home search menu
CEDU, pillole di novembre
Osservatorio internazionale / Europa
CEDU, pillole di novembre
di Alice Pisapia* e Pier Francesco Poli**
* Prof. a contratto di Diritto UE Univ. Dell’Insubria e Avvocato Foro di Milano
**Dottore di ricerca in Diritto e Procedura Penale e Avvocato del Foro di Milano
I casi affrontati dalla Corte: revoca della sospensione condizionale della pena (Germania), libertà di espressione e terrorismo (Francia), condizioni di detenzione (Grecia)

Condannata la Germania per aver revocato una sospensione condizionale della penale sulla base della sola confessione di un indagato.

Sentenza della Corte EDU (Quinta sezione) 12 novembre 2015, rich. nn. 2130/2010, El Kaada c. Germania

Oggetto: Sufficienza di una confessione a comportare la revoca della sospensione condizionale della pena – Assenza di sentenza passata in giudicato – Violazione dell’art. 6 par. 2 CEDU – Sussistenza –Importance level 2

Il ricorrente, già gravato di precedenti penali definiti con una sentenza di condanna condizionalmente sospesa, era stato arrestato per furto con scasso ed aveva reso confessione avanti all’autorità giudiziaria senza che fosse presente il suo avvocato. Successivamente, aveva ritrattato la propria confessione. A dispetto di tali circostanze – e senza che fosse ancora stata pronunciata alcuna sentenza nei suoi confronti – la sospensione condizionale concessa per i precedenti reati commessi dal signor El Kaada veniva revocata sulla base della sola confessione resa avanti all’autorità giudiziaria. Lamenta il ricorrente che tale revoca violi la presunzione di innocenza garantita dall’art. 6 par. 2 CEDU in quanto nessuna pronuncia definitiva era stata assunta sul punto dalle Corti tedesche.

I giudici di Strasburgo accolgono il ricorso argomentando sul fatto che la normativa tedesca, che consente di revocare la sospensione condizionale anche in assenza di condanna definitiva, viola la presunzione di innocenza, protetta a livello convenzionale dalla normativa richiamata.

 

Non violano la libertà di espressione garantita dall’art. 10 CEDU alcune restrizioni alla libertà di parola imposte ad un soggetto condannato per terrorismo.

Sentenza della Corte EDU (Quinta Sezione) 12 novembre 2015, rich. nn. 52363/2011, Bidart c. Francia

Oggetto: Soggetto condannato atti terroristici –  Rilascio condizionato al divieto di manifestare la propria opinione in pubblico – Violazione dell’art. 10 CEDU – Insussistenza – Importance level 2

Il ricorrente, ex leader di un gruppo indipendentista, condannato per vari reati connessi al terrorismo, veniva rilasciato su licenza con l’obbligo, tra l’altro, di non diffondere pubblicamente alcun lavoro o produzione audiovisiva avente ad oggetto i reati per i quali era stato condannato. Lamenta che tale obbligo impostogli dall’autorità giudiziaria violerebbe la libertà di espressione, garantita dall’art. 10 CEDU.

La Corte rigetta il ricorso, ritenendo che, nel condizionare il rilascio anticipato del signor Bidart al fatto che questi non commettesse i fatti di cui si era reso protagonista, le autorità nazionali non abbiano violato la disposizione condizionale essendo la misura necessaria in una società democratica, ciò anche in considerazione della gravità dei fatti di reato per i quali il signor Bidart era stato ritenuto responsabile.

 

Condannata la Grecia per le condizioni di detenzione di un cittadino iracheno presso una stazione di frontiera.

Sentenza della Corte EDU (Prima) 5 novembre 2015, rich. nn. 58399/2011, A.Y. c. Grecia

Oggetto: Cittadino iracheno senza permesso di soggiorno – Condizioni di custodia presso una stazione di polizia – Rischio di essere ricondotto in territorio dove poteva essere sottoposto a tortura – Violazione dell’art. 3 CEDU – Sussistenza – Importance level 3

