home search menu
CEDU, pillole di aprile
Osservatorio internazionale / Europa
CEDU, pillole di aprile
di Alice Pisapia* e Pier Francesco Poli**
* Prof. a contratto di Diritto UE Univ. Dell’Insubria e Avvocato Foro di Milano
**Dottore di ricerca in Diritto e Procedura Penale e Avvocato Foro di Milano
I casi affrontati dalla Corte: pessime condizioni del centro di permanenza temporanea (Grecia), aggressione a un avvocato da parte di alcuni poliziotti (Romania), violazione del diritto alla libertà (Turchia)

Ancora condannata la Grecia a Strasburgo per le condizioni in cui un richiedente asilo è stato trattenuto presso un centro di permanenza temporanea.

Sentenza della Corte EDU (Prima sezione) 21 aprile 2016, rich. nn. 58387/2011, Ha. A. c. Grecia

Oggetto: Pessime condizioni del Centro di Permanenza temporanea – Violazione dell’art. 3 CEDU – Sussistenza.

Il ricorrente Ha A., cittadino iracheno, era stato arrestato dalla Polizia di frontiera greca con l’accusa di avere tentato di introdursi illegalmente nel territorio dello stato. Era stato conseguentemente collocato in un Centro di Permanenza temporanea ove veniva trattenuto sino all’accettazione della propria domanda di asilo, avvenuta a seguito di un ricorso amministrativo presentato avverso l’originario rigetto della domanda da parte delle autorità competenti, ricorso che era stato accolto da parte delle autorità amministrative.

Lamenta avanti alla Corte europea dei diritti dell’Uomo le condizioni delle strutture presso le quali era stato ristretto, le quali erano in una situazione di perenne sovraffollamento, non essendovi all’interno delle medesime neppure letti per dormire e servizi igienici funzionanti.

La Corte accoglie il ricorso ritenendo che le condizioni di detenzione del ricorrente, testimoniate dai report stilati sulle strutture ove era stato trattenuto da organizzazioni internazionali, costituiscano una violazione dell’art. 3 CEDU, integrando un trattamento inumano e degradante ai sensi della disposizione convenzionale.

 

Condannata la Romania per l’aggressione, da parte di alcuni poliziotti, ad un Avvocato e per la successiva carenza di indagini sugli avvenimenti.

Sentenza della Corte EDU (Quarta Sezione) 5 aprile 2016, rich. nn. 30050/2012, Cazan c. Romania

Oggetto: Aggressione subita da un avvocato da parte di alcuni agenti di Polizia –  Violazione sostanziale dell’art. 3 CEDU – Sussistenza – Assenza di indagini in seguito all’accaduto volte a ricostruire i fatti – Violazione procedurale dell’art. 3 CEDU – Sussistenza – Importance level 2.

Il ricorrente è un Avvocato romeno. Lamenta che, nel corso dell’esercizio della propria professione in favore di un assistito presso una stazione di Polizia, ove questi era stato tradotto, veniva aggredito verbalmente e fisicamente da alcuni agenti, i quali lo malmenavano in ragione dell’espletamento delle proprie funzioni difensive.

L’aggressione subita era dimostrata da alcuni esami clinici svolti in ospedale, che accertavano l’esistenza di contusioni ed ecchimosi. Lamenta la violazione dell’art. 3 CEDU, da un punto di vista sostanziale, in ragione del comportamento degli agenti di Polizia, e procedurale, sulla base dell’insussistenza di un procedimento volto ad individuare i responsabili dei fatti e ad accertarne le responsabilità. La corte accoglie il ricorso.

 

La Turchia condannata per violazione del diritto alla libertà.

Sentenza della Corte EDU (Seconda Sezione), 5 aprile 2016, rich. nn. 2469/2010, Vedat Dogru c. Turchia

Oggetto: Detenzione di soggetto in assenza di provvedimento giudiziario  – Violazione art. 5 par. 1 CEDU – Sussistenza – Mancata traduzione del soggetto presso un giudice per essere giudicato in tempi ragionevoli – Violazione dell’art. 5 par. 3 CEDU – Sussistenza – Importance level 2

Il ricorrente, cittadino turco, veniva arrestato in data 15 maggio 1994 in quanto sospettato di essere coinvolto in attività volte alla secessione della Turchia. Veniva quindi condotto il medesimo giorno presso un giudice che ne ordinava la detenzione provvisoria in attesa della celebrazione di un’udienza, che sarebbe dovuta avvenire entro 24 ore successive.

