm e le soluzioni adottate dal legislatore italiano che paiono rispettose dei principi convenzionali e costituzionali, in attesa di verificare la correttezza delle prassi applicative
6 giugno 2018
CEDU, pillole di marzo
CEDU, pillole di marzo
di Alice Pisapia
Le più interessanti pronunce della Corte Edu emesse a marzo 2018
25 maggio 2018
La Dichiarazione di Copenaghen sull’avvenire della Corte Edu
La Dichiarazione di Copenaghen sull’avvenire della Corte Edu
di Emma Rizzato
Gli Stati membri del Consiglio d’Europa hanno discusso, sotto la presidenza danese, del futuro del sistema convenzionale e formulato raccomandazioni con l'obiettivo di garantire maggiore qualità e efficienza ai meccanismi nazionali di protezione dei diritti umani e all'azione della Cedu
14 maggio 2018
Il Protocollo n. 16 addizionale alla Convenzione Edu è pronto per entrare in vigore
Il Protocollo n. 16 addizionale alla Convenzione Edu è pronto per entrare in vigore
di Francesco Buffa
Il 12 aprile scorso, con la ratifica ad opera della Francia, si è perfezionato l’iter del Protocollo n. 16 addizionale alla Convenzione Edu ed il Protocollo può entrare in vigore con decorrenza dal 1° agosto prossimo. Il Protocollo introduce il nuovo istituto del parere consultivo, che i giudici nazionali superiori possono chiedere alla Corte Edu in merito a questioni di principio riguardanti l'interpretazione o l'applicazione dei diritti e delle libertà stabiliti nella Convenzione. La prassi chiarirà l’effettiva utilità ed opportunità del ricorso al nuovo strumento.
2 maggio 2018
Detenzione di giornalisti e repressione della libertà di espressione: da Strasburgo un chiaro messaggio alla Turchia, ma verrà ascoltato?
Detenzione di giornalisti e repressione della libertà di espressione: da Strasburgo un chiaro messaggio alla Turchia, ma verrà ascoltato?
di Francesco Luigi Gatta
Con le due sentenze Şahin Alpay e Mehmet Hasan Altan del 20 marzo 2018, la Corte europea dei diritti dell’uomo dichiara la violazione da parte della Turchia del diritto alla libertà personale e alla libertà di espressione di due giornalisti posti in detenzione per aver espresso opinioni critiche nei confronti del governo. La Corte di Strasburgo va però oltre la vicenda dei due singoli ricorrenti, riconoscendo l’esistenza di gravi e diffusi problemi di rispetto dei diritti umani nell’ordinamento turco, soprattutto in riferimento alla libertà di esprimere il proprio dissenso, elemento che, si sottolinea con forza, rappresenta una caratteristica essenziale e irrinunciabile di una società democratica.
9 aprile 2018
CEDU, pillole di gennaio
CEDU, pillole di gennaio
di Alice Pisapia
Le più interessanti pronunce della Corte Edu emesse a gennaio 2018
4 aprile 2018
Quando la libertà prevale sulla morale: la pubblicità
Quando la libertà prevale sulla morale: la pubblicità
di Nicola Colaianni
Osservazioni sulla sentenza della Corte europea dei diritti umani (Sekmadienis Ltd. v. Lithuania) sul caso della pubblicità a sfondo religioso utilizzata da un’azienda lituana
1 marzo 2018
CEDU, pillole di dicembre
CEDU, pillole di dicembre
di Alice Pisapia
Le più interessanti pronunce della Corte Edu emesse a dicembre 2017
26 febbraio 2018
CEDU, pillole di novembre
CEDU, pillole di novembre
di Alice Pisapia
Le più interessanti pronunce della Corte Edu emesse a novembre 2017
8 febbraio 2018
Corte europea dei diritti dell'uomo, pubblicato il Rapporto 2017
Corte europea dei diritti dell'uomo, pubblicato il Rapporto 2017
Oggi a Strasburgo, si celebra l'inaugurazione dell'anno giudiziario. Tra gli ospiti il presidente della Corte di giustizia europea, Koen Lenaerts.