Il ricorrente, cittadino iracheno, veniva fermato nel tentativo di entrare in territorio greco alla frontiera di Tychero ed arrestato per tentativo di ingresso illegale in Grecia. Nonostante la richiesta di asilo presentata e la rappresentazione da parte del signor A.Y. della necessità di lasciare l’Iraq in quanto aveva collaborato con gli Stati Uniti e rischiava pertanto di essere ucciso, lo stesso veniva ristretto presso una struttura locale che era gravemente sovraffollata e ne veniva ordinato il rimpatrio tramite il passaggio dalla Turchia. Successivamente al ricorso presentato grazie all’intervento di alcune organizzazioni, il signor A. Y. Veniva rilasciato e l’ordine di espulsione annullato. Lamenta la violazione dell’art. 3 CEDU per le condizioni di detenzione patite nonché la violazione dell’art. 3 CEDU in combinato con l’art. 13 CEDU per il difettoso funzionamento del sistema di richiesta d’asilo che aveva cagionato, mediante l’ordine di rimpatrio, il pericolo di essere sottoposto a tortura nel proprio Paese d'origine.

La Corte accoglie il ricorso evidenziando in particolare, per quanto concerneva la violazione diretta dell’art. 3 CEDU, che dai recenti controlli di alcune organizzazioni era emerso che presso la struttura di Tychero vi erano cento persone rinchiuse in una superficie di 35 metri quadrati e conseguentemente vi era la prova, non smentita da alcuna allegazione del governo greco, della grave situazione di sovraffollamento integrante una violazione della disposizione convenzionale.

 

25 gennaio 2016
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
CEDU, pillole di luglio
CEDU, pillole di luglio
di Alice Pisapia
Le più interessanti pronunce della Corte Edu emesse a luglio 2018
16 novembre 2018
Provenzano c. Italia, la Corte Edu condanna l’Italia per violazione dell’articolo 3 Cedu
Provenzano c. Italia, la Corte Edu condanna l’Italia per violazione dell’articolo 3 Cedu
Anticipiamo una sintesi del contenuto della decisione cui seguiranno i necessari commenti e approfondimenti. Nella motivazione del provvedimento che ha esteso il 41-bis non si è fatto un accertamento approfondito del deterioramento delle capacità cognitive del detenuto
25 ottobre 2018
Gestation pour autrui: la prima richiesta di parere consultivo alla Cedu
Gestation pour autrui: la prima richiesta di parere consultivo alla Cedu
di Francesco Buffa
Il nuovo istituto del parere consultivo alla Cedu, introdotto dal Protocollo addizionale n. 16, è stato attivato per la prima volta dalla Corte di cassazione francese, che ha richiesto un doppio parere in materia del cd. utero surrogato, in relazione alla trascrizione di atti dello stato civile formati all’estero ed al procedimento di adozione
11 ottobre 2018
Il dialogo fra le Corti e le sorti (sembra non magnifiche, né progressive) dell’integrazione europea
Il dialogo fra le Corti e le sorti (sembra non magnifiche, né progressive) dell’integrazione europea
di Antonello Cosentino
Il giudice comune nazionale ha sempre avuto con la Cgue relazioni più fluide rispetto a quelle intrattenute con la Cedu. A partire dalla sentenza 14 dicembre 2017 n. 269 della Corte costituzionale, però, lo schema dell’applicazione diretta del diritto euro-unitario da parte del giudice nazionale sembra essere stato rimesso in discussione. La Corte costituzionale ha rivendicato la propria centralità nella dialettica tra giudice comune, giudice costituzionale e Cgue. Dagli equilibri che si raggiungeranno in tale dialettica dipenderà grande parte del ruolo che il giudice nazionale giocherà nel futuro dell’integrazione europea
1 ottobre 2018
La Corte Edu attaccata, ieri e oggi. Di chi è la colpa?
La Corte Edu attaccata, ieri e oggi. Di chi è la colpa?
di Roberto Conti
La vicenda dell’evacuazione del campo rom di Camping River, attuata nonostante la sospensione disposta dalla Corte Edu in via d’urgenza, è l’occasione per una riflessione su una cultura giuridica sovranista che dimentica le ragioni che hanno portato gli Stati a creare una Corte europea pace di tutelare i diritti umani anche davanti ad azioni delle autorità nazionali. Un campanello d’allarme e un invito a cambiar strada
28 luglio 2018
CEDU, pillole di maggio
CEDU, pillole di maggio
di Alice Pisapia
Le più interessanti pronunce della Corte Edu emesse a maggio 2018
24 luglio 2018
CEDU, pillole di aprile
CEDU, pillole di aprile
di Alice Pisapia
Le più interessanti pronunce della Corte Edu emesse ad aprile 2018
13 luglio 2018
Da Strasburgo via libera alla confisca urbanistica senza condanna
Da Strasburgo via libera alla confisca urbanistica senza condanna
di Marco Bignami
Viene commentata la sentenza della Grande Camera G.I.E.M. e altri c. Italia del 28 giugno 2018, attinente al regime della confisca urbanistica. Si sottolinea, in particolare, che deve ritenersi in linea di principio conforme alla Convenzione l’applicazione di tale sanzione, anche unitamente alla dichiarazione di estinzione del reato per prescrizione, a condizione che sia stata accertata incidentalmente la colpevolezza dell’imputato
10 luglio 2018
La Banca dati nazionale del Dna e la salvaguardia del diritto al rispetto della vita privata del singolo
La Banca dati nazionale del Dna e la salvaguardia del diritto al rispetto della vita privata del singolo
di Emilio Gatti
La raccolta a fini investigativi e la conservazione dei profili genetici pone delicati problemi di compatibilità delle esigenze investigative con il diritto al rispetto della vita privata e familiare previsto dall’art. 8 della Cedu soprattutto nei confronti di individui indagati ma poi assolti con sentenza definitiva. Il contributo ripercorre la giurisprudenza della Corte europea dei diritti dell’uomo, l’obbligo di creare una banca dati nazionale del Dna stabilito dal Trattato di Prüm e le soluzioni adottate dal legislatore italiano che paiono rispettose dei principi convenzionali e costituzionali, in attesa di verificare la correttezza delle prassi applicative
6 giugno 2018
CEDU, pillole di marzo
CEDU, pillole di marzo
di Alice Pisapia
Le più interessanti pronunce della Corte Edu emesse a marzo 2018
25 maggio 2018
Newsletter