Nonostante tale termine, a oltre un mese di distanza, il 12 giugno, l’Avvocato del signor Dogru lamentava che l’udienza non era ancora stata celebrata, sollecitando lo svolgimento immediato dell’udienza. Il Pubblico Ministero, in data 25 giugno richiedeva il rilascio del ricorrente, che veniva ordinato dal Tribunale il giorno 26 giugno.

La liberazione avveniva tuttavia solo in data 29 giugno 2016. Il ricorrente si duole i) della detenzione di 45 giorni subita nonostante il Giudice avesse ordinato la detenzione provvisoria al solo fine di condurlo in udienza entro 24 ore e dell’ulteriore trattenimento per ben tre giorni nonostante l’ordine di rilascio avvenuto il 26 giugno e ii) del fatto di non essere stato sentito da un giudice nel più breve tempo possibile.

La Corte ritiene fondate entrambe le doglianze ritenendo sussistente, con riferimento alla prima, una violazione dell’art. 5 par. 1 CEDU sub specie della mancata esistenza di un provvedimento legalmente adottato che ne giustificasse la detenzione mentre, con riguardo alla seconda, una violazione dell’art. 5 par 3 CEDU, non essendo stato il ricorrente tradotto presso un giudice al fine di essere giudicato nel più breve tempo possibile.

23 settembre 2016
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
La Giustizia in Europa  *
di Mariarosaria Guglielmi
Non è immaginabile una cultura giuridica europea senza la giurisprudenza in tema di libertà e di diritti delle Corti europee che rappresentano la garanzia di uno strumento di verifica del rispetto dei diritti: il discorso sui diritti comprende una capacità di visione attraverso una lente in grado di cogliere uno spettro più ampio di prospettive, in un’ottica non puramente nazionale. Non vi è giudice nei confini dell’Europa che oggi non si senta giudice europeo, che non avverta il senso di un percorso irreversibile che la giurisdizione deve continuare a compiere verso l’effettiva realizzazione di un spazio comune di Giustizia
21 maggio 2019
Cedu, il primo parere consultivo su gestation pour autrui
Cedu, il primo parere consultivo su gestation pour autrui
di Francesco Buffa
Pubblicato il provvedimento della Grande Chambre ai sensi del Protocollo addizionale n. 16
2 maggio 2019
Apocalisse dello Stato di diritto in Turchia
Apocalisse dello Stato di diritto in Turchia
di Gualtiero Michelini
Con la sentenza del 16 aprile 2019, la Corte europea dei diritti umani dichiara arbitrario l’arresto del giudice costituzionale Alparslan Altan sulla base di sospetti non ragionevoli
22 aprile 2019
Cedu, pillole di gennaio
Cedu, pillole di gennaio
di Marika Ikonomu* e Maria Giuliana Civinini**
Le più interessanti pronunce emesse dalla Corte di Strasburgo a gennaio 2019: suicidio e diritto alla vita, educazione pubblica, interesse del minore e collocamento temporaneo
5 aprile 2019
La tutela del dibattito politico al di là delle immunità
La tutela del dibattito politico al di là delle immunità
di Giampiero Buonomo
Con il ricorso all'articolo 18 Cedu la Corte di Strasburgo ha dato tutela al turco Demirtaş ed al russo Navalny, i principali oppositori ai confini orientali dell’Europa. La condanna di processi “a fine mascherato” evidenzia che la libertà del dibattito politico è il cuore della società democratica
20 febbraio 2019
CEDU, pillole di dicembre
CEDU, pillole di dicembre
di Alice Pisapia
Le più interessanti pronunce della Corte Edu emesse a dicembre 2018
15 febbraio 2019
L’arbitrato sportivo internazionale visto da Strasburgo
L’arbitrato sportivo internazionale visto da Strasburgo
di Luigi Dalle Donne
Nel caso Mutu e Pechstein c. Svizzera, la Cedu ha affrontato il tema dell’arbitrato sportivo internazionale e dell’applicabilità delle garanzie dell’articolo 6 della Convenzione europea dei diritti dell’uomo alle procedure davanti al Tribunale arbitrale dello sport
4 febbraio 2019
CEDU, pillole di novembre
CEDU, pillole di novembre
di Alice Pisapia
Le più interessanti pronunce della Corte Edu emesse a novembre 2018
1 febbraio 2019
Il Protocollo di dialogo fra Alte corti italiane, Csm e Corte Edu a confronto con il Protocollo n. 16 annesso alla Cedu. Due prospettive forse inscindibili
Il Protocollo di dialogo fra Alte corti italiane, Csm e Corte Edu a confronto con il Protocollo n. 16 annesso alla Cedu. Due prospettive forse inscindibili
di Roberto Giovanni Conti
Un’analisi ragionata sul valore e l’efficacia dei Protocolli d’intesa conclusi fra le Alte Corti nazionali e la Corte Edu, prima dell’entrata in vigore del Protocollo n. 16 annesso alla Cedu, consente all’Autore di riflettere sulla portata dei diversi strumenti che vedono a vario titolo coinvolti i giudici nazionali e sovranazionali, oltre al Consiglio superiore della magistratura
30 gennaio 2019
Casi Amanda Knox e Ilva, dalla Cedu doppia condanna per l'Italia
Casi Amanda Knox e Ilva, dalla Cedu doppia condanna per l'Italia
di Emma Rizzato
La Corte europea dei diritti dell’uomo ha pronunciato in data 24 gennaio 2018, all’unanimità, due sentenze contro l’Italia, su casi di notevole impatto mediatico, decidendo sui ricorsi presentati nel 2013 da Knox e tra il 2013 ed il 2015 da Cordella e altri
24 gennaio 2019
Newsletter