26 gennaio 2018
Newsletter


Fascicolo 2/2018
L’ospite straniero.
La protezione internazionale
nel sistema multilivello di tutela
dei diritti fondamentali
Osservatorio internazionale
Gli accordi con la Libia e la lotta ai trafficanti*
di Lucia Tria
Le raccapriccianti violenze e le spaventose violazioni dei diritti umani che si consumano nelle prigioni libiche per migranti non si possono più ignorare. Si tratta di fenomeni che hanno origini lontane e che sono stati favoriti dagli errori commessi dall’Ue nell’affrontare il tema dell’immigrazione. Ridefinire il Sistema comune di asilo europeo, con riguardo sia all’ingresso che al soggiorno dei migranti, sembra, ormai, scelta non più differibile anche se non è chiara la direzione delle attuali iniziative delle istituzioni Ue
11 giugno 2018
CEDU, pillole di marzo
CEDU, pillole di marzo
di Alice Pisapia
Le più interessanti pronunce della Corte Edu emesse a marzo 2018
25 maggio 2018
Israeliani e palestinesi: dalla repressione all’apartheid?
Israeliani e palestinesi: dalla repressione all’apartheid?
di Nello Rossi
Il drammatico e infinito conflitto tra israeliani e palestinesi è caratterizzato da una costante: l’oppressione e la repressione dello Stato di Israele nei confronti del popolo palestinese. Ma, accanto a questa tragica “costante”, che ha avuto un nuovo picco nei massacri di questi mesi, si sta verificando un fatto nuovo e diverso, e cioè la creazione di due diritti differenti per i due popoli che vivono in quell’area del mondo? Si è di fronte alla istituzionalizzazione, a danno dei palestinesi, di un vero e proprio regime di apartheid, bollato come un crimine dalle Convenzioni internazionali? L’articolo tenta di rispondere a questo interrogativo attraverso l’analisi dei molteplici comportamenti vessatori e discriminatori posti in essere dalle autorità israeliane e della “mens rea” del crimine di apartheid alla luce del diritto internazionale.
23 maggio 2018
CGUE, pillole di marzo
CGUE, pillole di marzo
di Alice Pisapia
Le più interessanti pronunce della Corte del Lussemburgo emesse a marzo 2018
18 maggio 2018
La Dichiarazione di Copenaghen sull’avvenire della Corte Edu
La Dichiarazione di Copenaghen sull’avvenire della Corte Edu
di Emma Rizzato
Gli Stati membri del Consiglio d’Europa hanno discusso, sotto la presidenza danese, del futuro del sistema convenzionale e formulato raccomandazioni con l'obiettivo di garantire maggiore qualità e efficienza ai meccanismi nazionali di protezione dei diritti umani e all'azione della Cedu
14 maggio 2018
Divieto di discriminazione religiosa sul lavoro e organizzazioni religiose
Divieto di discriminazione religiosa sul lavoro e organizzazioni religiose
di Nicola Colaianni
La Corte di giustizia si occupa per la prima volta dell’art. 4, par. 2, della direttiva 2000/78/CE sui limiti dell’esenzione delle organizzazioni di tendenza religiosa dal divieto di discriminazioni di carattere religioso in materia di lavoro. A fronte di un ordinamento come quello tedesco, che ha dato attuazione piuttosto blanda alla direttiva favorendo ampiamente l’autonomia confessionale e limitando conseguentemente il controllo giurisdizionale alla mera plausibilità del provvedimento confessionale, Corte giust. 17 aprile 2018, causa C-414/16 opta per l’interpretazione rigorosa del carattere essenziale, legittimo e giustificato del nesso tra mansioni del lavoratore e attività dell’ente, da accompagnare con l’applicazione del principio di proporzionalità (dalla stessa direttiva non richiamato espressamente). Il riconoscimento di una cognizione piena ed esauriente da parte del giudice consente una valutazione oggettiva, e non spiritualistica, del rapporto tra lavoro e tendenza in direzione di una tutela più efficace dei cittadini da discriminazioni di carattere religioso.
3 maggio 2018