Fascicolo 2/2018
L’ospite straniero.
La protezione internazionale
nel sistema multilivello di tutela
dei diritti fondamentali
Osservatorio internazionale
CEDU, pillole di luglio
CEDU, pillole di luglio
di Alice Pisapia
Le più interessanti pronunce della Corte Edu emesse a luglio 2018
16 novembre 2018
L’Apartheid e oltre. L’esperienza delle Legal Aid Clinics in Sudafrica
L’Apartheid e oltre. L’esperienza delle Legal Aid Clinics in Sudafrica
di Elettra Aldinio
Le Legal Aid Clinics in Sudafrica durante l’Apartheid furono uno spiraglio di luce nel naufragio dei diritti. Oggi svolgono il loro compito nella consapevolezza, segnata da Mandela, che l’arma più potente è l’educazione dei cittadini
13 novembre 2018
Lettere dalla Turchia
Lettere dalla Turchia
di Vito Monetti
Pubblichiamo la traduzione in italiano delle Lettere dalla Turchia edite in e-book da Medel in occasione del conferimento del premio Václav Havel per i diritti umani 2017 a Murat Arslan
3 novembre 2018
CGUE, pillole di luglio
CGUE, pillole di luglio
di Alice Pisapia
Le più interessanti pronunce della Corte del Lussemburgo emesse a luglio 2018
2 novembre 2018
Caso Polonia, ancora una pronuncia d'urgenza della Cgue. Il rispetto dello Stato di diritto negli Stati membri riguarda tutti gli europei
Caso Polonia, ancora una pronuncia d'urgenza della Cgue. Il rispetto dello Stato di diritto negli Stati membri riguarda tutti gli europei
di Gualtiero Michelini
Nell’ambito di una procedura d'infrazione della Commissione, la Corte ingiunge alla Repubblica di Polonia di sospendere l'applicazione della legge di riforma della Corte suprema. La Corte di Lussemburgo ribadisce che le riforme istituzionali all'interno di ciascuno Stato membro non sono indifferenti per l’Unione e per gli altri Stati membri, mediante applicazione diretta della Carta dei diritti fondamentali
26 ottobre 2018
Provenzano c. Italia, la Corte Edu condanna l’Italia per violazione dell’articolo 3 Cedu
Provenzano c. Italia, la Corte Edu condanna l’Italia per violazione dell’articolo 3 Cedu
Anticipiamo una sintesi del contenuto della decisione cui seguiranno i necessari commenti e approfondimenti. Nella motivazione del provvedimento che ha esteso il 41-bis non si è fatto un accertamento approfondito del deterioramento delle capacità cognitive del detenuto
25 ottobre 2018