Fascicolo 1/2019
Populismo e diritto
Osservatorio internazionale
Per una costituzione democratica europea: un progetto, un metodo, un’agenda
Per una costituzione democratica europea: un progetto, un metodo, un’agenda
di Pier Virgilio Dastoli
Contrariamente al passato, dopo le elezioni europee sembra necessaria la formazione di una alleanza di innovatori pronta a battersi per un'Europa solidale fondata su una dimensione democratica che sia insieme rappresentativa, partecipativa, economica, di prossimità e paritaria
23 maggio 2019
Lettere dai magistrati turchi
Lettere dai magistrati turchi
Il 23 maggio è la giornata di sensibilizzazione per l'indipendenza della giustizia in Europa. Pubblichiamo la traduzione in dodici lingue delle Letters from the Turkish Judiciary edite in e-book da Medel, impressionante testimonianza dell'incredibile accelerazione della caduta dello Stato di diritto in Turchia
23 maggio 2019
Per il rilancio del progetto europeo
Per il rilancio del progetto europeo
di Franco Ippolito
L’Europa delle Costituzioni e delle Carte dei diritti, l’Europa della pari dignità delle persone non può chiudersi in una fortezza, alzando muri materiali o giuridici, senza tradire sé stessa e perdere la sua identità e la sua stessa “anima”
23 maggio 2019
Lottare per l'Europa per potere sperare nell'Europa
Lottare per l'Europa per potere sperare nell'Europa
di Giuseppe Bronzini
Per sconfiggere le forze sovraniste è necessario riavviare la riflessione razionale sulla realtà ambivalente del processo di integrazione europea, successi ma anche gravi limiti. Ma questo non basta; occorre offrire visibili forme di solidarietà sociale paneuropea chiaramente ascrivibili all’Unione che ricostruiscano quella fiducia nel potere sovranazionale gravemente compromessa con le politiche di austerity
22 maggio 2019
La Giustizia in Europa  *
di Mariarosaria Guglielmi
Non è immaginabile una cultura giuridica europea senza la giurisprudenza in tema di libertà e di diritti delle Corti europee che rappresentano la garanzia di uno strumento di verifica del rispetto dei diritti: il discorso sui diritti comprende una capacità di visione attraverso una lente in grado di cogliere uno spettro più ampio di prospettive, in un’ottica non puramente nazionale. Non vi è giudice nei confini dell’Europa che oggi non si senta giudice europeo, che non avverta il senso di un percorso irreversibile che la giurisdizione deve continuare a compiere verso l’effettiva realizzazione di un spazio comune di Giustizia
21 maggio 2019
L’Europa dei diritti e le migrazioni. Le norme e la realtà
L’Europa dei diritti e le migrazioni. Le norme e la realtà
di Elena Paciotti
Con la pubblicazione dell’intervento di Elena Paciotti al seminario su “L’Europa dei diritti e le migrazioni”, tenutosi alla Fondazione Basso il 15 maggio scorso, la redazione di Questione Giustizia on-line intende offrire ai lettori una serie di spunti di riflessione in vista delle elezioni del Parlamento europeo del 26 maggio 2019. I contributi che verranno pubblicati quotidianamente in questa settimana intendono porre in luce alcuni aspetti cruciali della posta in gioco e degli scenari europei che si apriranno con la nuova legislatura nell’Europa integrata dei diritti. Buona lettura!
20 maggio 2019